Visualizzazione post con etichetta Foggia. Mostra tutti i post
Visualizzazione post con etichetta Foggia. Mostra tutti i post

sabato, ottobre 21, 2017

Serie B: Cesena-Foggia 3-3, secondo pareggio in trasferta per i pugliesi

di FRANCESCO LOIACONO - Il Foggia ha pareggiato 3-3 a Cesena. Nel primo tempo i romagnoli arrembanti. Un tiro da fuori area di Jallow è terminato alto. I dauni hanno replicato. Un destro di Coletti ha sfiorato la traversa. Si è infortunato Floriano. Il tecnico dei pugliesi Stroppa lo ha sostituito con Beretta. L’attaccante si è messo in evidenza con un tocco al volo che ha sfiorato il palo.

Nella ripresa il Foggia è passato in vantaggio con Coletti, botta di destro da trenta metri. Per il difensore primo gol in B. Beretta ha raddoppiato con un tocco di destro. Per l’attaccante seconda rete in questo torneo. Ma il Cesena ha riaperto il match. Dalmonte prontissimo con un sinistro al volo a sorprendere il portiere Guarna. I rossoneri in contropiede. Un colpo di destro di Gerbo ha trovato pronto Di Noia a deviare in angolo. Mazzeo ha realizzato la terza rete con un diagonale da fuori area dopo una bella azione personale. Per la punta sesto gol stagionale. Sembrava fatta per i pugliesi. Però lo stesso Mazzeo ha colpito il palo di destro. I romagnoli non hanno mollato. Il difensore Gerbo nel tentativo di anticipare Panico ha involontariamente battuto il suo compagno di squadra Guarna, determinando così un’autorete. Rigione è riuscito incredibilmente a pareggiare di sinistro.

Secondo pareggio in trasferta del Foggia dopo il 2-2 a Brescia nella sesta giornata di andata. Complessivamente però una buona gara disputata. I pugliesi hanno eccellenti possibilità di disputare un buon campionato.

venerdì, ottobre 20, 2017

Paura nel Foggiano: esplode fabbrica di fuochi d'artificio: 1 morto

SAN SEVERO - Momenti di paura nel foggiano, dove si è verificata un'esplosione in una fabbrica di fuochi d'artificio vicino San Severo. Ad intervenire sul posto i vigili del fuoco e le forze dell'ordine. Una vittima rinvenuta sotto le macerie. L'esplosione si è verificata nella fabbrica di fuochi d'artificio 'Piro Daunia', tra i territori di San Severo e San Paolo di Civitate.

Carabinieri e vigili del fuoco stanno cercando di fare luce sulle cause dell'esplosione.

E' stato spento dai vigili del fuoco il vasto incendio divampato tra i capannoni della fabbrica di fuochi d'artificio 'PiroDaunia', a San Severo, in seguito ad un esplosione verificatasi, per cause ancora da chiarire, nel pomeriggio e che ha provocato la morte di un operaio italiano di 50 anni.

I pompieri sono ora al lavoro per bonificare e mettere in sicurezza l'intera area interessata dall'incidente, in contrada Torre Gramigna, tra i comuni di San Severo e San Paolo di Civitate.

Foggia: Forestali bloccano bracconieri

di PIERO CHIMENTI - I carabinieri forestali nell'operazione per la repressione del bracconaggio hanno sorpreso nella Foresta Umbra, a Monte Sant'Angelo, dopo un lungo appostamento, due soggetti in flagranza a cui sono stati sequestrati gli armamenti ed un uccello selvatico, cacciato fuori dal periodo consentito.

Serie B: Bari-Foggia alle 12.30 di domenica 26 novembre

di REDAZIONE - E' stato diramato nella serata di giovedì 19 ottobre 2017 il calendario degli anticipi e dei posticipi dalla 14ma alla 17ma giornata del Campionato di Serie B 2017-18. Per il Bari sono stati programmati due posticipi interni.

Il primo, domenica 12 novembre alle 20.30 al San Nicola contro il Pescara di Zeman. Il secondo, domenica 26 novembre alle 12.30, per il derby contro il Foggia. Il terzo posticipo, in trasferta a Chiavari, dove, alle 17.30 di domenica 3 dicembre, il Bari affronterà la Virtus Entella.

Il Rotary Club Lucera dona 31 alberi alla città

LUCERA (FG) – Da sabato 28 ottobre, Lucera avrà 31 alberi in più. A donarli sarà il Rotary Club Lucera, durante una manifestazione che si terrà davanti alla Biblioteca Comunale (ex Convento di San Pasquale), nel Piazzale Falcone-Borsellino, con inizio alle ore 10. All’iniziativa, organizzata dal Rotary Club Lucera col patrocinio del Comune di Lucera, parteciperanno alunni e docenti della Scuola Elementare Tommasone e della scuola Media Dante Alighieri, soci del Club Interact di Lucera. La “Giornata sull’Ambiente” avrà inizio con i saluti di Orfina Scrocco, presidente Rotary Club Lucera; Antonio Tutolo, sindaco di Lucera; e Bartolomeo Covino, dirigente dell’istituto scolastico comprensivo “Tommasone-Alighieri”.

Orfina Scrocco illustrerà gli obiettivi e i significati di un dono, quello degli alberi, che intende mettere al centro della comunità, materialmente e metaforicamente, le radici di un futuro più rispettoso dell’ambiente, un avvenire fondato sulla speranza che le nuove generazioni sappiano coltivare i propri sogni con cura, dedizione, intelligenza e passione. Gli alberi, così come ogni elemento della natura, se curati con amore ci restituiscono aria pulita, un territorio più sicuro, un paesaggio più ricco. Piantare un albero e donarlo alla propria città significa mettere a dimora “semi” di un futuro migliore, per tutti.

