Visualizzazione post con etichetta Puglia. Mostra tutti i post
Visualizzazione post con etichetta Puglia. Mostra tutti i post

Brindisi. "Sport and Party" nel Parco Cillarese: martedì 24 aprile conferenza stampa di presentazione


BRINDISI
- "Sport and Party", il nuovo grande evento patrocinato dal Comune di Brindisi e organizzato dal Maestro Carmine Iaia nella tre giorni del 27, 28 e 29 maggio 2022, sarà presentato ufficialmente ai giornalisti martedì 24 maggio 2022 alle ore 18:00 nel corso di una Conferenza Stampa presso il piazzale della fontana del Parco del Cillarese.

All’appuntamento con gli operatori dell’informazione, moderato dal giornalista brindisino Nico Lorusso, parteciperanno l’Assessore allo Sport del Comune di Brindisi Oreste Pinto e l’organizzatore, il maestro Carmine Iaia.

Nel corso dell’incontro con la stampa saranno illustrati tutti i dettagli della tre giorni d’evento che arriva dopo l’enorme successo de "La Pasquetta brindisina", iniziativa che ha coinvolto migliaia di cittadini e che ha confermato la vocazione del Parco "19 maggio 2012" (noto come Parco Cillarese) ad apprezzata location per occasioni di festa, oltre che rinomato polmone verde della città.

Il maestro Iaia, con il coinvolgimento delle società brindisine di Uniti per lo Sport, rilancia la grande carovana del divertimento dove conoscere e vivere esperienze sportive sfruttando le belle giornate di questo periodo; una occasione per vivere ancora una volta l’aria aperta e la natura in assoluto distacco dalla routine quotidiana e senza doversi allontanare dal Capoluogo.

Nel pieno rispetto dei luoghi, gli stand del food, le immancabili attrazioni per bambini e ragazzi, lo schiuma party e l’holi festival attenderanno famiglie, gruppi di amici, persone di tutte le età e coloro che vorranno godersi l’area di festa abbinando magari al contesto un rinvigorente pic-nic all’aria aperta.

Ostuni: lunedì 23 maggio l'incontro "Ascoltare con l'orecchio del cuore" con don Luigi Maria Epicoco


OSTUNI (BR)
- Proseguono gli eventi nella Città Bianca: ospite d'eccezione, lunedì 23 maggio alle 18.30, presso la Sala conferenze del Centro di Spiritualità "Madonna della Nova", don Luigi Maria Epicoco, Assistente ecclesiastico del Dicastero per la comunicazione ed editorialista dell'Osservatore Romano.

Don Epicoco, 41 anni, originario di Mesagne, stretto collaboratore di Papa Francesco, è autore di numerosissimi ed autorevoli testi (il più recente "La scelta di Enea" è stato pubblicato il 10 maggio da Rizzoli e presentato l'8 maggio scorso a "Che tempo che fa").
L'evento è organizzato dal mensile cattolico Lo Scudo in occasione della LVI settimana delle Comunicazioni Sociali, e conclude le manifestazioni per il centenario del giornale, pubblicato ininterrottamente dal 1921.
Il tema dell'incontro è: "Ascoltare con l'orecchio del cuore. L'ascolto dimensione dell'amore".
"Ascoltare con l’orecchio del cuore" è il titolo del messaggio dato dal Santo Padre per l'occasione il quale ha evidenziato, in particolare, che: "Tutti abbiamo le orecchie, ma tante volte anche chi ha un udito perfetto non riesce ad ascoltare l’altro. C’è infatti una sordità interiore, peggiore di quella fisica. L’ascolto, infatti, non riguarda solo il senso dell’udito, ma tutta la persona. La vera sede dell’ascolto è il cuore".
Introdurrà l’incontro il direttore del mensile, Ferdinando Sallustio. Le conclusioni sono affidate a Don Giovanni Apollinare, Vicario foraneo di Ostuni.

Francavilla Fontana: dal 23 al 28 maggio tornano le "Strade dei libri"


FRANCAVILLA FONTANA (BR)
- Dal 23 al 28 maggio "Le Strade dei Libri" torneranno protagoniste a Francavilla Fontana con la quarta edizione del festival dedicato alla letteratura per l’infanzia e l’adolescenza.

"Le Strade dei Libri – dichiara il Sindaco Antonello Denuzzo – è un appuntamento irrinunciabile per la nostra Città. Il festival non promuove 'solo' la letteratura e l’arte dell’illustrazione, ma la lettura come strumento per la crescita personale. Con questa iniziativa si rinnova il legame tra i luoghi storici e la cultura, un aspetto importante per l’attrattività del nostro territorio".
Da lunedì 23 a mercoledì 25 maggio si comincerà a Castello Imperiali con "Parole come alberi", laboratori di illustrazione con le autrici Comasia Scialpi, Sabrina Xhaferray e Antonella Colucci.
Giovedì 26 maggio alle 16.30 a Castello Imperiali è in programma "Figure come parole", una lezione con la docente, pedagogista e formatrice Silvana Sola. A seguire, in Biblioteca Comunale, presentazione del libro "A Said piaceva il mare" di Roberto Parmeggiani e laboratorio con l’illustratore Attilio Palumbo "Il fondale marino e le sue ombre".
Venerdì 27 maggio si ripartirà in Biblioteca con i laboratori a cura di Caterina Di Paolo, Chiara Armellini, Nicola Giorgio e Mauro Scarpa. Sempre in Biblioteca, alle 18.30, presentazione di "Montmartre" di Gaia Favaro e Gianfranco Vitti, mentre a Castello Imperiali alle 18.00 presentazione di "Per fortuna che ci siamo persi" di Maurizio Serafini in collaborazione con CamminaMenti Puglia.
Sabato 28 maggio la rassegna si sposterà su via Municipio dove ai laboratori di Armellini, Giorgio, Scarpa, si aggiungeranno quelli dell’autrice Paola Vitale e dell’illustratore Andrea De Franco. Dai laboratori di Mauro Scarpa e Nicola Giorgio, quest’anno, verrà prodotto un libro che vedrà la luce grazie al contributo dei piccoli partecipanti alle attività del festival.
"Le Strade dei Libri – prosegue l’Assessora alla Cultura Maria Angelotti – è una occasione per scoprire un mondo letterario in forte crescita ed i suoi autori. Accanto a loro ci saranno anche i giovani illustratori francavillesi. Saranno giorni di festa all’insegna della creatività".
Nei giorni del Festival il Teatro Imperiali ospiterà un punto informazioni, un bookshop e una mostra dove sarà possibile ammirare le opere di tutti gli illustratori e le illustratrici ospiti della rassegna.
"Dopo il successo dello scorso anno – conclude Margherita Cinefra (Le Radici e Le Ali) – abbiamo compreso quanto la letteratura per l’infanzia sia importante per le famiglie. Era doveroso dare continuità al festival, rendendolo ancora più grande, con ospiti importanti e graditi ritorni, ed è stato possibile grazie all’impegno dell’Amministrazione Comunale e al sostegno dei partner".
La quarta edizione del festival Le Strade dei Libri, inserita nel cartellone di appuntamenti del Maggio dei Libri, è a cura de Le Radici e Le Ali e Libreria Francavillese con il patrocinio del Comune di Francavilla Fontana, il sostegno di BCC San Marzano, Laboratorio Analisi PIRO & SPINA, Parafarmacia Raiola e la collaborazione di Petrolio e Camminamenti Puglia.
Il programma completo è consultabile sul sito lestradedeilibri.com.

