Header Ads

Ligue 1: il campionato è stato dichiarato finito ufficialmente



Il campionato francese Ligue 1 è stato dichiarato terminato in modo ufficiale, nonostante le richieste da parte del presidente del Lione. Il titolo è stato assegnato al PSG, mentre Amiens e Tolosa, le due squadre che sarebbero dovute retrocedere in Ligue 2, dovranno attendere un’ulteriore valutazione del caso prima di conoscere il loro destino.

La Francia prende una misura drastica e decide di non seguire la riapertura delle attività sportive come fatto in Italia, Inghilterra e Germania. La decisione ha fatto discutere, soprattutto tra i tifosi, tanto che alcuni si chiedono se sia davvero stata l’emergenza sanitaria a determinare questa decisione o se non ci fossero altre questioni politiche ed economiche dietro.

Come riportato nel calendario sportivo nella guida alle scommesse sportive, restano numerosi dubbi sui motivi per cui Macron e La Graet siano arrivati a questo accordo. La chiusura del campionato è una presa di posizione estremamente conservativa e forte. Se qualcuno ricorda il gioco dei pacchi della TV si potrebbe dire che la Francia non abbiano voluto scommettere, in questo caso sulla salute dei cittadini.

Proteste per la decisione di terminare la Ligue 1

La prima squadra a contestare questa decisione è stata sicuramente il Lione. A seguito della partecipazione alla Champions League, la squadra si ritroverà ad affrontare la Juventus nel mese di agosto senza la stessa preparazione atletica. In realtà, il Lione aveva presentato un vero e proprio ricorso, chiedendo la riapertura del campionato. Questo è stato respinto senza pensarci troppo.

Le altre due squadre che vengono colpite in modo decisivo da questa decisione sono Amiens e Tolosa, esattamente in posizione di retrocessione. Secondo il regolamento attuale, le squadre dovrebbero iniziare la stagione 2021 in Ligue 2, tuttavia, la federazione sta decidendo se modificare le regole del campionato, inserendo 22 squadre anziché 20 e bloccando di fatto le retrocessioni.

Questa decisione non è la più accreditata dalla stampa francese. Giocare con 22 squadre comporta dei cambiamenti netti in termini di diritti, pubblicità e tempistiche, motivo per cui la stampa sembra supportare più l’assegnazione di un indennizzo alle due squadre, senza dover modificare il format dei campionati.

Le due squadre, da parte loro, non sembrano richiedere niente di più che una decisione, anche per questioni organizzative. Competere ancora una volta in Ligue 1 è sicuramente la soluzione migliore per loro, tuttavia, un indennizzo consistente potrebbe anche determinare una svolta a livello societario, seppur in Ligue 2.

Nel frattempo, Macron e Le Graet stanno cercando di capire anche come gestire la situazione stadi. Non è scontato che il campionato 2021 riparta come al solito, con stadi pieni di persone. Se vengono mantenute le restrizioni attuali, gli stadi potranno accogliere fino a 5.000 spettatori, una grossa perdita in termini economici per società calcistiche e città.

Pare che il presidente della Ligue 1 stia cercando di trovare un accordo per consentire fino a 20.000 spettatori, tuttavia Macron è tutt’altro che una persona facile da convincere. Per capire il futuro del calcio in Francia è necessario ancora attendere.