Ad Section

Visualizzazione post con etichetta Scienza e tecnologie. Mostra tutti i post
Visualizzazione post con etichetta Scienza e tecnologie. Mostra tutti i post

Paralizzato torna a camminare grazie al pensiero usando un esoscheletro

Paralizzato torna a camminare grazie al pensiero usando un esoscheletro


GRENOBLE - Un uomo completamente paralizzato, a causa di una caduta da 15 metri di altezza avvenuta 4 anni fa, torna a camminare e a muovere le braccia, sorretto da un esoscheletro che il giovane, 30 anni, controlla col pensiero. È il traguardo reso noto sulla rivista Lancet Neurology e messo a segno presso l'Université Grenoble Alpes in Francia. Si tratta di un risultato ancora preliminare perché l'esoscheletro è sorretto a sua volta in alto, quindi l'uomo non è libero di andare dove vuole, ma una volta risolti i problemi di bilanciamento gli scienziati francesi sperano di poter 'liberare' l'esoscheletro dal suo supporto superiore.

Il lavoro è stato lungo: in primis il giovane è stato sottoposto a una serie di risonanze per mappare le aree del suo cervello che si attivano quando l'uomo immagina di camminare e muovere le braccia. Queste aree sono poi state tappezzate superficialmente da 'elettrodi' che formano dei 'sensori' necessari per convogliare i 'pensieri' dell'uomo all'esoscheletro. Il paziente ha prima imparato a comandare il proprio avatar col pensiero; solo successivamente gli impulsi elettrici del suo cervello sono stati 'raccolti' e usati per muovere l'esoscheletro. 'Avevo dimenticato di essere più alto della maggior parte delle persone intorno a me'.

"Mi sono sentito come il primo uomo sulla luna" - ha dichiarato il paziente. "Non camminavo più da anni. Avevo dimenticato di essere più alto della maggior parte delle persone intorno a me. È stato davvero impressionante". Il sistema funziona ancora dopo 27 mesi, il che è di per sé un gran successo perché significa che gli elettrodi che servono per raccogliere gli impulsi cerebrali del paziente continuano a funzionare bene a distanza di tempo (in precedenti esperimenti svolti da altri gruppi di ricerca gli elettrodi - impiantati troppo in profondità - smettevano di funzionare e potevano andare incontro a effetti avversi provocando infezioni, problema ovviato in questo studio in cui i sensori sono stati piazzati più superficialmente). L'obiettivo è ora ripetere l'esperimento su altri pazienti e perfezionare l'esoscheletro, concludono gli esperti francesi.

Per Giovanni D'Agata, presidente dello “Sportello dei Diritti" i risultati di questo traguardo raggiunto dall'Université Grenoble Alpes in Francia, aprono uno scenario del tutto nuovo per le persone paralizzate.

IEEE SMC 2019: a Bari mille ricercatori provenienti da tutto il mondo

IEEE SMC 2019: a Bari mille ricercatori provenienti da tutto il mondo

BARI – Per la prima volta in Italia per il 2019 (già programmati i prossimi appuntamenti annuali: 2020, Toronto, Canada; 2021, Melbourne, Australia) circa 1000 ricercatori (un record), provenienti da università, centri di ricerche, industrie di tutto il mondo si incontreranno a Bari per dar vita alla conferenza internazionale, fiore all’occhiello della società americana IEEE Systems, Man, and Cybernetics, dedicata quest’anno al tema, “Industria 4.0”.

Industria 4.0 è la quarta rivoluzione industriale che sta influenzando le nuove tendenze dell'automazione, dell’informatica, delle telecomunicazioni e della cibernetica. Il forum di Bari consentirà la conoscenza e il confronto con gli studiosi della materia per discutere sulle nuove tecnologie, le attuali applicazioni, quelle sperimentali e quelle di prossimo futuro in tutto il globo attraverso, interventi, tutorial e workshop.

Tre sono le macroaree di confronto sulle quali sono confluite da tutto il mondo più di 1200 lavori scientifici: Scienza e Ingegneria dei Sistemi; Sistemi uomo-macchina; Cibernetica. Il comitato scientifico di programma ne ha selezionati 700. Molti sono gli ambiti applicativi su cui si confronteranno scienziati e industriali: sistemi informativi aziendali; sicurezza nazionale; città ed edifici intelligenti; nuovi sistemi di produzione; trasporti intelligenti;  meccatronica medica; robotica; informatica medica; elaborazione delle immagini; Big Data;  internet delle cose; realtà aumentata; comunicazioni informative basate sul cervello; controllo dei veicoli; apprendimento intelligente nei sistemi di controllo; media interattivi e digitali; ingegneria del design.

Non meno di mille sono i ricercatori e industriali che si sono registrati al forum. Particolare presenza numerica di provenienza si registra da Asia, Europa, Canada e USA.

L’evento è stato organizzato per l’Italia dalla prof. Maria Pia Fanti e dai docenti del laboratorio di Controlli Automatici del Politecnico di Bari; presidente del programma, è il prof. Eugenio Di Sciascio, già rettore del Politecnico.

L’iniziativa rappresenta sicuramente un alto momento di confronto internazionale, che ha l’intento di porre l’attenzione e di sviluppare i temi dell’Industria 4.0, al fine di migliorare la vita della collettività e dell’ambiente in cui viviamo in diversi settori applicativi della produzione industriale, dell’informatica, della logistica-trasporti e delle telecomunicazioni.

L’evento ha una risonanza scientifica e industriale di grande importanza ed è frutto del rilievo assunto nella ricerca internazionale dal settore dell’automatica e dell’Informatica del Politecnico di Bari.

La Conferenza Internazionale IEEE 2019 avrà luogo a Bari presso il Nicolaus Hotel dal 6 al 9 ottobre prossimi. L’inaugurazione della conferenza è prevista per lunedì, 7 ottobre, ore 8:30.

Nella giornata di domenica, 6 ottobre infine, sono già previsti workshop e tutorial. In particolare avrà inizio una gara di eccellenza nel campo dell’informatica in cui saranno premiati con 3 premi da 1000 dollari i 3 giovani ricercatori che saranno capaci di trovare le migliori soluzioni nell’ambito del Brain Machine Interface.   