Subito dopo l’intervento di Orfina Scrocco, verrà presentato il bando del concorso fotografico sull’ambiente rivolto agli alunni del Tommasone. Sarà il presidente della Commissione del concorso, Costantino Pellegrino, a spiegare i dettagli del bando.

DALLE RADICI IL NOSTRO FUTURO: LA BIO SCHOOL. I ragazzi della scuola media “Dante Alighieri”, soci del Club Interact di Lucera, coordinati dalla professoressa Nunzia Racioppa, dialogheranno con gli alunni delle classi quinte della scuola elementare “Tommasone” sul tema “Dalle radici il nostro futuro: la bio-school”. I ragazzi, poi, vivranno un’esperienza sensoriale a contatto con le piante e la natura. La cerimonia di consegna degli alberi precederà la firma del protocollo tra il presidente del Rotary Club di Lucera, Orfina Scrocco, e il sindaco del Comune di Lucera, Antonio Tutolo. Da quel momento, gli alberi saranno anche ufficialmente un patrimonio della collettività.

Gli alunni della scuola elementare, “garanti del patto” in favore di un ambiente più sano, saranno i tutor degli alberi: periodicamente, si occuperanno di analizzare lo stato delle piante e relazionare sugli esiti della verifica. Domenico Martino, maratoneta lucerino, porterà la sua testimonianza sul valore e il rispetto dell’ambiente. L’iniziativa terminerà sulle note musicali intonate dal Coro degli Alunni dell’Istituto Tommasone, diretto dalle docenti Imma Cibelli e Barbara Nespoli, accompagnato al pianoforte elettronico da Giorgia Bianco. 

lunedì, ottobre 16, 2017

Al via la 5a edizione della 'Settimana del Pianeta Terra'

BRINDISI - Qual è lo stato di salute delle meravigliose e frequentate coste salentine? A che punto sono le opere di protezione delle falesie di Cerano per mitigare il rischio costiero causato dalla urbanizzazione del ciglio della falesia?

Di questo e di altro si parlerà nel primo degli appuntamenti, domani (17 ottobre), nel seminario “La difesa del suolo applicata ai margini costieri: tecniche di intervento” in programma presso l’Autorità Portuale di Brindisi.

Prende così il via la serie di appuntamenti predisposti, in regione Puglia, in occasione della 5^ Edizione della “Settimana del Pianeta Terra – l’Italia alla scoperta delle Geoscienze - Una società più informata è una società più coinvolta”.

Al seminario brindisino sono previsti gli interventi istituzionali del Presidente dell’Autorità di sistema portuale dell’Adriatico Meridionale, prof. Ugo Patroni Griffi, del Presidente dell’Ordine dei Geologi della Puglia, Geol. Salvatore Valletta, del Presidente dell’Ordine degli Ingegneri della Provincia Brindisi, Ing. Agostino Caponoce, e del Presidente dell’Ordine degli Ingegneri della Provincia di Lecce, Ing. Raffaele dell’Anna.

Si entrerà, quindi, nel vivo dei lavori, con l’intervento del prof. Geol. Paolo Sansò dell’Università del Salento, che parlerà dei rischi geologici e geomorfologici della fascia costiera nella penisola salentina, della loro genesi ed evoluzione con l’inquadramento, e questo per ogni tipologia morfologica illustrata, delle pericolosità geomorfologiche e delle necessarie misure che andrebbero realizzate per evitare o mitigare eventuali situazioni di rischio.

Sarà quindi la volta del Geol. Tommaso Elia, Libero professionista, che illustrerà la difesa delle spiagge basse mediante moduli prefabbricati “WaVe Filter”; difesa di opere marittime e portuali esterne. Verrà pertanto discusso il termine resilienza e questo in funzione delle caratteristiche geologiche di base del singolo territorio avente contesti geomorfologici a loro volta legati alle peculiari condizioni meteomarine.

L’ing. Diana De Padova del Politecnico di Bari presenterà poi la rete di monitoraggio e lo studio del clima meteomarino dei mari di Taranto al fine di sottolineare l’importanza del rilievo dei dati relativi all’ambiente marino e costiero come supporto all’amministrazione locale nelle sue attività di pianificazione e gestione costiera. Verranno inoltre presentati i risultati di simulazioni numeriche delle correnti e del trasporto solido utili per valutare possibili tipi di azione/intervento.

Per info: http://www.geologipuglia.it - http://www.settimanaterra.org

domenica, ottobre 15, 2017

Foggiano ucciso in agguato ad Amsterdam: 3 arresti

AMSTERDAM - Agguato ieri sera in Olanda per un cittadino italiano, Saverio Tucci, di 44 anni, di Manfredonia, in provincia di Foggia, ucciso ad Amsterdam, in circostanze non ancora chiare. E' quanto si è appreso dai carabinieri di Foggia.

Per l'omicidio tre dovranno comparire in tribunale questa settimana. Il 44enne era un pregiudicato ed era sfuggito ad altri attentati, come quello del 12 agosto del 2012, in via Galilei, a Manfredonia, dove il 44enne - chiamato 'Faccia d'Angelo' - scampò ad un agguato.

L'uomo era intento ad eseguire lavori di tinteggiatura e ristrutturazione di uno stabile, quando una persona a bordo di una vettura gli sparò contro colpi di fucile, probabilmente calibro 12.

