Header Ads

Confcommercio: 52 miliardi in meno di consumi

ROMA - "Con il protrarsi delle chiusure delle attività produttive e di quelle del terziario, come commercio, turismo, servizi, trasporti e professioni - e con la prospettiva che questa situazione si prolunghi nel tempo il calo dei consumi potrebbe toccare i 52 miliardi". Sono le stime di Confcommercio che considera "realistica l'ipotesi della riapertura del Paese solo all'inizio di ottobre".

L'unico comparto che cresce è quello alimentare con un aumento del 4,2% nel 2020 rispetto al 2019 mentre si prevede un crollo soprattutto per i trasporti (-12,7%), alberghi e ristoranti (-21,6%).