Da Monopoli a Milano alla corte di Microsoft, Rina e Digital Magics: presentato il progetto in Realtà aumentata “Aures” della MTM Project

Da Monopoli a Milano alla corte di Microsoft, Rina e Digital Magics: presentato il progetto in Realtà aumentata “Aures” della MTM Project

MILANO - “Riuscire ad avere a disposizione un ambiente di lavoro arricchito digitalmente da tutte le informazioni necessarie al monitoraggio, alla gestione e all’assistenza alla produzione”. Questa è la promessa che ha portato la MTM Project di Monopoli qualche giorno fa alla corte di Microsoft Italia in un challenge organizzato da Digital Magics per Rina.

Oggi, le realtà produttive italiane si trovano all’alba di una nuova rivoluzione industriale, che negli anni ha conteggiato i suoi sostanziali passi in avanti. Quella odierna è la numero 4 e sarà certamente la più radicale. I device a disposizione oggi non sono più semplici miglioramenti dei precedenti ma sono afferenti a nuove tipologie merceologiche. Utilizzare visori e wearable in genere sarà la normalità tra qualche mese e muoversi in ambienti reali arricchiti da informazioni digitali, calate direttamente nel nostro campo visivo ci consentirà metodologie gestionali quotidiane completamente diverse.

Il caro Clayton Christensen nel 1997 si poneva il cosiddetto Dilemma dell’Innovatore, ovvero “ciò che ti ha portato fin qui, non ti porterà oltre” quindi la necessità di intraprendere costantemente nuove traiettorie di sviluppo al fine di mantenere un sostanziale vantaggio competitivo. Siamo anche consapevoli che siamo ad un nuovo “adiacente possibile”, una nuova porta su una serie infinita di nuove possibilità fino ad oggi sconosciute. 

Su questa scia, molte aziende visionarie, con tanti sforzi e tanta passione, si sono mosse con ostinato anticipo percorrendo la via della ricerca, della sperimentazione, costruendo soluzioni che oggi finalmente trovano reale applicazione nei più svariati ambiti industriali.

Il 25 settembre 2019 la MTM Project è arrivata seconda nella sua prima competizione legata al mondo della Realtà Aumentata presentando il suo prodotto “Aures” e l’amministratore Giuseppe Modugno, si è detto estremamente felice di aver raggiunto un risultato simile alla prima competizione. Aures è il sistema software che permette di visualizzare all’interno dello smartglass e smartphone, le procedure operative in realtà aumentata da eseguire, step by step; visualizzare dati di produzione e documentazione; effettuare assistenza da remoto e video chiamate; gestire le sequenze delle operazioni con comandi vocali e manuali; registrare audio e trasformarli automaticamente in documenti di testo; registrare video ed eseguire foto; tradurre il parlato dei vari operatori in maniera simultanea. Tutto con una user-interface semplice e intuitiva. 

La realtà PMI innovativa pugliese, da oltre 10 anni solca i sentieri dell’innovazione è specializzata nello sviluppo di software e nella consulenza IT, tra i pionieri in Italia nell’ideazione e sviluppo di applicazioni basate sull’utilizzo della realtà virtuale, e della realtà aumentata e del Machine Learning. La forza dell’azienda, un team giovane di 15 dipendenti con un’età media di 27 anni, è il focus continuo sull’innovazione tecnologica e gli investimenti fissi in Ricerca & Sviluppo che da 10 anni rappresentano oltre il 30% delle risorse. Dal 2010 MTM è certificata ISO 9001, Microsoft Silver Certified (dal 2016), ed è un Ente accreditato per la Formazione dalla Regione Puglia (dal 2015).

Biotecnologie: tre incontri a Unisalento

Biotecnologie: tre incontri a Unisalento

LECCE - All’Università del Salento focus sulle biotecnologie con tre incontri promossi nei prossimi giorni dal Consiglio Didattico dei corsi di laurea in Biotecnologie e Biotecnologie Mediche, nell’ambito della European Biotech Week con il coordinamento italiano di Assobiotec: appuntamenti il 26 settembre e il 2 e 3 ottobre 2019 presso il complesso Ecotekne – corpo D (via per Monteroni, Lecce).

“Ricerca e innovazione nelle Biotecnologie” è il tema del workshop del 26 settembre (corpo D, dalle ore 9): verranno esposti lavori di tesi e di dottorato selezionati e seminari saranno tenuti dai ricercatori che operano nel campus Ecotekne, con l’obiettivo di far conoscere le più recenti attività di ricerca di cui sono protagonisti. Key note lecture saranno tenute da Francesco Ferrara (STMicrolectronics) e Cecilia Bucci (in rappresentanza dei docenti dei corsi di Biotecnologia di UniSalento).

Il 2 ottobre dalle ore 15 saranno presentati i programmi “Life Science Innovation 2020” (Evento G-Factor, l’acceleratore di imprese life science di Fondazione Golinelli) e “Contamination Lab”, mentre il 3 ottobre (dalle ore 9) è in programma il convegno “L’ecosistema delle biotecnologie”. In questo convegno si farà il punto sullo stato delle biotecnologie sul territorio salentino: in mattinata previsti seminari di professori e ricercatori UniSalento e ISUFI - UniSalento, CNR, IIT e di responsabili aziendali (Alnylam, Materias), e la plenary lecture di Gianni Pozzi dell’Università di Siena, ricercatore di chiara fama nel campo della microbiologia e dello sviluppo dei vaccini. Alla tavola rotonda pomeridiana parteciperanno rappresentanti del mondo politico e del mondo imprenditoriale, dell’Università e della ricerca. Daranno un contributo alla discussione anche i responsabili del Distretto Tecnologico High Tech e del Laboratorio Diffuso di Ricerca Interdisciplinare Applicata alla Medicina (DREAM).

