Header Ads

“Baresità”, l’ultimo libro di Vittorio Polito



di PIERO LADISA – “Per baresità intendo tutto quello che riguarda Bari: dialetto, tradizioni, folklore, cucina, monumenti, chiese, modi di dire, comportamenti, proverbi, soprannomi, usi e costumi, teatri, poesie e prepotentemente rientra il nostro San Nicola e tutto ciò che lo ricorda”. Con queste parole, nell’intervista pubblicata sul Giornale di Puglia il 6 dicembre 2019, Vittorio Polito dava la sua definizione di baresità. E chissà se già in quel periodo l’amico Vittorio, che nel 2021 si appresta a tagliare il traguardo dei dieci anni di collaborazione con la nostra testata, aveva già in mente la pubblicazione del libro Baresità (ECA Edizioni, pp 95, € 10) uscito recentemente.

Per Polito, che ad ottobre ha compiuto 85 anni, l’età pare solamente un aspetto relativo e marginale. Potrebbe godersi tranquillamente la pensione e invece continua a regalarci opere sulla nostra cara e amata terra, rimarcandone quel legame che ne ha sempre accompagnato la carriera giornalistica. All’inizio del libro troviamo la descrizione che il nipote di Polito fa del nonno sottolineando come il buon Vittorio sia rimasto nel suo animo, a discapito della carta d’identità, un eterno giovane pronto a condividere giochi e sapere con i più piccoli. Un aspetto fondamentale quest’ultimo, da inculcare nelle nuove generazioni affinché le tradizioni non cadano nel dimenticatoio. 

Una menzione particolare la merita anche la prefazione curata da Vito Signorile, Direttore Artistico del Teatro Abeliano di Bari, che rimarca l’amore di Polito per le tradizioni, usi e costumi della sua/nostra città natia. Tra le perle che impreziosiscono la città di Bari figurano certamente anche quelle ittiche a cui l’autore, da Accademico del Mare, ha deciso di dedicare un intero e corposo capitolo. 

Nel libro inoltre, dove vengono passate in rassegna anche le precedenti pubblicazioni di Polito e le poesie scritte dallo stesso Vittorio, figurano alcune leggende baresi come quella del Monte Rosso. Viene poi dato spazio anche alla piaga del Coronavirus che da circa un anno tiene purtroppo sotto scacco il mondo intero. Baresità è una pubblicazione che certamente non può mancare nelle librerie di tutti i baresi che hanno a cuore la storia della propria città. 

Concludiamo questa recensione con la poesia in dialetto barese che Francesco Signorile ha dedicato a Vittorio Polito:

RISPETTO MERITATO 


Acquànne facéve parte du semenàrie 

Pe stediá u dialètte… a Barevèchie 

Άgghie canesciúte n’òmmene asseduàte 

Ca respettàve la gènde attùrne a jìdde! 

POLITO ié u nóme de la famìgghia só 

Ma pe le chembàgne u nóme ié VETTÒRIE, 

Picche capìdde jìdde téne ‘ngàpe 

Ma jìnde alla cape sckàtte nu cervìdde 

Ca tutte u munne dísce… “mhoooo ci ié bràve!” 

Pure a jìdde ‘nge piàsce u dialètte 

La lèngua nòste ca se pàrle a Bare. 

Jìdde scrive sèmbe cóse fattìzze 

Pe fá canòsce a tutte la stòria nòste, 

Le tradezióni, l’andechitá, le sande 

Le fèste ca se fascèvene e ca se fàscene 

E tutte... percè la gènde avà sapé 

Ca non se póte scherdá ciò ca iéve apprìme 

Ciò ca ié mó e cudde ca av’a iésse acquacind’ànne. 

Pure le preghìere ha scritte cu dialètte 

‘Nzime alle stórie de le Sande chiù spegiàli; 

Non s’affèrme ‘ndutte chespìtte a nudde, 

No téne pile sópa a chèdda lèngue 

E sèmbe la veretá e le cóse asàtte 

S’adòpre pe fá canòsce sópe o giornàle 

A tutte chìdde ca u vòlene sapé! 

Acquànne tu iá besègne… jìdde stá da 

Te dìsce ciò ca pènze e ce ha da fá, 

‘Nge téne alla famìgghie e a le chembàgne 

E u respètte ca dà… de chiù u iàve!