Foggia, maltrattavano e abusavano di pazienti psichiatrici: 15 arresti

FOGGIA - Con le accuse di maltrattamenti e abusi sessuali di 25 pazienti psichiatrici sono stati arrestati 15 persone tra operatori sanitari, infermieri e ausiliari della struttura socio sanitaria Don Uva di Foggia e altrettanti sono stati raggiunti da misure cautelari come l'obbligo di soggiorno e il divieto di avvicinamento alle vittime. 

L'inchiesta, coordinata dalla Procura di Foggia, è stata condotta dal Nucleo Investigativo dei Carabinieri e dai Nas. 

Le accuse sono di maltrattamento aggravato, sequestro di persona, violenza sessuale, favoreggiamento personale di almeno 25 pazienti ricoverati. Si tratta di pazienti in condizioni di inabilità o inferiorità fisica o psichica ricoverate nel reparto femminile di psichiatria di lungodegenza e hanno tutte un'età compresa tra i 40 ei 60 anni.

L'inchiesta è stata avviata l'estate scorsa. Le perquisizioni hanno interessato sia le abitazioni dei 30 indagati sia gli uffici ei locali della struttura sanitaria indagata. I vertici della struttura non sono indagati.

La senatrice Gisella Naturale ha commentato con tristezza e rabbia la vicenda di questa mattina: "La scorsa settimana - ha detto Naturale - abbiamo votato all’unanimità in Senato due mozioni, per l’istituzione delle Commissioni straordinarie, l’una per la tutela e la promozione dei diritti umani e l’altra per il contrasto dei fenomeni di intolleranza e istigazione all'odio e alla violenza. A due giorni dalla giornata della memoria, devo constatare i lager li abbiamo vicino casa. Quello che provo in questo momento è un sentimento di profondo sdegno. Ho grande fiducia nella giustizia e auspico che la procura venga a capo della vicenda. Per chi commette questo tipo di reato, la pena deve essere esemplare".

Posta un commento

0 Commenti