«Questo articolato programma di attività vuol esplorare prima di tutto il concetto di ecosistema complesso delle biotecnologie», sottolinea il professor Gian Pietro Di Sansebastiano, Delegato alla Valorizzazione della Ricerca, «ma anche mettere in luce il mondo del biotech salentino, che vede il suo centro operativo nel campus universitario di Ecotekne e, nelle immediate vicinanze, il vasto insieme di realtà imprenditoriali e di ricerca. Grazie a questo vivace ecosistema, i laureati magistrali a Lecce godono di un ampio ventaglio di opportunità. Il Consiglio Didattico dei corsi di laurea in Biotecnologie rileva annualmente il fabbisogno di biotecnologi ad alto grado di formazione, e allo stesso tempo anche la scarsa conoscenza da parte dei giovani salentini delle svariate opportunità di lavoro e occupazione in campo biotecnologico presenti sul territorio. Quest’iniziativa vuole quindi offrire un quadro d’insieme della realtà biotecnologica leccese e, al tempo stesso, rafforzare la rete di rapporti scientifici, imprenditoriali e istituzionali esistenti o favorire l’instaurarsi di nuovi rapporti di collaborazione. Un indicatore del fermento del settore, nel mondo dei giovani aspiranti imprenditori, è rappresentato dalla risposta del territorio a competizioni come la Start Cup Puglia 2019 – Premio regionale per l’Innovazione. Nella categoria Life Science la provincia di Lecce ha espresso quest’anno sei proposte contro le non più di due per ognuna delle altre province».

La Notte dei Ricercatori dell’IRCCS de Bellis in scena nelle grotte di Castellana

La Notte dei Ricercatori dell’IRCCS de Bellis in scena nelle grotte di Castellana


CASTELLANA – La Notte Europea dei Ricercatori”, l’ormai tradizionale evento europeo nato per divulgare nei più vari modi lo stato della ricerca, venerdì 27 settembre in Puglia avrà anche uno scenario di grande impatto: le Grotte di Castellana. E’ infatti lo storico sito speleologico l’epicentro dell’iniziativa organizzata dall’IRCCS “Saverio de Bellis”, legata al progetto “La Scienza nell’Arte, l’Arte nella Scienza”, nell’ambito di Ern-Apulia, progetto europeo di cui lo stesso Istituto è partner. 

“Forti della partecipazione dello scorso anno – spiega il Direttore scientifico del de Bellis, Gianluigi Giannelli – in questa edizione ridecliniamo il tema del tanti, sorprendenti punti comuni tra arte e scienza in nuove modalità multisensoriali, tra pittura e danza. Sempre mantenendo la fascinazione delle Grotte, simbolo identitario della nostra comunità. Con un prologo in linea con la vocazione del nostro Istituto, sempre fortemente impegnato nello studio dei fattori collegati allo stile di vita e alla dieta mediterranea: dunque un’attività sportiva all’aperto come l’orienteering, dedicata ai ragazzi, ossia alle nuove generazioni”.   

Il Programma. Prologo dell’evento - patrocinato da Ministero della Salute, Regione Puglia e Comune di Castellana - la partenza alle ore 18 da piazzale Anelli del percorso di orienteering a cura dell’Istituto Comprensivo G. Tauro - S. Viterbo di Castellana. Nello stesso piazzale, alle 18.30, la cerimonia inaugurale della Notte Europea dei Ricercatori, con l’intervento di Maria Novella Luciani, della Direzione Generale della Ricerca e dell’Innovazione al Ministero della Salute; con lei il Presidente della Regione Puglia Michele Emiliano; Vito Montanaro, Direttore del Dipartimento Promozione della Salute e del Benessere Sociale; Francesco De Ruvo, Sindaco di Castellana; Victor Casulli, Presidente Società Grotte Srl; Tommaso Stallone, Direttore generale IRCCS “Saverio de Bellis”; Roberto Di Paola, Direttore sanitario dello stesso Istituto.

Quindi, alle 19 nella Grave delle Grotte, esperienza multisensoriale dedicata alla “Notte dei Ricercatori” con un doppio momento: La ricerca di luci e colori nella natura a cura dell’artista Natale Addamiano, con proiezioni pittoriche su stalattiti e stalagmiti introdotte dal critico d’arte Gianni Antonio Palumbo; quindi La ricerca di armonie nella natura, lavoro coreografico a cura di Giusy Frallonardo.

Alle 21, cerimonia di premiazione dei disegni dedicati alla Notte dei Ricercatori realizzati dai bambini dell’Istituto Comprensivo G. Tauro - S. Viterbo di Castellana Grotte. Introduce il Direttore Scientifico del de Bellis, Gianluigi Giannelli; consegna i premi Natale Addamiano del Museo Speleologico “Franco Anelli”. Chiusura alle 21.30 con un buffet conviviale nel Museo Speleologico “Franco Anelli”. A condurre la serata, Stefania Losito.

Lo S.M.A.U. approda per la prima volta a Taranto

Lo S.M.A.U. approda per la prima volta a Taranto

TARANTO - “Ho portato oggi il saluto istituzionale alla prima edizione di S.M.A.U. Taranto. Lo S.M.A.U. (Salone Macchine e Attrezzature per l'Ufficio) è la principale fiera italiana dedicata alle tecnologie dell'informazione e della comunicazione. Organizza un circuito di appuntamenti territoriali sulle principali regioni italiane per favorire la cultura dell'innovazione nelle imprese e negli enti locali. Oggi è toccato appunto a Taranto". Così in una nota l’assessore allo Sviluppo Economico, Mino Borraccino.

