Fantasmi nel castello Dentice Di Frasso di Carovigno?


MARIO CONTINO*
- Il castello di Carovigno (Br), noto come Castello Dentice di Frasso, sorge sul punto più alto del paese, il che fa comprendere come il suo ruolo di difesa del territorio fosse strategico e di primaria importanza. Si tratta di un edificio a pianta triangolare che comprende una torre quadrata sul vertice orientale, una circolare sul vertice occidentale e una "a mandorla" sul vertice settentrionale.

Il torrione a mandorla, detto anche " a carena di nave", è la vera particolarità di questo maniero, realizzato tra il 1400 e il 1500 dai Loffreda, feudatari di Carovigno che certamente risentirono dell'influsso dell'architetto senese Francesco di Giorgio Martini che in Puglia operò certamente verso il 1492 e la cui firma è riscontrabile nelle fortezze di Taranto, Otranto, Gallipoli e Brindisi.

All'interno del maniero si può notare un’edicola votiva dedicata a Santa Elisabetta d’Ungheria, il castello offre uno spettacolo unico trai cortili, scaloni, arcate e merlature che molto ricordano quelle classiche che contraddistinguono gli edifici medievali.

Molto interessanti sono i pavimenti in stile veneziano che caratterizzano alcune lussuose sale mentre nel piano interrato sono presenti stanze un tempo utilizzate come deposito, neviere, cantine e carceri.

Ogni castello che si rispetti ospita, quasi sempre, una leggenda legata alla presenza di un fantasma, o comunque alla manifestazione di strani fenomeni, non è propriamente il caso del castello Dentice di Frasso di Carovigno.

In questo maniero non è presente una vera leggenda legata a spettri ed affini, circolano però voci su passati avvistamenti di strane ombre, più un chiacchiericcio popolare che una vera leggenda, tanto e vero che da una mia ricerca sul luogo non sono riuscito mai a risalire all'identità di suddetti testimoni, o perché questi hanno paura di esporsi o perché, cosa che non escludo, semplicemente non esistono.

In ogni caso sarei felice di condurre uno studio appropriato in questo maniero, ossia di effettuare ricerche finalizzate a confermare o a smentire queste voci su presunti fenomeni anomali riconducibili al mondo del paranormale.

* Scrittore e ricercatore del mistero

Posta un commento

0 Commenti