Truppe ucraine a Mariupol: "Aiutateci, sono le nostre ultime ore"

(Seneline/Shutterstock)

KIEV - In un videomessaggio su Facebook Serhiy Volyna, comandante dei marines asseragliati nell'acciaieria Azovstal insieme a molti civili, chiede ai leader mondiali di aiutarli a evacuare dall'impianto. La Russia ha offerto per oggi l'ennesimo ultimatum, ma Kiev non si fida.

"Il nemico è dieci volte più numeroso di noi, queste potrebbero essere le nostre ultime ore di vita", dice un ufficiale dei militari di Kiev chiedendo alla comunità internazionale di "estrarli" da lì.

"Facciamo appello a tutti i leader mondiali e li preghiamo di aiutarci. Chiediamo loro di utilizzare la procedura di estrazione e portarci nel territorio di un Paese terzo", scrive su Facebook il comandante Serguiy Volyna della 36ma brigata della marina nazionale ucraina.

L'esercito russo ha "il vantaggio nell'aria, nell'artiglieria, nelle forze di terra, nell'equipaggiamento e nei carri armati. Difendiamo solo un punto, la fabbrica Azovstal, dove oltre ai soldati ci sono anche i civili che sono diventati vittime di questa guerra", prosegue il militare da Mariupol. Agli ultimi difensori della città portuale del sud dell'Ucraina la Russia ha dato un altro ultimatum, in scadenza oggi alle 13 ora italiana: li ha invitati a porre fine alla loro "insensata resistenza" promettendo che "la vita sarà salvata" a chi si arrenderà.

"L'unica spiegazione possibile di come i civili siano finiti nell'acciaieria di Azovstal è che sono stati portati lì dai nazionalisti ucraini per essere usati come scudi umani", ha attaccato intanto il vice rappresentante permanente della Russia alle Nazioni Unite, Dmitry Polyansky, durante la sessione del Consiglio di sicurezza Onu.

La situazione a Mariupol rimane "brutale", ha dichiarato da parte sua il presidente ucraino Volodymyr Zelensky aggiungendo che le forze russe stanno bloccando anche i corridoi per le evacuazioni dalla città. "Gli occupanti - ha continuato Zelensky nel suo ultimo videomessaggio - stanno cercando di effettuare la deportazione dei residenti locali che sono caduti nelle loro mani. E il destino di decine di migliaia di residenti di Mariupol che sono stati trasferiti nel territorio controllato dalla Russia è sconosciuto".

Intanto da Pechino giunge un appello a garantire l'evacuazione dei civili: tutte le parti in conflitto in Ucraina "dovrebbero rispettare rigorosamente il diritto umanitario internazionale e fare tutto il possibile per facilitare l'evacuazione e l'assistenza ai civili", ha affermato il rappresentante cinese all'Onu, Zhang Jun.

Posta un commento

0 Commenti