Visualizzazione post con etichetta Auto e motori. Mostra tutti i post
Visualizzazione post con etichetta Auto e motori. Mostra tutti i post

lunedì, agosto 14, 2017

Fca, cinese Great Wall interessata ad acquisto

TORINO - Il colosso cinese Great Wall Motor, famoso per i suoi Suv, sarebbe interessato a rilevare Fca. E' quanto si legge sul sito di Automotive News che indica una prima offerta nei giorni scorsi, che sarebbe stata "respinta perché non abbastanza allettante", mentre altre fonti citate dal sito specializzato indicano "responsabili di altri gruppi automobilistici impegnati in due-diligence (verifiche di bilancio) per un potenziale acquisto di Fca".

Si parla in particolare di un "viaggio in Cina di alcuni dirigenti Fca" per incontrare i colleghi di Great Wall, che, a loro volta, avrebbero ricambiato la cortesia recandosi "la scorsa settimana" nel quartier generale di Auburn Hills, in Michigan. I gruppi cinesi - fanno notare i commentatori del sito - sono "oggetto di pressioni governative per espandersi fuori dalla Cina" ed il gruppo guidato da Sergio Marchionne "potrebbe essere l'obiettivo giusto".  "Nessun commento" da Fca alle indiscrezioni.

giovedì, luglio 27, 2017

Dieselgate, Volkswagen richiamerà 4 milioni di auto diesel

WOLFSBURG - Volkswagen offrirà ai propri clienti in Europa e altri mercati un programma di aggiornamento per le automobili con motori diesel Eu5 ed Eu6: un'operazione che interesserà 4 milioni di automobili nel mondo con motori diesel, cui verrà fornito un nuovo software. «Siamo consapevoli della nostra responsabilità nei confronti dell'ambiente e dei posti di lavoro», ha dichiarato l'amministratore delegato della casa automobilistica.

Questo "migliorerà ulteriormente le loro emissioni in condizioni di guida reali oltre gli attuali requisiti di legge". Questo il contenuto del colloquio di stamattina tra il presidente della direzione della casa automobilistica, Matthias Müller, e la ministra dell'ambiente Barbara Hendricks (SPD) a Wolfsburg.«Siamo consapevoli della nostra responsabilità nei confronti dell'ambiente e dei posti di lavoro», ha dichiarato l'amministratore delegato.

Dopo lo scandalo sulla manipolazione dei dati delle emissioni, VW deve già sostituire e modificare 1,5 milioni di auto. In giorni in cui si parla di scandali sulle emissioni e di accuse di cartello, il gruppo di Wolfsburg ha comunicato stamattina i dati del secondo quadrimestre 2017, che vedono il fatturato del gruppo crescere del 4,7% rispetto allo scorso anno, raggiungendo il 59,7 miliardi.

Questa operazione viene fatta in stretta collaborazione con l'Autorità federale per i trasporti tedesca (Kba). Inoltre questo servizio verrà applicato anche ai modelli Audi e Porsche con lo stesso tipo di motori e verrà condotto senza spese aggiuntive per i clienti. L'operazione, evidenzia Giovanni D’Agata presidente dello “Sportello dei Diritti”, arriva a qualche giorno di distanza dalla decisione di Mercedes di richiamare volontariamente più di tre milioni di vetture per apportare dei cambi ai motori diesel.

venerdì, luglio 21, 2017

Audi richiama 850mila veicoli diesel

ROMA - Audi gioca d'anticipo e offre ai propri clienti in Europa e altri mercati un programma di aggiornamento per le automobili con motori diesel Eu5 ed Eu6: un'operazione che interesserà 850 mila automobili nel mondo con motori diesel a sei e otto cilindri (V6/V8 TDI), cui verrà fornito un nuovo software. Questo "migliorerà ulteriormente le loro emissioni in condizioni di guida reali oltre gli attuali requisiti di legge".

Questa operazione viene fatta in stretta collaborazione con l'Autorità federale per i trasporti tedesca (Kba). Questo servizio verrà applicato anche ai modelli Porsche e Volkswagen con lo stesso tipo di motori e verrà condotto senza spese aggiuntive per i clienti. L'operazione arriva a qualche giorno di distanza dalla decisione di Mercedes di richiamare volontariamente più di tre milioni di vetture per apportare dei cambi ai motori diesel.

