Chiesa: è morto don Alberto D'Urso

BARI - È morto nel pomeriggio Don Alberto D’Urso, aveva 84 anni. Il 16 maggio del 1995 presso la Fondazione S.S. Nicola e S.S. Medici di Bari, insieme a Padre Massimo Rastrelli, con le Fondazioni Antiusura di Napoli, Roma, Matera e Torino dette vita alla Consulta Nazionale Antiusura San Giovanni Paolo II, il primo organismo di lotta all’usura di matrice ecclesiale. Molte altre diocesi d’Italia  lo hanno seguito negli anni. Oggi la Consulta in Italia consta 33 Fondazioni antiusura. Don Alberto è stato anche il fondatore della Fondazione Antiusura San Nicola e Santi Medici di Bari.

La Consulta nazionale antiusura, ora presieduta da Luciano Gualzetti, insieme a tutti presidenti e ai volontari d’Italia con la preghiera accompagnano Don Alberto che questo pomeriggio è tornato alla casa del Padre.

«La sua missione - dichiara Gualzetti- di servizio alle vittime di usura, ai poveri e alle persone indebitate proseguirà attraverso i volontari e tutte le persone che ha scagionato dalla trappola dell’usura. Attraverso le Fondazioni antiusura la Chiesa è in grado di offrire un esempio di apostolato competente e perseverante nei confronti delle famiglie flagellate dai debiti. Gli siamo riconoscenti per aver dato vita ad un percorso di denuncia e di lotta ad una piaga sommersa, che si nutre silenzio e omertà”. Girò tutte le diocesi del Paese per reclutare persone disponibili a mettersi al servizio delle persone a cui l’usura aveva tolto ogni speranza di vita”.

Il suo credo era che “tutti avevano diritto a una seconda opportunità. E se un fratello per una qualsiasi ragione era per terra bisognava aiutarlo a rialzarsi, qualunque fosse la causa”.

Il legislatore si è dotato della norma antiusura 108/96 grazie alle continue e perseveranti sollecitazioni delle Fondazioni Antiusura. I Pontefici negli anni, ultimo Papa Francesco, hanno sempre incoraggiato e sostenuto, Don Alberto”. Sono passati circa trent’anni dalla nascita della prima fondazione antiusura, un percorso che diventa storia del Paese.

Posta un commento

0 Commenti