Header Ads

Question time Ex-Ilva, Vianello (Alt): "Draghi scippa risorse a bonifiche, Mise non conosce lavoro propri commissari"


ROMA - “È vergognoso che il Ministero dello Sviluppo Economico non sappia che i commissari Ilva in AS (che dipendono dallo stesso MISE) stanno portando avanti le bonifiche nelle aree escluse, come testimoniato nel documento degli stessi commissari presentato il 12 dicembre 2021 all’osservatorio ambientale che rivela lo stato dei lavori in corso sulle 18 aree escluse. È per questo il Governo Draghi ha deciso di scippare buona parte delle risorse destinate alle bonifiche delle aree escluse?”. Lo afferma il deputato tarantino di Alternativa Giovanni Vianello, in merito alla risposta fornita dal MISE all'interrogazione posta durante il question time in commissione Attività produttive in merito alle previsioni contenute nell'articolo 21 del decreto Milleproroghe.

“È uno scandalo – sottolinea Vianello - a maggior ragione perché si vogliono distrarre questi fondi per destinarli alla continuità produttiva dell'industria velenosa e per un progetto di cosiddetta decarbonizzazione di cui non si conosce né il piano industriale, né se esistano valutazioni ambientali: un progetto fantasma. Se il MISE non conosce il lavoro dei propri commissari governativi, chi ha deciso di distrarre questi fondi?”.

“Dopo i 700 milioni di euro regalati all'ex Ilva per la continuità produttiva – conclude l'esponente di Alternativa - , il Governo Draghi con la complicità della maggioranza che lo sostiene, sta operando un nuovo danno a tutto il territorio di Taranto, spero che le tutte forze parlamentari si ravvedano e votino il mio emendamento per sopprimere l’ennesima ingiustizia contenuta dall'articolo 21 del Milleproroghe”.