Header Ads

Compravendite residenziali in Puglia nel II trimestre '20: il mercato immobiliare alla prova del Covid-19


FRANCESCO SAVERIO DEL BUONO
- L'emergenza sanitaria ed il conseguente lockdown hanno fatto sentire i loro drammatici effetti in tutti i settori dell'economia, immobiliare compreso, rallentando o addirittura bloccando molte transazioni, spesso annullate o rinviate a data da destinarsi.

L'Ufficio Studi del Gruppo Tecnocasa ha redatto, sulla base dei dati forniti dall'Agenzia delle Entrate, un interessante studio sulle compravendite relative ad immobili residenziali nel secondo trimestre 2020 (aprile – giugno), mostrando come  alla progressiva riapertura delle attività non è corrisposta una immediata ripartenza, con una riduzione dei volumi di vendita si sia ridotta di circa il 27,2% a livello nazionale rispetto allo stesso periodo dello scorso anno, un calo generalizzato che ha investito anche le grandi città (in cui la contrazione è stata in media è del 26,3%).

La Puglia non ha fatto eccezione a questa situazione di crisi, e vediamo come se il dato di Bari è in linea con il dato nazionale (-27%, con un numero di compravendite passato da 912 a 666), molto più pesante è il dato di Taranto (- 35,9%, passata da 507 transazioni nel secondo trimestre 2019 a 325 nello stesso periodo del 2020). Riduzioni importanti, anche se al di sotto della media nazionale anche a Brindisi (-19,9%, operazioni ridotte da 176 dello scorso anno a 141 del 2020), e Lecce (-24,9%, con 270 immobili acquistati rispetto ai 356 dello scorso anno), superata quest'ultima da Foggia nel numero delle transazioni realizzate, e che fa registrare il calo più contenuto (-9,4%, passando a 329 a 298 compravendite).

L'arrivo della seconda ondata della pandemia, e l'incertezza legata al rischio del blocco delle attività come avvenuto nella scorsa primavera, non permettono purtroppo di ipotizzare un rilancio a breve termine dell'economia globale, e di conseguenza anche del settore immobiliare: bisognerà sicuramente attendere il 2021 per la ripresa economica tanto attesa ed invocata.