Header Ads

Francia, spunta nuova variante Covid

(pixabay)

PARIGI - Una nuova variante Covid identificata in una manciata di paesi europei sta sollevando preoccupazioni tra alcuni professionisti della salute perché ci sono cambiamenti nella proteina spike del coronavirus che non sono mai stati visti prima. La variante, nota come B.1.X o B.1.640, è stata segnalata per la prima volta dal quotidiano francese Le Telegramme dopo aver infettato 24 persone in una scuola francese nella regione della Bretagna il mese scorso. 

Quando la variante è stata scoperta in Francia, la scuola in cui si è verificata l'epidemia è stata costretta a chiudere il 50% delle sue classi, secondo quanto riportato da Le Telegramme. Sebbene la situazione sia ora sotto controllo e nessun caso sia stato riscontrato in Francia dal 26 ottobre, ha affermato l'Agenzia regionale della sanità francese, la variante rimane sotto sorveglianza. Una manciata di casi sono stati scoperti anche nel Regno Unito, in Svizzera, in Scozia e in Italia, sebbene la variante Delta e i suoi discendenti continuino ad essere i ceppi più dominanti. Il prof. Cyrille Cohen dell'Università Bar-Ilan, che è originario della Francia e intervista e consulta regolarmente i funzionari sanitari francesi, ha spiegato che la variante B.1.640 ha alcune mutazioni senza precedenti. Uno in particolare ha attirato l'attenzione: la proteina spike, che è ciò che consente al virus di aggrapparsi alla cellula umana e avviare il processo di infezione, presenta alcune delezioni. 

La domanda è se questo renderà il virus più contagioso o meno efficace. Si ritiene che la variante provenga dall'Africa, uno scenario di cui Cohen ha detto che gli esperti di salute hanno paura e che evidenzia la necessità dell'uguaglianza dei vaccini. "Questa variante esemplifica che se si lascia una parte della popolazione mondiale senza accesso ai vaccini, il virus continuerà a moltiplicarsi e porterà a più varianti", ha affermato Cohen. Un rapporto Q4 Global Forecast pubblicato la scorsa settimana dall'Economist Intelligence Unit (EIU) ha evidenziato che mentre i paesi per lo più sviluppati hanno vaccinato con successo ampie fasce dei loro cittadini, la maggior parte dei paesi in via di sviluppo ha fatto solo progressi trascurabili. 

Il rapporto ha evidenziato in particolare i fallimenti della campagna vaccinale in Africa, dove alla fine di ottobre solo il 6% della popolazione negli stati africani è vaccinato contro il COVID. "La causa di tassi di vaccinazione così bassi è ben nota: nonostante i recenti miglioramenti, la produzione globale continua a restare indietro rispetto alla domanda, con i paesi in via di sviluppo che affrontano lunghi ritardi nell'accesso ai vaccini ", afferma il rapporto dell'EIU, aggiungendo che il programma COVAX dell'Organizzazione mondiale della sanità è riuscito a spedire solo circa 400 milioni di dosi a livello globale e che le donazioni dai paesi più ricchi sono state scarse.

Inoltre, rileva Giovanni D'Agata presidente dello “Sportello dei Diritti”, anche se i vaccini venissero consegnati, i paesi africani sarebbero in difficoltà a distribuirli, afferma il rapporto, principalmente per motivi logistici. "Non somministrare vaccini a questi paesi può sembrare OK a breve termine", ha detto Cohen, "ma a lungo termine, potremmo avere nuove varianti problematiche che si sono sviluppate in paesi non vaccinati". Ha aggiunto: “Non voglio spaventare le persone. Ci sono solo pochi casi di B.1.640 ora e potrebbe benissimo essere che in un mese potremmo dimenticarci tutti di questa variante."Ma è un esempio di cosa potrebbe accadere se non ci fosse accesso ai vaccini per tutti".