Il 44enne era stato già condannato per associazione a delinquere finalizzata al traffico di sostanze stupefacenti nell'ambito dell'operazione chiamata Iscaro-Saburo nel giugno del 2004, indagine della Dia di Bari che smantellò la mafia garganica. Il 44enne, a quanto ha appreso l'Ansa, era vicino al clan Libergolis, contrapposto a quello dei Romito, famiglia coinvolta nella strage avvenuta a San Marco in Lamis il 9 agosto scorso, dove persero la vita sotto i colpi delle armi da fuoco 4 persone.

sabato, ottobre 14, 2017

Serie B: Foggia-Perugia 2-1, prima vittoria in casa per i dauni

di FRANCESCO LOIACONO - Il Foggia ha vinto 2-1 allo “Zaccheria” col Perugia nell’anticipo di serie B. Nel primo tempo i pugliesi in vantaggio con Gerbo di destro. Gli umbri in contropiede. Falco ha calciato alto. Di Carmine col sinistro, palla fuori. I dauni hanno raddoppiato per merito di Mazzeo, pallonetto di sinistro. La squadra di Stroppa ha insistito. Annullato un gol a Beretta per fuorigioco. L’attaccante ci ha riprovato, bravo il portiere Rosati ad opporsi con le mani. Espulso l’allenatore del Perugia Giunti per proteste. Gli umbri hanno riaperto il match con Di Carmine su rigore concesso per un fallo di Coletti su Han.

Nel secondo tempo nel Perugia si è infortunato Rosati, al suo posto è entrato in campo Nocchi. Il Foggia propositivo. Una botta di destro di Deli ha visto la valida opposizione di Nocchi. Gli umbri sfortunati. Terrani di testa ha centrato la traversa. I pugliesi rapidissimi. Un bolide col sinistro di Calderini è stato salvato da Nocchi.

 Prima vittoria in casa per il Foggia. Buona prestazione dei calciatori di Stroppa. I dauni hanno le carte in regola per riuscire a dare tante soddisfazioni ai tifosi e centrare l’obiettivo stagionale, la meritata salvezza.

venerdì, ottobre 13, 2017

Malaria a Ginosa: Avis San Severo lancia un appello ai suoi donatori per donare il sangue

SAN SEVERO - Sabato 14 ottobre, dalle ore 8 alle 12, l’AVIS San Severo apre le porte della sua sede di via Daunia, 12 per una nuova raccolta di sangue e piastrine in collaborazione con il Servizio di Medicina Trasfusionale di “Casa Sollievo della Sofferenza” di San Giovanni Rotondo.

La raccolta di sangue straordinaria si è resa necessaria in seguito alla segnalazione di quattro casi di malaria riscontrati in soggetti stranieri nelle campagne limitrofe a Ginosa (TA). A seguito di ciò, il Centro Nazionale Sangue ha disposto la sospensione della donazione di sangue per sei mesi per chiunque risieda o abbia soggiornato almeno una notte nel comune di Ginosa, e non abbia sofferto di episodi febbrili o di altra sintomatologia compatibile con la diagnosi di malaria, durante il soggiorno o nei sei mesi successivi al rientro.

“Abbiamo raccolto l’appello lanciato dall’AVIS nazionale affinché si possa sopperire alla richiesta di sangue proveniente da Ginosa anche attraverso la donazione di sangue dei nostri volontari – dichiara Vincenzo Minischetti, presidente AVIS San Severo, che continua – dopo l’emergenza estiva una nuova urgenza mette alla prova l’altruismo dei donatori di San Severo: siamo sicuri che anche questa volta lo spirito di sacrificio e fratellanza porterà tantissimi donatori e sangue”.

giovedì, ottobre 12, 2017

Puglia: 1114​ ​studenti​ ​senza​ ​posto​ ​letto.​ Link: "Nuovi​ ​finanziamenti​ ​o​ ​si​ ​rischia​ ​il​ ​collasso"

BARI - In questi giorni sono state pubblicate le graduatorie per l’assegnazione di borse di studio e posto alloggio A.Di.S.U. per l’a.a. 2017/2018. ​Questi primi dati descrivono un quadro estremamente preoccupante: infatti, sono sempre più numerosi gli studenti e studentesse che, pur essendo idonei, non sono assegnatari di posto alloggio ​per via della mancanza degli effettivi posti letto. Il crescente aumento delle domande di borsa di studio impone un maggiore finanziamento per evitare gli idonei non beneficiari. Così in una nota le reti Link pugliesi.

Gli studenti richiedenti il posto alloggio ​quest’anno accademico - prosegue la nota di delle reti Link pugliesi - sono circa 3000, a fronte di soli 1878 posti disponibili ​nelle residenze studentesche di Bari, Foggia, Lecce e Taranto, dunque sono circa 1114 gli studenti esclusi dal diritto al posto letto. ​Questi dati vanno di pari passo con il costante aumento degli affitti. Nell’ultimo anno accademico, il costo medio di una stanza singola per studente a Bari era di 226 euro, a Lecce di 186 euro e a Foggia di 189 euro.

Si tratta di costi inaccessibili per molti studenti, senza contare che i canoni più bassi sono spesso lontani dai plessi universitari e mal collegati. Se pensiamo agli studenti con basso reddito, esclusi dal posto alloggio A.Di.S.U., questo mercato degli affitti sicuramente incentiva l’abbandono degli studi. In Puglia, accanto ai dati sui posti alloggio, anche le domande di borsa di studio hanno registrato un aumento: sono, infatti, 15.253 gli studenti richiedenti la borsa di studio, 9.457 studenti di anni successivi e 5.796 matricole.

La platea è aumentata dunque di oltre 700 studenti, considerando che nell’a.a. 2016/2017 le domande sono state 14.530, nell’a.a. 2015/2016 sono state 10.853 (anno anomalo per l’effetto nefasto del nuovo ISEE) e nell’a.a. 2014/2015 circa 15.151 studenti hanno fatto domanda di borsa di studio. Senza un aumento rilevante delle risorse messe a disposizione dalla Regione Puglia sarà allarme, gli studenti rischiano di rimanere senza borsa a causa dell’insufficienza​ ​delle​ ​risorse​ ​ordinarie​ ​a​ ​raggiungere​ ​la​ ​copertura​ ​totale​ ​delle​ ​domande. Come se non bastasse, l’A.Di.S.U. Puglia è stata anche al centro di un fervido dibattito a proposito della nomina del nuovo Direttore dell’Agenzia.

