Visualizzazione post con etichetta Foggia. Mostra tutti i post
Visualizzazione post con etichetta Foggia. Mostra tutti i post

lunedì, giugno 26, 2017

Trenitalia, Frecciargento Foggia-Roma: dal 4 settembre al via nuovo collegamento

ROMA - Partirà il prossimo 4 settembre un nuovo collegamento giornaliero Frecciargento di Trenitalia tra Foggia e Roma. Le due corse faranno fermate intermedie a Benevento e a Caserta impiegando il mattino 2 ore e 42 minuti da Foggia a Roma e il pomeriggio 2 ore e 50  minuti da Roma a Foggia. Lo rende noto Trenitalia.

Dal capoluogo dauno la partenza è prevista alle 5.00 con arrivo a Roma Termini alle 7.42.  Da Roma Termini la corsa pomeridiana partirà alle 16.55 con arrivo a Foggia alle 19.45.

Il nuovo collegamento, realizzato interamente a rischio d’impresa da parte di Trenitalia, verrà realizzato estendendo le due attuali corse tra Roma e Benevento, introdotte lo scorso 11 giugno con l’attivazione del nuovo orario.

I nuovi servizi saranno inseriti nei sistemi di consultazione e vendita di Trenitalia nelle prossime settimane, conclude la nota.

"Foggia, ghetto dei bulgari: cosa fa il Comune?"


FOGGIA – La scorsa settimana il Comune di Foggia, a mezzo della Polizia Municipale, è tornato presso il cosiddetto  “ghetto dei Bulgari” nel tentativo di notificare nuovamente  l’ordinanza sindacale n.8 del 9.2.2017. Com’è noto, detta ordinanza di sgombero risale a febbraio 2017, all’epoca la procedura subì un arresto per omessa notifica alla quasi totalità dei nuclei familiari presenti nel ghetto, ma soprattutto perché mancante della traduzione in lingua bulgara. Lo denuncia il Comitato Unicef di Foggia.

Venerdì scorso, i Vigili urbani sono tornati al ghetto muniti della stessa ordinanza corredata di “traduzione” totalmente priva di ogni formalità giuridica, oltre che scritta in una lingua incomprensibile e comunque non in lingua bulgara.In ogni caso, detta ordinanza con “fogli” annessi non è stata formalmente consegnata e notificata ad alcuno.

A fronte di questo ulteriore maldestro e superficiale tentativo di sgombero, - spiega la nota - ci si chiede, in primis,quali siano le soluzioni messe in atto dal Comune nell’immediato, ma anche a lungo termine dirette alla salvaguardia dei minori e al loro diritto a crescere all’interno della famiglia di origine. L’eventuale soluzione di un collocamento di massa dei minori all’interno di strutture, con o senza le madri, sarebbe anche di difficile realizzazione poiché non condivisa con le famiglie che, di contro, attendevano degli interventi a sostegno dei nuclei familiari e, solo ad esito negativo, un eventuale allontanamento dei propri figli (come previsto normativamente). Il tutto specie alla luce della circostanza che il programmato e tanto auspicato centro diurno, frutto di una collaborazione di volontari e della Caritas, di fatto, non ha avuto mai realizzazione piena, poiché lo stesso giorno di inizio delle attività il Comune tentò la prima notifica dell’ordinanza di sgombero senza alcun preavviso o condivisione. Questa circostanza ha allarmato la comunità dei bulgari che ha inteso tutto il progetto come una “trappola”. Pertanto, tutto il lavoro dei volontari è stato vanificato. A ciò si aggiunga, l’enorme dispendio economico che il comune avrebbe con il collocamento dei minori in comunità, esborso che potrebbe essere notevolmente ridotto ipotizzando altre soluzioni a sostegno dei minori e dei nuclei familiari, conclude la nota di Unicef Foggia.

'Com’è bello il Borgo en Rose': è festa all’Incoronata


FOGGIA –Una borgata così piena di gente venuta da tutta la provincia non si vedeva da tempo: è stato un successo “Borgo en rose”, il sabato sera tra gusto e musica di Borgo Incoronata, con un percorso enogastronomico e lo spettacolo folk di Michele Mangano che hanno coinvolto oltre 2mila persone.

L’evento si è svolto nell’ambito di Borgo in Festa, una tre giorni co-organizzata da Comune di Foggia, ApsOnlyFood e l’associazione Gusta il Borgo che mette insieme gli imprenditori più rappresentativi di Borgo Incoronata. Attorno al palazzo storico e alla piazza principale della cittadella, già dal mattino e per tutto il pomeriggio, si sono sviluppate diverse attività, con i laboratori ludico-educativi per i bambini.In serata, le casette-stand sono state allestite con cura e creatività per accogliere le proposte enogastronomiche di Oleificio Cericola, azienda vitivinicola Borgo, Caseificio Scommegna, Gastronomia del Borgo, Café Society e Feudo della Selva. I visitatori hanno potuto apprezzare una borgata vestita a festa, con un’organizzazione impeccabile grazie a organizzatori e volontari.

Tutti hanno potuto assaporare salumi e formaggi, le crepes al ragù di lepre, la panzanella con olio extravergine di oliva, gli spiedini del casaro e il gelato artigianale accompagnati, naturalmente, dai vini rosé Cala Rosa e Terra Cretosa, rispettivamente medaglia d’argento e medaglia d’oro a Le Mondial du Rosé di Cannes.Il menù di Borgo en Rose si è rivelato un percorso enogastronomico d’autore, rigorosamente a chilometro zero.

L’evento ha preso il via alle 21 e ha colorato di rosa la notte di Borgo Incoronata fino all’alba. L’obiettivo della manifestazione è quello di avviare un progetto triennale di promozione della borgata. L’Incoronata è tante cose insieme, tutte belle perché appartengono all’identità stessa e alla ‘fanciullezza’ di Foggia: la Madonna nera e la sua maestosa dimora, le bancarelle del Santuario, l’aria fresca delle giornate di gita abbracciate dal bosco, e poi quei sapori meravigliosi, la dolcezza dell’uva, la fragranza del pane, la bontà dell’olio e di 100 altre leccornìe di un’agricoltura fiorente, ricca di colori e profumi.

