Header Ads

Erika Jessica Tanaka (Miss Giappone '20) visita la Puglia: "Qui in Italia la mia nuova famiglia"

(credits: @erikajessica_t)
PIERO CHIMENTI - Miss Giappone 2020 Erika Jessica Tanaka ha ammirato in questi giorni la Puglia, con una visita in tutto il Tacco d'Italia: da Bari ad Alberobello, toccando Taranto e Polignano a Mare, Erika è rimasta abbagliata dalla bellezza delle nostre terre (e noi della sua!). Giornale di Puglia nell'occasione ha avuto il piacere di intervistarla.

Com'è cambiata la tua vita con l'elezione a Miss Giappone 2020?

La mia vita da quando ho vinto il premio non è cambiata tanto quanto si potrebbe pensare. Sono ancora una studentessa universitaria a tempo pieno che deve rispettare le scadenze degli esami, si allena in palestra 5 giorni alla settimana e una grande buongustaia a cui piace viaggiare e cenare... 

Naturalmente, poi, ci sono state cose che hanno reso straordinaria la mia vita quotidiana, come la partecipazione alla rubrica settimanale del quotidiano nazionale di golf, l'incontro con i ministri del Giappone trattando questioni importanti, oltre ai tanti servizi fotografici.


Essere Miss Giappone nell'anno in cui Tokyo è stata la città che ospita le Olimpiadi del 2020 è stata una cosa così affascinante... Sebbene i piani per le Olimpiadi siano andati in malora a causa della pandemia globale, mi sono sentita fortunata ad avere una cassa di risonanza in cui la mia voce poteva essere ascoltata da tutti. Abbiamo bisogno di più positività possibile nella comunità per superare il periodo devastante ed ero entusiasta di mettere a frutto la mia conoscenza dell'allenamento mostrando come le persone possono mantenere il proprio benessere nel mezzo del lockdown.

Essere Miss Giappone mi ha fornito appunto una cassa di risonanza per aumentare la consapevolezza dell'importanza dello sport, perseguire gli SDG (Obiettivi di sviluppo sostenibile) e la cultura tradizionale giapponese.


Cosa ti ha spinto a candidarti per il concorso di bellezza? 

Il Miss Japan Contest mi ha attratto per due motivi. Il primo è che supportano veramente tutti i tipi di donne nel raggiungimento di 3 tipi di bellezza: fisica, interiore e attiva. A differenza di altri concorsi in cui le decisioni vengono prese esclusivamente in base all'apparenza, il Miss Japan Contest - il concorso di bellezza più storico e tradizionale in Giappone - valorizza le donne che non sono solo belle all'esterno, ma anche all'interno e agiscono concretamente, per fare un cambiamento in questo mondo.

In secondo luogo, ospitano sessioni di studio su 50 categorie per i concorrenti finali. Questo è stato un fattore importante nel mio processo decisionale sull'opportunità o meno di partecipare al concorso. Queste sessioni di studio sono state istituite per educare le donne che diventeranno future leader del Giappone, affinando le loro conoscenze e incoraggiandole ad agire. I corsi sono tenuti da professionisti o funzionari governativi che sono leader delle loro industrie, legate alla cultura e alle infrastrutture giapponesi. Uno dei corsi che mi è piaciuto fare è stato quello di storia dei dipinti Ukiyo-e e il loro significato profondo.

(credits: @erikajessica_t)
In tutta onestà, non avrei mai pensato di diventare una concorrente di uno spettacolo. Giocavo a calcio da quando avevo 5 anni e rappresentavo la città, la prefettura e la mia università. Mi sono sempre concentrata sullo sport e sul mondo accademico. Tuttavia, studiare all'estero presso l'Università Ca 'Foscari di Venezia per un anno mi ha spinto ad agire per realizzare il mio sogno finale: diffondere la cultura giapponese nel mondo. Con un obiettivo chiaro in mente, mi sono chiesta: come posso raggiungerlo? 

Poi ho visto un post sui social media di un'amica del liceo che si è classificata seconda al Miss Japan Contest nel 2018. Ha svolto un ruolo significativo nel far scegliere Osaka per l'Expo 2025 facendo una presentazione sulla bellezza del Giappone. Il Miss Japan Contest non è un semplice concorso di bellezza ma, in realtà, uno strumento che supporta tutte le donne. Ho deciso quindi di provarci.

Inizialmente, ero preoccupata di non essere in grado di arrivare lontano nella gara perché non rappresento in toto ciò che i giapponesi idealmente si aspettano da una donna in termini di vissuto e fisicità. La mia esperienza a New York, un crogiolo di cultura e razza, per un decennio mi ha reso una persona relativamente schietta. Non esito a condividere le mie opinioni su argomenti che altrimenti sarebbero scomodi per alcuni, e sottolineo decisamente ogni volta che qualcuno ha fatto un commento che è discriminatorio o razzista, culturale o sessista che sia, indipendentemente a quale classe sociale appartenga. Fin da bambina ho avuto un corpo atletico che amo moltissimo. Mi ha aiutato a eccellere nello sport. Tuttavia, quando sono tornata in Giappone a 10 anni, il mio corpo atletico era bersaglio di bulli e mi ha reso insicura di me per tutti gli anni della scuola media.

