Header Ads

Green pass, prove d'intesa sul nuovo decreto


ROMA - Non è stata raggiunta ancora l'intesa nella maggioranza tra governo e regioni sull'utilizzo del green pass e sulla revisione dei parametri del monitoraggio con i quali vengono assegnati i colori delle regioni: sia la cabina di regia politica sia la Stato-Regioni sono slittate, ma è comunque previsto nelle prossime ore un Consiglio dei ministri per approvare il nuovo decreto. 

Toccherà quindi ancora una volta al premier Mario Draghi stemperare per trovare una sintesi. La linea di palazzo Chigi è però netta: bisogna intervenire subito per evitare di trovarsi di fronte all'incubo di nuove chiusure con i numeri di contagi crescenti registrati negli ultimi giorni nel paese.

E' chiara la posizione dei presidenti delle regioni, che hanno messo nero su bianco la loro richiesta: utilizzare il pass solo "per permettere in sicurezza la ripresa di attività fino ad oggi non consentite o limitate": eventi sportivi, concerti, discoteche, fiere e congressi. Dunque niente ristoranti, cinema, teatri, palestre, piscine.

Sulla proposta c'è la sponda di Salvini: è "proposta assolutamente equilibrata - sottolinea il leader della Lega - se applicassimo il green pass da domani mattina come vuole qualche ultra significherebbe impedire il lavoro, il diritto alla salute, il diritto allo studio, allo spostamento e alla vita ad almeno la metà della popolazione italiana". All'opposto c'è chi, come il ministro della Salute Roberto Speranza ed altri nella maggioranza, spinge per un uso 'estensivo' dei certificati.