Max Giusti (intervista), "I miei personaggi legati all'attualità"

(credits: A.Castellaneta)
di PIERO CHIMENTI - Max Giusti, per il suo ritorno a Taranto, decide di sorprendere tutti, mischiando le carte e presentando all'Orfeo a sorpresa il suo nuovo show 'Va tutto bene'.

Accompagnato da batteria e tastiere ci proietta in un viaggio divertente sulle differenze tra ieri ed oggi, attraverso il racconto degli aneddoti più divertenti della sua adolescenza, regalando al pubblico due ore di puro divertimento, che si concludono col grande applauso che gli viene tributato al calare del sipario.

Nello spettacolo non possono mancare le incursioni di alcuni dei suoi personaggi che hanno contribuito al suo successo, come Elton John con la 'sua' Candle in the Wind.

L'artista romano, nel pre-show, si è reso disponibile fermandosi con la stampa e firmando qualche autografo.


C'è un personaggio che non vorresti più interpretare, ma sei 'costretto' a farlo perché richiesto dal pubblico? 

No. Di non farli più no, però molti sono legati all'attualità, quindi se non sono attuali non c'è neanche il motivo di farli... certo che se poi il pubblico me li dovesse chiedere! No, uno che non voglio fare più non c'è, però ho voluto fare in modo che i personaggi non diventassero 'me', anche se mi diverto molto a farli. Quest'estate c'era l'opportunità di fare una cosa molto bella per i mondiali di calcio, ma essendomi legato al gruppo Discovery non l'ho potuto fare, ma sono molto contento così perché lavorare, dopo tanti anni di Rai, per un gruppo editoriale che è il più grande al mondo è una bella soddisfazione, sono molto contento.

In un'intervista hai dichiarato che ogni volta che torni a Roma ti sembra un po' come Cuba. C'è qualcosa della Capitale che ti fa dire: 'Va tutto bene'? 

Ma a Roma va tutto bene per il fatto che, comunque sia, è una città votata all'accoglienza; adesso è un po' piena, quindi a volte si può arrivare all'esasperazione, però rimane una città che accoglie tutti. C'è un detto che dice: "Non è romano chi da romano nasce, ma chi da romano agisce". Per me è molto significativa questa frase.

0 commenti:

Posta un commento