Sapevo nel mio cuore che trovarmi in un ambiente sconosciuto e scomodo mi avrebbe aiutato a crescere e c'è sempre qualcosa di prezioso che posso portare via da quell'esperienza. Dopotutto, come disse una volta Wayne Gretzky: "Perdi il 100% dei colpi che non prendi".

Attraverso questa esperienza, non solo ho ottenuto un premio, ma anche la conoscenza della cultura giapponese e un'amicizia straordinaria con donne dalla mente forte che si supportano a vicenda.

(credits: @erikajessica_t)
Cosa ti piace fare nel tempo libero? C'è spazio per l'amore? 

A parte la mia esperienza di Miss Giappone e tutte le altre attività che ho menzionato in precedenza, sono un membro di un team di dragonboat a Tokyo e Venezia, un consulente freelance del marchio e faccio attualmente parte del team giapponese per Women @ Dior Worldwide Programma di mentoring. Amo spingere al massimo i miei confini e trovare nuove sfide da affrontare. All'inizio è stato spaventoso, ma ho imparato che mi aiuta a scoprire chi sono. Mi ha permesso di far parte di un fantastico viaggio per vincere i campionati nazionali e i campionati del mondo di dragonboat insieme al mio equipaggio. Quando non ho davvero nulla da fare, mi piace esplorare, catturare la bellezza di quel luogo e modificare i video in modo che il pubblico possa sentire ciò che ho vissuto io.

C'è sempre uno spazio per l'amore. In effetti, non possiamo vivere senza di esso! L'amore per la tua famiglia, per la terra e per te stesso; l'amore è sempre dietro l'angolo. È una cosa meravigliosa. Ma non puoi mai forzarlo. In questo momento sono concentrata sull'amare me stessa, per trovare e fare ciò che amo di più. Inutile dire che COVID-19 ha sconvolto l'economia internazionale e la vita di molti. Il rinvio delle Olimpiadi di Tokyo ha colpito l'economia giapponese e molti proprietari di piccole imprese in tutto il mondo soffrono per sbarcare il lunario.

Personalmente, la pandemia globale mi ha dato l'opportunità di fare le cose che ho sempre voluto fare: cucinando, ad esempio. Prima del blocco, ero sempre in giro, da un posto all'altro e consideravo la casa come un posto dove dormire.

Durante il blocco ho riflettuto sul mio stile di vita e ho capito che a volte andava bene prendersi del tempo per rilassarsi e rilassarsi. Avevo questa percezione che se rimango in casa per troppo tempo diventerò una persona pigra e sarò più lontana dal raggiungere il mio obiettivo. Ma anche questi momenti possono aiutarti a trovare chi sei.

Come le relazioni, con il cibo o gli amici è tutta una questione di equilibrio.

(credits: @erikajessica_t)
Come stai vivendo quest'anno di Covid? Che legame hai con l'Italia? C'è qualcosa che lega la nostra cultura a quella del Giappone? 

La mia famiglia mi ha cresciuto ad amare la cultura italiana. Ai tempi in cui vivevamo a New York, giravamo spesso per 'Little Italy', mangiavamo pizze (non quella unta americana!) e assorbivamo la bella e vivace cultura italiana. Ovviamente l'esperienza nel piccolo distretto non è paragonabile a quella di una vera, quindi abbiamo iniziato a visitare l'Italia una volta all'anno. Anche in Giappone, io e i miei amici andiamo sempre a mangiare in un ristorante italiano o giapponese.

In entrambe le cucine puoi davvero assaporare il cibo stesso. Non c'è salsa complicata che maschera i sapori, è semplice e fresca. Alcuni potrebbero obiettare che l'umami giapponese è un po 'complicato, ma gli ingredienti stessi sono molto semplici. Dipende infatti da quanto sia delicato il tuo palato. Se mangi fast food con molti additivi, è difficile sentire il gusto molto sottile ma aromatico.

Parte del motivo per cui ho studiato all'estero all'Università Ca 'Foscari di Venezia era perché volevo approfondire il mio legame con la cultura italiana e condividere anche con loro la mia cultura. Quando visiti un paese per turismo, ottieni un biglietto da visita di com'è quel posto. Tuttavia, è necessario vivere per capire quale sia lo stile di vita e la cultura reale delle persone che vi risiedono.

Sono contenta di aver preso questa decisione perché ora ho un'altra famiglia in Italia. Alcuni sono compagni di squadra da quando sono entrata a far parte del team di dragonboat, e altri li ho incontrati sorseggiando una tazza di caffè espresso nel campus.


Cosa ti piacerebbe fare dopo aver trascorso il tuo anno a Miss Japan?

Dopo il mio anno come Miss Giappone, mi laureerò all'università e inizierò a lavorare a tempo pieno in un'azienda. Tuttavia, le possibilità sono infinite! La mia visita qui fa parte della ricerca di ciò che voglio veramente fare per raggiungere il mio obiettivo. Per trovare la mia passione.

La cosa fantastica di questo concorso di Miss Giappone è che, una volta divenuta una delle vincitrici, diventi parte di una vasta comunità di donne che agiscono per avere un impatto su questo mondo. Diventiamo sorelle per la vita, il che è bello per qualcuno che non ha una sorella.

Ho intenzione di portare avanti le mie responsabilità come qualcuno che rappresenta il Giappone e continuerà a superare i propri confini. Questa parte di me non cambierà mai.

CONTACTS: