La Ciambella Federiciana made in Puglia va in scena alla Festa del Pane in Piemonte


SAVIGLIANO (PIEMONTE) – Si è appena conclusa la 11^ edizione della prestigiosa Festa del Pane. Tante le autorità presenti al taglio del nastro per una manifestazione che, come ha ricordato il sindaco Antonello Portera, "era attesa da quattro anni".

Ospite speciale, Giuseppe Barile, fondatore del consorzio di tutela del pane DOP di Altamura, il quale ha tenuto una masterclass di due giorni sull’utilizzo del lievito madre e dei frumenti autoctoni, affrontando il delicato tema dei rincari.

In tale occasione ha presentato il nuovo progetto del Panificio La Maggiore: La Ciambella Federiciana, un pane con grandi proprietà nutraceutiche.

La ciambella Federiciana, nasce dall’ incontro tra Ricerca scientifica e Valorizzazione Del patrimonio culturale del territorio, due filoni sui quali, il panificio La Maggiore ha basato la sua mission aziendale.
"L’intuizione" osserva Barile "deriva da un’attenta osservazione dell’architrave della Cattedrale di Altamura, unica Chiesa costruita per volontà di Federico II di Svevia. Infatti, nel racconto dell'Ultima Cena, spiccano, sulla tavola imbandita, tre forme di pane a ciambella, sulle quali è impressa la stella di Davide".

Il Panificio La Maggiore, da sempre dedito alla ricerca e attento alla salute dei consumatori, riporta alla
luce la forma di pane a ciambella, con le stesse caratteristiche e l’utilizzo del cereale più antico, sua
maestà, il Farro e del primo lievito naturale ad essere premiato e conservato nella Biblioteca Mondiale
dei Lieviti, realizzato da “La Maggiore” in collaborazione con L’istituto di Microbiologia dell’ Università degli Studi di Bari.

“Le attività di ricerca condotte ” continua Barile “ sono nate da un’esigenza primaria: la salute ed il
benessere dei consumatori; questi sono stati il motore della Dop, questi sono il motore della
Ciambella Federiciana.

https://ciambellafedericiana.it

Posta un commento

0 Commenti