Visualizzazione post con etichetta Scienza e tecnologie. Mostra tutti i post
Visualizzazione post con etichetta Scienza e tecnologie. Mostra tutti i post

L’aerospazio made in Puglia all’International Paris Air Show


BARI - La Regione Puglia continua a puntare sull’aerospazio quale settore strategico e potente attrattore di investimenti. Dopo il successo della conferenza internazionale di Grottaglie, partecipa alla 53a edizione dell’International Paris Air Show, manifestazione che, insieme con il Salone britannico di Farnborough, rappresenta il più importante evento mondiale per l’industria aerospaziale. L’Air Show francese si svolgerà dal 17 al 23 giugno del 2019 a Parigi-Le Bourget con un’offerta che affianca alla parte espositiva un programma fitto di incontri ed attività collaterali.

La Regione Puglia (Sezione Internazionalizzazione) in collaborazione con Puglia Sviluppo e con i due Distretti aerospaziali pugliesi, produttivo e tecnologico, accompagna a Parigi una delegazione di imprese. Con loro anche i rappresentanti del Dta (Distretto tecnologico aerospaziale), di Aeroporti di Puglia.

L’assessore regionale allo Sviluppo economico, Cosimo Borraccino, prenderà parte all’evento incontrando imprenditori, delegazioni estere e giornalisti specializzati.

“La partecipazione al Salone internazionale di Parigi – sottolinea - è un’opportunità rilevante per le nostre imprese, ma lo è ancora di più per la Puglia perché ci consente di attrarre investimenti promuovendo le opportunità presenti sul territorio pugliese. 

Oggi abbiamo a disposizione delle imprese dodici strumenti regionali di agevolazione tutti attivi e privi di scadenza. Il settore aerospaziale è stato tra i maggiori fruitori delle nostre misure con investimenti superiori ai 150 milioni di euro in questo ciclo di programmazione. Vogliamo attrarre altre realtà che producono e fanno ricerca anche facendo leva su quel patrimonio che è l’aeroporto di Grottaglie. La mia partecipazione all’evento si connette moltissimo con la valorizzazione di questo scalo”.

Per il presidente del Dta Giuseppe Acierno, “Paris Air Show è uno dei momenti più significativi, a livello mondiale, nel settore dell’aeronautica e dello spazio dove ci si confronta sul mercato, l’evoluzione tecnologica, le idee sul futuro. Consapevoli della nostra dimensione ma anche del grande lavoro sviluppato in questi anni, partecipiamo anche a questa edizione nello stand della Regione Puglia, per portare i risultati delle nostre attività ed i programmi futuri. Accanto ai programmi attivati ed in corso, l’attività convegnistica e formativa e i progetti futuri, Dta a Parigi presenta l’area Test Bed di Grottaglie per la sperimentazione delle nuove soluzioni aeronautiche, riconosciuta per decreto ed inserita nel piano nazionale aeroporti e, sempre a Grottaglie, l’unico spazioporto del sud Europa”.

Sulla stessa lunghezza d’onda il presidente di Aeroporti di Puglia, Tiziano Onesti: “La presenza di Aeroporti di Puglia al Salone internazionale dell’aeronautica e dello spazio di Parigi, dopo quella dello scorso anno a Farnborough - spiega - è un chiaro indicatore dell’assoluto valore strategico che Grottaglie, primo e  unico spazioporto italiano,  riveste per il  settore aerospaziale, un comparto di altissima specializzazione e di grande prospettiva. Nell’ambito della rete aeroportuale pugliese, prima e unica rete in Italia, Grottaglie si conferma punto di riferimento dell’aerospazio e polo di attrazione di investimenti e competenze scientifiche di livello internazionale, capaci di generare sviluppo e ricchezza per la Puglia e il Paese”.

Un’ottima occasione di promozione dell’aeroporto tarantino sarà il seminario “Italy: The Perfect Platform for Aerospace”, organizzato da ICE/Invitalia il 19 giugno dalle 9,00 alle 11,30 e finalizzato ad illustrare le opportunità di investimento presenti in Puglia e in Italia nel settore aerospaziale.

Lunedì 17 giugno, in occasione dell’inaugurazione del Paris Air Show da parte del Presidente francese Emmanuel Macron, è prevista la visita istituzionale del Presidente del Consiglio Giuseppe Conte che si recherà al padiglione Italia per conoscere le imprese e le delegazioni regionali.

Martedì 18 giugno il padiglione Italia, all’interno del quale c’è anche lo stand pugliese, sarà visitato dalla delegazione istituzionale guidata dal ministro della Difesa, Elisabetta Trenta, mentre l’assessore Borraccino incontrerà le imprese pugliesi alle 14,30.

Tra le altre attività attività collaterali che impegneranno le imprese della delegazione regionale anche l’iniziativa di networking, “B2B Meetings”, in programma dal 18 al 20 giugno 2019 organizzata dalla società BCI. 

Il 17 e il 18, alle 16,00, all’interno dello spazio istituzionale della Regione Puglia si svolgeranno degli eventi di networking per accrescere le opportunità di collaborazione con le imprese estere. 

Politecnico di Bari: conferenza internazionale sulle origini della storia dell'universo

BARI – Indietro tutta. Indietro nel tempo fino all’inizio del tempo, fino a quando tutto è cominciato, circa 14 miliardi di anni fa. Questo è il contesto su cui la ricerca scientifica, la fisica nucleare mondiale si interroga, indaga. Un esercizio di ricerca, non solo filosofico (da dove veniamo), ma che comporta ampie ricadute nella vita dell’uomo, nello sviluppo tecnologico moderno, nelle applicazioni: medicina nucleare, informatica, magnetismo, vuoto, solo per citarne alcuni.

Per concentrare e sviluppare conoscenza nella fisica nucleare alle altissime densità di energia da oggi, 10 giugno, e sino a sabato prossimo, 15 a Bari, presso Villa Romanazzi-Carducci, è in corso la XVIII° edizione della Conferenza Internazionale “Strangeness in Quark Matter”. 

Le ricerche degli scienziati partono dalla ricostruzione in laboratorio dei primi attimi di vita dell’universo dopo il Big Bang, quando cioè tutta la materia, di cui siamo fatti, era sciolta in una zuppa primordiale, il "plasma di quark e gluoni". Gli scienziati mirano dunque, a creare in laboratorio le più piccole gocce liquide del plasma primordiale (500 milioni di gradi), la materia presente pochi istanti dopo il Big Bang, quando l’Universo consisteva di un miscuglio denso e caldo 100.000 volte più caldo dell’interno del Sole di quark e gluoni (la temperatura del Sole varia da 5000-15 milioni di gradi centigradi).

L’espansione e il raffreddamento del sistema condussero quark e gluoni stessi a formare nucleoni (neutroni e protoni), che a loro volta diedero origine ai primi nuclei. 

Nella ricerca più recente, facendo collidere ioni di elementi pesanti come il nuclei di Piombo alle energie elevatissime (ultra-relativistiche) consentite dalle moderne macchine acceleratrici (come LHC del CERN), si può ricreare quell’ambiente primordiale e accedere alla comprensione dei meccanismi fondamentali dell’interazione nucleare forte. Uno degli indicatori della formazione del plasma negli scontri tra ioni è legato alla produzione di particelle molto particolari, contenenti almeno un quark “di tipo s” (detto anche “strano”): per questo la misura di particelle strane o “stranezza” viene evocata nel titolo della conferenza.