Al centro della borgata, tra la bottega di Luciano Ciavarella – una delle personalità del Borgo, cultore e custode della storia della “cittadella” dell’Incoronata - e la Chiesa Madre, si erge il monumentale Palazzo municipale di Borgo Incoronata, progettato da Giorgio Calza Bini con le sue grandi arcate al pianterreno, ispirate ai palazzi porticati del Duecento. L’edificio-simbolo della cittadella, la cui prima pietra fu posata nel 1939, è stato illuminato artisticamente da luci rosa.

Il cuore del borgo si è conservato intatto. Quello dell’Incoronata, tra i nuclei urbani della stessa tipologia realizzati durante l’epoca fascista in Capitanata, è il borgo che ha conservato meglio e ha fatto evolvere la propria vocazione di centro vocato all’agricoltura. Il grano, la frutta e gli ortaggi, i vigneti, gli uliveti dominano questa parte del Tavoliere e sono diventati il fulcro di aziende agricole moderne, in gran parte condotte da una nuova generazione di imprenditori che hanno raccolto il testimone dei loro avi. Sono loro i protagonisti di una nuova stagione che mette al centro la borgata come nucleo propulsore di sviluppo, per Foggia e per la Capitanata.

domenica, giugno 25, 2017

Renzo Arbore, ritorno in Tv per gli 80 anni?

di NICOLA ZUCCARO - Cantautore e clarinettista (specializzazioni che gli valsero il secondo posto al Festival di Sanremo del 1986, con il "Clarinetto") conduttore radiofonico (geniale fu l'invenzione e mitica fu la conduzione, assieme al compianto Gianni Boncompagni, di Alto Gradimento, programma cult della radiofonia italiana a cavallo della prima metà degli anni '70), attore, sceneggiatore e regista.

Questa figura poliedrica corrisponde al fresco ottantenne Renzo Arbore. Nato a Foggia il 24 giugno 1937, dopo gli inizi musicali con il jazz e lo swing (generi musicali dei quali rivelò di essere un profondo conoscitore), a seguito del suo trasferimento a Napoli per gli studi universitari, Arbore conobbe il secondo amore musicale, rappresentato dalla canzone napoletana, che lo avvicinò a Roberto Murolo, idolo della sua gioventù.

Questo avvicinamento alla melodia partenopea si rivelò determinante per il suo ingresso nella Tv di Stato, conducendo programmi televisivi altrettanto celebri quali "Cari amici vicini e lontani " per i 60 anni della Radio italiana, l'Altra Domenica e Indietro Tutta. Cult della Tv che si auspica non restino tali ma che costituiscano il punto di ripartenza per Renzo Arbore di cui una Televisione italiana (RAI in primis), negli ultimi tempi un pò povera di idee e di contenuti, ne avrebbe ancora bisogno.

venerdì, giugno 23, 2017

Foggia, a Borgo Incoronata sabato sera è di scena il gusto della storia

FOGGIA – C’è un tocco in più nella serata magica di Borgo Incoronata, sabato 24 giugno: il menù del percorso enogastronomico di “Borgo en rose”, l’evento che prenderà il via alle ore 21, include il gelato artigianale dello storico bar del Santuario. Intere generazioni di fedeli e di visitatori hanno assaporato quel gelato. “Facciamo gelato da 30 anni in questo luogo magico, pieno di bellezza”, racconta Angela De Angelis. “Per Borgo en rose, abbiamo preparato due gusti squisiti. Borgo Incoronata merita un evento speciale come questo, per far riscoprire a tutti una borgata che ha sapori, profumi, natura, storia e un patrimonio architettonico di assoluto interesse”.

IL GUSTO E LA STORIA. La serata prenderà il via alle ore 21. La location è quella della piazza che si estende ai piedi del palazzo storico della borgata, la cui prima pietra fu posata nel 1939. Il Palazzo municipale fu progettato da Giorgio Calza Bini con le sue grandi arcate al pianterreno, ispirate ai palazzi porticati del Duecento. L’edificio-simbolo della cittadella sabato sera sarà illuminato artisticamente da luci rosa. Il cuore del borgo si è conservato intatto. Quello dell’Incoronata, tra i nuclei urbani della stessa tipologia realizzati durante l’epoca fascista in Capitanata, è il borgo che ha conservato meglio e ha fatto evolvere la propria vocazione di centro vocato all’agricoltura. Il grano, la frutta e gli ortaggi, i vigneti, gli uliveti dominano questa parte del Tavoliere e sono diventati il fulcro di aziende agricole moderne, in gran parte condotte da una nuova generazione di imprenditori che hanno raccolto il testimone dei loro avi.

IL FUTURO DEL BORGO. Sono loro i protagonisti di una nuova stagione che mette al centro la borgata come nucleo propulsore di sviluppo, per Foggia e per la Capitanata. “ E’ un progetto – ha spiegato Ilenia Diana di Only Food, l’Aps che ha organizzato l’evento assieme al Comune di Foggia e ai principali imprenditori del borgo -  che prevede azioni, iniziative e impegno sinergico in modo da sviluppare tutto il potenziale di Borgo Incoronata, cuore di un’identità culturale che fa di Foggia una delle città più importanti dell’agroalimentare italiano”. Main sponsor e ideatore di Borgo en rose è Luca Scapola, giovane imprenditore titolare dell’azienda vinicola Borgo Turrito.

IL MENU’ DELLA SERATA. Salumi e formaggi, crepes al ragù di lepre, panzanella con olio extravergine di oliva, spiedini del casaro e gelato artigianale accompagnati, naturalmente, dai vini rosé migliori della Capitanata, il CalaRosa e il Terra Cretosa per l’esattezza, vale a dire medaglia d’argento e medaglia d’oro a Le Mondial du Rosé di Cannes. Sarà questo il menùdiBorgo en Rose, percorso enogastronomico d’autore, rigorosamente a chilometro zero, che sabato 24 giugno offrirà una serata magica tra storia, gusto e musica a Borgo Incoronata. I ticket per partecipare alla serata, disponibili fino a esaurimento degli stessi, potranno essere acquistati sul posto. L’evento prenderà il via alle 21: tracolla, calice e la serata potrà iniziare, col palazzo storico della borgata e le sue volte illuminate di luce rosa, mentre il borgo comincerà ad animarsi di voci, musica e balli grazie allo spettacolofolk di Michele Mangano.

martedì, giugno 20, 2017

San Severo entra a far parte del Club di comuni 'EcoCampioni'

SAN SEVERO(FG) - Il Comune di San Severo è entrato a far parte del Club di comuni “EcoCampioni”, creato da COMIECO, Consorzio Nazionale Recupero e Riciclo degli imballaggi a base cellulosica, e Regione Puglia. Si tratta di un gruppo di comuni che, sulla base di specifici parametri di raccolta (procapite carta CER 200101 ≥ 20 kg/ab; livello raccolta differenziata ≥ 45%; convenzione con Comieco), si sono distinti per una efficace gestione della raccolta della carta e del cartone.

