Header Ads

Baresi che hanno fatto la storia di Bari: Vito Antonio Di Cagno


VITTORIO POLITO
- Vito Antonio Di Cagno (1897-1977), avvocato, imprenditore, uomo politico e poeta dialettale. È stato Sindaco di Bari, presidente della SME, di Finelettrica, quindi presidente dell’ENEL dal 1963 al 1973. Nel 1967 fu insignito della onorificenza di Cavaliere del Lavoro.

Si dedicò con grande impegno all’attività professionale nel campo del Diritto Civile, quindi alla politica dal 1944-45 e nel 1946 fu eletto, per la Democrazia Cristiana, Sindaco di Bari e governò la città con avvedutezza fino al 1952, ricoprendo anche importanti cariche.

Di Cagno aveva un carattere gioviale e, spesso, andava a “vizzie” con un gruppo di amici che egli descrisse in un suo libro “Figure, episodi, colore locale” La sua passione era creare versi in dialetto barese e spesso fu vero poeta, entrando di diritto fra i Baresi che Pasquale Sorrenti (1927-2003) ricorda nel suo libro “I Baresi” (Tipolitografia Mare).

Tra le sue opere “Acquanne pozze… cande!” (G. & C. Resta, 1951), una raccolta di poesie dialettali baresi che Carlo Russo-Frattasi, nella presentazione, scrive: «Sua materia poetica non sono mai le cose, anche immense e memorabili, né le astrazioni. Sua materia poetica sono in tutto e soltanto le persone: quelle della sua vita, della sua giornata, del suo paese. Accanto ad essa sosta e sorride il poeta; e qualche volta piange».

Altre opere da ricordare: “Figure, episodi, colore locale, bozzetti” (id. senza data); “Cassa per il Mezzogiorno. Storia, risultati, prospettive” (Roma, 1958).

La Città di Bari gli ha dedicato una strada al Quartiere Picone: da via Aurelio Carrante a Viale Luigi De Laurentis.

Riporto dal suo libro una lirica dedicata al mese di Maggio e alla festa di San Nicola.

MASCE!

di Vito Antonio Di Cagno (1897-1977)

 

Tu masce, tu sì bedde!

Sì com’a ’na uagnedde,

Ca s’intolette e veste,

Percè jè ddì de feste

E vole chembarì

Au zite su chessì.

 

Ce va alla vì de fore,

Tu siende che n’addore

Te trase ind’a le sienze.

E tu te fierme e pienze:

Ce ccose e cuss’addore?

De fiure jè u’amore?

 

E vite le chelure

De tutte chisse fiure,

U vverde de le chiande

Tengiute, ch’è ’nu ’ncande.

Jè tutte n’armenì

Stu masce neste, sì!

 

E ’nganne a mare pure

A morre pezcature.

Le pecceninne fore

U sole è tutte u lore

U ffridde chjù non fasce

Jè dolge l’arie, è masce.

 

U Sande marenare

U sì pertate a Bare

Tu masce, e le barise,

Ca ’ngore u’honne mise,

’Nge fascene la feste

A masce, a masce neste