Da indiscrezioni, emerse a mezzo stampa, - spiega la nota - sembrerebbe che sia il Direttore dell’Università Telematica Pegaso il profilo individuato dal Presidente Michele Emiliano per assumere questa responsabilità. Certamente le problematiche e le esigenze per garantire concretamente il diritto allo studio ai giovani pugliesi non sono poche né semplici da risolvere, quindi, ci auspichiamo che tale profilo sia il più adatto a confrontarsi con questo piano, che impone numerose questioni imprescindibili nell’agenda politica dell’Agenzia. Ci chiediamo se la scelta di tale professionalità sia la più consona per entrare subito nel vivo di tali urgenze in questo periodo cruciale per le sorti del Diritto allo Studio, vale a dire quello in cui si gettano le basi per definire le risorse da usare per erogare borse e servizi, si pubblicano le graduatorie, si cominciano a erogare le prime borse. Il Diritto allo Studio deve essere priorità di questo Governo Regionale, particolarmente in quest’anno accademico in cui la situazione è emergenziale. Da tempo portiamo alla luce il problema della necessità di maggiori finanziamenti e posti alloggio, attraverso la campagna All In - Per il Diritto allo Studio​, con la quale abbiamo chiesto che il numero degli alloggi sia adeguato al fabbisogno degli studenti. È ormai sotto gli occhi di tutti l’urgenza di politiche di rifinanziamento massiccio del diritto allo studio, a partire, certamente, da un maggiore investimento in Legge di Bilancio, ma anche un aumento delle risorse regionali per risolvere l’emergenza abitativa e per impedire che oggi, dopo anni in cui si coprono totalmente le domande grazie alle pressioni e mobilitazioni studentesche, il fantasma dell’idoneo non beneficiario di ripresenti in tutta la sua carica drammatica, conclude la nota di Link.

Serie B: Foggia-Perugia, gara insidiosa per i dauni

di FRANCESCO LOIACONO - Foggia giocherà in casa col Perugia. Il match si disputerà in anticipo venerdì alle 20,30. Per i dauni si prospetta un match insidioso. Gli umbri dopo la pesante sconfitta interna per 5-1 a sorpresa con la Pro Vercelli vorranno rifarsi allo “Zaccheria” per avvicinarsi al primo posto in classifica nella corsa verso la promozione in A. Il tecnico degli umbri Giunti dovrà rinunciare a Pajac squalificato e Volta infortunato. Ma potrà contare sul rientro di Han, autore finora di 6 gol in B dopo gli impegni con la Corea del Nord.

Il Perugia nelle gare lontano dal “Curi” ha totalizzato 4 punti. Vincendo 5-1 con l’Entella. Pareggiando 1-1 a Cittadella. Perdendo 1-0 a Palermo e 2-1 a Brescia. Il Foggia dopo il 3-1 subito a Empoli deve vincere in chiave salvezza. Il tecnico Stroppa non potrà utilizzare gli infortunati Floriano, Nicastro Agnelli ed Empereur. Però Fedato Mazzeo e Chiricò sono pronti a dare il loro importante contributo.

Negli ultimi tre precedenti in B a Foggia due vittorie dei dauni per 1-0 nel 1982/83 e 1995/96, e un pareggio per 1-1 nel 1997/98. Si prevedono almeno 15000 spettatori, di cui circa 100 arriveranno dall’Umbria.

mercoledì, ottobre 11, 2017

Mediazione familiare, lo stato dell’arte: tutti gli eventi in Puglia

di LUIGI LAGUARAGNELLA - L’Associazione Italiana Mediatori  Familiari (AIMeF), nel mese di ottobre, organizza in Puglia una serie di eventi per favorire la conoscenza di questa professione e permettere un confronto tra i professionisti del settore.

Gli incontri si terranno in ognuna delle cinque province pugliesi, riuniranno esperti di diversi ambiti professionali come mediatori familiari, assistenti sociali, avvocati e rappresentanti delle istituzioni. Il titolo degli eventi sarà: “La mediazione familiare: lo stato dell’arte”.

Proprio sull’idea di creare una rete regionale di condivisione e di collaborazione che unisca passione e professionalità a favore delle relazioni familiari e dei minori la Consigliera Regionale di AIMeF, la dottoressa Tiziana Recchia promuove l’iniziativa ringraziando la presidente nazionale dell’associazione la dottoressa Federica Anzini che sarà presente a tutti gli eventi: “Tutti gli eventi in programma sono collegati  da un fil rouge rappresentato dai mediatori AIMeF di Puglia che con tenacia e professionalità stanno tessendo una rete regionale di condivisione e collaborazione, uniti da una passione e progetto comune. L’augurio è che questi eventi possano essere occasione di incontri, scambi e stimolo per fare sempre meglio e di più, perchè “da soli si va veloci…. Ma insieme si va più lontani!” come si legge nel sottotitolo del convegno.  Ringrazio la nostra presidente Dr.ssa Anzini per essersi resa disponibile a presenziare in tutti i nostri eventi, tutti i soci/e pugliesi per l’entusiasmo mostrato, le splendide compagne del gruppo di coordinamento dei cinque eventi che hanno impegnato giorni e sonno affinchè tutto potesse procedere al meglio e la mia viceconsigliera nonché amica Dr.ssa Lia Lacatena per la preziosa collaborazione ed inesauribile energia profusa in questi mesi di lavoro”.

I cinque incontri organizzati dall’AIMeF con la collaborazione dell’Ordine degli Assistenti sociali e dell’Ordine degli avvocati inizieranno il 12 ottobre a Foggia e successivamente il 19 a Brindisi. Poi il 20 ottobre toccherà la mattina a Lecce e il pomeriggio a Taranto; infine l’ultimo appuntamento sarà a Bari il 24 ottobre.