L’obiettivo del Club è dare visibilità ai Comuni del Club e diffondere le buone pratiche di raccolta, promuovendo l’esperienza dei Comuni che vantano risultati di eccellenza, e che quindi rappresentano l’esempio da seguire, attivando con loro un percorso comune finalizzato ad un ulteriore miglioramento delle performance di raccolta grazie al supporto garantito da Comieco.

lunedì, giugno 19, 2017

Pesca abusiva di ricci di mare, maxi-sequestro della Forestale a Monte Sant'Angelo


FOGGIA – Nella notte tra il 16 e 17 giugno i militari della Stazione Carabinieri Parco di Lago Salso, unitamente ai militari della Stazione Carabinieri di San Giovanni Rotondo, durante un’attività durata tutta la notte in località Baia delle Zagare agro di Mattinata, hanno sorpreso un gommone che si dirigeva verso la spiaggia. Atteso l’ormeggio del gommone, senza farsi notare i militari sono riusciti a sorprendere gli occupanti, mentre sbarcavano 2 contenitori in plastica colmi di mitili.

A questo punto i militari hanno identificato i tre uomini, provvedendo al controllo del contenuto dei contenitori, nei quali erano presenti circa 2000 ricci di mare (paracentrotutus lividus), pescati abusivamente in periodo in cui vi è il divieto assoluto della pesca ai ricci.

Ai tre sono state elevate per le violazioni commesse sanzioni amministrative, nonché si è proceduto al sequestro amministrativo del gommone marca Gamma Marine 200, con fuoribordo Mercury da 15 cv. e attrezzi da pesca. I ricci sono stati liberati in mare contestualmente all’intervento come previsto dalla norma.

sabato, giugno 17, 2017

Foggia, il palazzo storico dell'Incoronata si tinge di rosa


FOGGIA - C’è l’olio dell’Oleificio Cericola, premiato col “Leone d’Oro dei Mastri Oleari”; ci sono i vini Borgo Turrito con irosémedagliati nei concorsi di tutta l’Europa; e poi, ancora, le squisite eccellenze del Caseificio Scommegna, le bontà della Gastronomia del Borgo e del Café Society, le location e l’arte dell’ospitalità di Feudo della Selva. Tutte insieme, le migliori realtà imprenditoriali dell’Incoronata, il Comune di Foggia e Ilenia Diana responsabile dell’ApsOnlyFood, hanno deciso di scommettere sulla bellezza e le potenzialità del Borgo: un nucleo urbano storico, posto nel cuore dei 1000 ettari di verdedel Parco Regionale istituito nel 2006, dove sorgono uno dei boschi di pianura più belli d’Europa e il Santuario della Madonna Incoronata.

BORGO EN ROSE DENTRO BORGO IN FESTA - Fortemente voluto e promosso dall’Amministrazione Comunale di Foggia, grazie all’impegno personale del sindaco Franco Landella e dell’assessore Claudio Amorese, dal 23 al 25 giugno 2017 si terrà “Borgo in Festa”, tre giorni di eventi, enogastronomia, spettacoli e visite guidate. Nell’ambito di Borgo in Festa, sabato 24 giugno, dalle ore 21, Borgo Incoronata indosserà l’abito di gala per “Borgo en rose”. La tarantella del Maestro Michele Mangano, sarà la colonna sonora di una serata alla scoperta delle bellezze e dei sapori della storica borgata.

Borgo en Rose, attraverso il filo conduttore dei migliori vini in rosé della Capitanata, accompagnerà i visitatori lungo un ricco e gustoso percorso enogastronomico. L’eventoè aperto alla partecipazione di tutti. Al percorso enogastronomico si potrà partecipare acquistando un ticket. Anche il dress code consigliato è il rosa per le donne e il bianco, con particolari “en rose”, per i cavalieri.Borgo en Rose, che ha come ideatore e main sponsor ufficiale Luca Scapola titolare dell’azienda vinicola Borgo Turrito, nonché coordinatore di Gusta il Borgo, associazione che mette insieme gli imprenditori della borgata.

UN PALAZZO ILLUMINATO DI ROSA - Al centro della borgata, tra la bottega di Luciano Ciavarella e la Chiesa Madre, si erge il monumentale Palazzo municipale di Borgo Incoronata, progettato da Giorgio Calza Bini con le sue grandi arcate al pianterreno, ispirate ai palazzi porticati del Duecento. L’edificio-simbolo della cittadella sarà illuminato artisticamente da luci rosa. Il cuore del borgo si è conservato intatto.Quello dell’Incoronata, tra i nuclei urbani della stessa tipologia realizzati durante l’epoca fascista in Capitanata, è il borgo che ha conservato meglio e ha fatto evolvere la propria vocazione di centro vocato all’agricoltura. Il grano, la frutta e gli ortaggi, i vigneti, gli uliveti dominano questa parte del Tavoliere e sono diventati il fulcro di aziende agricole moderne, in gran parte condotte da una nuova generazione di imprenditori che hanno raccolto il testimone dei loro avi.Sono loro i protagonistidi una nuova stagione che mette al centro la borgata come nucleo propulsore di sviluppo, per Foggia e per la Capitanata. Un progetto che prevede azioni, iniziative e impegno sinergico in modo da sviluppare tutto il potenziale di Borgo Incoronata, cuore di un’identità culturale che fa di Foggia una delle città più importanti dell’agroalimentare italiano.