Francavilla Fontana: mercoledì 18 maggio presentazione della nuova edizione delle "Strade dei libri"


FRANCAVILLA FONTANA (BR)
- Cresce l’attesa per il ritorno dal 23 al 28 maggio della rassegna "Le Strade dei Libri", il festival nato a Francavilla Fontana per promuovere e far conoscere la letteratura per l’infanzia e l’adolescenza.

La quarta edizione, curata dall’associazione Le Radici e Le Ali con la Libreria Francavillese e il patrocinio dell’Amministrazione Comunale, verrà presentata con un aperitivo aperto al pubblico mercoledì 18 maggio alle 18.00 nell’atrio di Castello Imperiali.
Alla presentazione interverranno il Sindaco Antonello Denuzzo, l’Assessora alla Cultura Maria Angelotti, Margherita Cinefra (Le Radici e Le Ali), Antonio di Summa (Libreria Francavillese) e i partner dell’iniziativa Emanuele di Palma (Presidente BCC San Marzano), Ettore Piro e Ubaldo Spina (Laboratorio Analisi Piro & Spina) e Valentina Raiola (Parafarmacia Raiola).
Sarà una edizione ricca di incontri, laboratori e lezioni che si svolgeranno tra Castello Imperiali, via Municipio, Biblioteca Comunale e Teatro Imperiali. In quest’ultimo luogo sarà allestita una mostra dedicata al mondo dell’illustrazione con annesso un bookshop.
Tra gli ospiti di quest’anno ci saranno la pedagogista e docente Silvana Sola, Roberto Parmeggiani, Caterina Di Paolo, Chiara Armellini, Attilio Palumbo, Paola Vitale, Gaia Favaro, Gianfranco Vitti, Maurizio Serafini e Andrea de Franco.
Si segnalano, tra i grandi ritorni, quelli dell’autore salentino Mauro Scarpa e dell’illustratore toscano Nicola Giorgio che collaboreranno alla produzione di un libro che vedrà la luce proprio durante la rassegna.
La manifestazione è inserita nel cartellone di appuntamenti del Maggio dei Libri.
Tutti i dettagli saranno resi noti nel corso dell’aperitivo in programma mercoledì 18 maggio alle 18.00 a Castello Imperiali.
La partecipazione è libera e gratuita.

Aido Brindisi: spunti e confronti interessanti al corso per Giornalisti su Testamento Biologico e Donazione Organi


BRINDISI
- Si è dunque svolto come da programma il corso per la Formazione Professionale Continua dei Giornalisti sul tema "Donazione Organi e Testamento Biologico: la comunicazione nella fragilità del fine vita", ospitato dall’auditorium del Castello Normanno-Svevo di Mesagne lo scorso sabato 14 maggio.

Missione compiuta per il Gruppo Comunale AIDO - Associazione Italiana per la donazione di Organi, Tessuti e Cellule "Marco Bungaro" di Brindisi grazie alle manifestazioni di apprezzamento, partecipazione, coinvolgimento, forniti dalla folta platea di operatori dell’informazione intervenuti che non hanno mancato di fornire diversi suggerimenti e spunti di riflessione ai contenuti proposti dai relatori.
L’incontro, patrocinato da Asl Brindisi e Comune di Mesagne ed inserito, tra l’altro, nel calendario di iniziative del comune messapico Maggio delle legalità 2022 "Germogli di legalità" e promosso, su proposta del giornalista brindisino Nico Lorusso, dal gruppo della ODV comunale del Capoluogo Adriatico, ha centrato l’obiettivo di diffondere a quanti si occupano tutti i giorni di comunicazione e conoscenza, il sistema che è alla base della donazione organi sia in ambiente ospedaliero che territoriale, fornendo dettagli sulla comunicazione sociale attivata in tema di donazione e trapianto e discutendo sulle implicazioni etiche e psicologiche alla base della scelta di diventare in vita un donatore di organi, tessuti e cellule, evidenziando le problematiche vissute dai familiari chiamati a decidere per chi non si è mai espresso in vita. Trattate anche le modalità per stilare, depositare e far valere le proprie DAT - Disposizioni Anticipate di Trattamento, il cosiddetto Testamento Biologico.
Ai saluti istituzionali del Sindaco di Mesagne Antonio Matarrelli e del Primario dell’ U.O. di Anestesia e Rianimazione dell’Ospedale "A. Perrino" di Brindisi Massimo Calò, che hanno introdotto il corso, sono seguiti gli interventi, coordinati dal giornalista e Responsabile Comunicazione AIDO Brindisi Nico Lorusso in qualità di moderatore, del Presidente AIDO Regione Puglia, Prof. Giuseppe Neglia, del medico coordinatore per la donazione Organi dell’Ospedale "A. Perrino" di Brindisi, Dr.ssa Ada Patrizia Patrizio, del medico nefrologo Dr.ssa Grazia Bellanova, della responsabile dell’Ufficio Anagrafe del Comune di Mesagne, Dott.ssa Francesca Andriola, del Vice-Presidente AIDO Brindisi, Dott. Dario Marasciulo e della testimonial AIDO Brindisi sul trapianto, Dott.ssa Roberta Marseglia.
L’occasione quindi è stata opportuna per ribadire, ai professionisti della comunicazione, quanto importante sia il loro ruolo di intermediari verso i cittadini per una consapevole scelta in vita che permetta di non lasciare, in un momento difficile, importanti decisioni ai familiari in merito a questioni di Donazione di Organi, Tessuti e Cellule e DAT - Disposizioni Anticipate di Trattamento. Un messaggio fondamentale da diffondere per incentivare le opportunità di ricorrenza alle terapie salvavita dei trapianti oltre che fornire a quanti non le conoscono, informazioni sanitarie e istituzionali che le regolano.

Malattie del fegato: dalle "Giornate Epatologiche Brindisine" importanti indicazioni sulle nuove terapie


BRINDISI
- Si sono chiuse stamattina le "Giornate Epatologiche Brindisine", congresso patrocinato dalla Asl di Brindisi, dal Comune di Brindisi e da @Siemc, l’associazione italiana di ecografia in medicina e chirurgia, e presieduto dal prof. Pietro Gatti, direttore del Dipartimento Area Medica della Asl di Brindisi e direttore dell’Uoc di Medicina Interna dell’ospedale Perrino.

