Header Ads

Baresi che hanno fatto la storia di Bari: Giovanni Panza


VITTORIO POLITO -
Giovanni Panza (1916-1994), un barese con l’hobby del dialetto, laureato in Giurisprudenza, fu dirigente dell’Ispettorato Provinciale dell’Alimentazione di Bari e coordinatore dei Servizi dell’Alimentazione della Regione Puglia. Collaborò al periodico “Il Confratello”, della Confraternita dei Santi Medici di Bari, con articoli e poesie in lingua e in dialetto. Fondò e diresse nel 1948 il settimanale satirico-sportivo “L’Arciere”, curò per l’Istituto Centrale di Statistica lo studio su “Il prodotto netto dell’Agricoltura nella provincia di Bari”, editi dalla locale Camera di Commercio. Sono rimaste inedite molte opere e moltissime poesie in lingua e in vernacolo, auspicando che i figli ne dispongano la pubblicazione.

Il reale interesse di Panza era il dialetto barese, al quale era molto affezionato, come testimonia la sua prima pregevole pubblicazione “La checine de nononne - u mangià de le barise d’aiire e de iosce” (Schena), diffusa in diverse edizioni. Trattasi di un ricettario bilingue (italiano e dialetto), sul modo di mangiare dei baresi di ieri e di oggi, che dovrebbe essere presente in ogni casa. Nel bel volume si parla, tra l’altro, “de le feste terribele”, cioè le festività più importanti dell’anno, come Natale, Capodanno e Pasqua, in occasione delle quali si prepara un lungo corteo di piatti in perfetto ossequio alle tradizioni culinarie cittadine. Ha anche trattato il tema delle diete attraverso il capitolo «U mangià cu perché”», e quello del “Mangiare come i forestieri” (U mangià a l’use de le frastiire).

È utile ricordare, per quei pochi che non lo conoscono ancora, che il testo citato è ancora in vendita dal 1982. Un libro che nessun barese dovrebbe privarsene. Un ricettario sul modo di mangiare dei baresi di ieri e di oggi, che dovrebbe essere presente in ogni casa. L’autore sostiene che “La cucina barese è una cucina così buona che può rianimare i moribondi”!

Panza con la sua “checine…”, fa un bel viaggio nella tradizione culinaria barese, lasciandoci una immensa fonte di informazioni, finalizzato, forse, a fornire un prezioso rinfresco di memoria ai non più giovani, ma soprattutto un “bagaglio storico-olfattivo” alle nuove generazioni. Olfattivo? Si, avete letto bene perché scorrendo le pagine del libro di Panza, le papille gustative si attivano, stimolando l’olfatto. Il lavoro è stato fatto con una tale maestria, da dare al dialetto barese una forza che col passare del tempo si carica sempre più di valore aggiunto, facendo arricchire l’inestimabile patrimonio linguistico di una popolazione “discretamente omogenea”. Vi pare poco? Va comunque evidenziato nel testo «…il senso della baresità, l’esaltazione di tutto ciò che rappresenta l’inventiva, la fantasia, l’amore dei baresi per la cucina intesa sia come modo di preparare le vivande sia come centro materiale e spirituale al cui calore si forma e progredisce la famiglia» (Luigi Farace, presidente Camera di Commercio).

Panza, che definiva, a torto, i suoi scritti “scemetùdene de nu schecchiate” (sciocchezzuole di uno scriteriato), non si è limitato solo al libro citato. Egli ha scritto “Cazzavune” – lumache - (Schena), libro di poesie bilingue, nel quale egli spazia con i suoi versi sulla sua amata Bari, sui pensionati, sul primo amore, sul dialetto, esprimendo tutto il suo attaccamento per il linguaggio degli avi con il quale si possono esprimere anche i più riposti sentimenti.

Panza ha scritto anche “La uerre de Troia - Iliade e Odissea chendate a la pobblazione” (Iliade e Odissea narrata al popolo), anche questo testo scritto bilingue (italiano e dialetto barese - Ed. Unione Tipografica). Forse perché Omero pare rappresenti una delle fonti da cui risale il nostro linguaggio, per certe citazioni come “Tallone d’Achille”, “Cavallo di Troia”, “Tela di Penelope”, ecc.

Il capolavoro di Panza resta il libro “Mia Moglie” (Ed. Uniongrafica Corcelli), fuori commercio, donato a parenti ed amici, nel quale egli come in un testamento spirituale esprime, attraverso liriche e poesie, il ricordo, il suo amore, l’affetto ed il rispetto per la compagna della vita.

Panza si è interessato anche del Teatro dialettale con il suo capolavoro “La Capasedde”, una farsa “quasi mitologica in due atti”, inedita, e finora mai messa in scena, che ha a che fare proprio con il mito di “Pandora”. Francesco De Martino, già ordinario di Letteratura Greca all’Università di Foggia, l’ha resa pubblica attraverso il volume “Puglia Mitica” (Levante). Si tratta della “Edizione critica basata sulla copia d’autore – messa a disposizione da Emanuele Panza – a cura di Vittorio Polito, Rosa Lettini Triggiani e Giuseppe Gioia”. Nella mitologia greca, il vaso di Pandora rappresenta il leggendario contenitore di tutti i mali che si riversarono nel mondo dopo la sua apertura. De Martino, ha immortalato il poema, attraverso la pubblicazione sul volume citato. Sullo stesso volume si parla anche del poema epico “La uerre di Troia” dello stesso autore.

