‘L’innocenza ritrovata’ di Cera rivanga nel ‘Solco’ della tradizione

di LIVALCA - Una domenica di metà novembre dello scorso anno ero a San Marco in Lamis per ritirare le bozze del nuovo libro di Grazia Galante e, mentre  sgranocchiavo una specialità del Forno Sammarco chiamata ‘dita’, il mio sguardo fu attratto da una scritta ‘PARALIPOMENI’ che sbucava da una pila di libri a riposo su un tavolo ‘fratino’. Il mio pensiero volò a quasi mezzo secolo prima al liceo, quando per compiacere una professoressa amante del genio di Leopardi, mi venne l’infelice idea di  definire un  capolavoro il poema in ottave ‘Paralipomeni della Batracomiomachia’.

Ancora ricordo:«Cavalli si tratta di opera frammentaria, discontinua che Gioberti definì ‘ libro terribile’…».  Fui costretto, per quella inopportuna affermazione,  a studiarmi che  ‘PARALIPOMENI’ in origine formavano un solo libro intitolato in ebraico ‘Dibre hajjamim‘ (discorsi dei giorni), poi nel tempo  ‘delle cose omesse’ ecc. ecc.: pensare che  ero partito dalla battaglia tra i topi e le rane.

Agevolato dal fatto che la professoressa Galante era impegnata sul pianerottolo in una discussione amichevole ma intransigente ( tipico  della stirpe sammarchese !) con una simpatica signora e il contendere era questione di condominio, spostai i libri per far  emergere un testo del preside Raffaele Cera dal titolo « L’innocenza ritrovata. Paralipomeni»( Edizioni del Rosone, 2018, Foggia). Ricordo di essermi imbattuto subito in Joseph Tusiani - l’America non ha scalfito l’intransigente marchio di fabbrica - che precisava come il titolo giusto dovesse  essere l’innocenza ricordata, ma subito - l’amichevole di cui sopra -  aggiungeva, dando  ragione a Cera, che quel ritrovata significasse  rivissuta, ossia mai troncata.   Ritengo di aver letto il testo nei 50 minuti che Grazia dedicò all’amica  - quel giorno vi fu un nulla di fatto, ma nei giorni successivi fu trovata l’intesa e la pace nel condominio - nutrendomi  di saggezza liquida e  anche sostanziosi biscotti, ottimi ma non per il mio…diabete.

Cera in una breve introduzione spiegava il richiamo a Leopardi e Paralipomeni nel senso di ‘cose tralasciate’,  quelle che io ho sopra citato delle ‘cose omesse’.

Il preside nel suo libro evidenziava come tutto quello che era affidato alla memoria, e quindi legato alle persone,  andava  perduto con lo scorrere del  tempo, qualora nessuno lo avesse messo su ‘carta’. Il discorso è legato, comunque, alla correttezza degli individui : spesso ci sono stati tramandati fatti, arricchiti di cose ‘inesistenti’ ma che faceva piacere raccontare più che ricordare.

Molto eloquente è il capitolo dedicato al silenzio interiore, che ha avuto il potere di rievocare ricordi scolastici che pensavo ‘smarriti’: l’autore  rammemora  come il Manzoni ‘celebrasse’  con grande maestria, nel suo capolavoro ‘I  Promessi sposi’, la notte tumultuosa vissuta dall’Innominato.   Nonostante il silenzio assoluto esterno, Bernardino Visconti, questo il nome dell’Innominato, aveva tormenti, affanni, angosce che gli rendevano impossibile il riposo.   La teoria di Cera su di me ha avuto un effetto immediato : sono tornate a galla reminiscenze che ignoravo di sapere ; nella prima stesura del  romanzo l’Innominato si chiamava ‘ Conte del Sagrato’ perché aveva ucciso un suo rivale  sulla porta di una chiesa,  Fra Cristoforo-Lodovico Picenardi da Cremona, Gian Paolo Osio-Egidio, Monaca di Monza- suor Virginia de Leyva-Gertrude  ecc. ecc.   Come giustamente ha rilevato Cera sono avvenimenti scolpiti nella nostra memoria : hanno solo bisogno di un richiamo per venire in superficie, oggi difficilmente replicabili perché in una giornata vi sono tante situazioni cangianti, spesso mutevoli, che  non abbiamo il tempo materiale di scolpire…però poi ci aiuta la tecnologia moderna, quella che ieri  era assente ‘giustificata’.

Cera con grande acume attribuisce un grande merito di aggregazione e di conservazione di identità culturali al periodico ‘Il Solco’, testata nata in San Marco negli anni ’30 ad opera di un gruppo di persone di cui potrei anticipare qualche nome ma non vorrei dimenticare qualche altro e  creare un ‘solco’ tra me e gli Amici sammarchesi.  La stampa locale, quella di piccole testate e riviste, ha visto dal ’40 fino al 2000 la nostra azienda ledaer  nel settore,  dando voce e spazio a realtà che hanno potuto ‘elevarsi’ e ‘costruirsi’ un futuro più prospero, poi i nuovi sistemi di comunicazione, ancora in evoluzione, hanno dettato la loro ‘legge’ : fra due lustri si vedrà…perché la musica non è mai finita del tutto.

Un cognome voglio farlo: D’Alessandro, che mi pare di ricordare sia stata insegnante di lettere dello studente Raffaele Cera; la mia nonna paterna, nativa di San Nicandro Garganico, di cognome faceva D’Alessandro e le figlie del fratello, entrambe insegnanti, si sono sposate a San Marco imparentandosi con le famiglie Bevilacqua e Ciavarella.