Le parole chiave su cui saranno incentrati gli interventi degli esperti saranno: mediazione, famiglie, condivisione, sinergie. I termini, con cui quotidianamente i mediatori si interfacciano, sono collegati a situazioni problematiche e dinamiche familiari che, grazie a questi incontri, saranno messi in risalto per far conoscere direttamente ai cittadini l’attività e gli obiettivi di queste figure professionali impegnate nelle pieghe del sociale.

Gli incontri organizzati dall’AIMeF, sono promossi della Regione Puglia, dell’Ordine degli Assistenti sociale, dell’Ordine degli Avvocati. Si riconoscono crediti formativi.

Per iscrizioni e informazioni: www.aimef.it. Email: puglia@aimef.it

martedì, ottobre 10, 2017

Gran Ghetto Foggia: Emiliano punta i piedi

di REDAZIONE - Il presidente della Regione Puglia Michele Emiliano dichiara: “L’occupazione della cattedrale di Foggia da parte di un gruppo di sconosciuti che sostiene di avere stipulato con la Regione Puglia un accordo per la distribuzione di acqua potabile nell’area del Gran Ghetto mi obbliga ad alcune precisazioni.

Il Gran Ghetto - prosegue Emiliano - è stato sgombrato pochi mesi dalle Forze di polizia a seguito della denuncia da parte della Regione Puglia per l’occupazione abusiva dell’area da parte di una organizzazione criminale dedita allo sfruttamento della prostituzione, allo spaccio di sostanze stupefacenti e al caporalato.

La Regione Puglia ha deciso di non agevolare in nessun modo l’attività dell’associazione mafiosa che occupa e gestisce il cosiddetto Gran Ghetto, sulla quale sta indagando la Direzione Distrettuale Antimafia su denuncia della stessa Regione Puglia.

Questa decisione è stata presa di concerto con la Magistratura, il Ministero degli Interni, il Questore ed il Prefetto, proprio per evitare che i reati attribuibili alla associazione criminale che gestisce detta occupazione delittuosa siano portati ad ulteriori conseguenze.

Non esiste per questa ragione alcun accordo tra la Regione Puglia e gli occupanti abusivi del Gran Ghetto finalizzato alla distribuzione dell’acqua. Ogni atto che favorisca il permanere dell’occupazione abusiva rischia di costituire concorso nei reati permanentemente commessi nel campo.

Durante l’incontro del 31 luglio con gli assessori Di Gioia e Leo nessun accordo è stato raggiunto come documentato dal comunicato diffuso dall’Ufficio stampa della Regione che si allega.

Questa estate per evitare rischi sanitari su richiesta del Prefetto di Foggia è stata effettuata fornitura d’acqua dall’Aqp.  Se il Prefetto di Foggia riterrà ancora necessario reiterare queste forniture, l’Aqp le effettuerà immediatamente. 

Ma in ogni caso l’occupazione abusiva del Gran Ghetto non può essere ulteriormente consentita senza agevolare in questo modo le attività criminose di spaccio di droga, sfruttamento della prostituzione e caporalato che attualmente e in permanenza si svolgono nel campo illegalmente occupato.

La residenza in campagna della manodopera la rende preda della criminalità organizzata che sfrutta anche con metodo mafioso la presenza della stessa in strutture abusive e non autorizzate.

La manifestazione odierna non ha alcun motivo fondato, poiché tutte le persone attualmente presenti nel Gran Ghetto possono essere alloggiate a loro richiesta in civili strutture di accoglienza messe a disposizione dalla Prefettura e anche in collaborazione con i Comuni e la Regione.

Non ci faremo prendere in giro né ci piegheremo all’uso minaccioso che viene fatto da questi sconosciuti di espedienti mediatici intesi a mettere in cattiva luce le istituzioni, che invece stanno facendo pienamente il loro lavoro come ha potuto attestare ieri il ministro dell’Interno durante il Comitato nazionale per l’ordine e la sicurezza pubblica.

Ricordo a tutti che lo sgombero umanitario del Gran Ghetto effettuato solo pochi mesi fa con sforzi inauditi da parte del Ministero dell’interno, della Prefettura e della Regione fu salutato da tutti come una svolta epocale di civiltà. Adesso non possiamo consentire che si ricominci a tollerare ogni forma di illegalità in quel luogo ritornando alla stessa situazione precedente lo sgombero.

La fatica di quei giorni frenetici e lo stress conseguito agli innumerevoli tentativi successivi allo sgombero di rioccupare l’area con mille espedienti, ha probabilmente agevolato il malore che ha portato alla morte del dottor Stefano Fumarulo, Dirigente della Regione Puglia responsabile delle operazioni.

Alla memoria del dottor Fumarulo non si può fare torto lasciando che si riporti in vita il Gran Ghetto che per 15 anni e ancora oggi, alimenta ogni genere di attività illegali e di sfruttamento dei migranti mediante la pratica del caporalato”, conclude Emiliano.

Foggia: Emiliano firma protocollo intesa sicurezza e legalità con ministro Minniti

FOGGIA - "A due mesi dalla strage di San Marco in Lamis in cui furono uccise quattro persone la risposta dello Stato c'è stata e la sinergia con la Regione e le comunità locali non è mai stata così forte  – ha detto il presidente della Regione Puglia Michele Emiliano in occasione della firma del protocollo sulle azioni per la sicurezza e per la legalità da attuarsi con le risorse del PON Legalità e con le risorse del POR Puglia, firmato oggi a Foggia con il ministro dell’Interno Minniti – I dati presentati oggi sul sequestro di armi e sul sequestro di stupefacenti e, più in generale, l'azione di controllo del territorio realizzato grazie a una massiccia presenza delle forze di polizia, descrivono meglio di ogni altra parola l'impegno profuso dalle istituzioni.

