Infermiera aggredita dalla moglie del boss: paura ad Altamura


ALTAMURA (BA) - Una infermiera dell’ospedale Perinei di Altamura ha denunciato un'aggressione di tipo verbale durante il proprio turno di lavoro. A raccontare l'accaduto la professionista in un post pubblicato su Facebook nel quale lamenta che, durante il turno pomeridiano, si sono presentati madre e figlio, parenti di un boss altamurano. La donna avrebbe preteso che il figlio venisse immediatamente visitato perché a suo parere versava in gravi condizioni. “Non riscontrando alcune emergenza ho dato il codice verde, al pronto soccorso funziona così” ha scritto l’infermiera.

La madre del giovane, non contenta del codice verde assegnatole, ha cominciato a lamentarsi fino a che non ha deciso di chiamare i carabinieri. “Ho ricevuto la chiamata dei Carabinieri al triage. Mi hanno detto di far entrare subito il paziente perché minacciavano di picchiarci. Per non avere rogne, sia noi che i carabinieri, questi ultimi mi hanno intimato di farlo entrare nonostante il codice verde. Alchè ho passato il medico di turno che, non so cosa abbia detto, ha deciso di farlo. La mamma ha iniziato a suonare ripetutamente al triage, una volta aperta la porta ha iniziato a insultarmi pesantemente minacciandomi. Io mi sono scocciata di essere in balia di questa gentaglia di periferia” ha concluso l’infermiera.

La donna nel post ha anche evidenziato l’assenza delle guardie giurate al momento dell'aggressione.

Posta un commento

0 Commenti