Da questi studi si potrà capire come l’Universo sia evoluto per formare Galassie dominate dalla materia e come l’antimateria si sia estinta.  

Nella giornata odierna, oltre alla presentazione dei risultati più recenti sugli esperimenti in atto al CERN di Ginevra e negli States, ha tenuto un seminario sulla prima fotografia di un buco nero il prof. Luciano Rezzolla dell’Università di Francoforte, co-autore della recente scoperta e che ha studiato fisica all’Università di Bari.

La XVIII edizione della Conferenza Internazionale “Strangeness in Quark Matter” è stata organizzata congiuntamente dal Dipartimento Interateneo di Fisica “M. Merlin" dell’Università e del Politecnico di Bari e dalla locale sezione dell’Istituto Nazionale di Fisica Nucleare (INFN), con il supporto del CERN di Ginevra, del GSI di Darmstadt, dei laboratori BNL di New York, della Società Italiana di Fisica e del Centro Fermi. 

Questa mattina hanno presenziato all’inizio dei lavori, Eugenio Di Sciascio, Rettore del Politecnico; Mauro de Palma dell’INFN, Carla Tedesco l’Assessora al Comune di Bari, all’Urbanistica e politiche del territorio.

Domotica, Borraccino: "Sottoscritto a Bari disciplinare per avvio importante progetto"


BARI - E’ stato sottoscritto oggi, presso l’Assessorato allo Sviluppo Economico, il disciplinare con il quale la Regione Puglia ha concesso, nell’ambito dell’Avviso per l’erogazione di aiuti in favore delle Medie Imprese, un contributo di 6 milioni e 233mila euro alla società N.I.R. S.r.l. per la realizzazione di un ambizioso piano di investimenti del valore complessivo di oltre 11 milioni di euro, finalizzato a realizzare, a Bari, una nuova unità produttiva destinata a erogare servizi avanzati per la gestione digitalizzata degli impianti in strutture domestiche e non. 

L'iniziativa, in sostanza, punta sulla domotica come sistema di tecnologie altamente innovative in grado di migliorare le prestazioni in diversi ambiti (dalle abitazioni private ai luoghi di lavoro) e conseguire significativi vantaggi in termini di efficientamento energetico e digitalizzazione dei processi. 

Si tratta di un investimento che guarda con coraggio e decisione al futuro e che punta a rendere il nostro territorio all’avanguardia in questo campo, dal momento che il progetto finanziato punta a sviluppare dei sistemi per la domotica in grado di gestire in maniera efficiente gli ambienti, tanto nei processi produttivi quanto nella vita quotidiana, utilizzando l'intelligenza artificiale allo scopo di comprendere le abitudini e le esigenze di chi li frequenta in modo da migliorarne il comfort complessivo e ridurre i consumi energetici e, in generale, gli sprechi.

Da questo punto di vista il piano di investimenti presentato dalla società beneficiaria appare molto ambizioso e con un tasso di innovatività estremamente avanzato, del tutto coerente con le strategie poste in essere dal Governo regionale in materia di sviluppo economico.

Sono estremamente soddisfatto – dice Borraccino -  per l’avvio di questa iniziativa che, a regime, avrà anche una significativa ricaduta di tipo occupazionale, con la creazione di almeno 33 nuovi posti di lavoro, a dimostrazione di come gli sforzi che la Regione Puglia sta compiendo per agevolare e sostenere gli investimenti in ricerca, sviluppo e innovazione rappresentino la strada maestra non solo per garantire uno sviluppo del territorio duraturo e rispettoso dell’ambiente, ma generano anche importanti opportunità di buona e stabile occupazione.

Colgo l’occasione per ringraziare i tecnici e la Struttura di Puglia Sviluppo Spa, la società in house della Regione Puglia che ha svolto l’istruttoria tecnica e la valutazione sul progetto ammesso a finanziamento, e la Dirigente della Sezione “Competitività e Ricerca dei Sistemi Produttivi, dott.ssa Gianna Elisa Berlingerio, per la competenza e il rigore amministrativo con la quale ha egregiamente gestito il procedimento amministrativo che ha portato a conseguire questo importante risultato che, sono certo, contribuirà in maniera rilevante allo sviluppo del nostro territorio.

Il futuro dello spazio parte da 'Grottaglie Spaceport for Europe'

GROTTAGLIE (TA) - L'Ente Nazionale per l'Aviazione Civile (ENAC), la Regione Puglia,  Aeroporti di Puglia S.p.A. (AdP), Distretto Tecnologico Aerospaziale (DTA)  hanno organizzato oggi, 30 maggio 2019, un incontro sul futuro del progetto spazioporto avviato sull’aeroporto di Grottaglie.

La Conferenza Internazionale "Grottaglie Spaceport for Europe" ha riunito i leader dei principali soggetti europei aerospaziali, sia delle istituzioni che dei settori commerciali, per scambiare e condividere le loro opinioni sui piani attuali e futuri dello spazioporto di Grottaglie.

Il settore spaziale e la Space Economy stanno assumendo un ruolo di rilievo nell’ambito delle politiche comunitarie sia per lo sviluppo di tecnologie innovative, sia per la necessità di avere un accesso autonomo allo spazio. 

L’Italia, al pari degli altri Paesi economicamente sviluppati, infatti, ha inserito la Space Economy tra gli obiettivi di politica economica nazionale in virtù delle forti previsioni di crescita del settore e delle ricadute stimate per l’intera economia nazionale. Un ruolo significativo all’interno del nuovo settore della Space Economy è svolto dal trasporto commerciale suborbitale che, sfruttando le tecnologie emergenti, consente lo svolgimento di operazioni di volo per finalità di attività di ricerca e di sperimentazione in microgravità e, in prospettiva, per il lancio in orbita di satelliti. 

Il Ministro delle Infrastrutture e dei Trasporti ha richiesto all’ENAC l’elaborazione di un progetto di sviluppo regolamentare per consentire operazioni di trasporto commerciale suborbitale e sostenere lo sviluppo di questo particolare settore. Al contempo, l’Aeroporto di Grottaglie è stato individuato come sito in cui sviluppare questo progetto. 

Anche il concetto di turismo spaziale continua a crescere in popolarità e vi è un numero crescente di aziende impegnate a realizzare attività in questo ambito emergente.  

Più in generale, si registra un interesse crescente che vede un incremento importante e rapido degli investimenti nei programmi spaziali.
Le capacità scientifiche, tecnologiche, industriali e di sicurezza di questi programmi generano investimenti rilevanti da parte degli Stati interessati con ritorni economici come nuovi posti di lavoro e attività industriali, ampliando guadagni e produttività in altri campi (ad esempio previsioni meteorologiche, telemedicina, monitoraggio climatico e ambientale e previsioni agricole).

Siamo di fronte a nuove tendenze che stanno caratterizzando l'industria spaziale:
- la globalizzazione del settore spaziale con più di 80 Paesi che hanno satelliti in orbita;
- l'uso commerciale dello spazio con una crescita del 296% rispetto al periodo precedente degli investimenti privati negli ultimi cinque anni; 
- lo spostamento delle infrastrutture dalla terra allo spazio, risorsa sempre più strategica per la fornitura di servizi commerciali oltre alle funzioni statali, compresi i servizi di sicurezza della vita;
- la "democratizzazione" del settore spaziale, dato che ora possono essere acquistati microsatelliti (masse sotto 91kgs.) e nanosatelliti online.