"Sono state due giornate intense, ricche di relazioni e confronti" sottolinea Gatti. "Abbiamo avviato importanti confronti sulle epatiti croniche, sulla cirrosi e sull’epatocarcinoma. Sono emerse indicazioni nuove, innovative, sulle terapie, anche ad esempio per l’epatite B, traguardo ormai prossimo. Importanti anche le indicazioni cliniche su come dobbiamo trattare e curare i nostri pazienti cirrotici. Una serie di informazioni che serviranno nei prossimi mesi a migliorare le cure ai nostri pazienti".
Importante anche la tavola rotonda con la partecipazione del Direttore generale dell’Aress Giovanni Gorgoni, del Direttore generale della Asl di Brindisi Flavio Roseto e del Direttore sanitario della Asl di Brindisi Vito Campanile. Come anche gli interventi, nella giornata conclusiva, del Presidente della Regione Puglia, Michele Emiliano, e del direttore del Dipartimento Salute della Regione Puglia Vito Montanaro. "Abbiamo recepito indicazioni molto interessanti sull’organizzazione territoriale dei pazienti che soffrono di malattie epatiche" sottolinea Gatti.
"L’integrazione tra territorio e ospedale, tra sfera sanitaria e sfera sociale, è il grande obiettivo che dobbiamo raggiungere attraverso la progettualità stimolata dal Pnrr" ha spiegato il direttore generale della Asl Roseto, che ha sottolineato ancora una volta l’elevato livello dell’unità operativa di Medicina Interna del Perrino di Brindisi, condotta dal professor Gatti, nel trattamento e nello studio delle patologie del fegato. Sulla stessa scia gli interventi di Gorgoni, Montanaro ed Emiliano. Il direttore generale dell’Aress ha anche posto l’accento sulla trasformazione digitale della sanità regionale, "tema su cui siamo leader in Italia, tant’è che Regione Puglia e Regione Lombardia sono state individuate come regioni bandiera dai gruppi ministeriali che stanno seguendo il Pnrr per le piattaforme regionali di telemedicina". Montanaro, invece, ha parlato della necessità di investire per formare medici e personale sanitario ed ha elogiato il lavoro svolto a Brindisi nelle due giornate di congresso. Il Governatore, infine, ha spiegato che quella del Pnrr è un’occasione straordinaria, "che dovrà permetterci di portare la sanità di alto livello sul territorio, uscendo dagli ospedali. In Puglia ci sono già esempi importanti, la sfida è quella di livellare l’offerta su tutta la regione"_epa. Il presidente non ha mancato di fare un plauso al lavoro svolto a Brindisi in tema di malattie del fegato.

Francavilla Fontana: giovedì 19 maggio presentazione della misura regionale NIDI


FRANCAVILLA FONTANA (BR)
- Giovedì 19 maggio alle 15.00 l’Amministrazione Comunale ospiterà l’Assessore Regionale Alessandro Delli Noci a Castello Imperiali per la presentazione del bando NIDI – nuove iniziative d’impresa.

Questo strumento regionale si rivolge a giovani, donne e persone che hanno perso il lavoro e vogliono avviare studi professionali o microimprese.
L’obiettivo è favorire la nascita di nuove attività e agevolare l’autoimpiego di persone appartenenti a categorie svantaggiate o maggiormente colpite dagli effetti della pandemia.
Le agevolazioni previste consistono in contributi a fondo perduto e prestiti rimborsabili a tasso zero riconosciuti a nuove iniziative imprenditoriali da avviare, o avviate di recente, sul territorio regionale.
NIDI Puglia 2022 sarà caratterizzato da aiuti differenziati a seconda delle caratteristiche dell’impresa.
Si parlerà di NIDI dentro e fuori le mura del Castello grazie al Camper promozionale dell’iniziativa che sarà attivo in Via Municipio per fornire delucidazioni sulla misura.
La presentazione di Francavilla Fontana è una tappa del Roadshow ideato dall’Assessorato Regionale allo Sviluppo Economico per far conoscere questa opportunità ai cittadini direttamente sui territori.

San Vito dei Normanni: il 7 giugno serata unica del XII Premio alla Cultura "Samadi" e della finale di "Adotta un Esordiente XI"


SAN VITO DEI NORMANNI (BR)
- Con rinnovato entusiasmo e consolidata consuetudine, trascinata da una attento, ma tanto desiderato ritorno alla normalità dopo la recente cessazione dell’Emergenza Sanitaria, la Taberna Libraria di Latiano si appresta ad ultimare i preparativi del momento più atteso dell’anno, il doppio evento in serata unica della XII Edizione del Premio alla Cultura "Samadi" e della finale della XI Edizione di Adotta un Esordiente, in programma martedì 7 giugno 2022 a partire dalle ore 19:00, presso il Tex Teatro Ex Fadda di San Vito dei Normanni, concesso gentilmente per l'occasione.

Ancora qualche settimana quindi, prima di conoscere gli assegnatari del premio "Samadi" che conferisce nella sezione locale, un riconoscimento a cittadini contraddistintisi per la diffusione della Cultura nella nostra terra, e in quella nazionale a personaggi della nostra nazione che diffondono cultura in Italia, e il vincitore del noto concorso letterario basato sulle opere prime di esordienti nel panorama librario nazionale, appuntamento esclusivo del contenitore culturale latianese e delle scuole superiori dell’intera provincia.
L’atto conclusivo della kermesse letteraria, promossa e organizzata dalla Taberna Libraria di Latiano in collaborazione con De Vivo Home Design, SummerTime - Animazione & Spettacolo, Cantine San Donaci e Brin Mar Engineering, sarà caratterizzato, a partire da quest’anno, dalla assegnazione al primo classificato di un premio in denaro, frutto del contributo fornito dalle Amministrazioni di Latiano, Ceglie Messapica, Oria, Mesagne, San Michele Salentino, San Vito dei Normanni e l’Ambito di Francavilla Fontana, che patrocinano, assieme alla Provincia di Brindisi, l’iniziativa culturale. E sarà proprio quest’ultimo aspetto a costituire il valore aggiunto, un riconoscimento che proietta di fatto Adotta un esordiente tra i concorsi più ambiti a livello nazionale, contribuendo a portare la Puglia ed in particolare questa provincia, ai vertici del panorama letterario.
Cresce quindi l’attesa di conoscere quale, tra le opere che caratterizzano la terna finalista, composta da "La guerra di Nina" di Imma Vitelli (Edizioni Longanesi), "La felicità non va interrotta" di Anna Bardazzi (Edizioni Salani) e "Piperita" di Francesco Mila (Edizioni Fandango), si aggiudicherà la XI Edizione di Adotta un Esordiente. Una edizione che ha portato la Commissione Esaminatrice ad un lavoro particolarmente impegnativo considerando che, per scegliere i tre libri finalisti, i professionisti che la compongono ed il neo Presidente Alessandro Barbaglia, già trionfatore di Adotta un Esordiente e fresco vincitore del Premio Strega Giovani, hanno dovuto scegliere non tra sei ma tra sette dei dieci libri inizialmente selezionati, una valutazione allargata quindi, nella fase preliminare, ad un opera in più perché meritevole. Oltre 700, anche quest’anno, gli studenti-giurati delle scuole partecipanti come il Liceo "Lilla" e l'Itis "Fermi" di Francavilla Fontana, il Liceo "Fermi Monticelli", il Liceo "Palumbo" e il Liceo "Simone-Durano" di Brindisi, il Liceo "Ferdinando" di Mesagne, l'Itc e Liceo "Agostinelli" di Ceglie Messapica, il Liceo "Ribezzo" di Latiano, il Liceo "Lilla" di Oria, il Liceo "Leo" di San Vito dei Normanni e il Liceo "Paglietti" di Porto Torres. Dalla somma dei loro voti, come accade per ogni edizione, è scaturito il nome del vincitore, una gara avvincente quella tra i libri finalisti, con uno scarto minimo sul secondo posto dove il primo classificato che ha ottenuto la seconda media di voti più alta di tutte le undici edizioni e il 7 giugno, giorno della proclamazione, salirà personalmente sul palco per ritirare riconoscimento e premio in denaro.
Ospite della serata la scrittrice calabrese Rosella Postorino, vincitrice del Premio Campiello nel 2018 con il romanzo Le assaggiatrici (Edizioni Feltrinelli) che presenterà il suo libro "Io mio padre e le formiche - Lettere ai ragazzi sui desideri e sul domani", un libro ispirato e d'ispirazione che raccoglie riflessioni profonde sui temi più importanti della vita di chiunque, non solo dei ragazzi chiamati ad affrontare un rito di passaggio. Una lettera a cuore aperto, sincera, personale, eppure universale, scritta con l'intenzione di essere un incoraggiamento, o una carezza.