Ce la stiamo mettendo tutta. Come ha detto il ministro Minniti, stiamo sperimentando una cooperazione Stato-Regione che può diventare un modello.

 Lo Stato sta lavorando secondo un principio di sussidiarietà, distribuendo i compiti. Sto vedendo grandissimi progressi. La Magistratura non è solo il luogo dell’esame giuridico delle questioni ma il luogo dell’integrazione, della prevenzione e del coordinamento. Con questo protocollo non stiamo dichiarando guerra a qualcuno, ma stiamo realizzando investimenti specifici sui mezzi tecnologici di investigazione, c’è l’ambizione della società, c’è la visione di un Paese”.

Il presidente Emiliano ha poi ricordato che il prossimo 21 marzo ci sarà a Foggia la giornata di ricordo delle vittime di mafia organizzata da Libera: “È un evento che possiamo utilizzare per dare vita ai contenuti del protocollo, per stimolare insieme a tutti i soggetti qui presenti attività “rivoluzionarie” che diano la certezza a questa provincia di essere al centro dell’attività dello Stato”.

Emiliano infine ha detto di essere “orgoglioso di appartenere a questa Repubblica dopo aver ascoltato le parole del ministro Minniti sulla necessità di approvare la legge sullo ius soli”.

Il Protocollo di Intesa firmato oggi  persegue l’obiettivo di integrare i fondi della programmazione operativa nazionale e della programmazione operativa regionale destinati alle politiche di coesione e al riequilibrio territoriale della Regione Puglia per il ciclo di programmazione 2014-2020.

Le finalità sono: raggiungere una massa critica di risorse destinate ai medesimi obiettivi di policy tale da moltiplicare gli impatti degli investimenti sul territorio, coordinare le strategie di investimento nazionale e regionale per il ciclo di programmazione 2014-2020, pervenire a un programma di azioni congiunto finanziato con risorse regionali e nazionali.

Oggetto del Protocollo di Intesa è la realizzazione del Programma allegato in materia di legalità e sicurezza in regione Puglia attraverso l’utilizzazione integrata di risorse facenti capo al PON “Legalità” 2014-2020 e alla programmazione operativa della Regione Puglia 2014-2020.

Il Programma integra le azioni previste nei documenti della programmazione operativa nazionale e regionale per il ciclo 2014-2020 mirate ad accrescere le condizioni di sicurezza e a diffondere la legalità, secondo quanto previsto dall’Accordo di Partenariato, in aderenza con tutti gli Obiettivi Tematici.

In particolare, gli obiettivi strategici del Programma sono:

–   rafforzare gli standard di sicurezza in particolari aree della Puglia considerate strategiche per lo sviluppo;
–   favorire l'inclusione sociale attraverso il recupero dei patrimoni confiscati o inutilizzati;
–   favorire l’inclusione sociale e la diffusione della legalità;
–   migliorare le competenze della PA nel contrasto alla corruzione e alla criminalità organizzata.
La Regione Puglia, in coerenza con gli obiettivi strategici, ha individuato le seguenti priorità di intervento:
–   protezione delle aree ad alto potenziale di sviluppo economico e basso tasso di legalità, finalizzata al miglioramento della sicurezza percepita, sicurezza integrata e analisi predittiva;
–   recupero infrastrutturale dei beni confiscati alla criminalità organizzata;
–   inclusione lavorativa per gli immigrati regolari e richiedenti asilo, con particolare riferimento alle esigenze dell’agricoltura stagionale;
–   valorizzazione dei beni confiscati e/o sequestrati alle organizzazioni mafiose attraverso progetti culturali innovativi di riqualificazione a fini sociali di edifici e spazi che favoriscano la partecipazione dei cittadini;
–   riqualificazione/rigenerazione di proprietà pubbliche, attraverso interventi innovativi di rivitalizzazione economica e sociale.

Tali obiettivi strategici saranno perseguiti mediante l'utilizzo coordinato di risorse del PON “Legalità” 2014-2020 e della programmazione operativa della Regione Puglia 2014-2020, i cui obiettivi specifici, azioni e priorità sono integrati nel Programma, nonché di altre fonti finanziarie coerenti e complementari.

Le risorse del PON “Legalità” e dei Programmi regionali potranno essere utilizzate in maniera congiunta, quando destinate al finanziamento delle medesime azioni previste nel Programma, ovvero complementare quando destinate a finanziare azioni distinte mirate agli stessi obiettivi di policy.

Puglia: prezzi delle case su dello 0,2% nel terzo trimestre 2017

MILANO - Il valore delle abitazioni esistenti in Puglia è in lieve rialzo dopo i mesi estivi, con un incremento dello 0,2% che fissa il prezzo medio regionale a 1.253 euro/m². Rispetto allo stesso periodo dell’anno il mattone pugliese accusa comunque una correzione negativa del 3,6%, secondo i dati del marketplace immobiliare idealista.

Il mercato pugliese ha invertito la tendenza nel terzo trimestre a dispetto dell’andamento nazionale che registra invece un calo dell’1,7%.

Province 

Le province oscillano tra due opposte tendenze: Barletta-Andria-Trani (-2,5%), Foggia (-2%) e Taranto (-1%) calano; rivalutazioni a Lecce (1,8%), Bari (1,3%) e Brindisi (0,3%).

I metri quadri più cari si trovano in provincia di Bari (1.595 euro/m²), seguita da Barletta-Andria-Trani (1.428 euro/m²). La più economica è Taranto con 997 euro/ m², l’unica macro area sotto la media dei mille euro al metro quadro.

Capoluoghi

Nei principali centri si assiste a una progressiva stabilizzazione dei prezzi.