Partendo da queste basi, l'ENAC, Aeroporti di Puglia e il Distretto Tecnologico Aerospaziale hanno riunito gli attori principali a Grottaglie per analizzare le principali opportunità e preoccupazioni legate alla crescita dei lanci spaziali; la percorribilità del partenariato pubblico-privato per stimolare l'industria e, più in generale, quale ruolo possono svolgere il governo, le istituzioni pubbliche e le autorità del settore per sostenere l'industria del trasporto spaziale commerciale.

“A Grottaglie il futuro è già iniziato” ha dichiarato il Presidente dell’ENAC Nicola Zaccheo. “Dopo essere già diventato aeroporto di riferimento in attività di sperimentazione tecnologica avanzata con i droni e, più in generale, con aeromobili a pilotaggio remoto sia manned che unmanned, lo spazioporto nazionale a Grottaglie è, per il territorio e per il nostro Paese, una opportunità di sviluppo incredibile. I principali player istituzionali e industriali, sia nazionali che internazionali, oggi riuniti, affrontano tematiche solo pochi anni fa ritenute fantascientifiche, ma oggi già reali, quali l'aviolancio di satelliti, i voli suborbitali e il turismo spaziale”.

“Aeroporti di Puglia ha sempre dimostrato grande interesse per le sfide più audaci e di visione nel medio lungo termine” ha dichiarato il Presidente di Aeroporti di Puglia Tiziano Onesti. “L'interesse e il successo dell'odierna iniziativa confermano che siamo su una traiettoria di crescita che coniuga insieme ricerca, applicazione, attrazione e, non ultimo, accoglienza e qualità della vita. La nostra società, grazie al supporto costante della Regione, dell'Enac e del Governo, non può che avere una visione di sistema con la finalità di mettere insieme le sfide dell'innovazione in un settore di frontiera come quello aerospaziale, operando in un contesto socio-economico e ambientale di grande potenzialità il cui potere attrattivo viene da tutti riconosciuto e apprezzato, in Italia e all'estero”.

"L’aeroporto di Grottaglie è uno degli asset strategici più significativi ed attrattivi della Puglia e deve diventare una straordinaria leva per lo sviluppo del settore aerospaziale nazionale”  ha dichiarato il Presidente del Distretto Tecnologico dell’Aerospazio Giuseppe Acierno. “La giornata di oggi testimonia ancora una volta  l’interesse istituzionale ed industriale che in questi anni il distretto è stato capace di creare accompagnando lo sviluppo dell’ aeroporto per la sua funzione industriale attirando e concentrando interesse ed attività dei suoi soci e di  grandi imprese multinazionali Un percorso graduale che ben si inserisce nelle nuove sfide e domande del mercato dell’aerospazio sempre più trasformato dall’avvento delle nuove tecnologie e sempre più bisognoso di luoghi in cui sperimentarle e testarle. Abbiamo numerosi contratti da realizzare che siamo certi genereranno ed attrarranno  ulteriori investimenti. La nostra visione di 10 anni addietro era corretta, ora l’aeroporto deve divenire sempre più un asset all’interno di una strategia industriale nazionale che garantisca al paese ed alla Puglia maggior protagonismo e competitività sui mercati internazionali". 

I lavori sono stati aperti con i saluti di Michele Emiliano, Presidente Regione Puglia, e l’intervento dell’assessore regionale allo Sviluppo economico, Cosimo Borraccino.

Siamo al servizio di un progetto che, mi piace moltissimo, hanno chiamato Dream Chaser: la Puglia è un naturale contenitore di sogni” ha sottolineato il presidente Emiliano. “Questi sogni, con un lavoro durissimo cominciato quindici anni fa, man mano si stanno realizzando. Noi non vendiamo sogni solo sugli smartphone che poi non siamo in grado di consegnare nei tempi previsti, perché i pugliesi non lo consentono, vogliono sapere minuto per minuto quello che sei capace di fare e come lo fai. Oggi qui ci sono l’Enac e l’Agenzia spaziale italiana, che ringrazio, perché senza il loro contributo questi sogni avrebbero avuto difficoltà ad evolvere. Questi sogni sono contemporaneamente capaci di ravvivare l’orgoglio nazionale, ma anche di coniugarlo con le visioni grandi del mondo. In questa prospettiva si inserisce anche l’accordo firmato tra Seeds&Cheeps, Regione Puglia e Aeroporti di Puglia sull’agricoltura di precisione, per migliorare la produttività e studiarla, qui in Puglia. Parlare solo dell’oggi e del domani è inutile. Noi non possiamo smettere di pensare, sognare, investire sulle prossime generazioni. Non possiamo essere degli imbecilli che si limitano a vincere le prossime elezioni e basta, perché chi ragiona in questo modo distrugge l’umanità. La Puglia è una terra tradizionalmente di accoglienza, disponibile ad accogliere le novità tecnologiche senza smarrire il loro indirizzo profondamente legato alla civiltà umana. Mi auguro che questa discussione ampia sul futuro dell’Italia e dell’Europa possa avere in Puglia un luogo privilegiato, anche grazie ai rapporti cordialissimi che abbiamo costruito con tutti i paesi del mondo. Perché tutte queste progettualità hanno senso solo se sono in grado di riunirci in un’unica grande comunità, capace di sopravvivere e creare giustizia sociale e felicità”.

 “Abbiamo fortemente voluto l’evento di oggi – ha spiegato l’assessore allo Sviluppo economico Cosimo Borraccino – perché si tratta di un momento di confronto fondamentale tra istituzioni italiane e internazionali e autorevoli rappresentanti del mondo industriale. Con questo appuntamento entra nel vivo l’accordo di collaborazione sottoscritto ad aprile 2019 da Regione Puglia, Aeroporti di Puglia e Distretto Tecnologico Aerospaziale. La Regione Puglia intende rimarcare così il ruolo della “space economy” nello sviluppo delle opportunità di collaborazione della Puglia e dell’Italia con gli altri Paesi. Gli aeromobili, i veicoli spaziali e i relativi dispositivi rappresentano infatti la terza voce nelle esportazioni pugliesi verso il mondo, con un fatturato export di quasi 562 milioni di euro nel 2018. In questo comparto oggi la Puglia, anche grazie all’infrastruttura di Grottaglie,  può fare la differenza a livello nazionale e internazionale”.

Truffe online: anche la Polizia di Stato nel mirino di hacker e truffatori telematici

(Pixabay)
LECCE - Neanche la Polizia di Stato è immune dall’attenzione di hacker e truffatori telematici che non perdono l’occasione per sfruttare le ansie e le paure degli utenti della rete per approfittarne al fine di acquisire l’accesso abusivo a dispositivi o ai conti correnti. Questa volta verrebbe quasi da ridere se non ci fosse da preoccuparsi perché nel mirino dei malintenzionati è finita proprio chi indaga e reprime il crimine. A segnalarlo - rileva lo 'Sportello dei Diritti' - la pagina Facebook “Commissariato di PS On Line – Italia” della Polizia Postale che con un post con tanto di screeshot del tipico messaggino, ha fatto lanciato l’allarme: «ALERT: FALSA E-MAIL PROVENIENTE DA “POLIZIA DI STATO - MULTA” In questi giorni potreste ricevere una e-mail proveniente da “POLIZIA DI STATO – MULTA <info@guidaconsumo.it>”, nella quale il destinatario viene invitato a partecipare ad un sondaggio, con estrazione finale di 500 euro, sull’istallazione di nuovi autovelox.