Francavilla Fontana: al via la gara per il recupero dell’ex scuola di via Ferruccio Parri


FRANCAVILLA FONTANA (BR)
- L’Amministrazione Comunale ha avviato la gara da 1,85 milioni di euro per il recupero dell’ex scuola nel quartiere San Lorenzo.

L’edificio, che risale alla metà degli anni ’80 e si trova nell'area compresa tra Viale Abbadessa, via Parri e via Di Castri, da decenni è in completo abbandono, in balia dei vandali che negli anni hanno depredato la struttura e devastato gli interni. Nel pieno spirito della "Rigenerazione Urbana Sostenibile" l’Amministrazione Comunale ha previsto una completa rifunzionalizzazione dell’immobile che lo porrà al centro del rinnovato quartiere San Lorenzo.
"La Rigenerazione Urbana è una opportunità per ridisegnare anche la socialità del quartiere. La ex scuola – spiega il Sindaco Antonello Denuzzo – da luogo dimenticato della Città si trasformerà in un centro di inclusione, dove tutti potranno sentirsi a casa. Perché qui abbiamo previsto di attrezzare spazi da dedicare ad alloggi, ai servizi per il quartiere e ai momenti di convivialità".
Uno spazio polifunzionale capace di rispondere all’emergenza abitativa e alla necessità di incrementare le occasioni di socialità. I quasi mille metri quadrati della struttura ospiteranno un condominio sociale con 10 alloggi da destinare a cohousing e spazi per il co-working con postazioni di lavoro a disposizione dei professionisti, un market solidale, laboratori per l’inclusione sociale e lavorativa, giardino, zone relax e area giochi.
"L’ex scuola diventerà uno spazio attrezzato per viverci, lavorare e socializzare. Il principio della rigenerazione – prosegue l’Assessore Nicola Lonoce – non si ferma agli aspetti urbanistici, ma tocca la quotidianità delle persone, mette in connessione e valorizza le potenzialità delle risorse strutturali e umane. Per questo non abbiamo esitato a voler dare una impronta di multifunzionalità a questo luogo, dove saranno determinanti le relazioni".
Il cohousing, sperimentato inizialmente nel nord Europa, punta alla dimensione sociale dell’abitare. Gli occupanti degli alloggi – individuati tra le persone con difficoltà economiche e sociali – oltre alle aree loro assegnate dovranno condividere spazi comuni come, ad esempio, la cucina e la zona relax. Questa dimensione comunitaria può favorire la formazione di legami e stili di vita più sostenibili per affrontare la quotidianità, dalla spesa alla cura delle necessità dei più fragili.
"L’idea – conclude l’Assessore Nicola Lonoce – è invertire il fenomeno dell’esclusione sociale. Da questo immobile recuperato dovranno nascere occasioni di incontro e di scambio con il quartiere. È nostra intenzione rigenerare uno spazio per metterlo al servizio dei più fragili e dell’inclusione sociale".
Sull’immobile saranno attuati interventi finalizzati al recupero del fabbricato, al consolidamento antisismico e all’efficientamento energetico con l’installazione di pannelli solari e la creazione di un cappotto termico.

Carovigno: sabato 14 maggio al Teatro Italia l'evento "T'arrecuerde de..."


CAROVIGNO (BR)
- Proseguono gli eventi nella città di Carovigno: sabato 14 maggio 2022, presso il Teatro Italia in via Montegrappa n°54, si terrà l'evento dal titolo "T'arrecuerde de...". L'entrata in teatro sarà a partire dalle ore 20:15, mentre il sipario sarà alzato alle ore 20:45.

Per quel che riguarda la serata, è dedicata alla cultura e alla promozione del territorio, della lingua ostunese e dei personaggi che l'hanno caratterizzata e resa nota con scritti indimenticabili.
Si alterneranno momenti musicali, poesie e commedie popolari dei grandi autori ostunesi: Crescenzio, Colucci, Iurleo, Greco e Moro.
Durante la serata si esibiranno: Davide Saccomanno, Piero Rapanà e Lorenzo Cirasino.
L'ingresso è regolamentato in materia di normative vigenti COVID-19.
Per info e biglietti, è possibile contattare tramite piattaforma social Facebook e Instagram l'Associazione culturale ricreativa "Sul Palco della Vita".

Francavilla Fontana: mercoledì 11 maggio secondo appuntamento con "Identità narrate e condivise"


FRANCAVILLA FONTANA (BR)
- Mercoledì 11 maggio alle 17.30 è in programma il secondo appuntamento in Biblioteca Comunale con il laboratorio "Identità Narrate" sulla storia, le tradizioni e la cultura di Francavilla Fontana.

Al centro dell’incontro ci saranno il Santuario di Maria SS. della Croce e la Fiera dell’Ascensione. Anche in questa occasione la narrazione storica sarà arricchita con foto d’epoca, testimonianze e documenti per un viaggio nella memoria, anche recente, di due luoghi che hanno caratterizzato la vita del quartiere e non solo.
Il progetto Identità narrate è stato sviluppato grazie al lavoro di ricerca che ha coinvolto storici locali quali Alberico Balestra, Pietro Balsamo, Giuseppe Cafueri, Fulgenzio Clavica, Savino D'Andrea, Enzo Garganese, Salvatore Lupo, Geppino Montanaro, Alfonso Padula e Sandro Rodia.
Gli incontri proseguiranno, con la stessa formula, ogni mercoledì alle 17.30, sempre in Biblioteca Comunale, ogni volta trattando un luogo di interesse diverso: il convento di San Biagio, il quartiere de "Li cameni", la Torre dell’Orologio, l’ex mercato coperto e tanti altri (non mancherà l’edificio che oggi ospita la stessa biblioteca comunale).
La partecipazione al laboratorio è libera e gratuita.