Info: https://www.facebook.com/BorgoenRose/

giovedì, giugno 15, 2017

Treni, Foggia-Roma fantasma: "La situazione è grave ma non è seria"

BARI - Nota del presidente del Gruppo consiliare ‘Alternativa Popolare’, Giannicola De Leonardis. “La situazione è grave, ma non è seria”. Ci perdoni - dichiara De Leonardis - Ennio Flaiano per l’utilizzo della sua metafora (riferita alla politica), ma è perfetta per sintetizzare, senza bisogno di aggiungere altro, quanto sta accadendo in Puglia e in particolare a Foggia. Ricordiamo alcuni passaggi: il sindaco di Bari Antonio Decaro chiede di inserire nell’orario estivo di Trenitalia un collegamento ferroviario diretto dal capoluogo di regione alla capitale, il mattino presto. Il sottoscritto, le istituzioni locali, le organizzazioni di categoria e il territorio si permettono di far notare che esisterebbero anche la stazione e la provincia di Foggia, ampiamente penalizzate sul piano infrastrutturale dalla perdurante chiusura dell’aeroporto ‘Gino Lisa’.
Dopo il clamore iniziale, viene ventilata l’ipotesi di un collegamento diretto tra Foggia e Roma, con partenza intorno alle sei del mattino, che verrebbe incontro all’esigenza di molti – non automuniti - di raggiungere la capitale in un orario accettabile per impegni di studio, lavoro e di varia natura, senza l’obbligo di pernottare la sera precedente o di viaggiare di notte con autobus. Si arriva così alla presentazione del nuovo orario, e del nuovo collegamento non solo non c’è traccia, ma al danno si aggiunge la beffa: all’orario ipotizzato parte da Foggia un treno, senza alcun passeggero a bordo, diretto a Benevento per poi ripartire direzione Roma, stavolta (come ovvio) con i fortunati cui viene riconosciuta la possibilità di salire.
Impossibile, a rigor di logica, capire le ragioni di questo vero e proprio accanimento verso un territorio. Un compito che spetta all’assessore ai Trasporti Giovanni Giannini, cui chiediamo un intervento immediato e un incontro con i manager aziendali, magari gli stessi che una settimana fa nel corso di un’audizione in Commissione Trasporti decantavano la crescita della qualità, dell’offerta e del gradimento dell’utenza per i servizi offerti da RFI. Rifugiarsi nel silenzio, un assordante silenzio, è l’ultima delle risposte da dare adesso a una comunità stordita da continui schiaffi, stanca, delusa, mortificata ma non ancora rassegnata”, conclude De Leonardis.

Foggia, brucia materasso: romeno ustionato

FOGGIA - Attimi di paura per un romeno 46enne, ricoverato agli Ospedali Riuniti di Foggia per le ustioni riportate mentre dormiva dopo che il suo materasso ha preso fuoco, forse a causa di un mozzicone di sigaretta rimasto acceso. Il dramma si è sfiorato all'alba, in un vecchio stabile del centro di Foggia in disuso da diversi decenni e dove vivono alcuni stranieri.

L'uomo, avvolto dalle fiamme, e' fuggito correndo per un centinaio di metri e poi si e' accasciato al suolo nei pressi del palazzo del Comune. Soccorso da alcuni passanti, il 46enne e' stato trasportato all'ospedale e sottoposto alle cure dei sanitari. Le sue condizioni non sarebbero gravi.

Al via gli accertamenti di Cc e Vigili del fuoco sulle cause dell'incendio.

Peschici, incendio in autorimessa

FOGGIA - Momenti di paura a Peschici, nel Gargano, a causa di un incendio divampato in un'autorimessa alle porte della cittadina. In particolare quattro autocarri ed un furgoncino sono andati distrutti la scorsa notte in un rogo di una ditta di soccorso stradale. L'area non e' dotata di videosorveglianza.

In corso le indagini dei carabinieri per accertare la natura dell'incendio e hanno ascoltato il titolare dell'attivita', gia' noto alle forze di polizia, che ha riferito di non aver mai ricevuto minacce o richieste estorsive.

Foggia, con 'Borgo en rose' l’Incoronata mette l’abito da sera

FOGGIA - Nel “film” personale della vita di ogni foggiano, Borgo Incoronata è un luogo presente da sempre. Tra i ricordi in bianco e nero e quelli più recenti, coi colori vivi del presente, l’Incoronata è tante cose insieme, tutte belle perché appartengono all’identità stessa e alla ‘fanciullezza’ di Foggia: la Madonna nera e la sua maestosa dimora, le bancarelle del Santuario, l’aria fresca delle giornate di gita abbracciate dal bosco, e poi quei sapori meravigliosi, la dolcezza dell’uva, la fragranza del pane, la bontà dell’olio e di 100 altre leccornìe di un’agricoltura fiorente, ricca di colori e profumi.

Quanto ci vuole per arrivare da Foggia a Borgo Incoronata? Niente, il tempo di un lampo nella memoria, 10 minuti scarsi per ritrovarsi giusto al centro di quel “film” dei ricordi e aggiungervi nuove scene. La borgata, durante tutta la sera e la notte di sabato 24 giugno, si colorerà letteralmente di luce nuova con Borgo en Rose, un percorso enogastronomico tra musica, gusto e cultura alla scoperta delle aziende e dei prodotti più rappresentativi della grande vocazione e tradizione contadina espressa dalla borgata, con eccellenze di prim’ordine.

San Severo presto sede del Reparto Prevenzione Crimine

SAN SEVERO (FG) - Nel corso della Commissione Parlamentare Antimafia il Ministro dell’Interno sen. Marco Minniti ha ufficializzato una notizia di fondamentale rilevanza per la nostra comunità, dichiarando che molto presto la Provincia di Foggia ed in particolare la città di San Severo, sarà presto sede del Reparto Prevenzione Crimine.

“Penso che si possa arrivare al concepimento della costituzione a San Severo di un Reparto Prevenzione Crimine – ha dichiarato nel corso del suo intervento il Ministro Minniti – per testimoniare il massimo di impegno da parte delle istituzioni statuali”. Come è noto, lo scorso febbraio, al culmine di n momento di particolare recrudescenza del fenomeno criminalità a San Severo, il Sindaco avv. Francesco Miglio, nel corso di un incontro in Ministero, aveva inoltrato una serie di richieste al Ministro, a cominciare proprio dalla istituzione del Reparto Prevenzione Crimine e della istituzione di un centro DIA – Direzione Investigativa Antimafia – nella nostra Provincia: “Le parole pronunciate ieri dal Ministro Minniti nel corso dei lavori della Commissione Parlamentare Antimafia – afferma il Sindaco – gonfiano di orgoglio e speranza il nostro petto, perché sono state recepite in pochi mesi le istanze della gente di San Severo: e’ stato attribuito il giusto peso e significato ad un territorio che ha invocato a gran voce una esigenza maggiore di controllo e tutela dell’ordine pubblico, un diffuso desiderio di legalità e nel contempo sono di forte auspicio e speranza per il futuro. E’ un successo che attribuisco esclusivamente alla nostra comunità, 10.000 sanseveresi sono scesi per le strade solo pochi mesi fa per chiedere ascolto ed aiuto allo Stato, mostrando il lato migliore di San Severo, che è fatto di gente perbene. Ci abbiamo messo il cuore, la faccia, tutto il nostro impegno, ora attendiamo che, in tempi rapidi, sia dato seguito alla istituzione del Reparto Prevenzione Crimine nella nostra città. E’ un segnale forte e nel contempo autorevole della presenza dello Stato. Quanto alla DIA nella nostra provincia il Ministro Minniti ha detto ieri che si sta valutando tale possibilità e noi attendiamo fiduciosi. Questa mattina mi sono sentito telefonicamente con il Capo di Gabinetto del Ministro, Prefetto Mario Morcone, il quale mi ha comunicato che a giorni sarò nuovamente audito dal Ministro per una riunione propedeutica ad una sottoscrizione di una convenzione al fine di individuare l’immobile che ospiterà la sede dell’istituendo reparto” conclude il Sindaco Miglio.