Nella “Capasedde” si susseguono personaggi mitologici come Saturno (u uattane), Giove o Cronos (u figghie), Pandora chiamata Eva (la uagnedde), Caino (Coline), Abele (Cilluzze), e tanti altri. Ma provate a immaginare gli interpreti di certe personalità parlare il nostro bel dialetto come, ad esempio, Eva che chiudendo la ‘capasedde’ si rivolge ad Adamo con questa frase: «Fa mbrime a cresce cà nù senze de te non petime cambà. Crisce figghie; e acquanne sì cresciute, tanne jisse pure tu da la capasedde e va sop’o munne. Fa accapì a l’emene ca de tutte le diaue ca stevene jind’a la capasedde, cudde ca conde chiù de tutte sì asselute tu: la speranza». (Fa presto a crescere che noi senza di te non possiamo vivere. Cresci figlio e quando sarai cresciuto, allora esci pure dalla “capasedde” e va sulla terra. Fa capire agli uomini che fra tutti i diavoli che stavano nella “capasedde”, quello che conta più di tutti sei solamente tu: la speranza).

D’altro canto il teatro dialettale non è teatro di serie B, come qualcuno vorrebbe far credere, ma è la proposizione di una forma di spettacolo eccezionalmente vera, perché l’uso del linguaggio proposto è qualcosa che ci appartiene intimamente e che gli autori trattano temi che, pur rispecchiando la generalità dell’impostazione, vanno a toccare situazioni ed avvenimenti spiccioli del quotidiano che il pubblico riconosce ed apprezza prontamente.

Gli estimatori del dialetto e delle tradizioni baresi, devono dare atto a Giovanni Panza del suo particolare attaccamento alla nostra città, ai suoi valori storici, morali e la tendenza a mettere in risalto la lingua dei nostri padri, il dialetto, finalizzato a facilitare la comunicazione ed a far rivivere nel tempo usi e costumi della nostra gente.

Mi piace ricordare, in dialetto barese, una delle più belle pagine dell’Eneide, rappresentata, com’è noto, dall’episodio relativo al famoso “Cavallo di Troia” che Panza ha così mirabilmente intitolato e tradotto in dialetto barese.


U CAVADDE DE TAUE


Da “La Uerre di Troia”, di G. Panza, Ed. Unione Tipografica, Bari 1990


Dope tand’anne de brutte patemiinde;                                                                             

stanghe, scombortate pe le tande lamiinde,                                                                               

le griisce penzorne a nu marchingegne                                                                                      

pe levarse mò dananze cudde mbegne.


Che ddò strascedde e quatte taue d’auì                                                                               

facerne nu cavadde granne adacsì.                                                                                          

Danande a la meragghie u pertòrene                                                                                            

addò com’a nu cetrone u lassòrene.


Pe sapè ceccose mò veleve disce                                                                                           

cudde sagramende fatte da le nemisce,                                                                                        

a trademinde le griisce facerne capì                                                                                           

ca jieve nu vote offerte a l’Iddì


p’esse agevolate a fernì la uerre                                                                                                  

e a partì finalmende da chedda terre.                                                                                                  

Mbesce, a cudde cavadde jind’a la vende,                                                                                      

le tradeture mettèrene le combattende


e facenne le mosse de fescirasinne                                                                                          

che l’arme, le fèmene, le piccinine,                                                                                                 

le mbame s’erne aschennute a la veldate     

aspettanne tutte pronde che le seldate.


Le troiane, no nzapenne come chembenà:                                                                                 

ce u cavadde fa trasì o a mmare scettà                                                                                        

o de scì a vedè ceccose steve jinde

(nguocchedune penzò a nu trademiinde)


a cusse punde seccedì nu fatte strane:                                                                                    

avèvene fatte priggioniire nu cristiane;                                                                                 

chiine de livete, ecchie ammelengiate                                                                                        

ca chiangenne gredò ch’ere state mazziate


da Ulisse, nu mbamone traditore      

ca veleve vendecà nu fatte d’onore.                                                                                       

Cudde maleditte se chiamave  Sinone

e sapì fenge bbuene a fa u mbregghione


e che ttande ngingiringì e ngingiringià                                                                                    

convingì le troiane u cavadde a pertà                                                                                              

mmenz’a la chiazza chiù granne de la città                                                                                 

e teneue ddà per le griisce allondanà.


Aveve vogghie a chiange e profetà                                                                                                

Cassandra pe le troiane fa arragionà:                                                                                              

nesciune a le parole sò crenzeve                                                                                                 

percè u dDì Apollo adacsì veleve.


A la notte, ca tutte stèven’a ddorme,                                                                                          

da la vende du cavadde, comborme                                                                                            

a le piane Ulisse chengegnate,

assèrene le seldate chemmannate


da cudde rre de Itaca, nu velpone,                   

ca de Troia facì nu sule beccone

Chedde ca nonn’avèvene fatte pe tand’anne                                                                                

forte uerriire, u facì iune cu nganne.