Nell’attività a tutela dei consumatori e dei proprietari o possessori di veicoli a motore, lo “Sportello dei Diritti” ancora una volta anticipa in Italia l’avvio di procedure di tal tipo da parte delle multinazionali automobilistiche anche a scopo preventivo, poiché non sempre tutti coloro che possiedono una vettura tra quelle indicate viene tempestivamente informato. È necessario, quindi, spiega Giovanni D’Agata presidente dello “Sportello dei Diritti”, prestare la massima attenzione e rivolgersi alle autofficine autorizzate o ai concessionari o ai Concessionari Audi Italia, nel caso in cui la propria autovettura corrisponda al modello in questione.

lunedì, luglio 17, 2017

Dal 2037 auto senza volante: parola di Elon Musk

di PIERO CHIMENTI - L'amministratore delegato di Tesla, Elon Musk, ha rilanciato una novità che rivoluzionerà il concetto di auto nei prossimi anni. Il dirigente automobilistico, parlando all'associazione nazionale dei governatori Usa, ha indicato che tra vent'anni nelle vetture si potranno avere oltre ad una protezione totale da attacchi hacker e da ladri, anche un sistema di guida driverless, che permetterà al mezzo senza volante di essere guidati in qualsiasi momento desideri il conducente.

domenica, luglio 16, 2017

Fca richiama 1,3 mln di Dodge, Chrysler e Jeep

ROMA - Il gruppo italo americano Fiat Chrysler Automobiles ha annunciato un richiamo volontario di oltre un milione di Dodge, Chrysler e Jeep negli Usa. I veicoli colpiti hanno un servosterzo elettroidraulico (EHPS) e sono dotati di un motore da 5,7 o 3,6 litri e da un alternatore da 160, 180 o 220 amp. La casa automobilistica ha comunicato che i veicoli coinvolti sono i modelli Dodge Challenger, Dodge Charger, Chrysler 300, Dodge Durango prodotti dal 2011 al 2014 e la Jeep Grand Cherokee prodotta dal 2012-2014.

Secondo quanto dichiarato in un comunicato un guasto all’alternatore può causare irregolarità nel funzionamento del motore. Questo potrebbe anche causare l’arresto improvviso e inaspettato del motore. Ovviamente una simile evenienza potrebbe essere molto pericolosa e causare incidenti, mettendo in serio rischio l’incolumità di guidatore e passeggeri. Proprio per questo motivo la casa italiana ha deciso di ricorrere a questo richiamo.

Dal 24 agosto 2017 i proprietari dei veicoli coinvolti nel richiamo possono portare la propria vettura nelle più vicine concessionarie Fiat del paese dove verrà valutato gratuitamente se la vettura richiede la sostituzione del componente difettoso. Il tempo di riparazione del problema è stato stimato dagli esperti di FCA in circa un’ora. Per Fiat Chrysler dunque prosegue una lunga stagione negativa che ne ha penalizzato l'immagine di costruttore votato alla qualità globale. Infatti, diversi problemi tecnici hanno costretto la casa italo-statunitense a richiamare centinaia di migliaia di veicoli.

Nell’attività a tutela dei consumatori e dei proprietari o possessori di veicoli a motore, lo “Sportello dei Diritti” ancora una volta anticipa in Italia l’avvio di procedure di tal tipo da parte delle multinazionali automobilistiche anche a scopo preventivo, poiché non sempre tutti coloro che possiedono una vettura tra quelle indicate viene tempestivamente informato. È necessario, quindi, spiega Giovanni D’Agata presidente dello “Sportello dei Diritti”, prestare la massima attenzione e rivolgersi alle autofficine autorizzate o ai concessionari o ai Concessionari FCA Italia, nel caso in cui la propria autovettura corrisponda al modello in questione.

mercoledì, luglio 05, 2017

Volvo: addio al motore a benzina

STOCCOLMA - Volvo dice addio al motore a benzina. Dal 2019 la casa svedese produrrà solo auto ibride o elettriche: lo ha reso noto il CEO Hakan Samuelsson, parlando di un annuncio storico, che segna la fine dell’auto a combustione. Tra il 2019 e il 2021 Volvo lancerà cinque modelli di auto elettrica, a quanto pare sempre più richiesti dagli automobilisti; tre sotto il brand Volvo due sotto il brand Polestar, la divisione che produce auto di grandi prestazioni.

Ciao anche al motore diesel troppo costosi da produrre, quelli di nuova generazione, nel rispetto delle normative contro l’inquinamento. La prima auto interamente elettrica sarà un’utilitaria e verrà prodotta in Cina (Volvo è di proprietà del gruppo cinese Geely), nel 2019. Obiettivo della casa produrre un milione di auto elettriche entro il 2025.

domenica, luglio 02, 2017

Volkswagen: maxi richiamo di 400mila veicoli. Problemi con il sistema di controllo del freno

WOLFSBURG - Nel mezzo del dieselgate, Volkswagen ha annunciato un richiamo in officina in Germania (anche in Italia) di 400.000 auto del modello Audi, Golf e Skoda, per problemi con il sistema di controllo del freno. La casa automobilistica ha confermato che il richiamo colpisce 385.000 automobili nella sola Germania delle marche VW, Audi e Skoda. La stabilizzazione del veicolo attraverso il sistema di controllo del freno potrebbe nella Guida dinamica "difficile"' non essere efficace nel correggere sia eventuali situazioni di sovrasterzo o sottosterzo, che si possono verificare in caso di errata impostazione di una curva, sia in caso di improvvisa deviazione di traiettoria, evitando lo sbandamento del veicolo.