Attenzione:

- Si tratta in realtà di e-mail truffaldine a cui non dare alcun seguito

- Non fornire alcun dato personale e/o relativo al proprio conto bancario».

Non resta che prestare attenzione anche quando messaggi email inaspettati hanno una parvenza istituzionale, rileva Giovanni D'Agata, presidente dello 'Sportello dei Diritti'. Ecco perché è utile seguire alcuni semplici consigli:

• Non “cliccare” sul link proposto;

• Non fornire alcun dato personale o relativo alla propria carta di credito o conto bancario;

• Effettuare la scansione del dispositivo con un antivirus aggiornato. 

Nel caso siate comunque incappati nella frode potrete rivolgervi agli esperti della nostra associazione tramite i nostri contatti email info@sportellodeidiritti.org o segnalazioni@sportellodeidiritti.org per valutare immediatamente tutte le soluzioni del caso per evitare pregiudizi.

Addio a Tam, l'ultimo rinoceronte di Sumatra maschio

Se ne è andato anche lui, Tam, l'ultimo rinoceronte di Sumatra maschio presente in Malaysia, una specie rarissima di cui ora nel Paese resta solo una femmina, Iman. Si stima che gli esemplari in vita nel mondo siano meno di 80.

Tam aveva accusato gravi problemi ai reni e al fegato. Era stato catturato e portato nella Riserva naturale Tabin di Sabah che ha dato notizia del suo decesso. Si era sperato che potesse riprodursi nella riserva ma poi si è scoperto che i due esemplari femmine erano sterili.

I rinoceronti di Sumatra, la specie più piccola di questo mammifero, si trovano in Indonesia, nel sud della Malaysia e nella Malaysia peninsulare. Secondo il Wwf se ne trovano ancora degli esemplari nella Thailandia meridionale.

Huawei presenta la Serie 20 di Honor con l'ombra dei dazi Usa


Il bando Usa fa paura a Huawei e già oggi, con la presentazione della nuova Serie 20 di Honor, sottomarca del colosso di Shenzhen, ci potrebbero essere i primi colpi di scena. Da circa un mese Honor, la casa produttrice di smartphone di fascia media, spin-off del colosso cinese, ha messo in agenda la presentazione della nuova serie e la notizia che ha scombussolato il mercato è arrivata troppo a ridosso dell'evento perché fosse possibile cancellare o rimandare.

Saranno migliaia i giornalisti e gli influencer che si ritroveranno al Battersea Evolution di Londra per il lancio del device che nelle intenzioni avrebbe dovuto rappresentare il balzo in avanti della casa e la sua consacrazione a competitor di brand blasonati nella fascia media. 

Ma più che alla Serie 20, tutti gli sguardi saranno rivolti alle espressioni del management cinese, e di quello internazionale che nel volgere di poche ore si è trovato ad avere a che fare con un pesante colpo di immagine ancor prima che industriale. 

Il colosso cinese ha assicurato di avere scorte sufficienti di chip per far fronte alle forniture dei prossimi mesi e ​nella notte gli Usa hanno annunciato un allentamento della morsa: il bando non sarà attuato prima di 90 giorni, fino al prossimo 19 agosto, e in ogni caso secondo fonti ben informate la limitazione non riguarderà la nuova serie Honor che uscirà con tutte le componenti hardware e software - ossia le funzionalità di Android - previste.

Huawei: addio a Google dopo il bando di Trump

(Pixabay)
Mountain View rompe con Huawei, sospendendo ogni attività portata avanti con il colosso tecnologico cinese, all'avanguardia nella realizzazione delle reti di nuova generazione 5G. A riportarlo in esclusiva Reuters. E' un nuovo dolorosissimo schiaffo per il colosso di Shenzhen, dopo che l'amministrazione Trump ha inserito l'azienda nella lista nera vietandone l'uso per motivi di sicurezza nazionale. 

Nel dettaglio - secondo Reuters - gli smartphone e gli altri apparati Huawei venduti fuori dalla Cina dovrebbe perdere l'accesso agli aggiornamenti del sistema operativo di Google, Android. Non solo, dovrebbero perdere l'accesso anche ad alcuni dei popolarissimi servizi di Google come il Google Play Store, YouTube e il servizio di posta elettronica Gmail.

Ma non basta. Perchè anche le aziende Usa produttrici di chip e microchip - da Intel a Qualcomm, da Xilinx a Broadcom - si sono adeguate alla linea dettata dall'amministrazione Trump e hanno tagliato i ponti con Huawei, congelando le forniture destinate al colosso tecnologico cinese. 

Trasformazione digitale: apre a Bari il nuovo Competence center di EY


BARI - EY, società leader a livello mondiale nei servizi di revisione e consulenza, ha aperto oggi a Bari EY Business Solution, il competence center per la trasformazione digitale in col¬laborazione con il Politecnico di Bari. Lo hanno presentato, nel palazzo dell’amministrazione centrale del Politecnico, il rettore Eugenio Di Sciascio e il presi¬dente di EY Advisory Spa, Fabio Gasperini. 

L’obiettivo comune è sviluppare tecnologie digitali e soluzioni innovative, per rispondere alle crescenti esigenze delle imprese del territorio e impiegare nell'ambito della trasfor-mazione digitale le migliori competenze della Puglia, in sinergia con aziende, partner tecnologici, università e start-up.
Per il nuovo polo, il cui primo nucleo viene attivato nel campus universitario, EY e il Po-litecnico di Bari hanno individuato cinque ambiti tecnologici su cui focalizzare lo svi¬luppo di competenze per creare nei prossimi tre anni nuovi modelli professionali:

1. Data and Analytics
2. Artificial Intelligence e Machine Learning
3. Robotic Process Automation
4. Mobile & Digital Factory
5. Digital Protection & Cyber Security

Con EY Business Solution, il territorio si arricchisce di un ambiente dove i giovani talenti e le imprese possono formare nuove competenze e creare soluzioni innovative all’interno di spazi co-working e smart-working. Il piano di sviluppo del nuovo competence center prevede l'assunzione di 50 persone, tra professionisti e giovani neo-laureati, entro dicembre 2019, per arrivare a 200 unità entro dicembre 2021. La prima selezione si è aperta oggi, ed è rivolta a ingegneri e ragazzi provenienti da percorsi di laurea STEM. 

Ai giovani neolaureati verrà offerto un contratto di apprendistato di 36 mesi e la possibilità di entrare nel network internazionale di EY, con un periodo iniziale di formazione e affiancamento di 3 mesi nella sede aziendale di Milano, coordinati da esperti degli ambiti tecnologici di riferimento. 

