Bari, condannati dopo sit-in 'Stop barriere': disabili presentano ricorso

BARI - I disabili destinatari di un decreto penale di condanna emesso dal Tribunale di Bari per avere partecipato nel mese di luglio 2021 ad un sit-in dinanzi alla sede della Regione Puglia durante la quale, secondo l'accusa, hanno prima occupato e interrotto il traffico sul Lungomare e poi occupato un'aula dell'edificio per quattro giorni hanno presentato opposizione e sono disposti eventualmente "ad arrivare fino alla Corte europea dei diritti dell'uomo". Lo annuncia l'avvocato Giuseppe Piacentino, che difende uno degli otto disabili condannati (con pena sospesa) per interruzione di pubblico servizio e invasione di edifici a quattro mesi di reclusione o al pagamento di una multa da 9.425 euro.

I disabili hanno presentato opposizione e chiesto di andare a giudizio dibattimentale. "Se dovessimo perdere in tutti e tre i gradi di giudizio - spiega il legale - ci rivolgeremo alla Corte".

Nel provvedimento emesso dal gip emerge che gli otto disabili, in concorso fra loro, durante la manifestazione "Stop barriere" avrebbero occupato la sede stradale del Lungomare dinanzi al palazzo della Regione "ininterrottamente dalle 10 alle 14.40 del 13 luglio" causando un "blocco stradale".

Gli stessi, dopo essere entrati nella sala De Jesu al primo piano della presidenza della Regione hanno occupato "ininterrottamente e abusivamente l'edificio pubblico" dal 13 al 16 luglio 2021. "Sono convinto che dimostreremo l'innocenza di queste persone" afferma l'avv.Piacentino.

Posta un commento

0 Commenti