A eccezione di Trani (-8,1%), che registra un forte calo, seguono le diminuzioni decisamente meno drastiche di Foggia (-1,5%), Brindisi (-0,7%) e Taranto (-0,6%).  All’opposto c’è il ritorno in terreno positivo di Bari (1%) e l’andamento piatto di Lecce e Barletta entrambe 0,1% nell’ultimo trimestre.

Tra i grandi mercati pugliesi Bari domina la graduatoria dei metri quadri più cari con i suoi 1.783 euro al metro quadro, seguita da Trani 1.557 euro/m² e Barletta 1.445 euro/m² e Andria 1.442 euro/m². La più economica è Taranto con 960 euro/m².

Sul tetto dei valori regionali troviamo Otranto (2.064 euro/m²), l’unico tra i comuni pugliesi rilevati a superare una valutazione di 2mila euro al metro quadro.

Il centro ha visto i prezzi lievitare di oltre il 10% nel periodo di analisi, un incremento a due cifre dovuto all’appeal turistico della località salentina.

Il trend nazionale del terzo trimestre 

I prezzi delle case, in Italia, segnano un decremento dell’1,7% dopo i mesi estivi. Secondo i dati del marketplace immobiliare idealista, si tratta della peggiore performance registrata quest’anno, in virtù della quale il valore degli immobili scende fino a una media di 1.818 euro al metro quadro. Il trend negativo dei valori immobiliari investe quasi tutte le regioni italiane a eccezzione di Sardegna (-0,6%), Liguria (-0,4%) e Puglia (-0,2%).

lunedì, ottobre 09, 2017

Assalti a portavalori: sgominata banda transnazionale operante tra Foggia, Napoli e Verona

FOGGIA - Diciannove misure cautelari sono state eseguite in queste ore dalla polizia di stato per rapine - assalti a portavalori e siti bancari. Dalla scorsa notte è in corso una vasta operazione della Polizia di Stato italiana e L.K.A. - Landeskriminalamt tedesco nelle province di Salerno, Foggia, Napoli e Verona, nonché in Germania nel lander della Ranania - Palatinato, volta a disarticolare una nutrita associazione criminale a carattere transnazionale.

LE INDAGINI - Le indagini, svolte dai poliziotti del Servizio Centrale Operativo e delle Squadre Mobili di Salerno e Foggia, con il coordinamento della Procura di Nocera Inferiore (Sa), hanno permesso di individuare svariati episodi criminosi di particolare rilievo e di impedirne altri di imminente esecuzione.

I dettagli dell’operazione saranno illustrati in mattinata, nel corso di una conferenza stampa.

Foggia: Emiliano al Consiglio comunale, "La Regione considera l'area essenziale per la riscossa economica pugliese"


FOGGIA - “La Regione Puglia oggi è qui per onorare la città di Foggia. Ogni volta che sono venuto qui, nei momenti di festa e nei momenti del dramma, sotto la pioggia, le alluvioni, gli incendi, quando dovevamo resistere alle intimidazioni mafiose, sono sempre venuto a mani nude, senza pretendere null’altro che sentirmi parte di questa comunità. La Provincia di Foggia può dare un contributo enorme alla Puglia e non deve sentirsi un’area svantaggiata. La Regione considera quest’area essenziale per la riscossa economica della Puglia”.
Lo ha detto il presidente della Regione Michele Emiliano intervenendo a Foggia alla seduta monotematica del Consiglio comunale sull’aeroporto Gino Lisa. Presenti in aula anche gli assessori regionali ai Trasporti, Antonio Nunziante, al Bilancio, Raffaele Piemontese, e all’Agricoltura, Leonardo Di Gioia.

“Grazie alla soluzione che abbiamo trovato per l’aeroporto “Gino Lisa” – ha detto Emiliano -otteniamo un duplice risultato: investire i soldi sull’aeroporto per l’allungamento della pista (già stanziati 14 milioni di euro) e lo spostamento della Protezione civile regionale nella provincia a più alto rischio sismico, idrogeologico e incendi. Dobbiamo mettercela tutta per portare a buon fine l’operazione, ed è per questo che una giornata come questa, di fronte all’intero Consiglio comunale di Foggia, è dedicata all’unità degli intenti. Per esperienza so che uno dei principali limiti - come molti grandi meridionalisti hanno scritto - è immaginare che il fallimento delle imprese altrui corrisponda al proprio successo. Chi mi conosce sa che ho orrore di una impostazione come questa e che ho servito sempre questo Paese onorando il tricolore e pensando solo a raggiungere il miglior risultato possibile per la comunità. Per me ogni sindaco è uguale all’altro indipendentemente dall’appartenenza politica. Questo dell’aeroporto Gino Lisa è un lavoro che stiamo facendo tutti insieme ed è fondamentale restare uniti, fare critiche al fine di migliorare i progetti, non di affossarli”.

“Come sapete - ha aggiunto il presidente - lo scorso venerdì ho fatto una ricognizione in elicottero di tutta l’area del Gargano. Dopo ho visitato la più incredibile delle imprese di innovazione tecnologica legata alla rete elicotteristica pugliese, che da anni lavora in maniera combinata con la Regione Puglia. Ho constatato che quella immagine a volte affaticata della Capitanata viene facilmente invertita semplicemente seguendo gli esempi migliori che abbiamo davanti. E di esempi di imprese innovative nel territorio foggiano ne abbiamo tanti. La Regione sta facendo la sua parte, alle imprese dico che devono portare sempre più in questa provincia innovazione, accoglienza e responsabilità sociale”.

A tal proposito, il presidente Emiliano ha fornito all’aula i dettagli sugli interventi a valere sul Por 2014-2020 e sul Patto per la Puglia destinati alla Provincia di Foggia, evidenziando che si tratta di opportunità da cogliere in quanto fanno riferimento ad avvisi e procedure attualmente aperte all’intero territorio regionale e di conseguenza in fase di programmazione.