martedì, giugno 13, 2017

Paura a San Severo, sparatoria in Via Cavour: 1 morto

SAN SEVERO - Pochi minuti fa si é verificata l’ennesima sparatoria nella città della Capitanata. In via Cavour un uomo ha esploso alcuni colpi d’arma da fuoco. Ancora da chiarire la dinamica di quanto accaduto ma la vittima é stata colpita gravemente, morendo poco dopo.

Tanta paura per i residenti ancora in stato di shock. Sul posto è intervenuta la polizia.

'Fly Gargano', visitarlo in elicottero è più bello

FOGGIA - Un progetto di promozione territoriale per la creazione di un nuovo itinerario esperienziale in elicottero sul Gargano: dalle oniriche Isole Tremiti alla suggestiva Monte Sant’Angelo con il suo Santuario di San Michele Arcangelo (Patrimonio UNESCO), da Vieste a Manfredonia, la porta del promontorio garganico con le sue “le Basiliche” di Siponto.

È questa la mission di “Fly Gargano”, il progetto ideato dalla Società Alidaunia assieme all’Associazione di Promozione Territoriale “Fly Gargano” utile ad incentivare, attraverso delle fattive riduzioni sui costi, l’utilizzo dell’elicottero per scoprire il Gargano attraverso itinerari che coinvolgeranno Vieste, le Isole Tremiti, Manfredonia e Monte Sant’Angelo.

La presentazione alla stampa del progetto avverrà sabato 17 giugno alle ore 9.30 presso la Sala Conferenze del Centro Alidaunia (Foggia, S.S.673 Km.19,00). Interverranno: l’Avv. Roberto Pucillo (Amministratore Unico Alidaunia s.r.l.), il Dott. Felice Piemontese (Project Manager di “Fly Gargano”) e Fabrizio Baia (Presidente dell’Associazione di Promozione Territoriale “Fly Gargano”). Al termine della conferenza stampa è prevista una escursione a bordo di uno degli aeromobili della Società Alidaunia con atterraggio presso le Isole Tremiti.

Il programma – riservato esclusivamente alla stampa – prevede quanto segue:
-       ore 09,30: conferenza stampa di presentazione del progetto “Fly Gargano” presso Sala Conferenze centro Alidaunia
-       ore 11,00: partenza in elicottero da Foggia, destinazione Isole Tremiti
-       ore 11,30: arrivo presso l’elisuperficie Alidaunia delle Isole Tremiti

Coffee break con l’Amministratore Unico di Alidaunia s.r.l. Roberto Pucillo e illustrazione dei nuovi obiettivi della società

-       ore 12,30: partenza in elicottero dalle Isole Tremiti, destinazione Foggia
-       ore 13,00: arrivo presso l’elisuperficie Alidaunia di Foggia

Per esigenze legate alle disponibilità di posti sull’elicottero saranno consentiti massimo un accredito per testata giornalistica web/radio/carta stampata e massimo due accrediti (eventualmente riducibili ad uno per esigenze logistiche) per testata giornalistica tv entro le ore 18 di giovedì 15 giugno p.v..

sabato, giugno 10, 2017

SERIE B. Foggia, Stroppa e Mazzeo hanno rinnovato il contratto

(ANSA)
di FRANCESCO LOIACONO - Il Foggia ha confermato il tecnico Giovanni Stroppa per il prossimo campionato di B, torneo che i dauni giocheranno dopo ben 19 anni. Stroppa ha rinnovato fino al 2019, per due stagioni. Resterà anche l’attaccante Mazzeo, il quale ha firmato per due anni. Conferme queste fondamentali per due grandi artefici della trionfale stagione nel girone C di lega pro.

La società dauna è in trattativa con la Paganese per farsi rinnovare il prestito dell’esterno di centrocampo Deli, che ha anch’esso contribuito al salto tra i cadetti. Si cercherà un accordo con l’Atalanta per fare restare a Foggia il laterale Agazzi. Sarebbe importante confermare anche il difensore Loiacono, il trequartista Chiricò e l’attaccante Sarno. Il terzino Martinelli nei giorni scorsi ha dichiarato che sarebbe entusiasta di restare in Capitanata. Non dovrebbe essere difficile trovare con lui un accordo per l’ingaggio.

Il Foggia sembra interessato al regista franceseMilinkovic che ha giocato nel Messina, ma è di proprietà del Genoa. E’ stato tra i giocatori migliori della fase regolare del girone C di lega pro, realizzando anche 7 gol. La società dauna avrebbe inoltre contattato la Cremonese, anch’essa neo promossa in B, per cercare di ingaggiare il terzino montenegrino del 1997 Bajic il quale ha disputato un buon campionato in Serie D con la Triestina.

Il campionato di B inizierà il 25 agosto e presto i dirigenti foggiani si attiveranno per decidere dove effettuare il ritiro. Certamente si svolgerà a luglio in una località da decidere. Forse in Trentino o in Umbria ma è tutto ancora in via di definizione. Ci sarebbero pure dei contatti con la Roma primavera per il difensore Marchizza, ma non sarà facile perché ci sarebbe la concorrenza di numerose società di serie A. Le premesse per continuare a fare bene ci sono.

venerdì, giugno 09, 2017

Grano duro, nuova guerra dei prezzi. Cia Puglia: “Governo intervenga”

BARI - “Il Governo si dia da fare, la guerra del grano non riguarda un solo territorio, ma l’identità e il futuro dell’agricoltura italiana”. Sulle difficoltà del comparto cerealicolo, rese drammatiche dallo stallo dei prezzi corrisposti ai produttori e dalla immutata propensione della parte industriale a privilegiare l’import a discapito della qualità garantita ai consumatori, è intervenuto Raffaele Carrabba, presidente regionale di CIA Agricoltori Italiani della Puglia.