“L’iniziativa di Taranto - prosegue - è nata dalla collaborazione fra ITA-ICE (Agenzia per la promozione all'estero e l'internazionalizzazione), Camera di Commercio di Taranto e S.M.A.U., con il contributo dell'Autorità di Sistema Portuale del Mar Ionio - Porto di Taranto.
 L'evento è stato l’occasione per un confronto tra aziende, stakeholder del territorio e player del digital sui temi della Blue Economy e della Cleantech.
“In tema di Blue Economy  ho riferito che la Legge di stabilità regionale 2019 (BURP n. 165 del 31 dicembre 2018) ha previsto un contributo straordinario per la costituzione del Polo formativo di eccellenza per la Blue Economy, la nautica e la marineria a Taranto (art. 71), nonché una dotazione finanziaria al fine di sostenere un processo di trasformazione del tessuto socio-economico della città di Taranto attraverso iniziative finalizzate alla valorizzazione del potenziale di sviluppo e delle risorse locali, mediante la promozione e l’integrazione di filiere produttive legate alla Blue Economy per la realizzazione di una fiera del mare nella Città di Taranto (art. 109).
“La Clean technology, invece, si occupa di riciclo di rifiuti, uso di fonti di energia rinnovabile, razionalizzazione dei trasporti e delle fonti di illuminazione, vale a dire di trovare processi, prodotti o servizi che riducono gli impatti ambientali negativi attraverso significativi miglioramenti dell'efficienza energetica, l'uso sostenibile delle risorse e le attività di protezione ambientale.
Anche in questo campo la Regione vanta Misure dedicate. Obiettivo del Fondo PMI Tutela dell’Ambiente, per esempio, è sostenere gli investimenti delle piccole e medie imprese pugliesi nell’ambito dell’efficientamento energetico, della cogenerazione ad alto rendimento e della produzione di energia da fonti rinnovabili.
“Mentre, per le imprese che intendono effettuare investimenti più complessi, caratterizzati da ricerca industriale, sviluppo sperimentale, innovazione, internazionalizzazione sono attivi i bandi PIA Piccole e PIA Medie: si tratta di programmi integrati di agevolazione rivolti alle PMI che puntano all’innovazione attraverso lo sviluppo di materiali, processi e prodotti innovativi con una forte spinta green.
“L’iniziativa è meritoria anche perché rientra nel quadro della strategia di riconversione economica di Taranto portata avanti dal MISE, in collaborazione con le altre istituzioni nazionali e locali. La strategia prevede la realizzazione di un Piano per ridisegnare, ispirandosi all’innovazione e alla diversificazione delle attività produttive, il modello socio-economico della città, finora incentrato quasi esclusivamente sulla siderurgia”, conclude Borraccino.

Digital marketing: torna a Bari Web-ecom

Digital marketing: torna a Bari Web-ecom

BARI - Il 3 e il 4 ottobre torna, all’hotel Parco dei Principi di Bari-Palese, la terza edizione del Web-ecom (www.web-ecom.it), il più grande evento di ecommerce e digital marketing nel sud Italia.

Il Web-ecom è l'evento ideale per tutti i mechant e gli imprenditori che desiderano aggiornarsi, imparare, fare networking e business nel mondo digitale, grazie ai numerosi workshop e alle tavole rotonde con esperti di aziende di fama internazionale (Tripadvisor, AliExpress, Trovaprezzi, Kelkoo e altri).

La terza edizione del Web-ecom si articola su più sale contemporaneamente, per affrontare diverse tematiche:

  • sala ecommerce
  • sala legal
  • sala tax
  • sala logistica
  • sala retail
  • sala marketing
  • sala innovazione
  • sala piattaforme
  • sala realtà virtuale e aumentata

L’evento, sponsorizzato da BRT, GLS, Seeweb, Afone, MagicStore e Shopware, è organizzato dalla web agency barese Aproweb, guidata da Daniele Rutigliano, consulente e relatore ecommerce di fama internazionale.

Scopri tutti i dettagli su www.web-ecom.it

Smau arriva a Taranto: il 24 settembre una giornata dedicata all'open innovation

Smau arriva a Taranto: il 24 settembre una giornata dedicata all'open innovation

TARANTO - Il Roadshow Smau fa tappa nel cuore del Mediterraneo martedì 24 settembre per la prima edizione di Smau Taranto, organizzato in collaborazione con ICE-Agenzia, Camera di Commercio di Taranto e Autorità di Sistema Portuale del Mar Ionio – Porto di Taranto. Una giornata di lavori interamente dedicati all'Open Innovation e che coinvolgeranno imprese, istituzioni, abilitatori di innovazione e startup: il focus sarà in particolare sugli ambiti della Blue Economy e del Cleantech, con l'obiettivo di valorizzare le eccellenze del territorio e favorire la loro connessione con l'ecosistema nazionale dell'innovazione.

Momenti pubblici di rilascio e tavoli di lavoro sono la formula consolidata del Roadshow Smau per riunire tutti i potenziali attori dell’innovazione presenti nel territorio e favorire occasioni di collaborazione in ottica Open Innovation. Da un lato gli Smau Live Show sono eventi aperti al pubblico dove imprese e istituzioni illustrano le proprie esperienze di innovazione (le migliori riceveranno il Premio Innovazione Smau, tra cui proprio quella dell’Autorità di Sistema Portuale del Mar Ionio – Porto di Taranto), e dove una selezione di startup ha la possibilità di presentarsi con uno speed pitching di 90 secondi. Dall’altro, i tavoli di lavoro sono eventi a numero chiuso in cui imprese, istituzioni e startup si confrontano su un tema specifico, rappresentando così un’occasione importante di incontro e scambio di esperienze in corso. I temi cardine di Smau Taranto saranno, appunto, Blue Economy e Cleantech: nel tavolo di lavoro dedicato alla Blue Economy si discuterà delle prospettive di sviluppo per superare le barriere nazionali e affermarsi sui mercati internazionali; in quello sul Cleantech si parlerà di riciclo di rifiuti, uso di fonti di energie rinnovabili, razionalizzazione dei trasporti e delle fonti di illuminazione.

Durante Smau Taranto si svolgerà parallelamente anche un hackathon sul tema Ambiente 4.0 organizzato da Math2B e aperto ai talenti dell’Internet of Things: studenti universitari, laureandi STEM e giovani startupper, ma anche studenti delle scuole superiori maggiorenni. L’hackathon sarà dedicato a valorizzare la creatività, il talento e il lavoro in team dei partecipanti: il regolamento per partecipare è sul sito Smau Taranto, mentre per iscriversi è necessario compilare il form a questo link.

“Anche nell’innovazione si può parlare di specificità: ogni territorio, infatti, può esprimere una vocazione, ed è quello che approfondiremo a Taranto vedendo quali opportunità offrono settori qui strategici come la Blue Economy e il Cleantech” afferma Pierantonio Macola, Presidente di Smau. “La nostra visione dell’innovazione si fonda sull’incontro e l’Open Innovation: ci auguriamo che imprese, istituzioni e startup trovino a Smau un luogo ideale per intessere relazioni”.