Francavilla Fontana: lunedì 9 maggio incontro con Carlo Cottarelli a Castello Imperiali


FRANCAVILLA FONTANA (BR)
- Lunedì 9 maggio alle 17.30 il noto economista Carlo Cottarelli incontrerà a Castello Imperiali i giovani francavillesi per parlare del ruolo delle nuove generazioni nelle politiche di sviluppo del Paese.

All’iniziativa, che fa parte degli eventi della settimana della legalità organizzata dal Liceo Scientifico Ribezzo con il patrocinio dell’Amministrazione Comunale, prenderanno parte il Sindaco Antonello Denuzzo, l’Assessora alla Cultura Maria Angelotti e la Dirigente Scolastica Giuseppina Pagano.
Modererà ed introdurrà i lavori il rappresentante d’Istituto Gabriele Lobello.
Carlo Cottarelli ha lavorato dal 1981 al 1987 presso la direzione monetaria del Servizio Studi della Banca d’Italia e dal 1987 al 1988 al Servizio Studi dell’ENI.
È stato Direttore Esecutivo al Fondo Monetario Internazionale (FMI) per Italia, Albania, Grecia, Malta, Portogallo e San Marino da novembre 2014 a ottobre 2017. Da ottobre 2013 a ottobre 2014 ha ricoperto l’incarico di Commissario per la Revisione della Spesa Pubblica in Italia e dal 2008 al 2013 Direttore del Fiscal Affairs Department del Fondo Monetario Internazionale.
Il 28 maggio 2018 è stato nominato Presidente del Consiglio incaricato dal Presidente della Repubblica Sergio Mattarella per guidare un governo ad interim che avrebbe portato l'Italia verso nuove elezioni. Tuttavia, dopo pochi giorni, le forze politiche raggiunsero un accordo che portò alla nascita del primo Governo Conte.
Attualmente è Direttore dell'Osservatorio sui Conti Pubblici Italiani. La partecipazione all’incontro è libera e gratuita.

"Cucinare in libertà" si chiude il progetto: il 10 maggio la consegna degli attestati

BARI - Trenta lezioni in quattro mesi durante le quali i ragazzi si sono avvicinati alla cucina italiana attraverso lezioni teoriche e di pratica, ma soprattutto hanno vissuto un’esperienza di relazione sociale e umana. 

Un invito a continuare ad impegnarsi e proseguire gli studi attraverso la formazione scolastica nell’alberghiero. Si conclude con soddisfazione “Cucinare… in Libertà” nato dall’intesa tra l’Oratorio Redentore di Bari e la F. Divella S.p.A., con il patrocinio del Comune di Bari. Martedì 10 maggio alle ore 17, nel Redentore dei Salesiani di Bari si svolgerà la cerimonia di chiusura del corso con la consegna degli attestati di partecipazione ai ragazzi che hanno aderito all’iniziativa. Un progetto rivolto agli studenti delle scuole medie del quartiere Libertà finalizzato a combattere concretamente il fenomeno della dispersione giovanile in un quartiere difficile come il Libertà. 

“Cucinare ... in Libertà” è stata un’iniziativa nata, dunque, con obiettivi mirati: creare un format permanente per fornire un indirizzo alberghiero ai ragazzi e costruire un progetto d’innovazione sociale in un quartiere a rischio che ha sempre bisogno di più stimoli, entusiasmo e creatività. Alla consegna degli attestati saranno presenti l’assessore alla pubblica istruzione del Comune di Bari Paola Romano, il dottor Domenico Divella della F. Divella S.pa. A consegnarli, il Corporate Chef della F. Divella S.p.A. Donato Carra che in questi mesi ha provato, con enormi risultati raggiunti, a stabilire con i ragazzi un dialogo andato ben oltre il mero aspetto formativo. Molti di loro, infatti, hanno espresso allo Chef grande entusiasmo per un futuro in quest’ambito professionale. "L’impegno di questi ragazzi – spiega Domenico Divella - è stato encomiabile e mi congratulo anche con il nostro Corporate Chef Donato Carra per la professionalità con la quale ha affrontato questo percorso. Grazie a lui, i ragazzi hanno scoperto il lato professionale della cucina italiana, attraverso una piacevole esperienza culinaria, hanno alimentato la loro creatività e soprattutto sperimentato il lavoro di squadra: attitudini queste fondamentali nella vita. Un percorso virtuoso in un contesto difficile come il quartiere Libertà che sicuramente lascerà un segno positivo nelle loro vite.” 

Entusiasta dell’iniziativa che giunge a conclusione don Giuseppe Russo, direttore dell’Oratorio dell’Istituto Salesiano Redentore di Bari. " Cucinare in libertà – spiega don Giuseppe - è stata una bellissima esperienza di collaborazione fra una delle più importanti aziende pugliesi come la Divella, un ente importantissimo per l'educazione a Bari come il Redentore e decine di famiglie del quartiere Libertà... e al centro di questo progetto c'è stata la scoperta dei talenti dei ragazzi e il riappropriarsi del gusto non solo del cibo ma anche dello stare insieme. Speriamo fortemente, come Istituto Salesiano Redentore, che questo sia stato solo il primissimo passo di un percorso di comune servizio della Divella e del Redentore ai giovani e alle famiglie del Libertà. Alla Divella e allo chef Carra va tutta la nostra gratitudine e la nostra stima, unite alla bella amicizia che si è creata in questi mesi”. 

Infine, l’assessore all’istruzione del Comune di Bari, Paola Romano pensa già al futuro. “Ora consegniamo gli attestati ai ragazzi che hanno frequentato questo corso con entusiasmo e attenzione. Già dopo le prime lezioni abbiamo visto il loro cambiamento: tutti concentrati, precisi, nelle attività di cucina. Ritengo che sia stata una bella esperienza che ha consentito loro di stare insieme e d’imparare da un professionista autorevole come lo chef Carra. Ringrazio il redentore e la Divella per questa iniziativa che vorremo riproporre al più presto per altri studenti”.

Pugilato a Scuola: terminato a Brindisi il Modulo del Pon "Kappa Oh!" per gli studenti del "DeMArco-Ferrari-Valzani"


BRINDISI
- La Boxe Iaia Brindisi del maestro Carmine e l’IISS "Ferraris De Marco Valzani – Polo Messapia" insieme contro la dispersione scolastica. Si è concluso con partecipazione ed entusiasmo il progetto del Modulo "Kappa Oh!" del progetto PON "Liberi tutti" basato sul pugilato no-contact con la collaborazione del maestro Carmine Iaia, rivolto a 20 studenti del biennio dell’istituto professionale brindisino, tra i 15 e i 16 anni di età, con l’obiettivo di educare alla boxe come disciplina e "nobile arte" attraverso azioni pratiche di allenamento motorio e comprensione della tecnica specifica attraverso momenti di dialogo e confronto con i ragazzi per sollecitare la partecipazione del singolo a pratiche di riflessione.

