Fasano, nella Chiesa di San Nicola inaugurazione del percorso accessibile per ciechi e ipovedenti delle installazioni e delle proiezioni luminose


FASANO (BR)
– Un Natale speciale a Fasano, all’insegna dell’accessibilità e dell’inclusione. È in programma lunedì 4 dicembre alle 17.30, con partenza dal sagrato della Chiesa di San Nicola, in Piazza Ciaia, l’inaugurazione di un percorso accessibile per ciechi e ipovedenti che comprende sia le installazioni a tema ‘animali’ che popolano il centro storico realizzate da Paulicelli Srl SB che le proiezioni luminose ammirabili sulle principali chiese prodotte da Proietta Srl.

Alla cerimonia prenderanno parte: l’assessora al Welfare della Regione Puglia Rosa Barone, la direttrice del Dipartimento Welfare della Regione Puglia Valentina Romano, il sindaco di Fasano Francesco Zaccaria, il presidente dell’UICI Puglia Paolo Lacorte, il presidente della sezione territoriale di Brindisi dell’UICI Michele Sardano e il componente del direttivo nazionale della Fondazione Orizzonti Futuri Onlus Antonio Laghezza.
L’iniziativa fa parte del progetto "Luci di Natale a Fasano: The World of Animals", promosso dal Comune di Fasano, ideato e realizzato da Euforica APS e Paulicelli Srl SB, azienda storica pugliese specializzata nella progettazione e nell’installazione di luminarie artistiche, in collaborazione con il Ministero del Turismo, l’Assessorato al Welfare della Regione Puglia, lo Zoosafari, la sezione pugliese e di Brindisi dell’Unione Italiana Ciechi e Ipovedenti (UICI) e con il contributo della Fondazione Orizzonti Futuri Onlus.
«Siamo davvero soddisfatte – hanno dichiarato l’assessora regionale al Welfare Rosa Barone e la direttrice del dipartimento regionale Welfare Valentina Romano - di partecipare ad un evento davvero unico nel suo genere che, oltre ad offrire uno spettacolo artistico, permetterà a tantissime persone cieche e ipovedenti di accedere al percorso delle installazioni e proiezioni luminose nella magica e bellissima cornice della città di Fasano, nell’ambito del 50esimo anniversario dello ZooSafari. Attraverso questa lodevole iniziativa si punterà all’inclusione delle persone cieche e ipovedenti verso cui l’assessorato e il dipartimento Welfare continuano a rivolgere particolare attenzione, promuovendo e sostenendo i progetti per l’integrazione sociale dei diversamente abili da adottare in maniera assolutamente omogenea su tutto il territorio pugliese».
«L'inclusione delle persone ipovedenti e cieche alla manifestazione – ha commentato il sindaco di Fasano Francesco Zaccaria -riuscirà a rendere accessibile a tutti la nostra atmosfera natalizia, attraverso un messaggio di unione, fratellanza e amore. Questo straordinario risultato è stato reso possibile grazie alla fondamentale collaborazione del FabLab del Politecnico di Bari, che ringrazio per la disponibilità fornita. Le persone con queste disabilità potranno attivare la loro superiore percezione emozionale e vivere intensamente il percorso delle nostre luminarie, fatto per tutti gli altri solo di immagini, attraverso le realizzazioni in 3D che riproducono giraffe, leoni e bertucce, elefante africano, dromedari, gorilla, canguri, orsi polari e pinguini, farfalle e pavoni»
Grazie a quadri tattili delle opere proiettate, a modellini 3D - che riproducono in scala le sculture luminose degli animali - e alla traduzione delle immagini in descrizioni audio multilingue, quello di Fasano è un esempio virtuoso di percorso di luminarie e videoproiezioni urbane accessibili anche a ciechi e ipovedenti.
I modellini 3D delle installazioni luminose e i quadri tattili delle opere proiettate sono stati realizzati da FabLab Poliba, il laboratorio per la fabbricazione digitale del Politecnico di Bari; ad ogni riproduzione è associato un QR Code che permetterà di accedere a una descrizione audio (in italiano e inglese), a cura di Euforica Aps, con le principali caratteristiche di ciascun animale, la sua rappresentazione all’interno del progetto, una storia che lo vede protagonista e una descrizione dettagliata delle opere proiettate sulle facciate chiese.
Le persone adulte, cieche e ipovedenti, potranno così ‘toccare con mano’, accompagnati da guide appositamente formate, le riproduzioni degli animali dello Zoosafari che hanno ispirato le installazioni luminose che popolano il centro storico di Fasano e conoscere, con il supporto di quadri tattili e di descrizioni audio multilingue, le opere proiettate sulle facciate delle chiese cittadine.
Tutte le iniziative legate all’accessibilità daranno vita a una mostra temporanea, allestita nel centro storico di Fasano, che sarà poi trasferita permanentemente allo ZooSafari di Fasano, all’interno di uno spazio appositamente dedicato all’accessibilità.
Le cinquanta istallazioni luminose a tema ‘animali’, ammirabili tutti i giorni gratuitamente fino al 13 febbraio 2024, sono state realizzate per festeggiare il 50esimo anniversario dello Zoosafari di Fasano - più grande parco zoologico d'Italia e secondo più grande d’Europa - e a cui è legato indissolubilmente il nome della cittadina pugliese.
L’iniziativa "Luci di Natale a Fasano: The World of Animals" fa parte del più ampio progetto "The World of Animals: i 50 anni dello ZooSafari di Fasano" per celebrare questo anniversario speciale attraverso una programmazione culturale della durata di circa 6 mesi che prevede eventi culturali e artistici, progetti didattici per le scuole primarie del territorio e una conferenza-studio a tema zoologico.
Lo Zoosafari di Fasano è stato inaugurato il 25 luglio 1973, nato dal sogno di Gianmatteo Colucci, fasanese amante della natura e degli animali, e progettato insieme al documentarista RAI, Angelo Lombardi. Il parco zoologico è diventato gradualmente un importante polo di conservazione, tutela e studio degli animali che, a oggi, vanta più di 100 ricerche effettuate con università e centri di ricerca internazionali, 23 differenti programmi scientifici, 26 tra collaborazioni e partecipazioni dirette in studi europei e mondiali per le specie rare ospitate. Oggi lo ZooSafari di Fasano è il più esteso parco faunistico in Italia, secondo in Europa e uno dei più apprezzati per la varietà di animali ospitati e di habitat rappresentati nei 140 ettari di superficie. Il parco è composto da più sezioni che permettono di differenziare le esperienze rendendole accessibili per i visitatori, senza creare disagio agli animali.

Daniele Martini

Sono un giornalista pubblicista, docente di comunicazione e sostegno. Sono un operatore della comunicazione.

Posta un commento

Nuova Vecchia

Modulo di contatto