Header Ads

Bruxelles approva il Pnrr italiano e di altri 11 paesi

ROMA - C'è il via libera dei ministri dell'economia e delle finanze dei 27 Stati ai Pnrr di dodici Paesi. Oltre a quello dell'Italia l'ok è arrivato per quelli di Austria, Belgio, Danimarca, Francia, Germania, Grecia, Lettonia, Lussemburgo, Portogallo, Slovacchia e Spagna.

"Tutti i 12 Stati membri hanno chiesto un prefinanziamento dai fondi loro assegnati. Le decisioni adottate oggi dal Consiglio costituiscono l'ultima tappa prima che gli Stati possano concludere convenzioni di sovvenzione e accordi di prestito con la Commissione e iniziare a ricevere fondi per attuare i rispettivi piani nazionali", scrivono i ministri nel comunicato finale.

"Vorrei cominciare questo Consiglio dei ministri con una buona notizia. Il Consiglio dell'Economia e delle Finanze dell'Unione Europea ha approvato il Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza dell'Italia, insieme a quello di altri 11 Paesi. Questo via libera arriva dopo quello della Commissione Europea, che ci era stato comunicato dalla Presidente von der Leyen durante la sua visita a Roma di qualche settimana fa. L'Italia riceverà a breve circa 25 miliardi di euro, il 13% delle risorse totali destinate al nostro Paese. Questa decisione deve essere motivo di orgoglio per l'Italia", così il premier Mario Draghi all'inizio del Cdm. Il Recovery plan "è il risultato della stretta collaborazione che c'è stata all'interno del Governo e tra i ministeri. È stato approvato a larga maggioranza in Parlamento, e dopo il pieno coinvolgimento degli enti territoriali e delle parti sociali - ha detto Draghi in Cdm -. Ma deve essere anche uno stimolo a spendere bene i soldi che ci arriveranno, e a approvare in tempi rapidi le riforme che abbiamo concordato con la Commissione Europea. Questi sono infatti i presupposti necessari per ricevere tutti i 191,5 miliardi, in prestiti e sussidi. E per continuare a mostrarci un Paese credibile e affidabile". Spendere bene i fondi del Recovery plan e approvare in tempi rapidi le riforme sono i presupposti "per continuare a mostrarci un Paese credibile e affidabile. Un ruolo che, grazie al vostro lavoro, ci viene riconosciuto ogni giorno di più", ha detto il presidente del Consiglio, a quanto viene riferito, aprendo il Consiglio dei ministri.

"#ItaliaDomani si parte! Con il via libera dell'Ecofin a breve arriveranno i primi fondi per l'attuazione del nostro Pnrr. Siamo pronti a costruire un'Italia più verde, innovativa e inclusiva. L'Italia di domani", così sul profilo Twitter di Palazzo Chigi, dove compare un video con una grafica tricolore che compone la scritta Italia domani, il titolo dato dal governo italiano al Piano nazionale di ripresa e resilienza.