“Privilegiamo misure concrete e un approccio realistico al problema”, ha aggiunto Carrabba. “Cominciamo con l’istituire la CUN, la Commissione Unica Nazionale per la rilevazione del grano duro, a Foggia. La Puglia è il territorio che produce più qualità e la maggiore quantità del grano duro in Italia. E’ una promessa del Governo da tanto tempo, anche troppo, ed è il momento di realizzare quell’impegno”.

Il rilancio del comparto, secondo CIA Agricoltori Italiani della Puglia, presuppone l’attivazione di una serie di misure: 1) velocizzare l’attuazione delle misure previste nel piano cerealicolo nazionale; 2) incentivare accordi e contratti di filiera equi che diano valore alla qualità dei grani italiani 3) prevedere una campagna di promozione della pasta italiana nel mondo; 4) garantire la massima trasparenza delle borse merci; 5) rendere obbligatoria la comunicazione delle scorte da parte degli operatori commerciali e industriali; 6) autorizzare eventuali nuovi centri di stoccaggio per l’ammasso delle sole produzioni locali, volte a favorire una maggiore aggregazione dell’offerta; 7) verificare che i centri di stoccaggio autorizzati siano destinati principalmente per le produzioni locali. Nel 2016, i dati relativi alle quantità di grano raccolte in Puglia misero in rilievo numeri da record. Alla crescita delle quantità raccolte, tuttavia, fece da contraltare il vero e proprio crollo della produzione lorda vendibile, vale a dire del valore del frumento duro, per effetto del gioco al ribasso che caratterizzato il prezzo corrisposto ai produttori.

In media, nel 2016 ogni impresa agricola che ha destinato in parte o totalmente la propria terra alla coltivazione del grano ha perso circa 165 euro per ogni ettaro. “Bisogna ricordare e ribadire che, al di sotto dei 30 euro al quintale, i produttori non riescono a sostenere i costi di produzione: praticamente, sono costretti a produrre in perdita”, ha spiegato Carrabba.

“Lo abbiamo detto e lo ribadiamo: è necessario che il governo mostri la volontà, e abbia la necessaria determinazione, di intervenire con ogni strumento a sua disposizione per sostenere la redditività degli agricoltori e scongiurare lo scenario peggiore, vale a dire che i produttori decidano di rinunciare a coltivare grano. “Abbiamo sentito parlare di ‘pasta italiana 100%’ e di altre idee importanti, che condividiamo, ma per giungere a un obiettivo tanto ambizioso è necessario essere consapevoli che tutto il settore necessita di una diversa organizzazione di filiera, attraverso il sostegno della qualità, della ricerca applicata al settore agroalimentare, tutti elementi che possono aumentare il potere contrattuale della produzione rispetto alle industrie di trasformazione”. “Senza provvedimenti, per rientrare almeno dei costi di produzione, gli agricoltori saranno costretti a investire meno e quindi a realizzare un prodotto meno qualitativo. Se questo dovesse accadere, a perderne sarebbe tutto il sistema agricolo italiano”.

Sensori ed interfacce, a Vieste conferenza internazionale sui progressi della ricerca


BARI - Il 15 e il 16 Giugno 2017 presso l’hotel Pizzomunno, Vieste (FG), si terrà la 7ma edizione di IWASI (“International workshop on Advances in Sensors and Interfaces”), rinomata conferenza con cadenza biennale che si propone di condividere, discutere e divulgare i progressi più recenti dell’elettronica e della sensoristica. IWASI 2017, organizzata da Daniela De Venuto, prof.ssa di Progettazione di Sistemi Elettronici Integrati presso il Politecnico di Bari, è sponsorizzata dall’ “IEEE”, la principale organizzazione professionale mondiale degli ingegneri elettronici che conta più di 420.000 membri in 160 paesi. Enti patrocinatori: Politecnico di Bari, Università di Foggia, Comune di Vieste, Confindustria Foggia, Istituto Nazionale di Fisica Nucleare, Fondazione Cassa di Risparmio di Puglia.

Reti di sensori, Internet delle cose (IoT), dispositivi diagnostici e medicali indossabili o impiantabili, interfacce uomo-macchina, elettronica flessibile e a bassa potenza: questi sono solo alcuni dei temi trattati durante IWASI 2017 che ambisce a coprire l’ampio spettro delle innovazioni tecnologiche nell’ambito dell’ingegneria elettronica.

Sebbene tali temi sembrino appartenere solo a film di fantascienza, enti di ricerca in tutto il globo sono attivamente impegnati in una assidua fase di ricerca e sviluppo per favorire uno sviluppo High-Tech della società. IWASI 2017 è - dunque - un momento di incontro per ricercatori di fama internazionale finalizzato a riflettere, discutere e condividere le proprie scoperte, innovazioni e realizzazioni, proponendosi come lo specchio della proficua attività di ricerca condotta a livello globale, senza limiti di frontiera.

Nel corso della 7ma edizione di IWASI si susseguiranno più di 65 presentazioni scientifiche tenute da esperti provenienti da 14 differenti paesi del mondo (tra cui U.S.A, Giappone, U.K. e Sud Korea oltre che Europa). I progetti che saranno presentati alla conferenza, selezionati dopo una attenta fase di revisione multipla da parte del comitato organizzatore della conferenza composto da 34 esperti internazionali, saranno successivamente pubblicati negli atti della conferenza sotto forma di articoli scientifici.

Non mancheranno i grandi nomi del mondo dell’elettronica. Dopo i saluti della Prof.ssa Daniela De Venuto, del Prof. Eugenio Di Sciascio, rettore del Politecnico di Bari, e del Dr. Mauro de Palma, direttore dell`istituto nazionale di fisica nucleare (INFN) e delle autorità politiche locali: il sindaco di Vieste dr. Giuseppe Nobiletti ed delegato dal Presidente della Regione l’On. Leonardo Di Gioia, si succederanno scienziati di fama mondiale. Il Prof. Alberto L. Sangiovanni Vincentelli - prof. di elettronica presso l'Università di Berkeley, autore di più di 850 articoli, 18 libri e 2 brevetti e co-fondatore di Cadence e Synopsis (i due software leader per il progetto di circuiti integrati) -  e il Dr. Benedetto Vigna - vicepresidente esecutivo della “ST Microelectronics”, la più grande azienda in Europa per la fabbricazione di circuiti integrati - terranno il discorso di apertura che affronterà la tematiche dei veicoli autonomi.