“L'ICE-Agenzia, di concerto con il MISE, ha raccolto la sfida di sviluppare un piano di azioni di sostegno al territorio tarantino collaborando in stretta sinergia con i vari attori locali” sostiene Roberto Luongo, Direttore Generale di ICE-Agenzia. “Con l'obiettivo di promuovere le piccole e medie imprese sui mercati esteri, ICE-Agenzia, è presente alla prima edizione di Smau Taranto quale espressione concreta di questa collaborazione che si propone di trasmettere know-how relativo ai processi di internazionalizzazione e di rafforzare il tessuto imprenditoriale locale, favorendo il rilancio all’estero dell’immagine del territorio tarantino. In particolare, ICE-Agenzia in occasione di Smau Taranto, si propone di sostenere il posizionamento di Taranto - e relativo ecosistema - come hub d’innovazione su temi della Blue Economy e Cleantech, di valorizzare e promuovere casi di successo e buone pratiche già presenti sul territorio. Obiettivi, questi, in linea con la rinnovata enfasi che lCE-Agenzia dedica ai processi di internazionalizzazione dell'ecosistema tecnologico, dell'open innovation e delle startup del nostro Paese. Smau Taranto è solo il primo appuntamento del nostro piano di rilancio di Taranto che proseguirà con un forte programma di azioni di formazione e marketing territoriale, focalizzato sulle eccellenze produttive locali più tradizionali ed un’azione specifica di sostegno alla filiera aerospaziale, che proprio in Puglia vede uno dei cluster maggiormente attivi nel panorama nazionale."

“A settembre, il RoadShow Smau 2019 riparte dalla nostra città. È una opportunità unica, resa possibile dalla collaborazione di Smau con ICE-Agenzia e Camera di commercio di Taranto nell’ambito dell’Accordo che le due Istituzioni hanno sottoscritto nel giugno scorso per la valorizzazione delle nostre produzioni e l’incremento della competitività internazionale delle nostre imprese” commenta il Presidente della Camera di Commercio di Taranto, Luigi Sportelli. “Ne siamo fieri e grati, poiché l’evento non solo consente l’incontro e la promozione di imprese e startup operanti in ambiti particolarmente innovativi – tema sul quale è intenso e costante l’impegno della nostra Camera di Commercio -, ma assicura anche un riflettore internazionale importante per la nostra economia che proprio di confronto e visibilità, in una parola, di respiro ha bisogno.”

“I porti sono di recente entrati in un’era di accelerazione della crescita e dello sviluppo, che può essere definita come la “quarta generazione portuale”, non più legata esclusivamente all’incremento dei traffici”, conclude Sergio Prete, Presidente dell’Autorità di Sistema Portuale del Mar Ionio – Porto di Taranto. “Se da un lato resta per noi l’esigenza, in uno scenario fortemente dinamico e competitivo, di continuare a lavorare per consolidare e diversificare le attività portuali per raggiungere sempre maggiori quote di efficienza, produttività e sostenibilità, dall’altro lato l’AdSP del Mar Ionio ha ritenuto di voler valorizzare l’importanza e la dinamicità del suo ecosistema portuale attraverso percorsi di accompagnamento rivolti sia alle imprese che a quelle start up che offrono la possibilità di innovare processi, servizi e prodotti. Oggi, per l’AdSPMI, riuscire a realizzare questo processo di evoluzione del porto e del suo ecosistema in un’ottica di sostenibilità, innovazione tecnologica e digitale, rappresenta uno dei principali obiettivi strategici per la crescita della comunità portuale e dell’intero territorio jonico”.

Ennesimo riconoscimento a Matteo Gelardi dall’ANAS Puglia

Ennesimo riconoscimento a Matteo Gelardi dall’ANAS Puglia

di VITTORIO POLITO - Si è svolta il 6 settembre nella sala Consiliare del Palazzo della Città Metropolitana di Bari (ex Provincia), la Convention dell’ANAS Puglia (Associazione Nazionale Azione Sociale) sul tema: “Decreto crescita D. Lgs 117/17 - 3° Settore”.

Sono intervenuti: il vice presidente della Regione Puglia, Antonio Nunziante, che ha aperto i lavori del Convegno evidenziando ed elogiando le notevoli potenzialità dell’Associazione Regionale Pugliese presieduta da Luigi Favia; Angelo Ciliberto, presidente Regionale CONI Puglia, Francesco Meleleo e Rosanna Piacente, consiglieri della Città Metropolitana, nel corso del quale si è parlato di cultura, arte, promozione sociale, volontariato, sport, ecc.; Carlo Procopio, vice presidente Anas, e Lidia Cantoni. Nunzia Lauretano ha parlato dell’abbandono scolastico.

Nel corso della Convention sono stati consegnati al dott. Matteo Gelardi, otorinolaringoiatra e citologo nasale il “Premio Nazionale Anas”, mentre il Premio Regionale è stato assegnato all’Associazione “Incontri”. I premi consistenti in “Gioielli microsculture” sono stati realizzati dal maestro Vito Gurrado.

I lavori sono stati conclusi da Vito Bellipario e Gaetano Troccoli che hanno trattato temi relativi ad “Assicurazioni e Fisco”.

Dopo il riconoscimento della “Normale” di Pisa, il dott. Matteo Gelardi, otorinolaringoiatra e citologo nasale ha ricevuto il Premio nazionale ANAS 2019. 

Matteo Gelardi, oltre a svolgere l’attività di medico e ricercatore, è anche un divulgatore scientifico. Di grande successo sono i suoi “Art&Science”, spettacoli di cui è ideatore e regista, che da alcuni anni porta in scena in prestigiose location, tra cui il Teatro Petruzzelli di Bari. Una “performance live” che vede avvicendarsi sul palcoscenico, come primi attori, cellule e scienziati provenienti da campi d’azione diversi (medici, astrofisici, biologi molecolari), che discutono senza confini e senza limiti di appartenenza ai propri settori con critici d’arte, musicisti, coreografi, scrittori e stilisti di moda. Uno spettacolo unico nel suo genere, che parte ogni anno da uno dei tanti scatti fotografici delle cellule catturati da Gelardi al microscopio. Immagini incredibilmente colorate e suggestive che svelano la poesia del corpo umano assimilabili ad opere d’arte.