L’attività si è svolta in due momenti, uno prettamente fisico e sportivo, l’altro teorico. Per entrambi gli ambiti è stato comunque fondamentale, ai fini dell’apprendimento, l'aspetto della disciplina che caratterizza, nel particolare sport come il pugilato con l'osservazione di determinate regole, il rispetto verso se stessi, verso l'avversario, verso educatori, allenatori e maestri.
Tutti gli studenti hanno scelto di partecipare con entusiasmo e voglia di fare, sensazioni cresciute con il susseguirsi del tempo trascorso in palestra, in tutto 30 ore, tre delle quali tra teoria e colloqui e la restante parte in attività motoria, tecnica e tattica pugilistica e difesa personale. Dei 20 ragazzi coinvolti 14 erano maschi e le restanti 6, femmine. La spontanea adesione di queste ultime al Modulo del PON, a dispetto del pensiero comune e anacronistico che la boxe sia uno sport appannaggio degli uomini, ha dimostrato tanto in termini di socialità.
Le sedute di allenamento, si sono tenute direttamente presso la palestra della Boxe Iaia sotto la supervisione del maestro Carmine Iaia, in orario pomeridiano. Gli studenti hanno raggiunto la sede di allenamento al termine delle lezioni scolastiche. Per permettere ai giovani atleti di partecipare in maniera diretta alle sedute di allenamento la scuola ha disposto per loro anche i pasti.
Entusiasmo espresso dalla Dirigente Scolastica, la prof.ssa Rita Ortenzia De Vito che ha dichiarato: "Abbiamo creduto sin da subito nella potenzialità di questo progetto che, in corso di svolgimento, si è rivelato ancora piú incisivo e opportuno per questi studenti che hanno partecipato con assiduità ed entusiasmo allo stesso. Per giovani come questi, in un momento storico che ci vede reduci da due anni di pandemia e restrizioni, si è reso necessario fornire contributi di socializzazione e condivisione accompagnati da rinforzi positivi per il raggiungimento di obiettivi come padronanza e rispetto della propria e altrui fisicità e della propria e altrui forza fisica e mentale, aumento dell’autostima e autoefficacia, ri-scoperta del piacere di vivere il corpo, educazione ai valori positivi dello sport e delle regole sociali, lealtà e confronto costruttivo, potenziamento dei sani stili di vita. Un forte ringraziamento per questo va al maestro Carmine Iaia e al Prof Giuseppe Lonero, tutor del modulo".
E proprio il professor Lonero, ha commentato lo svolgimento del modulo: "E' stato davvero illuminante poter constatare con quanta passione e carattere il maestro Carmine Iaia, che ringrazio per la collaborazione, abbia condotto questo percorso con gli studenti. Passione ricambiata dai ragazzi che hanno potuto conoscere aspetti di uno sport, come il pugilato, carico di cultura e di una storia che, pur legandolo al nostro territorio, a causa della mancanza di opportunità di approfondirne certi contenuti porta a preferirgli le arti marziali. Ben venga che la scuola possa dare sempre più spazio ad occasioni come queste che permettono ai giovani di conoscere gli aspetti più interessanti della nobile arte".
Grande emozione per il maestro Carmine Iaia che ha esternato la propria soddisfazione: "È stata una splendida esperienza, appagante dal punto di vista professionale. Lavorare con i ragazzi è sempre emozionante soprattutto quando, oltre all’aspetto sportivo legato all’addestramento della boxe si possono affrontare aspetti legati a riflessione, comunicazione e ascolto attivo. Mi sono messo a loro disposizione cercando di aiutarli anche nelle proprie insicurezze e posso dire che ha funzionato tutto molto bene. Ringrazio la Preside De Vito e il tutor, prof Giuseppe Lonero, per l’opportunità".

Ostuni. Tommaso Gioia: "Raccontiamo 'Fatti Reali' sull'ospedale"

OSTUNI (BR) - "L’Ospedale di Ostuni, come tantissimi ospedali italiani per far fronte all’emergenza pandemica è stato trasformato in ospedale Covid. La stessa cosa era accaduta lo scorso anno, ed a giugno 2021 dopo tanti mesi di chiusura, l’ospedale di Ostuni veniva riaperto, ed ha continuato a funzionare regolarmente sino a metà gennaio 2022, quando il contagio è arrivato a livelli pericolosi per la salute pubblica" ha dichiarato, in una nota, Tommaso Gioia.

"Le attività programmate (visite diagnostiche, interventi chirurgici e attività ambulatoriali), sono state spostate in altri presidi della ASL, e per le urgenze si è fatto ricorso ad altri ospedali. Quest’anno si prevedeva una riapertura anticipata rispetto allo scorso anno (inizi di aprile) perché le notizie che arrivavano dagli esperti ci portavano in quella direzione. Purtroppo il contagio dopo mesi di curva in discesa, ha iniziato a risalire in maniera preoccupante, e per questo, in Italia si dovuto prolungare l’emergenza e di conseguenza posticipare le riaperture degli ospedali (Ostuni compreso). La ASL, in attesa di una riapertura piena dell'ospedale di Ostuni, che avverrà a breve, sta programmando una riapertura parziale con dei percorsi differenziati. Ci si chiede se con un boom di turisti sul nostro territorio è mai possibile che l’Ospedale di Ostuni continui a essere Covid? In Italia possiamo parlare di un boom turistico proprio perché ci sono stati e ci sono ancora, tanti medici, tanti infermieri, tanti OSS, tanti amministrativi, tanti sanitari e tanti ospedali (come Ostuni) che hanno svolto e continuano a svolgere il loro ruolo in maniera encomiabile. Il direttore generale Flavio Roseto non aveva enunciato date, ma aveva previsto un ritorno a breve alla normalità, perché i dati (degli esperti) facevano pensare positivo, così non è stato, in tutte le regioni d’Italia. Le notizie in possesso degli esperti, gli unici titolati a farlo, ci dicono che entro questo mese il Covid dovrebbe allentare in maniera significativa la morsa, e che la conseguenza sarà un ritorno alla normalità".

Ospedale Ostuni. Caroli: "Perché continua ad essere destinato solo a malati Covid?"


OSTUNI (BR)
- "Agli inizi di gennaio di quest’anno, a causa dell’aumento dei contagi Covid, l’ASL di Brindisi, con l’allora direttore generale Giuseppe Pasqualone, decise di trasformare l’ospedale di Ostuni in ospedale Covid con 28 posti letto nel reparto di Medicina interna e 20 posti in quello di Pneumologia, cos? come i 17 posti letto del reparto di Ortopedia destinati ai positivi al Covid ma asintomatici e che necessitano di intervento chirurgico. Proprio quando l’ospedale stava tornando -dopo quasi due anni- alla normalità dei servizi sanitari offerti, siamo ripiombati nell’assenza totale di prestazioni ospedaliere. E quindi di nuovo sospensione di tutte le attività programmate (visite diagnostiche, interventi chirurgici e attività ambulatoriali), chiusure delle agende di prenotazione e per le urgenze si è dovuto tornare a far ricorso ad altri ospedali" ha dichiarato il consigliere regionale , Luigi Caroli, in una nota.