Commenta Fabio Gasperini, Presidente EY Advisory SpA: “Bari è una realtà ad alto potenziale di sviluppo in cui investire, anche grazie al Politecnico, eccellenza per la formazione degli studenti negli ambiti più innovativi legati alla trasformazione digitale. E’ con questa consapevolezza che nasce l’EY Business Solution, un competence center dove sviluppare tecnologie digitali e soluzioni innovative, dall’intelligenza artificiale alla cybersecurity, dalla robotica alla digital factory, al mobile per rispondere alle crescenti esigenze del mercato e impiegare le migliori soluzioni tecnologiche prodotte dalla Regione Puglia. Entro due anni prevediamo l’inserimento di 200 figure professionali, non solo ingegneri ma anche ragazzi provenienti da percorsi di laurea STEM”.  

Con EY Business Solution EY ha scelto di fare sistema, valorizzando le sinergie con gli atenei e l’ecosistema tecnologico pugliese, per orientare studenti, giovani e imprenditori verso progetti di innovazione, ricerca e non solo. Da analisi di EY, infatti, è emerso che questo territorio è una realtà innovativa che si distingue, in particolare, non solo per l’alto livello di tecnologia nelle scuole, per le quali la Puglia è da sempre una delle eccellenze nazionali, ma anche per la sua economia creativa e digitale legata al mondo delle start-up.

Per quanto riguarda la digitalizzazione delle scuole, Bari mostra dati significativamente superiori alla media italiana nel numero di tablet per studente (+50% rispetto alla media italiana), numero di alunni per LIM (+27% rispetto alla media regionale, e + 20% rispetto alla media italiana) e percentuale di plessi con servizi di comunicazione scuola-famiglia (+ 3%). Le scuole pugliesi hanno raccolto da anni la sfida della didattica digitale, ed i risultati di queste politiche sembrano riflettersi anche nel sistema imprenditoriale locale. In ambito smart economy, il punto di forza di Bari sono le start-up (presenti in numero 2 volte e mezzo la media del sud Italia) e soprattutto le PMI innovative (2 volte e mezzo la media italiana). Il territorio barese è molto forte anche nell’economia digitale, dove la percentuale di addetti è il doppio rispetto alla media nazionale, confermando una vocazione verso l’industria digitale testimoniata anche dalla presenza in loco di primarie aziende nazionali. Anche l’imprenditoria giovanile appare molto vivace a Bari, con una percentuale di imprese giovanili attive sul totale superiore rispetto alla media italiana (+13%).

«EY Business Solution è una bella notizia per lo sviluppo del territorio», ha commentato il rettore del Politecnico, Eugenio Di Sciascio. «Questo è un tema a noi molto caro – ha spiegato il rettore – e ormai radicato nelle politiche di terza missione del Politecnico, che ben si integra con i nostri modelli di ricerca scientifica e didattica, sempre improntati alla qualità e, soprattutto, all’utilità per i nostri giovani e le nostre imprese. Con il competence center di Ey proseguiamo sulla strada di un rapporto sempre più stretto con le imprese, un modello di collaborazione tra pubblico e privato che è apprezzatissimo dai nostri partner e dal quale non possiamo tornare indietro, se vogliamo continuare a garantire al nostro Politecnico il ruolo da protagonista che ha saputo conquistare. Ai nostri ragazzi, che sempre si distinguono anche all’estero per il talento e le competenze, raccomando di cogliere questa bella opportunità che, non a caso, viene offerta in un ambito decisivo qual è la trasformazione digitale».

Da Milano alla Puglia a bordo dell’HYPERBUS: il primo hackathon che fa viaggiare l’innovazione per mettere le idee al servizio delle imprese


MILANO - Al centro del progetto c’è il tema della riscoperta del viaggio, di un nuovo modo di considerare quella distanza mai definitiva eppure spesso inesorabile, attraversata infinite volte con alterne emozioni, soprattutto di attesa e nostalgia, il percorso che separa migliaia di giovani professionisti che lavorano e vivono a Milano, dalla loro terra di origine, la Puglia. Dove spesso ritornano per qualche giorno, carichi di aspettative, per ritrovare le energie perdute, gli affetti, magari qualche nuova opportunità di lavoro. 

L’Associazione Pugliesi a Milano, fondata nel 2013 da alcuni giovani professionisti pugliesi che vivono e lavorano a Milano, allo scopo di fare networking e valorizzare le eccellenze della loro terra di origine, ha lanciato, insieme a Confindustria Bari-BAT e ANCE Bari BAT, il progetto HYPERBUS, in collaborazione con dfarm (Digital Transformation Factory), e con i patrocini di Regione Puglia e Regione Lombardia. 

Si tratta di un inedito hackathon, una maratona di idee a bordo di un pullman di linea, che il 16 maggio partirà da Milano alla volta di Bari, facendo tappa a Gravina in Puglia. Una corsa lunga circa 9 ore e oltre 880 km a bordo dell’Hyperbus, dove i 20 giovani professionisti, selezionati tra designer, esperti di marketing, programmatori e business analyst, con l’aiuto di mentor e facilitatori esperti, si cimenteranno con alcuni business case proposti da Confindustria e Ance Bari BAT, tentando di elaborare soluzioni innovative per le aziende. Durante il viaggio saranno previste soste dove saliranno ospiti a sorpresa che animeranno lo spirito dei team e daranno un contributo al lavoro in corso. 

Questi giovani professionisti lavoreranno per la creazione di progetti innovativi in diversi settori (retail, logistica, food/turismo, associazioni di categoria, trasporti), che saranno sottoposti, una volta giunti a Bari, il 17 maggio prossimo, al management delle aziende per individuare possibili soluzioni alle problematiche rappresentate. 

Prima di giungere a Bari, l’hackathon, che si svolgerà a bordo di un pullman di linea di ultima generazione della società MarinoBus, che ha deciso di sponsorizzare l’iniziativa perché quotidianamente impegnata nella ricerca di soluzioni innovative e migliorative della customer experience dei propri passeggeri, farà tappa giovedì 16 sera, a Gravina in Puglia, per visitare il Vivaio Digitale, il primo innovation lab della “Murgia Valley” realizzato all’interno della nuova sede di Macnil Gruppo Zucchetti, sponsor di Hyperbus, per ospitare startup e innovatori digitali. 

La presentazione del progetto Hyperbus e dei 20 “viaggiatori speciali”, selezionati attraverso un contest lanciato nelle scorse settimane sul portale dell’Ass. Pugliesi a Milano, è avvenuta lo scorso 13 aprile presso la nuova sede della School of Management dell’Università LUM Jean Monnet di Milano, main partner del progetto. 

«Siamo particolarmente entusiasti di ospitare questa gara di idee, che rappresenta un ponte ideale tra Milano e la Puglia. Il contributo della LUM è prevalentemente metodologico, con l’obiettivo di formare i 20 hyperbusser sui modelli e strumenti per accelerare l’innovazione», sostiene il prof. Antonello Garzoni, Preside della Facoltà di Economia della LUM. 

«Nell’Hyperbus saliranno giovani per conoscere più da vicino la realtà economica pugliese, approfondire le esigenze di natura professionale e apportare soluzioni in termini di know-how, di innovazione e di idee», ha spiegato Nicola Tattoli, presidente e cofondatore dell’Ass. Pugliesi a Milano. 

