Header Ads

Ma che succede ancora?

(Pixabay /Lolame)

SANTA FIZZAROTTI SELVAGGI
. “Il dolore è senza domani”. - Alda Merini. 

E’ Pasqua? Una Pasqua del cuore certamente si, sempre. Ma una Pasqua per tanti no. Una Pasqua che per molti si tratta di uno scivolamento disperato nelle tenebre di sorella Morte. Pasqua è un passaggio. Dalle tenebre alla luce, dalle brume dell’inverno alla primavera, a Clori che giunge sulle ali del vento, di quel libeccio che feconda la natura tutta. La Pasqua è il senso più profondo della Nuova Alleanza tramite il sacrificio dell’Innocente, dell’Agnello sulla Croce : quanti oggi sono in rianimazione, intubati ,soli, in croce con il dolore !  Dopo un anno ancora Covid 19 la fa  padrone. Ma in un anno che cosa si è fatto e che cosa non si è fatto.  Si è disquisito su movide e aperitivi come se questi fossero i bisogni primari della popolazione più o meno giovanile o afflitta da giovanilismo. Un gran dire sui vaccini : Pfizer, Moderna, Astrazeneca, Johnson & Johnson, Sputnik e così via… Complicanze si e complicanze no.

Si, è cambiato l’assetto governativo: ma come leggiamo ne “Il Gattopardo” di Giuseppe Tomasi di Lampedusa "Bisogna cambiare tutto per non cambiare niente". Nulla accade per caso, la storia è fatta di linee di sviluppo e quando queste linee si interrompono diviene difficile ricostruire a causa della soluzione di continuità. Urge un bilancio prima di giungere al capolinea senza più ritorno. Ma forse a qualcuno interessa il non ritorno di molti e il ritorno di pochi. Non so più cosa pensare se non  con il Cristo “ Padre perdona loro perché non sanno quel che fanno”. Una delle sette stile della salvezza.

Alcuni in strada con sussiego esibiscono la mascherina: maschera su maschera …Non fanno alcuna fatica! A volte ho la sensazione che sia la messa in scena del falso, dell’ipocrisia, della menzogna. A volte mi coglie lo sconforto dinanzi a tante persone colpite da un Virus, pare generato da un innocuo pipistrello appartenente ai Chirotteri mammiferi capaci di volare.  E i pipistrelli sono esseri molto riservati, vivono in grotte, fessure, cavità di alberi, edifici.

Io li ricordo svolazzare nel mio giardino al crepuscolo della sera: non hanno mai offeso nessuno. Erano in grado di evitarmi accuratamente grazie a dei sensori estremamente sofisticati. In giardino in quel tempo prima che intorno costruissero palazzine anonime  non c’erano insetti nocivi alle piante per merito dei  chirotteri. 

Avevo un po’ di timore del volo radente dei piccoli mammiferi volanti che all’esame radiografico sembrano minuscoli ominidi, ma non mi hanno mai fatto del male, anzi proteggevano il giardino. E ora questi esseri, divenuti poi vampiri nell’immaginario, sono additati come coloro che hanno facilitato la nascita di un Virus temibile  e molto contagioso.

Vampiri certo sono gli usurai e tutti coloro che dissanguano anche metaforicamente le persone in difficoltà. Molti dissentono e affermano che invece è stato il risultato di esperimenti, forse un virus sfuggito al controllo. Ma bisogna essere fiduciosi nella scienza ufficiale, però mi dispiace che il pipistrello si sia fatto carico di così gran disastro. Come pure il serpente che striscia sulla terra e per questo forse ritenuto subdolo complice della tentazione biblica.

Ma nessuno di noi si senta invulnerabile, vaccino o non vaccino. Siamo tutti in fragilità, vulnerabili   perché ciascun essere umano ha un vulnus, un punto debole: il mito del divino Achille insegna. Ma riteniamo, grazie alla complicità dei media che facilitano l’eccessivo narcisismo e il delirio di onnipotenza, di essere “ immuni “ da molti affanni..  E poi in maggior misura coloro che presentano altre patologie sono davvero in difficoltà.  Per non sottolineare i disturbi del comportamento e l’aumento di psicofarmaci, dai bambini agli adulti, nessuno escluso. Casi suicidali, crisi di panico , stati di depressione maggiore. Bambini allo stremo con la terribile sensazione di essere puniti per qualche colpa commessa. L’associazione all’angoscia di castrazione è facile  da intuire anche per chi non è addetto ai lavori, come me.

Quando finirà? Terremoti e il canale di Suez ostruito da un cargo con la conseguenza di un aumento dei prezzi.

E’ ancora Pasqua. Ma per quanti? 