Il problema è un "sovraccarico di termo-meccanica" in ECU per l'ABS (sistema antibloccaggio) ed ESP (programma elettronico di stabilità). ESP (controllo elettronico della stabilità) è un sistema per il controllo della stabilità dell'automobile, che agisce in fase di sbandata, regolando la potenza del motore e frenando le singole ruote con differente intensità in modo tale da ristabilizzare l'assetto della vettura.Tale dispositivo è efficace nel correggere sia eventuali situazioni di sovrasterzo o sottosterzo, che si possono verificare in caso di errata impostazione di una curva, sia in caso di improvvisa deviazione di traiettoria, evitando lo sbandamento del veicolo. L'ESP si avvale di alcune informazioni che arrivano dalla vettura stessa in movimento:

4 sensori di velocità (1 ogni ruota) integrati nel mozzo ruota che comunicano alla centralina la velocità istantanea di ogni singola ruota (quelli dell'Abs).

1 sensore di angolo sterzo, che comunica alla centralina la posizione del volante e quindi le intenzioni del guidatore.

3 accelerometri (1 per asse spaziale) normalmente posizionati a centro vettura, che indicano alla centralina le forze agenti sull'automobile.

La centralina interviene sia sull'alimentazione del motore (riducendone la coppia) che sulle singole pinze freno, correggendo la dinamica della vettura.

In particolar modo in caso di sottosterzo i freni intervengono frenando la ruota posteriore interna alla curva, creando un momento opposto alla sbandata, mentre in caso di sovrasterzo viene frenata la ruota anteriore esterna alla curva, generando sempre un momento opposto.

Un portavoce della casa automobilistica ha confermato la notizia, aggiungendo che finora non ci sono notizie di incidenti avvenuti per questo difetto. I clienti coinvolti riceveranno una lettera per posta, il controllo e l'eventuale riparazione non dovrebbero durare più di 2 ore. Nell’attività a tutela dei consumatori e dei proprietari o possessori di veicoli a motore, lo “Sportello dei Diritti” ancora una volta anticipa in Italia l’avvio di procedure di tal tipo da parte delle multinazionali automobilistiche anche a scopo preventivo, poiché non sempre tutti coloro che possiedono una vettura tra quelle indicate viene tempestivamente informato. È necessario, quindi, spiega Giovanni D’Agata presidente dello “Sportello dei Diritti”, prestare la massima attenzione e rivolgersi alle autofficine autorizzate o ai concessionari o ai Concessionari Volkswagen Italia, nel caso in cui la propria autovettura corrisponda al modello in questione.

mercoledì, giugno 28, 2017

Rc auto: la mappa del risparmio in ogni regione

BARI - L’assicurazione auto è uno dei costi che variano di più a livello geografico: SosTariffe.it pubblica l’ultimo osservatorio individuando le aree dove nel 2016 si sono ottenute le migliori occasioni di risparmio, attraverso il confronto di più preventivi RC Auto. La Campania è la regione più avvantaggiata in termini di possibilità di confronto, con oltre 3.000 euro di differenza tra il preventivo più basso e quello più alto, mentre - a livello provinciale - Milano è la città dove si ottiene il risparmio maggiore, che può superare i 3.200 euro.

L’assicurazione auto è una delle spese “più discriminatorie” che esistano in Italia: non è un segreto per nessuno che le regioni del Sud paghino molto di più rispetto che a quelle del Nord. Le cause sono un numero maggiore di furti, incidenti o truffe che incidono molto sulle quotazioni delle compagnie. Tuttavia in pochi, forse, sanno dove si possano ottenere i risparmi maggiori per chi affronta una comparazione tra più polizze.

SosTariffe.it ha cercato di chiarire questo aspetto pubblicando l’ultimo studio sul tema delle assicurazioni auto, che ha individuato quali sono le regioni e le province dove è possibile ottenere i risparmi maggiori grazie al confronto di più polizze.

Risparmio e assicurazione auto: le evidenze a livello regionale

Nella prima parte dello studio, SosTariffe.it si è concentrato nell’analisi di costi e dei risparmi per assicurare l’auto nelle diverse regioni. I dati vengono presentati nella tabella in allegato.

