Santeramo in Colle, il 14 dicembre si inaugura al Palazzo Marchesale la mostra permanente sulle opere di Antonio Pasciuti


SANTERAMO IN COLLE (BA)
- Il 14 dicembre nella sala "Padre Giandomenico" del Palazzo Marchesale di Santeramo in Colle, alle ore 18:30, si inaugurerà la mostra permanente sulle opere dello straordinario artista santermano Antonio Pasciuti con la partecipazione della Prof.ssa Rosanna Pucciarelli, docente di anatomia, illustrazione scientifica e morfologia presso l'Accademia di Belle Arti di Bari, del sindaco di Santeramo in Colle Vincenzo Casone e dell’assessore alla cultura del Comune di Santeramo in Colle Gabriele Cecca.

La mostra, rientrante nel cartellone eventi "Natale in Colle", e organizzata grazie agli sforzi del Comune di Santeramo in Colle nella persone dell’assessore alla cultura Gabriele Cecca e con il fondamentale apporto della famiglia Pasciuti, proporrà ai visitatori 19 opere del Maestro che rappresentano tutto il suo percorso artistico e con le quali si potranno apprezzare il suo grande uso del colore attraverso i suoi diversi periodi, da quello figurativo all’astratto geometrico passando per il metamorfismo.
Sarà possibile ammirare le opere del maestro Antonio Pasciuti al secondo piano della "Pinacoteca F. Netti" a Palazzo Marchesale, e gli orari di visita seguiranno quelli di apertura della Pinacoteca, ossia dal giovedì alla domenica dalle 10.00 alle 12.00 e dalle 17.30 alle 21:00.
«È un grande privilegio – hanno dichiarato il sindaco di Santeramo in Colle Vincenzo Casone l’assessore alla cultura Gabriele Cecca – poter esporre finalmente a Santeramo le opere del Maestro Antonio Pasciuti. Un grande artista santermano che, come Francesco Netti, trova finalmente una "casa" per i suoi apprezzati lavori che potranno finalmente essere ammirati da tutta la cittadinanza e dai turisti. Il Comune si è molto impegnato per portare a compimento questa mostra ma vorrei sottolineare ancora una volta come gran parte del merito vada alla famiglia Pasciuti per la loro straordinaria collaborazione e per la concessione di ben 19 opere alla mostra. Vogliamo che queste festività natalizie siano vissute dai nostri concittadini sia all’insegna dello svago e del divertimento ma senza dimenticare la grande cultura che il nostro territorio ha saputo e sa ancora esprimere».

Daniele Martini

Sono un giornalista pubblicista, docente di comunicazione e sostegno. Sono un operatore della comunicazione.

Posta un commento

Nuova Vecchia

Modulo di contatto