Il tema delle interfacce neurali sarà invece introdotto da Jan M. Rabaey, prof. di elettronica presso l’Università di Berkeley, USA e autore di più di 350 articoli su riviste internazionali su tale argomento.

Ancora, tra tutti gli esperti presenti alla conferenza ed altrettanto degni di nota, segnaliamo la presenza del Prof. Stefano Vassanelli (Università di Padova), Prof. Franco Fummi (Università di Verona), Prof. Georges Gielen (Vice Rettore Università  Cattolica di Leuven, Belgio), Prof.ssa Luisa Torsi (Università di Bari), Prof. Naveen Verma (Università di Princeton, USA) Dr. Duccio Abbaneo (CERN, Ginevra, Svizzera), Prof. Luca Benini (Università di Bologna e ETH Zurigo), Dr. Nicola Zaccheo (Amministratore Delegato di Sitael, Bari) Prof. Kofi Makinwa (Università di Delft, Olanda), Dr. Chris Van Hoof (Direttore IMEC, Leuven, Belgio), Prof. Jun Otha (NAIST Takayama, Ikoma, Giappone). In sostanza, alla luce degli esperti che parteciperanno all’evento, IWASI 2017 potrebbe facilmente essere definita una “Woodstock” dell’ingegneria elettronica. Le spiagge sabbiose e l’acqua cristallina di Vieste sono la perfetta cornice di IWASI 2017, riproponendo il binomio vincente Puglia-tecnologia già sperimentato con successo nelle precedenti edizioni della conferenza. I dettagli dell’evento sono disponibili sulla pagina web della conferenza: http://iwasi2017.poliba.it/. 

FlixBus consolida la presenza nel Foggiano: più corse dal capoluogo e San Severo, nuova fermata ad Apricena

MILANO - FlixBus torna a investire su Foggia: dopo aver collegato la città con mete nazionali di rilievo come Roma, Milano e Venezia e destinazioni a medio raggio come Pescara e Caserta, la start-up della mobilità che ha rivoluzionato la mobilità in Europa amplia i collegamenti dalla città, avviando nuove corse in partenza dalla fermata di Piazza Vittorio Veneto. La società degli autobus verdi consolida inoltre la sua presenza in provincia, incrementando i collegamenti anche da San Severo, collegata da Piazza della Costituzione, e istituendo una nuova fermata ad Apricena presso il Terminal Bus di via Silvio Pellico, da cui sono già operative connessioni dirette verso cinque destinazioni nazionali. Ecco, nel dettaglio, gli sviluppi relativi alle tre città:

Foggia: otto nuove mete a portata di autobus, tra cui Termoli, Matera, Napoli e Fiumicino

Sale a 17 il numero delle città raggiungibili senza cambi da Foggia: sono infatti già operative le corse verso otto nuove mete italiane, a breve raggio ma anche a lunga distanza. La più vicina è Termoli, collegata fino a due volte al giorno in un’ora e 15 minuti; raggiungibili da Piazza Vittorio Veneto sono inoltre Matera e Napoli, entrambe a circa tre ore di autobus. E con FlixBus è ora possibile arrivare direttamente anche all’aeroporto romano di Fiumicino due volte al giorno, viaggiando in diurna oppure in notturna, dormendo a bordo e ottimizzando i tempi. Completano il quadro, infine, le corse per Avellino, Parma e Torino.

San Severo: da Matera a Milano, 18 destinazioni collegate con Piazza della Costituzione

Anche i Sanseveresi potranno usufruire dei nuovi collegamenti istituiti dalla città, che portano a 18 le mete raggiungibili da Piazza della Costituzione: crescono, in particolare, i collegamenti con Campania ed Emilia Romagna, grazie alle nuovissime corse per Napoli, Caserta e Avellino, e a quelle per Modena e Parma, che si aggiungono ai collegamenti preesistenti con Bologna, Cesena e Rimini. Anche Matera e l’aeroporto di Fiumicino vengono collegati con San Severo. Restano attive le corse per Roma, Milano, Pescara, San Benedetto del Tronto, Ancona, Verona, Bergamo e Brescia.

Nuova fermata ad Apricena: Roma, Fiumicino e la Campania ora più vicine con FlixBus 

Fa il suo ingresso nella rete di FlixBus anche Apricena: con partenze giornaliere dal terminal di via Silvio Pellico, la start-up collega già la città con Roma, Napoli, Caserta, Avellino e lo scalo di Fiumicino.  L’istituzione di quest’ultima fermata, che si aggiunge a quelle di Foggia, San Severo e Manfredonia, conferma l’importanza strategica della Capitanata all’interno del network italiano degli autobus verdi.

Tutti i collegamenti in partenza da Foggia, San Severo e Apricena sono prenotabili sul sito www.flixbus.it, tramite l’app gratuita FlixBus e nelle agenzie di viaggi affiliate o direttamente dal conducente al momento della partenza, a prezzo pieno e secondo la disponibilità. A bordo, oltre alla toilette, Wi-Fi gratuito e prese elettriche, ideali per chi vuole lavorare a bordo, e sedute comode e reclinabili, indicate soprattutto per chi viaggia in notturna.

giovedì, giugno 08, 2017

"Trenitalia ha oltrepassato il limite penalizzando ancora una volta il Salento e la Puglia"

BARI - Dichiarazione del Presidente del Gruppo consiliare ‘Articolo 1 – MDP’, Ernesto Abaterusso. “La continua carenza di collegamenti ferroviari da e per la Puglia assume, soprattutto in questo periodo estivo, - dichiara Abaterusso - il sapore di una deliberata provocazione nei confronti di un territorio considerato da tempo di serie B e già costretto a pagare a caro prezzo il gap infrastrutturale con le altre regioni.
Ancora una volta Trenitalia ha oltrepassato il limite, preferendo ragionare solo a scopi di lucro quando suo dovere principale dovrebbe essere quello di garantire un servizio dignitoso e eguale per tutto il Paese. Da nord a sud".

