Header Ads

L'azienda cinese Xiaomi sta vivendo un boom in Europa

Intervista con il Presidente di Xiaomi International e il CFO Shou Zi Chew al World Economic Forum di Davos (Svizzera) nel 2019.

In mezzo alle preoccupazioni per la sicurezza del gigante tecnologico cinese Huawei, il suo piccolo rivale delle telecomunicazioni, Xiaomi, ha cercato di differenziarsi concentrandosi sui prodotti di consumo e su quelli meno competitivi.

EURACTIV ha incontrato Shou Zi Chew, Presidente di International Xiaomi e Chief Financial Officer. In un'intervista, Chew ha affermato che Xiaomi è "un ottimo attore locale a livello globale", aggiungendo che la sua azienda "farà in modo di essere pienamente conforme" alle nuove regole sull'intelligenza artificiale che l'Europa potrebbe proporre, come già fatto quando l'Europa ha adottato il suo regolamento generale sulla protezione dei dati (GDPR).

Xiaomi ha partecipato per la prima volta quest'anno al World Economic Forum di Davos. Perché adesso?
Siamo un'azienda molto internazionale. Per darvi un'idea, i nostri ricavi all'estero erano già molto vicini ai 10 miliardi di dollari nel terzo trimestre del 2019. E l'azienda ha solo nove anni. Questo dato rappresenta il 49% dei nostri ricavi totali. Attualmente abbiamo circa 40 nazionalità che lavorano per noi in 58 paesi e vendiamo i nostri prodotti in 90 paesi in tutto il mondo.

L'intelligenza artificiale è oggi fondamentale per tutti i settori, soprattutto per l'informatica e il digitale. L'Europa sta attualmente valutando come regolamentare l'intelligenza artificiale. L'UE ha dimostrato in passato quanto possa essere influente nella regolamentazione digitale, ad esempio nel caso del regolamento generale sulla protezione dei dati (GDPR).

Per quanto riguarda l'IA, l'UE ha preso in considerazione per la prima volta un divieto temporaneo di riconoscimento facciale. Anche Google si è pronunciato contro il riconoscimento facciale. Qual è la sua opinione?
Queste sono alcune delle questioni più importanti che le aziende tecnologiche devono affrontare oggi. L'unico modo per rendere vitali a lungo termine le nostre aziende globali è quello di essere ottimi attori locali.

Siamo ottimi giocatori locali a livello globale. Dobbiamo pensare come un giocatore locale, dobbiamo giocare secondo le regole come un giocatore locale e dobbiamo investire come un giocatore locale. È così che facciamo affari nell'UE.

Nel caso della RGPD, stiamo compiendo notevoli sforzi per garantire il pieno rispetto della stessa. Abbiamo messo in atto misure rapide in tutte le nostre filiali europee fin dal primo giorno per conformarvisi.

Se dovesse esserci una regolamentazione per l'IA, ci assicureremo di rispettarla pienamente.

Xiaomi è un'azienda cinese, e la Commissione europea ha detto in passato che gli europei dovrebbero "preoccuparsi" dell'uso di qualsiasi azienda cinese, non solo di Huawei. Ha sentito un impatto in Europa sulla sua attività grazie al suo passaporto?
Nonostante quello che vi ho detto sulla necessità di essere un buon business locale, molto dipende da un'ottima comunicazione. Forum come il World Economic Forum ci permettono di condividere il nostro pensiero e forse anche i nostri sentimenti.

La comunicazione è un processo molto dinamico con molti stakeholder, ma lo abbiamo fatto con successo in diverse occasioni in molti paesi. Siamo molto ottimisti sul fatto che saremo in grado di comunicare anche con tutti gli stakeholder dell'Europa occidentale.

Ma il caso Huawei ha avuto un impatto sulla sua azienda?
Facciamo parte di una catena di fornitura globale molto sofisticata con vantaggi molto evidenti.

La tensione commerciale e gli eventi che ne sono seguiti non ci hanno influenzato direttamente. Indirettamente, ha causato una certa incertezza, sia in termini monetari che per il settore nel suo complesso.
D'altro canto, mentre le aziende cinesi sono state individuate, la mancanza di protezione dei dati riguarda tutti. In Europa il phishing si sta sviluppando rapidamente e si rivolge a tutti i tipi di industria. L'ascesa delle piattaforme Forex online, ad esempio, ha portato alla creazione di molti siti web fraudolenti che rubano informazioni sui clienti e dati bancari. E mentre la legislazione viene rafforzata per regolamentare il commercio sociale e l'acquisto di Bitcoin, è difficile per i tribunali punire queste pratiche. I consumatori non hanno altra scelta se non quella di proteggersi e prevenire i rischi controllando i siti di confronto dei broker per consigli e spiegazioni. Per esempio, trading-binario.org che spiega in dettaglio come funziona la piattaforma di social trading bdswiss in questa pagina.

Questa esigenza del consumatore di proteggere i propri dati si estende a tutti i settori legati a Internet e alle nuove tecnologie. A lungo termine, siamo ottimisti sulla catena di fornitura globale e penso che il rapporto si risolverà da solo.

Alcuni esperti affermano che il vero obiettivo della guerra tariffaria statunitense con la Cina è quello di contenere il suo boom tecnologico.

Tenendo presente questo, pensa che la tregua commerciale tra gli Stati Uniti e la Cina reggerà?
Xiaomi gestisce un settore in cui vendiamo i nostri dispositivi ai consumatori. Siamo un'azienda orientata al consumatore. Da questo punto di vista, siamo diversi dalle aziende che operano attraverso le società e i governi... e quindi più liberi e indipendenti.

E prevede di lavorare con le infrastrutture e i governi?
Questo è un tipo di lavoro diverso. Naturalmente, ogni azienda che opera sulla scena globale è influenzata da ciò che accade sul pianeta.

La Cina e l'Europa stanno cercando di concludere un accordo di investimento quest'anno. Tuttavia, le due parti continuano a non essere d'accordo sui sussidi industriali e sul trasferimento forzato di tecnologia.

È ottimista sulle prospettive di questo accordo tra Cina ed Europa?
Il commercio globale è una cosa molto vantaggiosa per l'economia mondiale. Sono ottimista che questa visione sia condivisa da molte persone. Ci sono molti dettagli sulle condizioni commerciali tra molti paesi. Ma sono molto ottimista sulla direzione generale del futuro, soprattutto tra Europa e Cina.