“Art&Science” è uno spettacolo dove i confini della natura diventano più labili e dove, ampliando i confini della conoscenza, il micro si fonde con il macro, la scienza scavalca i freddi muri del laboratorio e la musica la accoglie tra le sue calde note. L’ideatore di questa unione è, come detto, Matteo Gelardi, otorinolaringoiatra del Policlinico di Bari, esperto di Citologia Nasale nonché regista e sceneggiatore di questo innovativo format scientifico-culturale, diventato ormai un appuntamento annuale irrinunciabile e atteso.

“Art&Science” andrà in scena il 12 dicembre 2019 al Salone Margherita di Roma e a febbraio 2020 a Praga.

Il “Giornale di Puglia” e chi scrive, porgono al dott. Gelardi vivissimi complimenti per i prestigiosi riconoscimenti raggiunti in campo nazionale ed internazionale.

Rotary: al Politecnico di Bari 'Smart cities ed edifici ad energia quasi zero'

Rotary: al Politecnico di Bari 'Smart cities ed edifici ad energia quasi zero'

BARI - In data 4 settembre si terrà a Bari, presso il Politecnico nell’Aula Magna “Attilio Alto”, una Conferenza Internazionale 3° Forum sul tema delle “Smart Cities ed Edifici ad Energia quasi Zero”.

L’evento è stato organizzato dal Comitato Organizzatore Internazionale Iaqvec (Indoor Air Qality, Ventilation and Energy Conservation) in collaborazione con il Politecnico di Bari, la Commissione Distretto Rotary 2120 “Progetti e Piani Strategici per il Clima e l’Associazione Europea Rotary per l’Ambiente e con la Partecipazione del Comune di Bari Città Metropolitana, l’Ateneo Università di Bari, la Libera Università Mediterranea LUM, Tecnopolis, il Consorzio Mediterrae (Organismo No Profit) oltre che con l’ANCE Nazionale e la Confindustria Pugliese.

Nel corso della Conferenza preliminare del 4 settembre si darà corso alla:

1. Cerimonia di apertura della nota X^ Conferenza Internazionale IAQVEC (acronimo di Indoor Air Quality, Ventilation and Energy Conservation), sul tema “Healtly Near Zero Energy Building (acronimizzato in HN_ZEB)  che si svolgerà nei successivi giorni dal 5, 6 e 7 settembre 2019, (secondo il Flyer in Allegato “E1” ed il relativo Program Draft che riporto in allegato “E2” che allego per tua info);
2. Sottoscrizione della Charter sulla Pace e Sostenibilità Climatica, Ambientale ed Energetica, a cui hanno già formalmente aderito tutte le Autorità partecipanti al citato 3° Forum (di cui si riporta in allegato “F” la versione definitiva per tua info).
Durante i lavori tecnici, che si svolgeranno nelle tre citate giornate, si alterneranno oltre 300 Relatori provenienti da 80 Paesi del Mondo per illustrare ed aggiornarci sulle ultime tecnologie disponibili in materia di HN_ZEB che rappresenteranno la nuova frontiera costruttiva degli edifici pubblici e privati, peraltro già prevista normativamente dalla legislazione Europea (recepita anche dalle normative nazionali) a partire dal 2020.

L’evento, riferito al 3° Forum in parola, fa parte di una serie di Convegni, Forums, ecc. già avviati in precedenza, sin dal 2016 e sviluppatisi concretamente negli anni d’impegno del Rotary Club Bari Ovest, nella figura del Prof. Francesco Bellino Presidente della Società Nazionale Bioetica  e C.E. (acronimo Sibce) e dell’Inner Wheel Club di Bari Alto Terra dei Peuceti, nella figura dell’allora Presidente Roberta de Pascalis Racaniello.

Siamo lieti che questo unico Evento Internazionale si tenga, per la prima volta, a Bari e nel mediterraneo con veri auspici che si possa stimolare l‘imprenditoria locale ad innovarsi con la formazione di numerose start up capaci di traguardare questi innovativi indirizzi tecnologici volti al rispetto ed alla sostenibilità Ambientale ed Energetica.

Ci auguriamo davvero che anche attraverso queste Conferenze, si possa raggiungere un reale sviluppo dell’edilizia sostenibile e innovativi modelli di sostenibilità ambientale per la nostra terra, nel segno di nuove Best Practices e concreti progetti.

Google nei guai: maxi multa in arrivo

Google nei guai: maxi multa in arrivo

(credits: Ansa Centimetri)
Guai in casa Google. La società è finita nel mirino delle autorità americane e ora dovrà pagare una maxi multa compresa fra i 150 e i 200 milioni di dollari. Il motivo? La violazione da parte del canale youtube della privacy dei bambini.

La Soyuz attraccata alla Iss

La Soyuz attraccata alla Iss

E' stato eseguito "con successo" il secondo tentativo dalla navetta russa Soyuz MS-14 di attraccare alla Stazione spaziale internazionale (Iss). La navetta lo scorso 24 agosto aveva fallito il primo tentativo di aggancio, mentre alle 5:08 italiane ha raggiunto automaticamente il modulo 'Zvezda' della Isis. Questa volava sulla Mongolia orientale, a 400 chilometri dalla superficie terreste.

A renderlo noto la Nasa e l'agenzia russa spaziale Roscosmos, che hanno trasmesso la diretta dell'operazione. La Soyuz consegna all'equipaggio della Expedition 60 presente nel laboratorio orbitante, tra cui l'astronauta dell'Esa Luca Parmitano, medicinali, cibo e soprattutto alcuni esperimenti, come il telescopio italiano Mini-Euso, realizzato dall'Asi, in collaborazione con Roscosmos. 

A un italiano l'Oscar della Scienza

A un italiano l'Oscar della Scienza

Va a Sergio Ferrara il premio Breakthrough, l'Oscar della scienza e prestigioso come il Nobel, voluto dal miliardario Yuri Milner con Sergey Brin (Google), Mark Zuckerberg (Facebook) e Jack Ma (Alibaba).

Ferrara, noto fisico del Cern e associato Infn, è premiato con Daniel Freedman (Mit e Stanford University) e Peter van Nieuwenhuizen (Stony Brook University) per la Supergravità, la teoria che realizza il sogno di Einstein unificando relatività e fisica delle particelle.