“Ad oggi risultano già assegnati dalla Regione interventi per oltre 410 milioni di euro alla provincia di Foggia, per rete viaria, difesa del suolo, aree interne, piattaforma logistica Incoronata, opere Isole Tremiti, Consorzi di bonifica, riqualificazione sanità territoriale, adeguamento Ospedali Riuniti di Foggia e Aeroporto Gino Lisa. Questa somma può crescere - ha spiegato Emiliano - perché la programmazione è ancora in corso e quindi il territorio, le amministrazioni pubbliche e le imprese, possono accedere a opportunità e avvisi in corso che attualmente ammontano a circa 3 miliardi di euro”, in particolare per l’efficientamento energetico, rigenerazione aree urbane, formazione, istruzione, inclusione sociale, Reddito di dignità, infrastrutturazione rete  ospedaliera, ciclo integrato dell’acqua e dei rifiuti, riqualificazione aree industriali, infrastrutturazione turistica, rete portuale, infrastrutture trasporto e aiuti alle imprese.

'Gli chef incontrano la Bella': in quattro ristoranti l'oliva più Bella d'Italia sarà declinata in ricetta

CERIGNOLA – “Gli chef incontrano la Bella” è l’appuntamento in programma giovedì 12 ottobre nei quattro ristoranti più accreditati di Cerignola per iniziare ad assaporare l’atmosfera de “La più bella sei tu”.

In attesa del 1° Festival Nazionale dell’Oliva da tavola che si terrà dal 20 al 22 ottobre - promosso dal Comune di Cerignola e realizzato in collaborazione con l’associazione Di terra di mare, Red Hot - impresa creativa, Adventa, ItaliaLab, Cerignola Produce - agenzia comunale per lo Sviluppo del Territorio e L’Agorà – gli chef de Il gatto nero, La volpe e l’uva, Mistella e U' Vulesce, declineranno in ricetta l’oliva più Bella d’Italia. Ogni ristorante proporrà un menù in cui l’oliva Bella di Cerignola sarà l’ingrediente principale.

Dal pane casereccio al pandolce fatti con le olive, passando per antipasti, primi e secondi piatti – sia di terra che di mare - dove l’oliva regnerà sovrana. 

Alla serata si accede solo su prenotazione, per info contattare i ristoranti aderenti all’iniziativa.

Si ricorda, inoltre, che la mattina di giovedì 12 ottobre la 1^ edizione del festival “la più Bella sei tu” sarà presentata ad Agrilevante. L’appuntamento è alle ore 12.00 nella Sala Mia (Salone della Multifunzionalità) - Padiglione 20 della Fiera del Levante. A parlare de “La più Bella sei tu” saranno Colomba Mongiello, vicepresidente Commissione Parlamentare di inchiesta sui fenomeni della contraffazione; Leo Di Gioia, assessore all’Agricoltura Regione Puglia; Franco Metta, Sindaco di Cerignola; Vincenzo Specchio, consigliere comunale delegato alle Attività Produttive; Ester Fracasso e Maria Pia Liguori, ideatrici e organizzatrici del Festival. A conclusione della presentazione sarà possibile degustare la Bella di Cerignola del Laboratorio di Legalità ‘Francesco Marcone’, un bene confiscato alla mafia e gestito dal 2010 dalla Cooperativa Sociale ‘Pietra di Scarto’ di Cerignola.

 “La più Bella sei tu” vanta il patrocinio di Regione Puglia e Symbola - Fondazione per le qualità italiane.

Info:

www.facebook.com/lapiubellaseitucerignola – www.lapiubellaseitu.com

Serie B: Empoli-Foggia 3-1, una doppietta di Caputo stende i pugliesi

di FRANCESCO LOIACONO - Il Foggia ha perso 3-1 a Empoli. Primo tempo senza occasioni da rete. Nel secondo tempo i toscani insidiosi. Donnarumma ha calciato fuori. I pugliesi in contropiede. Fedato di destro, palla di poco a lato. L’Empoli è passato in vantaggio con Caputo di destro. L’attaccante ha raddoppiato, botta di sinistro imparabile per il portiere Guarna. L’Empoli è andato vicinissimo al terzo gol. Donnarumma in girata, stavolta Guarna ha parato con le mani. La squadra allenata da Vivarini ha triplicato per merito di Donnaruma, tiro da pochi metri. Il Foggia è andato in gol con Mazzeo di destro. Per l’attaccante quarta rete in serie B. Ci ha provato Beretta, ma non ha inquadrato la porta.

Netta sconfitta per i rossoneri pugliesi dopo quattro risultati utili consecutivi. La squadra di Stroppa non è riuscita a contrastare con efficacia l’Empoli, una delle compagini tra le più quotate per la promozione in A. Niente di compromesso per i dauni. Hanno tutte le possibilità di riprendersi subito e risalire in classifica nella corsa verso il raggiungimento della salvezza.

domenica, ottobre 08, 2017

Usura e estorsione: 30 denunce nel Foggiano

FOGGIA - Le Fiamme gialle del comando provinciale di Foggia hanno terminato un'inchiesta, coordinata dalla locale Procura della Repubblica, in cui sono scattate le denunce per 30 persone accusate a vario titolo dei reati di usura, estorsione, detenzione abusiva di armi, ricettazione e di abusivismo bancario e finanziario.

In particolare le indagini riguardano un presunto e vasto fenomeno cittadino che avrebbe coinvolto artigiani, imprenditori e numerose persone in gravi difficoltà economiche impossibilitate a rivolgersi ai normali canali creditizi.

Eseguito inoltre il sequestro preventivo di 50 box, 14 appartamenti, di quote societarie di quattro imprese e di otto autovetture, per un valore complessivo di circa 2,5 milioni di euro.