“Con questa iniziativa– dichiara il presidente di Confindustria Bari BAT Domenico de Bartolomeo - intendiamo investire nel talento dei giovani pugliesi che si sono affermati a Milano, facilitando il trasferimento del loro know how verso le aziende del nostro territorio che, così, avranno l’occasione di sperimentare un nuovo approccio all’innovazione.” 

“Al passo con i tempi, i costruttori edili valorizzano i giovani professionisti portatori di talenti e di innovazione, nell’auspicio che essi possano ibridarsi con le attività del nostro territorio” commenta il presidente di Ance Bari e BAT Beppe Fragasso. 

Un’esperienza unica di progettazione e lavoro di squadra, che vuole rimettere in gioco talenti e professionalità, spesso formatisi in Puglia e partiti per lavoro a Milano o altrove, e dimostrare quanto queste competenze siano strategiche per la crescita del tessuto economico pugliese. 

Il progetto Hyperbus è stato realizzato in collaborazione con l’ente di formazione dot Academy, partner tecnico, e con il patrocinio di ANGI – Associazione Nazionale Giovani Innovatori e #WeAreinPuglia. 

Per informazioni: https://www.pugliesiamilano.it/hyperbus-un-viaggio-lungo-un-sogno/

Trump mette al bando Huawei

(Pixabay)
Ancora alta tensione tra Usa e Cina, in seguito alla decisione del presidente Donald Trump di vietare l'acquisto di apparecchiature Huawei e ZTE da parte di società di telecomunicazione americane. L'azienda cinese, finita nella lista nera del commercio Usa, ha replicato spiegando che la norma danneggerà imprese e consumatori frenando gli sforzi per sviluppare il 5G.

Robotica: tornano in Puglia i Digital Camp

BARI - Un camp estivo fuori dagli schemi classici per avvicinare i ragazzi alla robotica e al mondo digitale. È questa l’idea del Digital Camp organizzato da Sprint, il programma di formazione ideato da Impact Hub Bari con il supporto di aziende come Megamark, Programma Sviluppo, Its logistica Puglia e Planetek Italia che hanno deciso di investire nella formazione dei giovani talenti nostrani, e con il patrocinio di Università degli Studi e Politecnico di Bari, Camera di Commercio di Bari e Ministero dello Sviluppo Economico.

Destinato a ragazzi dagli 8 agli 11 anni, il Digital Camp intende generare nei ragazzi la consapevolezza sulle nuove opportunità del digitale, grazie all’utilizzo delle più recenti tecnologie educative. Sun approccio attivo e creativo al mondo del digitale, i bambini imparano sperimentando e giocando, in un clima divertente e appassionante, acquisiscono nuove competenze, sviluppano il pensiero critico e computazionale.

Quattro i camp in calendario tra giugno e luglio: due destinati alla robotica con Lego WeDo (dal 17 al 21 giugno e dal 1° al 5 luglio) per imparare a creare oggetti con i Lego che, una volta costruiti, diventeranno compagni di gioco dei ragazzi; e due destinati ai piccoli sviluppatori per imparare a creare videogiochi e narrazioni digitali con Scratch e ad interfacciarle con oggetti fisici connessi con la scheda controllo MakeyMakey (dal 24 al 28 giugno e dall’8 al 12 luglio). Cinque giorni ciascuno tra tecnologia e giochi di ruolo all’aria aperta, per divertirsi, fare nuove amicizie e imparare ad applicare la creatività e la fantasia al mondo della robotica. Tutti i dettagli sul sito: https://www.sprintlab.it/eventi/digital-camp-2/

Attacco hacker a WhatsApp


Attacco hacker a WhatsApp. L'applicazione di messaggistica istantanea, di proprietà di Facebook, veniva attaccata tramite una chiamata, anche senza risposta. In molti casi la chiamata scompariva dalla cronologia…

Truffe online: arrivano i finti regali di Google (che ovviamente non ne sa nulla)


ROMA - Tutti vorrebbero ricevere in regalo l’ultimo smartphone di grido. Ma come andiamo ripetendo da tempo noi dello “Sportello dei Diritti”, nessuno regala nulla per nulla, neanche il colosso del web Google. Ecco perché bisogna prestare la massima attenzione ai tentativi di truffa che ci pervengono attraverso innocui, ma solo in apparenza, messaggini che c’invitano a cliccare su un link per ricevere gratis addirittura un costosissimo Samsung Galaxy S10, ma che in realtà sono pericolosissimi “specchietti per le allodole” di hacker e truffatori telematici.

Se si seguono le istruzioni, infatti, non si fa altro che consentire a questi malintenzionati di accedere abusivamente ai nostri dispositivi per sottrarre dati personali o bancari. A ricordarcelo ancora una volta è la Polizia Postale, che con un altro post pubblicato sulla pagina Facebook “Commissariato di PS On Line – Italia”, con lo screenshot di uno dei tipici messaggi cui dobbiamo far attenzione a sottolineato che: “Congratulazioni se continui sarai il prossimo utente truffato. Non crediamo ai regali e non regaliamo i nostri dati.”. 

Attenzione, quindi! È solo verificando ogni messaggio che giunge sui nostri apparati - rileva Giovanni D'Agata, presidente dello “Sportello dei Diritti” - che si può evitare di cadere nella trappola e quindi di farsi sottrarre dati sensibili o bancari. Nel caso siate comunque incappati nella frode potrete rivolgersi agli esperti della nostra associazione tramite i nostri contatti email info@sportellodeidiritti.org o segnalazioni@sportellodeidiritti.org per valutare immediatamente tutte le soluzioni del caso per evitare pregiudizi.

Tumori: scoperto il sistema che può far morire un cancro di 'fame'


MILANO - Scoperto il meccanismo che può far morire il cancro 'di fame'. Lo studio condotto da un team di ricercatori italiani coordinati da Saverio Minucci, direttore del Programma Nuovi Farmaci dell'Istituto Europeo di Oncologia, eseguito su topi e cellule umane in vitro in laboratorio,dimostra infatti che una dieta ipoglicemica e l'assunzione di metformina possono uccidere le cellule tumorali attraverso un inedito meccanismo molecolare che, se attivato, è appunto in grado di 'affamare' le cellule del tumore.

I ricercatori hanno dunque evidenziato che una dieta che porti a un abbassamento della glicemia, associata alla somministrazione di metformina, innesca una reazione a catena che si rivela mortale per le cellule cancerose. La metformina è un farmaco ben noto e ampiamente utilizzato contro il diabete di tipo II. La ricerca è sostenuta da Fondazione AIRC per la ricerca sul cancro e presto, annuncia Minucci, inizierà la sperimentazione clinica sui pazienti. La scoperta, evidenzia Giovanni D'Agata, presidente dello “Sportello dei Diritti”, è stata pubblicata sulla rivista scientifica Cancer Cell.