Ferrara, l’americano Freedman e l’olandese van Nieuwenhuizen hanno vinto il premio Breakthrough, del valore complessivo di 3 milioni di dollari, per essere stati gli architetti della Supergravità e la cerimonia di consegna del premio è in programma negli Stati Uniti il 3 novembr, presso lo storico Hangar 1 della Nasa, vicino Mountain View.

Tornano le meduse in basso Adriatico: morsi sui bagnanti soccorsi dai bagnini

Tornano le meduse in basso Adriatico: morsi sui bagnanti soccorsi dai bagnini

LECCE - Torna l'allarme meduse, complice il caldo, nel mare che bagna il basso Adriatico. Dopo gli avvistamenti di luglio, i bagnanti segnalano una forte presenza di meduse nelle acque italiane in particolare a ridosso della costa ma anche a San Cataldo di Lecce, dove al Lido Verde oggi hanno rovinato la giornata di vacanza a più di qualcuno. A confermarlo tre interventi di soccorso operato nella mattinata e  pomeriggio dagli assistenti bagnanti in servizio presso la torretta, nella spiaggia di Lido Verde a San Cataldo di Lecce, su un giovane turista e due bambini. 

Da segnalare ancora la tempestiva azione e la professionalità in particolare del bagnino Francesco Mangè che ha trattato i tre bagnanti che avevano appena subito morsi di medusa su tutto il corpo ed erano visibilmente agitati. Non si può parlare di invasione, come qualcuno ha fatto ma di numeri in aumento tranquillamente sì. Le meduse, a partire dalle giornate più calde di questa estate 2019, hanno cominciato a spingersi verso il bagnasciuga ed è diventato quasi normale vederle nelle acque poco profonde mentre si nuota. 

Perchè le meduse aumentino non è ancora chiaro e non si hanno dati certi e comunque un fenomeno pare ripetersi ogni anno in coincidenza del periodo della stagione balneare. Le meduse rilasciano sostanze urticanti che provocano una reazione infiammatoria acuta caratterizzata da eritema, gonfiore, vescicole e bolle, accompagnata da bruciore e sensazione di dolore. Il tutto più o meno persistente a seconda della vicinanza del ‘contatto’.

Ecco le tre nuove specie che popolano i nostri mari: la Phyllorhiza punctata che viene dal Canale di Suez, la Drymonema dalmatinum, con un diametro anche di un metro, la Mnemiopsis leidyila, che vive sul fondo del mare con i tentacoli verso l'alto.

Poche, ma utili “regole d’oro” in caso di contatto con le meduse:

- Non strofinare bocca e occhi
- Non lavare con acqua dolce la parte colpita: usare acqua di mare e disinfettare con bicarbonato; non usare acqua fredda o ghiaccio
- Non grattare la zona ustionata (si accelera la sostanza tossica)
- Evitare impacchi con aceto o ammoniaca: è un "rimedio della nonna" del tutto inutile; anche l’uso di alcool è sconsigliato
- Non rimuovere i frammenti dei tentacoli della medusa con pinzette, ma con le mani
- Il rimedio migliore è un gel astringente al cloruro d'alluminio, utile anche per le punture di zanzara. Evitare pomate cortisoniche o antistaminiche.

Giovanni D’Agata, presidente dello “Sportello dei Diritti”, invita i bagnanti a prestare la massima attenzione rivolgendosi nei casi di contatto più eclatanti e dolorosi presso i punti di primo soccorso presenti nelle località balneari. Sarebbe il caso quindi che i  Comuni  e gli stabilimenti balneari provvedessero a segnalare la presenza di meduse con appositi  cartelli che avvisano di fare molta attenzione al momento di entrare in acqua.

Luca Parmitano è a bordo della Stazione Spaziale

Luca Parmitano è a bordo della Stazione Spaziale

(Esa)
E' giunta in sei ore sulla Stazione Spaziale Internazionale la Soyuz MS-13 con a bordo l'astronauta Luca Parmitano. Per l'astronauta dell'Agenzia Spaziale Europea (Esa), con l'americano Andrew Morgan e il russo Alexander Skvortsov, comincia così la missione Beyond, "Oltre", nella seconda parte della quale sarà al comando, primo italiano e terzo europeo ad avere questo ruolo. AstroLuca dovrà inoltre affrontare delle passeggiate spaziali ed eseguire esperimenti volti a preparare l'uomo ai lunghi viaggi verso Luna e Marte.

Parmitano e’ entrato insieme ai suoi compagni di equipaggio, l'americano Andrew Morgan e il russo Alexander Skvortsov, a circa due ore dall’aggancio della Soyuz.

Luca Parmitano è partito per la Missione Beyond

Luca Parmitano è partito per la Missione Beyond


di NICOLA ZUCCARO - Alle ore 19.28 di sabato 20 luglio 2019 (ore 18.28 in Italia) dal Cosmodromo di Bainkon in Kazakistnan, con il lancio del razzo che accompagnerà la Soyus, è partita la Missione Beyond (Oltre). Essa accompagnerà l'astronauta italiano Luca Parmitano verso la stazione spaziale internazionale. 

AstroLuca sarà al comando (il primo affidato ad un italiano ed il terzo ad un europeo ad avere questo ruolo) di questa missione che consisterà in delle passeggiate spaziali e in degli esperimenti volti a preparare lunghi viaggi verso Marte e verso la Luna. L'arrivo nell'orbita spaziale è previsto fra 6 ore.

Bari, parte il sistema di smart mobility

Bari, parte il sistema di smart mobility

BARI - Questa mattina il sindaco Antonio Decaro e il presidente dell’Amtab Pierluigi Vulcano hanno presentato la nuova app MUVT, già disponibile per IOS e  Android, e le sue funzioni in merito all’utilizzo del trasporto pubblico e della sosta a pagamento nella città di Bari.

MUVT è un sistema di accesso tecnologico ai servizi di mobilità integrata e sostenibile del Comune di Bari che, a regime, attraverso la Card MUVT,  assicurerà l’accesso a tutti i servizi di mobilità: autobus, Park&Ride, ZSR, mobilità condivisa. 