"Tutto questo è normale che sia ancora oggi in vigore? Siamo al 3 maggio, tutti parliamo di ritorno alla normalità, ma non all’ospedale di Ostuni, dove ci sono 500 visite da smaltire e altre si accumulano. Non solo: nell’ultimo mese, in occasione delle festività pasquali, del 25 aprile e del 1° maggio, abbiamo avuto, in Valle d’Itria (della quale Ostuni è una delle mete preferite) un boom di turisti; è mai possibile che l’Ospedale di Ostuni continui a essere Covid? Eppure il 6 aprile scorso, quando insieme agli altri colleghi del gruppo regionale di Fratelli d’Italia abbiamo effettuato un sopralluogo all’ospedale di Ostuni per sollecitare il completamento dei lavori di ampliamento, fermi da 20 anni, il nuovo direttore generale Flavio Roseto mi aveva personalmente rassicurato che avrebbe fatto ritornare l’ospedale No Covid già per Pasqua. Forse, proprio in considerazione del flusso turistico che interessava il territorio e che necessita di un presidio ospedaliero non solo Covid. Ora cosa si attende?" ha dichiarato ancora Luigi Caroli.

Aido Brindisi: sabato 14 maggio a Mesagne un corso per la Formazione Professionale Continua dei Giornalisti


MESAGNE (BR)
- Sarà l’Auditorium del Castello Normanno-Svevo di Mesagne ad ospitare il corso per la Formazione Professionale Continua dei Giornalisti sul tema "Donazione Organi e Testamento Biologico: la comunicazione nella fragilità del fine vita", in programma sabato 14 maggio 2022 a partire dalle ore 9.

L’incontro gode del patrocinio di Asl Brindisi e Comune di Mesagne, che ha scelto di inserirlo nel calendario di iniziative del comune messapico Maggio delle legalità 2022 "Germogli di legalità" ed è promosso dal Gruppo Comunale AIDO - Associazione Italiana per la donazione di Organi, Tessuti e Cellule "Marco Bungaro" di Brindisi su proposta del giornalista brindisino Nico Lorusso, con l’obiettivo di diffondere a quanti si occupano tutti i giorni di comunicazione e conoscenza, il sistema che è alla base della donazione organi sia in ambiente ospedaliero che territoriale, fornire dettagli sulla comunicazione sociale attivata in tema di donazione e trapianto e discutere sulle implicazioni etiche e psicologiche alla base della scelta di diventare in vita un donatore di organi, tessuti e cellule evidenziando le problematiche vissute dai familiari chiamati a decidere per chi non si è mai espresso in vita. Ad essere trattate dai professionisti chiamati a relazionare, anche le modalità per stilare, depositare e far valere le proprie DAT - Disposizioni Anticipate di Trattamento, il cosiddetto Testamento Biologico.
Il corso, al quale sono stati invitati il Direttore Generale ASL Brindisi Flavio Roseto e il Direttore Sanitatio ASL Vito Campanile, sarà introdotto dai saluti istituzionali del Sindaco di Mesagne Antonio Matarrelli e moderato dal giornalista e Responsabile Comunicazione AIDO Brindisi Nico Lorusso. Relazioneranno la Dott.ssa Francesca Andriola responsabile dell’Ufficio Anagrafe del Comune di Mesagne, il Comm. Vito Scarola Vice Presidente nazionale AIDO, la Dr.ssa Ada Patrizia Patrizio medico coordinatore per la donazione Organi Ospedale "Perrino" di Brindisi, la Dr.ssa Grazia Bellanova medico nefrologo, il Dott. Dario Marasciulo Vice-Presidente AIDO Brindisi, il Prof. Giuseppe Neglia, Presidente AIDO Regione Puglia e la Dott.ssa Roberta Marseglia testimonial AIDO Brindisi sul trapianto.
AIDO Brindisi ed il giornalista Nico Lorusso, sullo slancio dei dati del rapporto realizzato dal Centro Nazionale Trapianti che ha registrato l’aumento del 3% delle donazioni di organi in Italia con il raggiungimento nell’anno 2021 della percentuale record del 68,9%, hanno ripreso un percorso partito proprio da Brindisi cinque anni fa. Nel giugno 2017, infatti, gli stessi organizzatori promossero il primo corso in assoluto per giornalisti della provincia brindisina, che valse ad AIDO Brindisi il Primato Nazionale tra tutti gruppi italiani per l’organizzazione di un incontro valido per la formazione professionale continua degli Operatori dell’Informazione.
In un momento storico come questo, in cui la percentuale di "sì" alla donazione di organi nei dati certificati dall'ultima edizione dell'Indice del Dono rappresenta la più alta mai raccolta in un anno, poter contare sul prezioso apporto di chi è impegnato ad informare giornalmente i cittadini è fondamentale affinché l’argomento base della mission di Aido sia raccontato in maniera corretta in tutti i suoi aspetti.

Francavilla Fontana: approvazione definitiva della Variante alle norme tecniche di attuazione della zona PIP


FRANCAVILLA FONTANA (BR)
- Comincia un nuovo capitolo per la zona industriale di Francavilla Fontana. L’Amministrazione Comunale ha completato il processo di ammodernamento delle norme urbanistiche che disciplinano le modalità di insediamento delle imprese nella zona PIP.

La variante delle norme tecniche di attuazione del PIP approvata dal Consiglio Comunale del 29 aprile, in sintesi, apre definitivamente le porte della zona degli insediamenti produttivi alle attività del settore commerciale e dei servizi.
"Dal 2019 ad oggi – spiega il Sindaco Antonello Denuzzo – con l’Assessore Lonoce, gli uffici e la Commissione competente abbiamo lavorato senza sosta per la modernizzazione della zona PIP. Da oggi Francavilla Fontana ha un’area industriale capace di rispondere alle sollecitazioni del mercato e di generare nuove opportunità lavorative. Tutto questo con un tempismo perfetto perché siamo alla vigilia dell’avvio della zona economica speciale che ci interesserà da vicino".
Questo provvedimento – reso necessario dopo una sentenza del Consiglio di Stato del 2019, che annullava i precedenti ed irregolari tentativi di raggiungere lo stesso obiettivo – è frutto di un percorso in quattro tappe partito nel febbraio 2020 con una prima variante alle norme tecniche di attuazione del piano di fabbricazione. Il secondo tassello è consistito nell’interpretazione autentica della norma istitutiva del PIP per superare l’ambiguità testuale che per 40 anni ha generato un cortocircuito tra l'orientamento degli uffici comunali e la giustizia amministrativa che in più occasioni è intervenuta pronunciando sentenze sfavorevoli al Comune.
Dopo un ulteriore passaggio in Regione, che nell’agosto 2021 ha data il via libera alla variante del Piano di Fabbricazione, si è finalmente passati alla variante delle norme tecniche di attuazione della zona PIP, ultimo step di un intricato iter burocratico concluso il 29 aprile 2022.
"L’approvazione della Variante – prosegue l’Assessore all’Urbanistica Nicola Lonoce – è un successo per tutta la Città. Abbiamo scelto la strategia dell’ascolto, contemperando gli interessi legittimi di tutti per trovare un punto di equilibrio capace di aumentare l’attrattività e la competitività dell’area. Abbiamo perseguito questa strategia anche a dispetto di qualche critica forzata o fuori luogo, consapevoli della circostanza che il compito di chi amministra è venire incontro alle esigenze della comunità, e tra queste c’è, sicuramente, quella di rendere Francavilla Fontana attrattiva per gli investimenti e per il conseguente incremento dei posti di lavoro. Ringrazio la Commissione Urbanistica e gli uffici per il gran lavoro svolto in questi anni. Portiamo a casa un risultato epocale per l’economia francavillese che troppo a lungo è stata ostaggio di ambiguità interpretative e lungaggini che hanno rallentato lo sviluppo del nostro territorio".
Il risultato è arrivato a seguito di un fitto confronto che ha coinvolto la cittadinanza, le imprese e le loro organizzazioni. La conferma è arrivata anche nel Consiglio Comunale di venerdì 29 aprile.
Naturalmente l’attività dell’Amministrazione non si ferma qui. Sempre nell’ottica dell’attrattività per gli investimenti, è infatti in via di pubblicazione il bando per la locazione del centro di carico intermodale e, dopo l’approvazione del bilancio di previsione, si valuterà la cessione delle aree di proprietà comunale nella zona PIP e sarà dato ulteriore impulso alla definizione della zona, con l’adozione di tutti gli atti propedeutici all’attuazione degli espropri.

