Header Ads

Imago Virginis: la Madonna delle Grazie


MOLFETTA (BA) - Nato come una sperimentazione per riattivare l’interesse per il patrimonio culturale del territorio, il ciclo di approfondimenti sul web promosso dal Museo diocesano di Molfetta fa tappa a Ruvo di Puglia, in occasione della festa liturgica della Madonna delle Grazie.

Dopo il restauro del 2012 ed i numerosi studi che si sono susseguiti, il Santuario mariano ruvese rappresenta una testimonianza viva della fede e della devozione popolare nei confronti delle raffigurazioni della Vergine Maria. Strumenti privilegiati per raccontare anche l’azione pastorale della Chiesa che nei secoli ha saputo adeguarsi alle mutate esigenze, interpretando anche quelli prettamente più pratiche e connesse alla vita dei semplici.

L’iniziativa, promossa dalla FeArT società cooperativa, che da tempo si occupa della struttura museale diocesana e più in generale del patrimonio ecclesiastico presente nelle quattro città della diocesi, sembra aver incontrato l’interesse del web dove la pubblicazione del primo video edito dalla DOT Studio, dedicato alla Madonna dei Martiri, ha raccolto un diffuso apprezzamento.

«Un’occasione di rilancio – secondo il direttore don Michele Amorosini – non solo per il Museo diocesano ma per quel sentimento di riappropriazione di luoghi e beni che appartengono alla propria storia e definiscono gli orizzonti da cui muoversi per andare in contro al mondo».

Lo studio e la redazione dei testi contenuti nei video, pubblicati sui social del Museo, rimandano alle più recenti ricerche storico-artistiche condotte e si avvolgono della collaborazione di diversi storici dell’arte locale, a cui va il merito di continuare a contribuire alla conoscenza di questi scrigni preziosi.

Come per il Santuario della Madonna della Grazie, per il quale si fa sempre più concreta la paternità di Carlo Rosa, eccellente pittore e architetto bitontino, nato a Giovinazzo e noto in tutto il nostro amato meridione.