Un capitolo del saggio di Cera è dedicato agli usi e costumi di San Marco: la riflessione verte su certi comportamenti  ( feste di battesimo, comunione, fidanzamento) e usanze che  ormai vivono solo nei luoghi in cui tanti anni fa sono andati in cerca di lavoro i sammarchesi. Una frase molto veritiera di Gilbert :«Gli uomini fanno le leggi, le donne i costumi», ci racconta come quasi sempre è il mondo femminile che per il mezzo di mogli e figlie tramanda tradizioni e ricette culinarie. La stessa Grazia Galante nei suoi viaggi in Australia e in Sud America ha potuto notare che tendenze e abitudini scomparse nel paese nativo rivivono e convivono a migliaia di chilometri.   L’autore nota come la voglia di vivere e creare  a fine anni ’40 e inizio ’50 fosse tanta e vi era la necessità di divertirsi insieme, di dimenticare il passato : balli, musica, teatro, cinema.

Vi erano anche personalità carismatiche cui la comunità paesana riconosceva abili doti di intraprendenza ed efficienza: per esempio “don Giampre” (?) oggi moderno chef, allora solo cuoco, che svolgeva il lavoro che ai nostri giorni si chiama ‘catering’ con grande maestria ed impegno, avendo come unica pubblicità il ‘passa parola’. Altro pezzo da novanta era l’avvocato ‘don Fabie’ che, senza uno straccio di carta che legittimasse il suo operato, era solito frequentare la Pretura e il Circolo dei Signori, in virtù di una abilitazione conquistata sul campo e che, pare,  desse  utili e non utilitaristici consigli.

Caro Raffaele non sono in sintonia con te  quando concludi che questo rapporto di amicizia e cordialità non esista più nel tuo paese,perché  ritengo viva e si sviluppi in altri termini e modi :  noi anta, in genere, ricordiamo solo che  vogliamo rispetto, dimenticando che l’AMORE  esige intimità, quell’intimità di cui ricordiamo il cognome, ma il  cui nome è…rimpianto.  Dici bene  abbiamo ritrovato la nostra innocenza, per cui è giusto che ora la perdano coloro che fra tanti anni ci seguiranno : per l’armonia del mondo si nasce con l’innocenza e ci si congeda con la…‘ritrovata innocenza’.

0 commenti:

Posta un commento

Speciale

Gdp Tv

150° Unità d'Italia AGRICOLTURA AGROALIMENTARE AMBIENTE Animali Annunci Approfondimento Arredamento Arte Attualità Auto e motori Avviso Pubblico Aziende Bari Bari 2014 Bari 2019 Bat Bifest 2011 Bifest 2014 Bifest 2015 Bifest 2016 Bifest 2017 Bifest 2018 Bifest 2019 Brasile2014 Bricolage Brindisi Calcio Casinò Chiesa cinema Columbus Day COMMENTO Comunicati Stampa Concerti Concorsi Corsi CROCIERE CRONACA CRONACA LOCALE CULTURA DOVE SEI? Cultura e Spettacoli Design Diari da Kinshasa Dimmi come scrivi Discoteche Donna del Giorno Economia Elezioni 2011 Enogastronomia Esoterismo Estate Esteri Eventi Expo 2015 F1 Festival del cinema di Roma 2010 Festival del cinema di Roma 2011 Festival del cinema di Roma 2012 Festival del cinema di Roma 2013 Festival del cinema di Roma 2014 Festival del cinema di Roma 2015 Festival del cinema di Roma 2016 Festival di Venezia '13 Festival di Venezia '14 Festival di Venezia '15 Festival di Venezia '16 Fiera del Levante Filastrocca film Flash Foggia Food Experience Foto Frodi Fumetti Gallery Gastronomia Gdp Junior Ghost Hunters Puglia Giochi Giubileo Gossip Grafico Hot IL MIO AVVOCATO Il Principe Azzurro Inchiesta Intervista Intrattenimento Islam isola dei famosi 5 L'Angolo della Poesia LA CURIOSITA' LA RECENSIONE Latitudeslife LAVORO Lecce Lettera al direttore Libri Link LIVE Lotterie Matera METEO milano Miss Italia MODA Mostre Motociclismo musica Necrologi NOTIZIE DAL MONDO novità musicali Oroscopo Paranormale Perle di storia pugliese photogallery PLAY: MUSICAEDINTORNI Politica Politica locale Potenza PRIMO PIANO Protezione civile Psicologia Pubblica Amministrazione Puglia Punto e a Capo Regionali 2015 Reportage ricerca Ricette Rio 2016 Roma Russia 2018 Salute e benessere Sanità Sanremo 2015 Sanremo 2016 Sanremo 2017 Sanremo 2018 Sanremo 2019 Scheda Scienza e tecnologie Scuola Sentenze europee Sessualità Silent Key Spazio Spazio Emergenti Speciale Speciale 21 dicembre Speciale amministrative 2012 Speciale Amministrative 2014 Speciale Euro 2012 Speciale Fiera Speciale Politiche '13 Spetteguless Sport Storia Taranto Tennis Territorio TICKER Top Tra scienza e fede Trasporti Turismo Tv UE Università e formazione Us version Vacanze Viabilità Viaggi Video Videogiochi Vignetta Vino diVino Voli Web Zootecnia