Francavilla Fontana: la Manifestazione del Primo Maggio a Castello Imperiali


FRANCAVILLA FONTANA (BR)
- "Al lavoro per la pace", è questo il tema scelto da CGIL CISL UIL per la Festa dei Lavoratori 2022.

Francavilla Fontana, come da tradizione, celebrerà questa ricorrenza domenica 1 maggio alle ore 10.00 con una manifestazione pubblica a Castello Imperiali organizzata dall’Amministrazione Comunale in sinergia con i sindacati.
"La Festa dei Lavoratori arriva nel pieno di un conflitto che sta sconvolgendo l’Europa. Con le organizzazioni sindacali – spiega la vice Sindaca Maria Passaro – abbiamo condiviso l’opportunità di utilizzare questo momento di incontro per confrontarci su quanto sta accadendo a poche ore di volo da noi e sul futuro del lavoro in Italia, sospeso tra le opportunità del PNRR e le nuove incertezze legate alla guerra".
In apertura, dopo l’esecuzione dell’Inno nazionale a cura della Banda Giuseppe Verdi, Oleksandra Hasymova, giovane mamma fuggita dalla guerra con il suo bambino, racconterà quanto sta accadendo in Ucraina e il viaggio che l’ha portata da Kiev a Francavilla Fontana.
A seguire saranno le studentesse e gli studenti a testimoniare come le nuove generazioni stanno affrontando questo particolare momento storico carico di incertezze e timori per il futuro.
Nel corso dell’incontro interverranno il Sindaco Antonello Denuzzo, il Segretario generale Cisl Taranto-Brindisi Gianfranco Solazzo e il Segretario Generale CGIL Brindisi Antonio Macchia.
Modererà l’Assessore alle Attività Produttive Domenico Magliola.
Al termine del dibattito il Sindaco e i rappresentanti sindacali consegneranno i riconoscimenti ai lavoratori che si sono contraddistinti per il loro operato.

Brindisi: Parco Cillarese stracolmo per "La Pasquetta brindisina"


BRINDISI
- Grande risposta dei cittadini di Brindisi alla tre giorni de "La Pasquetta brindisina", il grande evento, patrocinato dal Comune del capoluogo Adriatico e organizzato dal Maestro Carmine Iaia, presso il Parco "19 maggio 2012" (noto come Parco Cillarese).

Un numero incredibile di famiglie, gruppi di amici, giovani, adulti e anziani hanno raggiunto l’area della festa, che ha preso il via nel week-end di sabato 23 e domenica 24 aprile con gli stand del food, coordinati da Marcello Palmisano, e le diverse attrazioni per bambini e ragazzi; installazioni utili a godersi le belle giornate che il tempo ha regalato, con centinaia di cittadini che hanno optato per un rinvigorente pic-nic all’aria aperta.
Un secondo ciack d’eccezione, quindi, dopo il rinvio della settimana precedente, deciso nel giorno di Pasquetta a causa delle avverse condizioni del tempo e culminato nel giorno della Festa della Liberazione del 25 aprile, con l’intera mattinata a contatto con le società brindisine di Uniti per lo Sport che hanno concesso l’opportunità di conoscere e vivere esperienze sportive con prove pratiche proposte da istruttori, allenatori, maestri ed esperti che hanno messo disposizione la propria attrezzatura; e ancora l’animazione e i laboratori per bambini che si sono andati ad aggiungere a musica, food e attrazioni, completando il circuito del divertimento.
Il boom di partecipazioni, una vera e propria invasione del Parco Cillarese, ha confermato la vocazione di quest’ultimo non solo ad apprezzato polmone verde della città, ma anche di location ideale e utile da attrezzare per occasioni di festa, sempre e comunque nel pieno rispetto dei luoghi al suo interno, vivendo giornate di assoluto distacco dalla routine quotidiana a contatto con la natura e senza doversi allontanare dal Capoluogo.
Emozione ed orgoglio per l’organizzatore, il maestro Carmine Iaia che, a bilancio della tre giorni, ha dichiarato: "Sono davvero soddisfatto, l’enorme numero di persone che hanno raggiunto il Parco Cillarese per vivere e apprezzare la nostra ‘Pasquetta brindisina’, mi ha riempito il cuore. Il mio carattere mi porta spesso a non accontentarmi del risultato raggiunto ma questa volta è stato fantastico vedere persone di tutte le età, intere famiglie con bambini, anche molto piccoli, gruppi di giovani e coppie di anziani sorridere, giocare insieme o rilassarsi senza andare a cercare il divertimento fuori dalla propria città. Un altro bel risultato è stato quello di vedere tantissime persone raggiungere il parco sui monopattini comunali, in bicicletta o sui pattini a rotelle, regalando alla manifestazione un carattere di sostenibilità".
Testimonial dell’iniziativa l’arbitro internazionale di calcio Marco Di Bello che ha dichiarato: "Ringrazio il maestro Carmine Iaia per avermi coinvolto nell’iniziativa alla quale partecipo molto volentieri. Ho portato anche le mie bambine a godere di questo sole e del verde di questa bella area della nostra città, attrezzata per una occasione che, attraverso tanto lavoro di un team organizzato, permette a tantissime persone presenti di passare tre giorni di spensieratezza".
Parole di elogio all’organizzazione e di soddisfazione per i tantissimi cittadini presenti da parte dell’Assessore ai Parchi e allo Sport Oreste Pinto. Queste le sue parole: "Splendido vedere come il parco sia stato vissuto in questa tre giorni ed è ancora più splendido che un momento così suggestivo si colori dell’atmosfera dello sport. Importante la pulizia che Brindisi Multiservizi ed Ecotecnica hanno garantito come anche l’impegno di quei cittadini che sono stati attenti a non abbandonare rifiuti in giro per l’area verde. Organizzare manifestazioni come questa serve a dimostrare che c’è gente che vuole davvero bene alla città come il maestro Carmine Iaia, persone che sanno organizzare, che vogliono rallegrare la città e farla vivere ai cittadini. Una tre giorni con un bilancio decisamente positivo".
© tutti i diritti sono riservati
made with by templateszoo