'Il profumo dell’anima': a Palazzo Pugliese le essenze Orto Parisi e l’esperienza sinestetica del 'naso' Alessandro Gualtieri


TRANI (BT) - Nugnes si prepara ad ospitare un nuovo evento, questa volta un’esperienza che parla di radici e connessioni. Orto Parisi, con il suo direttore creativo ed esperto di fragranze Alessandro Gualtieri, artista di filosofica matrice e non comune maestria tra i “nasi” europei si fonde all’estetica del luxury multi-brand store di Palazzo Pugliese in Corso Vittorio Emanuele 189 a Trani (BT), venerdì 14 ottobre dalle ore 18:00, mettendo in scena un appuntamento che si fa interprete ancora una volta del disegno di Nugnes nella valorizzazione del territorio e nella ricerca costante di nuovi linguaggi della moda. 

Stavolta la sua “pugliesità” sposa il cammino di un protagonista con radici nella nostra amata regione, che nel tempo ha costruito una solida fama internazionale come “naso eccellente” ed ora trasmette una rara esperienza sensoriale. «Con Alessandro Gualtieri e Orto Parisi apriamo a una strada nuova che vede coinvolti i 5 sensi, al centro, come punto di partenza, le straordinarie fragranze di Orto Parisi – sottolinea Beppe Nugnes, ceo di Nugnes – per rivivere i colori e i profumi della nostra Puglia, conservarne gelosamente la storia e restituire la sua unicità inimitabile da promuovere nel mondo».

La memoria olfattiva di Alessandro Gualtieri è stata il big bang della sua geniale energia creativa e del suo originale e visionario mondo artistico. Il richiamo più imperioso dell’infanzia è l’odore della terra che lo ha generato. Il suo naso, che negli anni dell’infanzia e dell’adolescenza era il sensore della curiosità nel mondo della Puglia rurale più autentica e incontaminata, è diventato la bussola di orientamento verso il successo e le nuove sfide.

Dall’incantevole Amsterdam, che lo accoglie ormai da tempo, il mondo delle sue sensuali e singolari fragranze origina l’avvento delle collezioni ‘Nasomatto’ e ‘Orto Parisi’. Questi profumi restituiscono mirabilmente le istantanee della vita di ieri ed il gusto irrinunciabile delle tradizioni passate. Lo spirito guida, come il dantesco Cacciaguida, è stato il nonno materno, Vincenzo Parisi, che gli ha trasmesso l’amore per la natura e gli aromi intensi e caratterizzanti della sua azienda agricola a Castellaneta Marina.

La lanterna di Diogene dell’arte di Alessandro Gualtieri rievoca le antiche reminiscenze dei giorni dell’infanzia a braccio con l’orto del nonno ed i suoi mille angoli magici, per vivere secondo la propria autentica natura, senza convenzioni e capricci, ed essere, quindi, felice.

ph Paola Pansini
L’olfatto accarezza il nostro subconscio e filtra delle illuminanti ed indicibili rivelazioni interiori. Il profumo complessivo della terra è spesso la sintesi di tanti odori individuali, alcuni dei quali acuti e sgradevoli. In questo impero dei sensi, una vera e propria esperienza di sinestetica valenza, che interessa tutti i 6 sensi, compreso l’umami, si muovono altre iniziative che avvicinano il mondo delle essenze al mondo delle scuole. Un gruppo selezionato di studenti delle scuole superiori di Trani, infatti, darà il proprio personale contributo collegando un ricordo ad un odore, assecondando quella che è la memoria più potente, quella olfattiva. Il principio individuato per questo workshop per la premiazione dei tre eletti è quello dell’attrazione e repulsione nei confronti dell’odore. Questo esercizio creativo invita i giovani, possibili futuri emuli del grande Alessandro Gualtieri, alla soluzione inattesa e sperimentale. I partecipanti possono attingere da questo scrigno di sapere, che li invita all’individuazione del nome e del contenitore, all’assemblaggio degli elementi e all’amalgama degli aromi. La comunicazione proposta a “The Nose” può utilizzare parole, oggetti o immagini, nella breve prova di tre minuti.

L’atteso appuntamento prevede, inoltre, un momento musicale a cura dei musicisti dell’Associazione musicale culturale Domenico Sarro, in una logica di prossimità e comunità, per creare una perfetta sinfonia in una fusione di note e strumenti musicali, omaggio simbolico agli elementi della natura utilizzati da Gualtieri per fragranze che abitano l’anima di chi le indossa.

Il corpo diventa un giardino e gli odori sono lo specchio della nostra anima nella ricerca evocativa di Orto Parisi. «Questo progetto è il mio giardino che ho piantato, fertilizzato, coltivato e raccolto» è l’eloquente manifesto del pensiero di Alessandro Gualtieri.

Nasce un mondo capace di restituire al cuore dell’uomo la sua indole più genuina e inerme, che l’olfatto ripropone. Una sorta di microcosmo che rimanda agli odori della vita, dal letame ai fiori, dal liquido seminale al focolare, sintesi perfetta e completa del ciclo della vita.

L’esplorazione che attende il pubblico nel percorso di Orto Parisi e Nugnes e del suo affascinante percorso olfattivo è un viaggio nel futuro creativo, abile a trovare nelle pieghe del passato la propria storia e la propria regione. Espressione segnata della sua capacità visionaria sarà la presentazione di una performance olfattivo-sensoriale: il suo “straccio di lusso”, un capo multisensoriale che, come una seconda pelle, ci mette in contatto con la nostra natura più ancestrale, più vera, con la nostra anima.

A completare il caleidoscopio sensoriale l’intervento dello chef stellato Michelin Felice Sgarra e del suo team di Casa Sgarra, perfettamente allineati nella proposta gastronomica e di mixology al progetto alchemico di Gualtieri, per un'esperienza di degustazione intima e totalizzante, in grado di coinvolgere tutti i sensi.

La Puglia è una tavolozza di colori e sapori, sentori ed istantanee toccanti, che fanno parte della sua indicibile ricchezza.

Posta un commento

0 Commenti