Nello specifico oggi è stata presentata l’app MUVT, la prima applicazione in dotazione all’azienda di trasporto pubblico urbano del Comune di Bari che permette, attraverso un unico dispositivo tecnologico, di: pagare la sosta su strisce blu in tutte le zone della città, pagare i titoli di viaggio a bordo degli autobus (corsa semplice, biglietto a tempo, biglietto giornaliero), pianificare i percorsi del servizio di trasporto pubblico locale e informarsi su orari, linee e percorsi.

I servizi potranno essere pagati con carta di credito, Sisal Pay, Postepay e Satispay, con la possibilità di pagare di volta in volta il singolo servizio o creare una sorta di “borsellino virtuale” da cui scalare i soldi utilizzati per i servizi prescelti.

Una volta acquistato il biglietto per il servizio di trasporto, o dopo aver pagato il dovuto per il tempo di sosta previsto, le attività di controllo saranno effettuate attraverso un telecontrollo sulla targa dell’auto da parte degli ausiliari della sosta o delle obliteratrici elettroniche capaci di leggere i dati dei biglietti acquistati direttamente dallo schermo dello smartphOne. In questi giorni, infatti, l’AMTAB sta provvedendo a dotare gli autobus delle nuove obliteratrici e ad emettere nuovi biglietti cartacei dotati di QR code leggibili dai nuovi dispositivi.

I passeggeri a bordo dell’autobus che non dispongono dell'app MUVT potranno continuare ad utilizzare il servizio di acquisto e pagamento del titolo di viaggio attraverso il sistema SMS da addebitare direttamente sul credito telefonico.

L’app consentirà inoltre di ricevere, attraverso il collegamento contactless alle paline dell’AMTAB, tutte le informazioni sull’andamento del percorso e sugli  di arrivo degli autobus.

“Chi conosce la storia di questa città e del servizio di trasporto pubblico urbano può ben capire che presentare questi dispositivi è una grande soddisfazione perché nei fatti parliamo di una rivoluzione nell’accesso al trasporto pubblico cittadino - ha commentato il sindaco -. Se penso che 5 anni fa gli autobus saltavano puntualmente le corse o faticavano in alcuni casi ad arrivare tutti interi al capolinea, mentre oggi abbiamo un parco mezzi quasi completamente rinnovato, che sarà ulteriormente integrato da  nuovi 23 autobus ibridi finanziati dalla Regione Puglia, e stiamo riprogrammando tutte le modalità di accesso al servizio per facilitare cittadini, residenti, pendolari e turisti che arrivano a Bari attraverso soluzioni innovative, mi rendo conto del grande lavoro che abbiamo fatto fino ad oggi. Lavoro che non è certamente terminato, anzi, perché per rendere il servizio di trasporto efficace, occorre che la Regione ci finanzi un numero maggiore di chilometri in modo da riorganizzare anche le linee e aumentare le corse degli autobus. La tecnologia, però, in questi anni, ci ha dato una grande mano per rendere più efficiente e accessibile il servizio, migliorando concretamente la vita dei cittadini. In questo senso siamo sicuri che la app MUVT svolgerà un ruolo importante, perché permetterà il pagamento effettivo della sosta su tutte le strisce blu della città e l'acquisto del biglietto e degli abbonamenti per gli autobus, come pure la programmazione puntuale di percorsi di viaggio, opzionando diversi sistemi di trasporto tra autobus e treni. Già da settembre garantiremo inoltre la possibilità di richiedere o rinnovare il pass per la ZSR e la ZTL attraverso la registrazione sul sito dell’Amtab e la distribuzione della card MUVT, che conterrà in un unico dispositivo l’intero sistema di mobilità urbana che ci permetterà anche di monitorare gli spostamenti dei cittadini e l’utilizzo di determinati servizi al fine di programmare in maniera più efficace l’offerta.

Vorrei ricordare, infine, che tutto questo è stato possibile grazie al lavoro degli uffici e dell’azienda comunale, grazie ai cittadini che utilizzano il servizio e al Consiglio comunale, che nel 2014 ha avuto fiducia nell’azienda votando insieme a me il piano di rilancio che non solo ci ha permesso di mantenere la proprietà pubblica dell’AMTAB e del servizio di trasporto pubblico ma anche di fare un investimento importante che oggi sta dando i primi frutti”.  

'Facebook violò la privacy': maxi-stangata da 5 mld

'Facebook violò la privacy': maxi-stangata da 5 mld

Arriva una maxi-stangata per Facebook di 5 miliardi di dollari. L'accusa per la creatura di Mark Zuckerberg è di aver violato le norme sulla privacy nel caso Cambridge Analytica. La multa - secondo quanto riporta il Wall Street Journal - è stata decisa dalla Federal Trade Commission (Ftc), l'autorità del settore, ed è la più grande mai comminata contro una società hi-tech.

L'authority aveva iniziato ad indagare nel marzo del 2018 quando fu scoperto che Cambridge Analytica per scopi politici era venuta in possesso dei dato di circa 87 milioni di utenti Facebook.

Si tratta della multa più salata di sempre comminata ad un'azienda hi-tech. Nel 2012 a Google per violazione della privacy fu inflitta un'ammenda pari a circa 22,5 milioni di dollari. Facebook aveva già accantonato nei conti del primo trimestre dell'anno una cifra di 3 miliardi di dollari per far fronte alla prevista sanzione. La decisione di punire il re dei social è stata presa a maggioranza dalla Ftc, con i repubblicani che hanno votato a favore e i democratici contro. Sarà ora all'esame del Dipartimento di giustizia.

Facebook e Instagram ancora down, niente foto e video

Facebook e Instagram ancora down, niente foto e video

Facebook e Instagram ancora down: sono moltissime le segnalazioni che giungono da tutto il mondo, dagli Usa all'Italia, con i siti e le app dei due social media che hanno smesso di mostrare agli utenti foto e video. Problemi si sono verificati anche su WhatsApp.

Secondo il sito Down Detector, specializzato nel rilevare problemi nella rete o sui social media, utenti di tutto il mondo hanno lamentato l'impossibilita' di vedere o caricare foto e video con la scomparsa di molti post. Un episodio simile si era verificato nel marzo scorso, quando Facebook, Instagram e WhatsApp si bloccarono per alcune ore. Il problema - spiegano gli esperti - potrebbe essere legato ai lavori in corso da parte degli sviluppatori di Menlo Park per l'integrazione delle tre applicazioni.

Iscriviti ora