Dal punto di vista cristiano la Pasqua libera definitivamente  l’uomo dalla morte con il risveglio alla vera vita: Cristo muore e risorge dopo la passione…L’Agnello si immola deliberatemente consegnandosi tramite un bacio. Fa nuove tutte le cose, come si legge in Apocalisse. E le fa nuove davvero. Ma ancora molti vivono nelle tenebre tentando di aprire le voragini della morte dell’anima e del corpo. Così ho scritto ne “ Il sogno di Dio …da Eva a Maria... “ , Schena editore, 2021

“La Pasqua è la rinascita eterna che e' già nel Natale. La pianura di Ezechiele “«La mano di YHWH fu sopra di me e mi portò fuori in spirito e mi depose nella pianura che era piena di ossa... Vidi che erano in grandissima quantità nella distesa della valle e tutte inaridite. Mi disse: "Figlio dell’uomo, potranno queste ossa rivivere?"» (Ezechiele 37,1-3): è la esemplificazione della forza dello Spirito che è Amore e solo l'Amore può far rinascere ogni cosa  Questa è l'Alleanza rinnovata tra Dio e gli Uomini tramite Cristo . E ‘ l’evento più importante della storia umana .  Una Pasqua che rischia di essere offuscata da una azione maligna sotto mentite spoglie di un invisibile microscopico organismo . Ma la gloria del Signore disperderà le tenebre appositamente ricreate da chi non ha rispetto alcuna della vita degli uomini . Gv. 10:17-27 “ Per questo il Padre mi ama: perché io offro la mia vita, per poi riprenderla di nuovo.  Nessuno me la toglie, ma la offro da me stesso, poiché ho il potere di offrirla e il potere di riprenderla di nuovo. Questo comando ho ricevuto dal Padre mio». Il sangue degli innocenti purifica gli empi . I piccoli semi abbandonati nel deserto germinano con poche gocce d'acqua. Stefano era pieno di grazia dentro di se' e forte di questa luce divenne testimone ( martire) della vita nuova . Sono i martiri , coloro che si fanno crocifiggere che cambiano il corso della storia e a far dire ai vari Saul : «Saulo, Saulo, perché mi perseguiti?» Una domanda che riesce a disorientare perché in realtà si perseguita se stessi attribuendo agli altri tutto ciò che non sono. Perché mi perseguiti ? Guarda dentro di te e troverai la risposta : l'avidità divorante, l’invidia distruttiva figlia della avidità e della rabbia sono alla base dei desideri smodati dell'essere umano.” 

Ecco, oggi questa Pasqua 2021 ci ricorda che facile è passare dall’Osanna al Crucifige ma che  dobbiamo forse superare la prova della libertà , quella libertà che ci porta alla vera Pasqua , alle scelta, al passaggio dalle tenebre alla luce. Dio, per coloro che credono in un supremo Reggitore,  è  in noi e fuori di noi, negli universi e in tutti i tempi essendo Egli senza tempo ed eterno. Per una società ancora tribale come la nostra si rese necessario il massimo sacrificio non conoscendo noi altro modo di vivere.  Certo facile non è comprendere questo sacrificio che intende porre fine ai cruenti riti del passato metaforizzando tutto. Ancor oggi non è compreso. Un livello ben diverso è quello del Cristo che può riprendersi la vita quando vuole perché Egli è il Vivente nella Sua immagine gloriosa.  Se non fosse venuto Gesù, il divino Maestro, sulla Terra non avremmo mai potuto rinascere in un’ altra dimensione dello Spirito. La vita divina e' data da un livello diverso di coscienza e la scala di Giacobbe sta a significare che vi sono diversi livelli di coscienza metaforizzata dagli Angeli. Senza Natale non c è la Pasqua, la rinascita. Proiettati verso il basso siamo noi esseri umani, nel regno della materia.  Difficile è comprendere la Resurrezione se gli occhi dello Spirito sono chiusi.  Gv, Ap. 21 “ Poi vidi un nuovo cielo e una nuova terra, perché il primo cielo e la prima terra erano passati, e il mare non c'era più.  E io, Giovanni, vidi la santa città, la nuova Gerusalemme, che scendeva dal cielo da presso Dio, pronta come una sposa adorna per il suo sposo.  “Cieli nuovi  e terre nuove ci aspettano”: sono quelle dimensioni misteriose che ci fanno sperare nella felicità. Il Signore ha fatto cose meravigliose sulla terra e negli universi. L’altra dimensione è la nostra speranza.  “

E la speranza, come più volte ho scritto, è da sempre la password del futuro. 

È necessario, forse, ritrovare la memoria proprio in questa  epoca mediatica e digitale  che, tramite la contrazione del tempo e dello spazio, tende a generare i territori dell’oblio, della rimozione e della negazione dei problemi, oppure della esaltazione del falso, dell’inganno , della menzogna.

L’indifferenza sembra dominare sovrana dinanzi a questa ecatombe di  martoriati dal Covid 19. Il giorno della memoria  non può ridursi ad un sol giorno per commemorare le vittime di una guerra contro l’invisibile Nemico che sembra aggirarsi dovunque.

Un mostro senza volto? Non lo so. Ma affermo con quella schiettezza che mi ha sempre accompagnato nella vita che il mondo è in ginocchio dinanzi ai potenti, l’Umanità sembra dispersa, ma soprattutto l’Occidente sembra volgere al tramonto. Che la Pasqua 2021 liberi da tutto ciò: apra nuovi orizzonti di luce e risani nel corpo, nella mente, nel cuore. Buona Settimana Santa. E che il grido di dolore si trasformi in grido di gioia. A Pasqua!