Servizi a valore aggiunto su smartphone e telefonini: una piaga inarrestabile


LECCE - Più volte noi dello “Sportello dei Diritti” abbiamo segnalato il problema, che appare irrisolto, dei servizi a valore aggiunto che spesso abusivamente ci troviamo attivati su smartphone e telefonini senza alcuna autorizzazione. Il rimedio migliore è quello di prestare attenzione ad ogni messaggio che giunge sui nostri dispositivi, come ricorda la Polizia Postale in un post pubblicato sulla sua pagina Facebook ufficiale “Commissariato di PS On Line – Italia” che con lo screenshot di uno dei tipici messaggi di questi servizi ricorda: “Tutti riconosciamo questo tipico messaggio di avviso di attivazione per un servizio a valore aggiunto che più delle volte non è richiesto dall’utente. In questi messaggi spesso vengono forniti numeri telefonici o link per la disattivazione degli stessi. Consigliamo di procedere alla loro disattivazione attraverso il proprio operatore telefonico chiedendo contestualmente la restituzione del maltolto”. 

Insomma, se ci troviamo il credito telefonico azzerato o addebiti per servizi non richiesti, è sufficiente contattare il nostro operatore telefonico per pretenderne la disattivazione e la restituzione di quanto indebitamente percepito dalle aziende che hanno attivato i servizi abusivi. Se non otteniamo il rimborso integrale di quanto dovuto, rileva Giovanni D'Agata, presidente dello “Sportello dei Diritti”, si dovrà procedere con un reclamo formale contenente anche una diffida nei confronti della società telefonica e, in caso di mancata risposta o risposta insoddisfacente si potrà agire nei confronti del gestore previo tentativo obbligatorio di conciliazione innanzi al Co.Re.Com  competente per regione, o mediante il servizio conciliaweb dello stesso ente o ancora presso un organismo abilitato per la conciliazione in materia di servizi telefonici che ricordiamo essere:

Le Camere di Commercio;
Gli Organismi di conciliazione in materia di consumo di cui all'articolo 141 del Codice del consumo.
Gli Organismi di conciliazione paritetica costituiti, ai sensi dell'articolo 13, comma 2, del Regolamento di procedura per la soluzione delle controversie, dagli operatori di comunicazioni elettroniche con le associazioni di consumatori rappresentative a livello nazionale. Ad oggi, gli organismi di conciliazione paritetica iscritti nell'apposito elenco di cui all'articolo 13 - previa presentazione di apposita istanza di inserimento e verifica di conformità e aderenza ai principi di trasparenza, equità ed efficacia di cui alla Raccomandazione 2001/310/CE - sono: Fastweb S.p.A., PosteMobile S.p.A., TeleTu S.p.A./ OpiTel, TIM S.p.A., Vodafone Italia S.p.A., Wind - Tre S.p.A..

Nuova ondata di truffe online: "Your computer has been locked (Il tuo computer è stato bloccato. Chiama per ricevere supporto)"


ROMA - Un nuovo allarme da parte giunge sui canali istituzionali della Polizia Postale. Un post sulla pagina Facebook "Commissariato di PS Online - Italia" e sul sito della stessa forza di polizia, segnala l'allerta per tutti gli utenti della rete che lo “Sportello dei Diritti”, ritiene utile rilanciare per richiamare l'attenzione di tutti coloro che hanno un dispositivo connesso ad internet: «E’ in atto una nuova ondata di truffe ai danni di cittadini che, navigando su siti del tutto normali, si trovano improvvisamente davanti ad un messaggio allarmante e, all’apparenza, proveniente da Microsoft: “Security warning: Il tuo computer è stato bloccato. Errore #DW6VB36. Per favore chiamaci immediatamente al numero +39 0694804XXX. Non ignorare questo avviso critico.

Se chiudi questa pagina, l’accesso del tuo computer sarà disattivato per impedire ulteriori danni alla nostra rete. Il tuo computer ci ha avvisato di essere stato infestato con virus e spyware. Sono state rubate le seguenti informazioni: Accesso Facebook, Dettagli carta di credito, Accesso account e-mail, Foto conservate su questo computer.

Devi contattarci immediatamente in modo che i nostri ingegneri possano illustrarti il processo di rimozione per via telefonica. Per favore chiamaci entro i prossimi 5 minuti per impedire che il tuo computer venga disattivato. Chiama per ricevere supporto: +390694804XXX.”

Falsi avvisi di questo tipo sono apparsi anche in passato e sotto altre forme.

E’ importante sottolineare che a fronte della visualizzazione del messaggio non vi è alcun furto di dati personali né infezione da virus. Chiudendo la navigazione, infatti, il computer continua a funzionare normalmente.

Chiamando, invece, il numero indicato e seguendo le istruzioni telefoniche del presunto operatore, il computer viene messo disposizione del truffatore tramite assistenza remota consentendogli, in questo modo, di installare programmi illeciti e virus.

Il costo dell’intervento per il finto “sblocco” ammonta intorno ad un centinaio di euro.»

Ancora una volta, rileva Giovanni D'Agata, presidente dello “Sportello dei Diritti”, è bene seguire i consigli della Polizia Postale e delle Comunicazioni che "raccomanda di ignorare avvisi di questo tipo anche quando esercitano una forte pressione psicologica. Se avvisi di questo tipo si ripetono costantemente, è opportuno effettuare una scansione con un antivirus aggiornato per rimuovere un eventuale malware pubblicitario (adware). Infine, è sempre necessario installare un antivirus ed aggiornarlo costantemente su tutti i dispositivi. E’ bene ricordare che quando la rete presenta una situazione inaspettata, è sempre necessario documentarsi prima di prendere ogni decisione, anche avvalendosi dei canali ufficiali della Polizia di Stato". Nel caso siate comunque incappati nella frode potrete rivolgervi agli esperti della nostra associazione tramite i nostri contatti email info@sportellodeidiritti.org o segnalazioni@sportellodeidiritti.org per valutare immediatamente tutte le soluzioni del caso per evitare pregiudizi.

Weerg 3D Printing Project Award: una palestra per i futuri manufacturing designer


BARI - Chi si occupa di progettazione di prodotti manufatturieri (per brevità DFM, acronimo dell’inglese design for manufacturing), è sempre alla ricerca di riscontri esterni del proprio lavoro. Soprattutto se si tratta di ingegneri e designer alle prime armi. I feedback esterni sono essenziali per i progettisti in erba, in particolar modo coloro che si cimentano per le prime volte con gli strumenti di progettazione PCB per l'elettronica, design e DFM: si tratta di una sorta di rito di passaggio per ogni progettatore CAD, a prescindere dall’ambito nel quale opera. 

Come in molti altri ambiti, i concorsi – siano essi nazionali o internazionali – sono un banco di prova molto credibile, che nel meno nobile dei casi può fornire un parametro di riferimento degli standard internazionali del momento in uno specifico campo. Nel migliore, invece, rappresentano un vero e proprio trampolino di lancio verso il consolidamento del proprio status professionale. Non è infrequente, infatti, che alcuni di questi concorsi siano tenuti sotto stretta osservazione – quando non addirittura organizzati direttamente – dalle società di recruiting più importanti del settore. 

Tra gli eventi più smart di ultima generazione affacciatisi sulla scena internazionale negli ultimi anni, il Weerg 3D Printing Project Award si sta ritagliando in poco tempo un posto di rilievo, per l’originalità della proposta e le modalità di partecipazione. Giunto alla seconda edizione (conclusasi lo scorso 19 aprile con la vittoria del francese Benjamin Nenert, designer che lavora per la Porsche, il quale ha presentato il progetto del componente di un’auto che sta pazientemente restaurando), il contest si caratterizza per alcuni aspetti peculiari. Innanzitutto è una gara-lampo, nel senso che concede una finestra temporale molto ridotta per la presentazione dei progetti: nel caso dell’ultima edizione, il bando di gara è stato aperto agli inizi di aprile. Secondariamente, si tratta di un social contest destinato a progetti di manufatti per stampanti 3D. Il fatto che dietro ci sia un’azienda giovane e dinamica come Weerg (che ha messo a disposizione un premio di 500 € per il vincitore), specializzata in servizi di stampa 3D e CNC, rende tutto più autorevole e rappresenta di per sé una garanzia di serietà. 

