Header Ads

Spesa online in Italia: a che punto siamo?

(Unsplash)

Un servizio introdotto ormai da qualche anno, diventato sempre più popolare (e comodo): parliamo della spesa online. Al giorno d’oggi, praticamente tutte le principali catene di supermercati offrono questo servizio di “spesa a domicilio”. Un servizio inizialmente conosciuto a pochi qui in Italia, ma che ultimamente ha fatto un grande salto avanti. Non solo, perché durante tutto il 2020 si è visto un aumento del 7,4% dei consumi alimentari domestici, con picchi fino al 20% durante il mese di marzo.

Per la precisione, tra gli aumenti principali ci sono le farine (+38%), gli agrumi (+15,5%), le uova e piatti pronti (+15%), così come birre (+11,2%). Una fetta di tutti questi acquisti è avvenuta proprio con il servizio di spesa a domicilio, un servizio di consegna che precedentemente veniva perlopiù usato dalle persone più anziane (per farsi portare a casa prodotti come le casse d’acqua o altri pesanti da trasportare). Infatti, la spesa online è aumentata del 55% durante il 2020, raggiungendo un giro d’affari di 2,5 miliardi di euro.

Come funziona la spesa a domicilio?

Piuttosto che uscire di casa e andare a girovagare tra gli scaffali strapieni del supermercato di turno, usando il servizio di spesa a domicilio è possibile comprare ciò che si vuole rimanendo tranquillamente fra le mura domestiche. Di base, si può scegliere tra la consegna a domicilio oppure il ritiro nel supermercato. In entrambi i casi, per fare la spesa online basta collegarsi al sito internet o usare l’app del supermercato dal proprio smartphone. Si può visionare tutto l’elenco dei prodotti, divisi per categorie, e mettere nel carrello virtuale solo quelli che vogliamo acquistare.

Ogni prodotto ha una propria pagina, con una foto dedicata e la descrizione dell’etichetta alimentare. Dopo aver riempito il carrello virtuale, basta procedere all’acquisto per scegliere come pagare e se farsi consegnare la spesa a casa o se passare a ritirarla al supermercato. In entrambi i casi, si può scegliere la fascia oraria per il ritiro o la consegna. Un servizio del genere però è disponibile anche in molti negozi di vicinato: negli ultimi mesi molti negozi locali hanno offerto la consegna a casa e tutt’ora continuano a farlo.

(Unsplash)
Vantaggi della spesa online: non solo comodità

Chiunque non abbia mai provato la spesa a domicilio, sicuramente pensa che l’unico vantaggio sia la comodità dell’acquisto: non bisogna uscire di casa per comprare ciò che ci serve a casa. Vero, ma i vantaggi non finiscono qua. Innanzitutto, dal sito o dall’app del supermercato è possibile visionare tutti i prodotti in vendita, con tanto di foto e descrizione dell’etichetta. Ciò significa che possiamo conoscere meglio i prodotti che acquistiamo: quanti di noi si fermano a leggere le etichette di ogni prodotto che compriamo al supermercato?

Online invece, la lettura è molto più semplificata: niente testi piccoli o difficili da leggere come sulle classiche etichette. E non c’è nessuno che ci mette fretta, visto che ci troviamo comodamente a casa nostra. Diventa anche più facile trovare i prodotti in promozione al supermercato, visto che basta accedere alla pagina dedicata alle promozioni per trovare tutti gli sconti attuali. E i prodotti che più ci piacciono possono anche essere salvati in una lista preferiti, così da tenerli sempre sotto controllo (e vedere quando vanno in sconto). Presenti anche codici sconto speciali da usare solo per l’online e certi supermercati permettono pure l’uso dei buoni spesa digitali.

Come pagare la spesa online: quali metodi esistono?

Come abbiamo detto, spesso e volentieri alcuni prodotti sono scontati solamente quando si acquistano online. Inoltre, esistono promozioni per avere ulteriori sconti quando si fanno acquisti di un determinato importo. L’unico costo in più rispetto alla spesa fatta in negozio è la consegna: non tutti i supermercati includono la consegna a domicilio gratuita (mentre di solito è sempre gratuito il ritiro in negozio). Nella maggior parte dei casi, la consegna diventa gratuita quando si supera una certa cifra (come 50 € oppure 80 €), ma viene comunque tutelato il cliente: in caso di ritardo nella consegna, spesso vengono elargiti dei coupon sconto per gli acquisti futuri.

Dopo aver scelto i prodotti e confermato la spedizione o il ritiro in negozio, bisogna procedere al pagamento. Ormai ogni business online permette di effettuare pagamenti sicuri e rapidi, lasciando totale libertà di scelta al cliente, come avviene, per esempio, con i metodi di pagamento dei casinò online inclusi nel sito Casinos.it. Anche queste piattaforme, così come i siti di e-commerce e i supermercati online, garantiscono un’ampia scelta di metodi di pagamento: dai wallet virtuali più famosi come PayPal fino alle classiche carte MasterCard, Visa e l’immancabile PostePay.

In certi casi sono disponibili anche i pagamenti tramite bonifico, che però richiedono maggior tempo per l’elaborazione. Altri siti, come qualche catena di supermercati (principalmente all’estero), permettono perfino i pagamenti tramite criptovaluta.

Insomma, il pagamento avviene in un click ed è subito confermato. Da quel momento in poi, gli addetti del supermercato procedono a preparare e imbustare i prodotti comprati. E in caso non si trovasse una cosa acquistata, verrà aggiunto un coupon sconto per un acquisto futuro.