Mostre: a Bari 'Guernica59'

BARI - AncheCinema presenta l'evento "Guernica59" che prevede l'installazione dell'opera omonima dell'artista Sergio Scarcelli, accompagnata dalle musiche originali di Fabrizio Festa, la presentazione dell'opera da parte dell'autore, l'esposizione delle opere che i ragazzi del Centro "I ragazzi di Don Bosco" realizzeranno nel corso di un laboratorio tenuto da Sergio Scarcelli presso il Redentore di Bari e dei piccoli reading dedicati a Guernica59.

Evento inserito nel progetto "Palcoscenici di Comunità" di AncheCinema, finanziato dal Comune di Bari nell'ambito dell'Avviso pubblico Le Due Bari.

Lo scultore pugliese Sergio Scarcelli presenta il suo multiforme omaggio a Pablo Picasso, al suo messaggio pacifista e al valore sociale dell’arte da trasmettere e valorizzare.

In quest’ottica, il progetto scultoreo di Scarcelli si misura con il cubismo e celebra la nota opera “Guernica”, ispirata al tragico bombardamento, avvenuto il 26 aprile del 1937, della cittadina basca di Guernica durante la guerra civile spagnola (1936-1939) ad opera dell’aviazione nazi fascista.

Nella sua genesi, Guernica59 si pone come parabola artistica, performance culturale sui significati sociali e simbolici di una tra le più grandi opere d’arte che ha prodotto il XX secolo.

Scarcelli rigenera a suo modo quel messaggio di dolore e denuncia contro la guerra, lo anima di vita e pensiero, ispirando anche le inedite note del Maestro Fabrizio Festa, del Conservatorio di Matera, che interagendo in maniera poetica ed osmotica con la scultura, si fondono in essa. Ne viene fuori un racconto visivo e sonoro, di pieno e vuoti, di parole che danzano tra la gente portando un messaggio di conoscenza, armonia e inclusione.

Come per Picasso ieri, Guernica59 è oggi per il suo autore memoria di dolori passati e denuncia dalle guerre: 59 sono i conflitti che ancora oggi entrano con prepotenza nelle case e nelle vite di tutti noi. Il Guernica59 di Scarcelli si fa inedito Storytelling artistico ed evocativo, performance educativa e progettuale volta a promuovere su tutto il territorio pugliese e nazionale, nelle piazze, nelle scuole e tra le istituzioni, l’attenzione al linguaggio dell’arte scultorea, al potenziale comunicativo di tutte le espressività creative come veicolo di verità storica e coscienza collettiva, sensibile e reattiva.

L’acuta intuizione creativa, l’abilità nel modellare materiali di ogni tipo, l’impegno sociale della sua arte sono il fil rouge della decennale ricerca “EcoScultoria” di Sergio Scarcelli. La rivisitazione polimaterica di artisti del passato - suo omaggio ai grandi prodigi artistici - e le multiformi sculture fiabesche, caricaturali, quasi allegoriche vivono a cielo aperto nella sua Contrada Museo a Locorotondo. Da lì sono sempre pronte a raccontare - alcune di loro anche in giro per città e capitali - la loro storia, gli incontri creativi e il messaggio Universale che, questo singolare scultore, riesce a determinare con la sua arte.

Curatrice dott.ssa Rosanna Mele, Storico dell’Arte e Critico indipendente.

Segreteria del progetto Marlene Scalise, Direzione Artistica di Riscarti www.riscarti.com - tel 380.6376906

mercoledì 7 settembre 2022

ore 20.30

Piazza Disfida di Barletta | BARI

INGRESSO LIBERO e GRATUITO fino a ESAURIMENTO POSTI - non si accettano prenotazioni

Posta un commento

0 Commenti