Aurora Gatto, giovane scrittrice a 11 anni


MARIO CONTINO -
Cosa fanno i bambini ad 11 anni? Domanda che alcuni troveranno scontata: vanno a scuola, studiano, imparano tante cose, giocano ed instaurano relazioni sociali con i compagni, in pratica ciò che comunemente fa, o dovrebbe poter fare, ogni bambino.

Siamo certi che tutto questo lo faccia anche la piccola Aurora Gatto, di 11 anni, residente con la sua famiglia presso un piccolo comune del Salento, in Puglia: San Cesario di Lecce, a pochi chilometri dal capoluogo di provincia.

La bambina in questione ha però una marcia in più, gli piace studiare, gli piace leggere, è appassionata di astronomia e sogna di poter fare l'astronauta e soprattutto scrive.

Si può essere scrittori a soli 11 anni? Aurora è la prova che si può, soprattutto se c'è passione, volontà ed una famiglia pronta a supportare queste bellissime inclinazioni letterarie.

Aurora gatto è autrice del romanzo dal titolo “Il mistero di Marte”, pubblicato dalla casa editrice “Infuga Digital ", che sicuramente ha colto la grande passione ed il sentimento che animano la giovane autrice.

Il libro è un romanzo di fantascienza per bambini.

La protagonista del racconto è Aurora, una giovane astronauta Italiana che parte con altri cinque astronauti alla conquista di Marte, il pianeta rosso.
 
Nel loro viaggio i 5 avventurieri dello spazio dovranno affrontare innumerevoli pericoli ma con coraggio, impegno e grande volontà, riusciranno in fine a raggiungere la loro destinazione.
Marte nasconde segreti, misteri, pericoli che ben presto i 5 dovranno affrontare ed accettare.
Alla fine sarà proprio Aurora ad avere un ruolo chiave e a poter vivere una magnifica esperienza.

Preferiamo non accennare altro sul romanzo che dovrebbe essere letto con gli occhi di un bambino anche da chi bambino non lo è più da un pezzo.

Abbiamo posto qualche domanda a Aurora e ad i suoi genitori:

D- Ciao Aurora sei tu la protagonista del romanzo?

R- Si, sono io

D- Cosa hanno detto i tuoi amici quando hanno saputo che sei una scrittrice?

R- I miei amici sono rimasti sbalorditi, mai si sarebbero aspettati una cosa simile anche perché non ne ho mai parlato con nessuno di loro. La loro curiosità li ha spinti ad acquistare il mio libro.

D- Cosa consigli ai tuoi coetanei che magari non hanno il coraggio per mettersi in gioco e scrivere un racconto?

R- Ciò che consiglio a tutti, il messaggio che vorrei far arrivare ai bambini e ragazzi, è che nonostante la mia giovane età si possono fare grandi cose, anche scrivere un libro.

Il mio idolo è Samantha Cristoforetti, la stimo così tanto perché è una persona che non si arrende davanti alle difficoltà e affronta tutto con coraggio e tenacia. Infatti nel mio libro ho riportato una sua citazione con la quale io sono completamente d'accordo.

“Bisogna scegliere sempre la strada più difficile, perché ti darà gratificazione e crescita.

Non bisogna aver paura, è importante mettersi alla prova, crescere nella fiducia di se stessi.”

Spero tanto di conoscerla un giorno. Può anche succedere che crescendo prenderò altre strade, ma quello che conta e che non mi mancherà mai e la determinazione e la voglia di fare e imparare ed è quello che tutti dovremo fare.

D- Papà Claudio e mamma Jessica, com’è per voi avere in casa una giovane scrittrice?

R- Claudio: non sono bravo con le parole, lei giorno per giorno continua a sorprendermi con qualcosa di nuovo. È il mio orgoglio e la mia gioia.

R- Jessica: beh ci sarebbe tanto da dire su di lei. Posso dire che forse è l’unica cosa che Aurora ha ripreso da me, la passione per l’astronomia. Questa grande passione l’ha spinta ad aprire la sua mente ed andare oltre. Nel libro ci sono tanti disegni, illustrati proprio da me, per rendere il racconto più piacevole agli occhi dei bambini. Spero che la sua determinazione la porti lontano e a realizzare tutto ciò che desidera. Noi siamo e saremo sempre al suo fianco, qualunque cosa lei vorrà fare. Siamo fieri di lei

Noi non possiamo che congratularci con Aurora e con la sua famiglia, sperando che questa storia possa essere da esempio a tanti giovani, e meno giovani, che spesso non utilizzano il loro potenziale nel modo corretto.

Aurora Gatto è veramente un esempio da imitare.

Posta un commento

0 Commenti