"Quello che chiediamo - prosegue - è solo buon senso e un po' di rispetto nei confronti dei cittadini e dei viaggiatori. Spiace però dover constatare come Trenitalia sembra non averne proprio – di rispetto e di buon senso – dato che non perde occasione per irridere la popolazione pugliese e salentina e precludere a un'intera regione nuove possibilità di sviluppo e crescita. Tocca dunque a noi, cittadini e referenti politico-istituzionali, far sì che la Puglia e il Salento non siano considerate ancora periferie d’Italia".

"Auspico pertanto - spiega - che il Presidente Emiliano, l’Assessore Giannini e le istituzioni tutte facciano fronte comune al fine di difendere un diritto – quello alla mobilità – che il nostro territorio merita e rivendica con forza da tempo e che non può essere più calpestato.  Trenitalia, dal canto suo, faccia un passo indietro e anteponga alla logica monopolistica, sensibile solo alle cosiddette regole della convenienza di mercato, l’attenzione nei confronti delle esigenze e delle istanze provenienti da un territorio e da tanti utenti che non meritano di essere ulteriormente penalizzati”, conclude Abaterusso.

IL NUOVO ORARIO ESTIVO TRENITALIA - Domenica 11 giugno entrerà in vigore il nuovo orario del trasporto regionale in Puglia. Con 213 corse giornaliere cresce la frequenza nelle tratte urbane e suburbane, aumenta la velocità in quelle regionali e migliora l’integrazione tra servizi regionali e a lunga percorrenza.

Dall’ 11 giugno la Regione Puglia, in linea con il Piano Triennale dei servizi e con il Piano Regionale dei Trasporti, d’intesa con Trenitalia, intende avviare il processo di efficientamento dei servizi offerti, nel rispetto della normativa nazionale ed europea vigente, di incremento della qualità e quantità dei servizi a domanda elevata, di aumento dei ricavi da traffico e di contenimento dei costi operativi al fine di realizzare un’offerta di servizi più idonea ed efficace ed aderente alla domanda.

La revisione dei servizi, in collaborazione con RFI, ha portato a una prima proposta di orario cadenzato sulla direttrice Adriatica, cioè un sistema che scandisce partenze e arrivi dei treni nelle stazioni delle linee metropolitane (Mola di Bari– Molfetta) e suburbane (Fasano – Barletta) a un ritmo tendenzialmente costante, con orari fissi e facili da memorizzare: gli stessi minuti di ogni ora nonché a una velocizzazione dei servizi regionali di lunga percorrenza: Foggia – Bari e Lecce - Bari

Chi vorrà sperimentare il servizio ferroviario regionale potrà avvalersi dall’11 giugno di collegamenti che, da Foggia a Bari, impiegheranno da un’ora e 16 minuti (treni veloci) a un’ ora e 50 minuti per servire tutte le località attraversate e, da Lecce a Bari, da un’ora e 37 minuti (treni veloci) a 2 ore e 3 minuti per servire tutte le località attraversate.

Il treno sfida dunque l’auto privata che non risulta essere più competitiva. Basti pensare ai tempi di viaggio di 1h e 40 tra Foggia e Bari e 1h e 58 tra Lecce e Bari.

L’esigenza è quella di migliorare l’offerta ferroviaria in termini di flessibilità, frequenza e integrazione con gli altri mezzi di trasporto collettivo ferro/gomma, verso un riequilibrio modale del mezzo collettivo rispetto al mezzo privato .

Il tutto nell’ottica di integrare tutti i servizi di trasporto collettivo in linea con le direttive europee.

Nonostante alcuni vincoli legati a necessità di circolazione e altri di natura infrastrutturale, il nuovo modello rappresenta già un punto di svolta per incrementare la frequenza delle corse nelle aree urbane e suburbane e la velocità nei collegamenti tra centri più distanti, oltre che per realizzare una rete di servizi regionali – ferro e gomma – sempre più integrati tra loro e con le corse a lunga percorrenza, Frecce e Intercity, di Trenitalia.

Servizi regionali
Tra Foggia e Bari trentasette collegamenti al giorno rappresentano un’offerta competitiva rispetto all’auto, sia in termini di tempi di percorrenza sia di costi (9,10 euro il costo del biglietto regionale contro i 24 euro di pedaggio e carburante se si sceglie l’auto).*
Tra Lecce e Bari trentanove collegamenti quotidiani rappresentano un’offerta altrettanto competitiva sia in termini di percorrenza che di costi (10,50 euro il costo del biglietto regionale contro i 16,75 euro se si sceglie l’auto).*

Servizi metropolitani e suburbani Mola di Bari – Molfetta e Fasano-BarlettaVentiquattro collegamenti al giorno tra Mola di Bari e Molfetta e ventisei tra Fasano e Barletta ad orari cadenzati saranno a servizio dell’area metropolitana e suburbana e fungeranno come servizi di interscambio con i collegamenti regionali veloci nelle stazioni di Mola di Bari, Molfetta, Fasano e Barletta.

Treni estivi sulla linea Foggia – ManfredoniaGli orari estivi sulla Foggia Manfredonia sono stati rimodulati per soddisfare i flussi turistici con coincidenze anche con i regionali da e per Bari.

Nuovo collegamento veloce per TarantoE’ previsto un nuovo collegamento veloce tra Taranto e Bari e il prolungamento su Taranto di una coppia di collegamenti esistenti tra Bari e Gioia del Colle. Gli orari dei primi treni del mattino da Taranto sono stati distanziati per distribuire meglio il flusso pendolare su Bari.

Viaggiare in treno convieneUn primo importante risultato è l’accordo commerciale che consente dal 1 giugno ai clienti in possesso di un biglietto di corsa semplice; abbonamento settimanale, mensile e annuale a tariffa regionale Puglia che raggiungono Torre Quetta durante il periodo estivo, di usufruire di uno sconto del 10% sulla consumazione nei chioschi del lido o sul noleggio di ombrellone e lettini. Per tutti i clienti possessori di un abbonamento settimanale a tariffa regionale inoltre è previsto uno sconto del 10% sulla sosta/parcheggio camper e/o roulotte.

Dal prossimo 1 ottobre al 30 aprile 2018 la sosta auto per l’intera giornata a 1,00 € per tutti i clienti possessori di abbonamenti settimanali/mensili/annuali a tariffa regionale Puglia di Trenitalia.