D’altronde, ragionando su scala più ampia, l’applicazione di una modalità come quella della competizione a un ambito prevalentemente tecnico come il manufacturing design ha il pregio di proiettare tale attività su un altro livello. Uno stadio della progettazione in cui l’elemento tecnico non è più sufficiente a garantire il successo, ma deve essere necessariamente rinforzato da una quota non meno significativa di creatività. In genere i contest di manufacturing design si stanno rivelando un mezzo formidabile proprio nell’assolvere a tale funzione: scoprire l’artista dietro il tecnico specializzato.

Torna in scena al Petruzzelli ‘Art&Science’ 2019


di VITTORIO POLITO - Torna prepotentemente in scena al Teatro Petruzzelli di Bari, Art&Science, una performance live, un’esperienza entusiasmante che fa dia­logare, oltre alle cellule, anche professionalità e artisti in campi d’azione diversi: medici astrofisici matematici, critici d’arte, scrittori musicisti, coreografi, stilisti di moda, senza confini e senza limiti.

Un evento che si rinnova di anno in anno, capace di sorprendere con l’origina­lità e creatività di Matteo Gelardi otorinolaringoiatra e citologo nasale, ideatore e regista del format scientifico-culturale.

Dopo il grande successo al BunK’Art di Tirana (Albania) e l’importante rico­noscimento della Scuola Normale Superiore di Pisa. “Art & Science” ritorna per la terza volta al Teatro Petruzzelli di Bari.

Anche quest'anno l’evento sarà entusiasmante, afferma Gelardi, grazie al con­tributo di un importante Matematico, Antonietta Mira e di una Giornalista/Musicista Fiorella Sassanelli, troveremo le correlazioni esistenti tra MEDICINA, MATEMATICA e MUSICA

Dopo la sfilata con gli abiti “citologici” realizzati dalla stilista Giovanna Gelardi la serata proseguirà con il concerto del Gruppo Musicale “Il Complesso di Golgi” composto da medici che, assieme all'Orchestra Sinfonica Metro­politana di Bari diretta dal M° Giovanni Pompeo, al Corpo di Balletto “Coreutica” e musicisti e cantanti di fama nazionale e internazionale eseguiranno brani musicali correlati alla Matematica.

E' possibile recuperare dei file eliminati per errore?


A chi di voi non è mai capitato, per un motivo o per un altro, di perdere dei dati che si ritengono di fondamentale importanza? Adesso, è diventato facilissimo recuperare tutti i vostri files, immagini, documenti, e quanto di necessario, andati persi per i più svariati motivi, che possono essere dovuti a un’errata formattazione, al sistema operativo che va improvvisamente in crash, ad un attacco da parte di malware etc.

Recuperare i dati vuol dire riportare alla luce tutte le informazioni che sono contenute in un supporto dove è possibile memorizzare dati e, alle quali, come già detto, non è possibile più accedere a causa di un guasto o altro.

EaseUS Data Recovery Wizard Free è il software di recupero dati ideale, che ti permette, in 3 click, di individuare con la massima precisione, permettendone il ripristino, tutti i files che sono andati persi dal vostro PC, laptop, hard disk, SSD etc. E per far questo, non è richiesta alcuna specifica conoscenza in materia di recupero dati. Esiste una modalità specifica per effettuare questo processo:

Una scansione approfondita, che permette di analizzare in maniera completa del dispositivo di memorizzazione, settore per settore, tra tutte le cartelle ed i files che sono stati eliminati allo scopo di ottenere un risultato preciso e perfetto, eliminando ogni minima percentuale di errore.

Inoltre, c’è la possibilità di vedere in anteprima quali sono i files che sono disponibili per l’eventuale ripristino. Questo permette di sceglie cosa si vuole recuperare per evitare di ripristinare dei files che si ritiene non siano necessari.

Gdp Tv

150° Unità d'Italia AGRICOLTURA AGROALIMENTARE AMBIENTE Animali Annunci Approfondimento Arredamento Arte Attualità Auto e motori Avviso Pubblico Aziende Bari Bari 2014 Bari 2019 Bat Bifest 2011 Bifest 2014 Bifest 2015 Bifest 2016 Bifest 2017 Bifest 2018 Bifest 2019 Brasile2014 Bricolage Brindisi Calcio Casinò Chiesa cinema Columbus Day COMMENTO Comunicati Stampa Concerti Concorsi Corsi CROCIERE CRONACA CRONACA LOCALE CULTURA DOVE SEI? Cultura e Spettacoli Design Diari da Kinshasa Dimmi come scrivi Discoteche Donna del Giorno Economia Elezioni 2011 Enogastronomia Esoterismo Estate Esteri Eventi Expo 2015 F1 Festival del cinema di Roma 2010 Festival del cinema di Roma 2011 Festival del cinema di Roma 2012 Festival del cinema di Roma 2013 Festival del cinema di Roma 2014 Festival del cinema di Roma 2015 Festival del cinema di Roma 2016 Festival di Venezia '13 Festival di Venezia '14 Festival di Venezia '15 Festival di Venezia '16 Fiera del Levante Filastrocca film Flash Foggia Food Experience Foto Frodi Fumetti Gallery Gastronomia Gdp Junior Ghost Hunters Puglia Giochi Giubileo Gossip Grafico Hot IL MIO AVVOCATO Il Principe Azzurro Inchiesta Intervista Intrattenimento Islam isola dei famosi 5 L'Angolo della Poesia LA CURIOSITA' LA RECENSIONE Latitudeslife LAVORO Lecce Lettera al direttore Libri Link LIVE Lotterie Matera METEO milano Miss Italia MODA Mostre Motociclismo musica Necrologi NOTIZIE DAL MONDO novità musicali Oroscopo Paranormale Perle di storia pugliese photogallery PLAY: MUSICAEDINTORNI Politica Politica locale Potenza PRIMO PIANO Protezione civile Psicologia Pubblica Amministrazione Puglia Punto e a Capo Regionali 2015 Reportage ricerca Ricette Rio 2016 Roma Russia 2018 Salute e benessere Sanità Sanremo 2015 Sanremo 2016 Sanremo 2017 Sanremo 2018 Sanremo 2019 Scheda Scienza e tecnologie Scuola Sentenze europee Sessualità Silent Key Spazio Spazio Emergenti Speciale Speciale 21 dicembre Speciale amministrative 2012 Speciale Amministrative 2014 Speciale Euro 2012 Speciale Fiera Speciale Politiche '13 Spetteguless Sport Storia Taranto Tennis Territorio TICKER Top Tra scienza e fede Trasporti Turismo Tv UE Università e formazione Us version Vacanze Viabilità Viaggi Video Videogiochi Vignetta Vino diVino Voli Web Zootecnia