Header Ads

L'lnps riapre le pratiche per equiparare la quarantena alla malattia


ROMA - La misura prevista per il 2020 non era stata rifinanziata, suscitando le proteste di lavoratori e aziende. I fondi sono poi stati stanziati, rendendo possibile di nuovo inoltrare le richiesta. Quelle relative al 2021 saranno rifinanziate seguendo l'ordine di presentazione delle domande.

L’Inps ha aggiornato le procedure di gestione “Malattia a pagamento diretto”, in modo che venga riconosciuta l’indennità per i giorni di prognosi indicati nel certificato medico (che è necessario per l’equiparazione) per eventi dal primo gennaio al 31 dicembre 2021.

L’equiparazione della quarantena alla malattia era stata applicata nel 2020 nell’ambito delle misure anti Covid, ma non era stata poi rifinanziata nel 2021, fino al sopra citato decreto 146/2021 (il collegato fiscale alla Manovra), che ha stanziato le risorse per l’intero 2021, anche retroattivamente.

Dunque, oltre ad accogliere le nuove domande, l'Istituto nazionale di previdenza ha stabilito che tutte le pratiche per il riconoscimento della prestazione di malattia relative ai lavoratori dipendenti, con associati i certificati medici, relative al 2021 dovranno essere rimesse in lavorazione, in base all’ordine cronologico, per adeguarsi alla nuova disposizione normativa. Il messaggio contiene le indicazioni precise per le strutture territoriali.