Allora Fest: precisazioni del direttore Patruno


BARI - “Le risorse che saranno eventualmente erogate all’Associazione Allora Fest - a fronte di regolare rendicontazione delle spese effettivamente sostenute e fatturate - non rinvengono in alcun modo da fondi destinati a ristori COVID e non andranno ad incidere sulla copertura degli altri Festival cinematografici regionali attualmente inseriti nell’Apulia Cinefestival Network”. Lo chiarisce il direttore del Dipartimento Cultura, Aldo Patruno.

“Con riferimento alla notizia riportata da alcuni organi di stampa secondo la quale il Festival del cinema internazionale Allora Fest, in corso di svolgimento a Ostuni, sarebbe stato cofinanziato da Regione Puglia con fondi destinati ai ristori COVID, si precisa quanto segue:

1. Nei mesi scorsi è pervenuta alla Regione Puglia la proposta da parte di operatori privati locali e internazionali - costituitisi nell’associazione denominata Allora Fest - di dar vita ad una grande kermesse cinematografica internazionale da realizzare in Valle d’Itria per accompagnare il rilancio e la ripartenza di una delle aree più turisticamente rilevanti e a maggior vocazione e attrattività internazionale della Puglia.

2. L’Associazione presentava a tal fine un programma di altissimo livello qualitativo, con la presenza di alcune delle star più note ed importanti del cinema mondiale, un’ampia attività di masterclass a cura delle stesse star, installazioni artistiche site specific, a fronte di un budget già finanziato all’80% da sponsor e investitori privati. Alla Regione Puglia veniva richiesto di sostenere l’iniziativa attraverso il supporto specialistico dei propri Enti partecipati competenti, oltre ad un contributo finanziario in termini di cofinanziamento a copertura dell’eventuale disavanzo.

3. Regione Puglia, valutato il prestigio e la rilevanza dell’iniziativa e l’opportunità di rilanciare il territorio della Provincia di Brindisi e, in particolare, di Ostuni (commissariata per rischio di infiltrazioni mafiose a fine 2021), decideva di accogliere la proposta, attivando i propri Enti partecipati per concorrere alla migliore riuscita dell’evento, programmato, peraltro, in un periodo (21-26 giugno) funzionale alla strategia di destagionalizzazione e re-internazionalizzazione dell’offerta turistico-culturale regionale.

4. Con deliberazione n. 834 del 6 giugno 2022 la Giunta regionale ha provveduto ad aggiornare ed implementare per l’annualità 2022 il Piano straordinario “Custodiamo la Cultura in Puglia 2020-2022”, attraverso il quale sono state programmate, a partire dal 2020 e per tutto il periodo della pandemia (compreso l’anno in corso), tutte le attività culturali da realizzare sul territorio regionale. Nell’ambito del suddetto Piano straordinario sono previsti diversi obiettivi realizzativi (con le relative coperture finanziarie), in parte destinati a ristori alle PMI del Comparto Cultura e Creatività in corso di erogazione da parte di Pugliapromozione per un importo complessivo pari a 5 milioni di euro, a valere su fondi strutturali e statali vincolati nell’ambito dell’avviso pubblico “Custodiamo la Cultura 2.0” (Obiettivo Realizzativo OR.1.a di cui alla citata DGR n. 833/2022); in altra parte le risorse del Piano straordinario - rivenienti interamente dal bilancio autonomo regionale 2022 - sono destinate alla programmazione di attività culturali, artistiche e di spettacolo dal vivo sempre funzionali alla ripartenza del sistema regionale fiaccato dalla pandemia tra cui: la sovvenzione agli operatori locali dello spettacolo dal vivo beneficiari del FUS statale (2,8 milioni di euro di cui all’OR.1.d gestiti dal Dipartimento Turismo e Cultura), il sostegno ad audience engagement, sviluppo e ricerca nei comparti Cultura e Spettacolo (1,25 milioni di euro di cui all’OR.2.a gestiti dal Teatro Pubblico Pugliese), l’organizzazione di mostre ed eventi nazionali e internazionali (800 mila euro di cui all’OR.2.a.1 gestiti da Dipartimento e TPP), la valorizzazione e promozione dei siti UNESCO (300 mila euro di cui all’OR.2.e da assegnare ai Comuni di Alberobello, Andria e Monte Sant’Angelo), la valorizzazione e promozione dei Carnevali storici (400 mila euro di cui all’OR.2.f da assegnare ai Comuni di Gallipoli, Manfredonia, Massafra, Putignano), e infine il rifinanziamento dell’Apulia Cinefestival Network per il 2022, con una prima tranche pari a 350 mila euro (OR.2.c) assegnata all’Apulia Film Commission.

5. Nell’ambito di tale ultimo Obiettivo Realizzativo e della relativa dotazione finanziaria - riveniente da bilancio autonomo regionale e, in particolare, dal Fondo Speciale Cultura ex art. 15 L.R. n. 40/2016 - l’Apulia Film Commission è stata autorizzata ad assicurare il sostegno all’Associazione Allora Fest a copertura dell’eventuale disavanzo relativo agli allestimenti presso le città di Ostuni, Brindisi e Mesagne e alla biglietteria aerea. A seguito della suddetta deliberazione, l’Apulia Film Commission - in data 8 giugno 2022 - ha proceduto a sottoscrivere apposita convenzione con l’Associazione Allora Fest nella quale sono stati disciplinati termini e modalità per il sostegno - anche finanziario per un importo di 150 mila euro, al netto dei costi di biglietteria aerea - all’organizzazione del Festival.

Alla luce di quanto sopra rappresentato, si evidenzia, pertanto, che le risorse che saranno eventualmente erogate all’Associazione Allora Fest - a fronte di regolare rendicontazione delle spese effettivamente sostenute e fatturate - non rinvengono in alcun modo da risorse destinate a ristori COVID e non andranno a incidere sulla copertura degli altri Festival cinematografici regionali attualmente inseriti nell’Apulia Cinefestival Network cui Regione Puglia e Apulia Film Commission - come per le annualità precedenti - stanno provvedendo tramite apposito e distinto provvedimento in corso di emanazione, nell’ambito dell’attuazione del Piano straordinario “Custodiamo la Cultura in Puglia 2020-2022 - OR.2.c.”.

Nessun commento

Posta un commento

© tutti i diritti sono riservati
made with by templateszoo