Per quanto riguarda i costi, come si può notare, la Campania è la regione con i salassi più alti per l’assicurazione auto. In questa regione si concentra, infatti, la media dei preventivi più alta (1.433 euro) e il preventivo più alto mai registrato in Italia per RC Auto (3.469 euro).

Tuttavia la Campania è anche la regione italiana dove ci sono le occasioni di risparmio più allettanti: la differenza tra i preventivi medi più alti e quelli più bassi, in questa regione, è di 3.139 euro, che è la cifra massima che un guidatore potrebbe risparmiare confrontando più preventivi.

Se i costi medi più bassi per l’assicurazione auto si concentrano al Nord (Friuli Venezia Giulia è la regione con la media RC Auto più bassa – 537 euro – mentre il Trentino Alto Adige è quella dove si registra la media più bassa in assoluto ovvero 200 euro), è anche vero che al Centro Sud si trovano i risparmi più alti.

Campania, Umbria, Lazio, Veneto, Toscana, Marche, Calabria, Trentino Alto Adige, Emilia Romagna, Lombardia, Puglia, Sicilia sono le regioni dove il risparmio ottenuto grazie al confronto di più polizze supera la media nazionale di 2.905 euro.

Risparmio e assicurazione auto: la situazione delle province

Lo studio di SosTariffe.it continua a livello provinciale. Le stesse rilevazioni, infatti, sono state condotte nelle 110 province italiane e si è così ottenuta la classifica delle città italiane ordinate per risparmio sull’assicurazione auto.

La più virtuosa sembra essere la provincia di Milano: qui il risparmio medio massimo calcolato da SosTariffe.it. A fronte di una spesa media massima di 3.500 è possibile trovare offerte di molto inferiori, fino ad arrivare a preventivi di 217 euro, andando incontro a un risparmio di 3.283 euro.

Varese, Salerno, Biella, Treviso, Bologna, Napoli, Caserta, Roma e Palermo le altre province presenti nella top 10 delle località con i risparmi maggiori per RC Auto.

Sondrio è, invece, la provincia dove c’è il risparmio più basso, 1.485 euro. Trieste, Gorizia, Enna, Imperia e la provincia di Medio Campidano sono le ultime classificate con un risparmio che non raggiunge i 2.000 euro.

Costi RC Auto 2016: le province con i prezzi più alti e più bassi

Se si ordinano le aree provinciali in base ai costi medi si nota che Caserta, Napoli, Foggia e Salerno sono le province con i prezzi medi più alti: in queste aree per assicurare l’auto si possono spendere in media rispettivamente 1.769 euro, 1.709 euro, 1.337 euro e 1.327 euro.

In Campania e in Toscana si concentrano i preventivi medi più alti registrati durante l’analisi: Caserta, Napoli, Prato e Salerno sono le città dove, infatti, si può arrivare a spendere oltre 3.550 euro per assicurare l’auto.

Pordenone, invece, è la provincia che registra la media generale più bassa per RC auto: qui una RC può costare mediamente 522 euro. Altre province virtuose, dove la spesa media è inferiore a 550 euro, sono Bergamo, Udine, Gorizia, Verbano-Cusio-Ossola e Bolzano.

Sempre a Bolzano, invece, SosTariffe.it ha osservato come siano stati rilasciati i preventivi più bassi del 2016: qui, infatti, le RC partono, mediamente, da 189 euro. Altre città “economiche” sono Vicenza, Bergamo, Trieste e Vercelli, dove i preventivi più bassi rimangono al di sotto dei 210 euro.

L’ultima evidenza presentata da SosTariffe.it è la stima a livello nazionale: in Italia nel 2016 si sono spesi mediamente 801,6 euro per assicurare l’auto. I preventivi più alti hanno sfiorato, in media, i 3.187 euro, mentre quelli più bassi partono da 282,5 euro. Il risparmio che si ottiene, in molte circostanze, confrontando più offerte per l’assicurazione auto è mediamente pari a 2.905 euro.

Per individuare le proposte più convenienti per assicurare l’auto è utile consultare il comparatore di SosTariffe.it, grazie al quale sono stati rilevati i dati su cui si basa questo studio: https://www.sostariffe.it/assicurazioni/

sabato, giugno 24, 2017

Dopo le Ferrari, gimkane e Maggiolini a Bari

di NICOLA ZUCCARO - Dopo l'antipasto del Ferrari Cavalcade, il menù di fine settimana per i baresi amanti delle 4 ruote prevede altri due appuntamenti gustosi. Il primo, a partire dalle 14 di oggi - sabato 24 giugno - presso il parcheggio antistante il Mercato coperto di Carbonara (Via Vaccarella - Viale Trisorio Liuzzi) per l'inizio del 23mo Criterium automobilistico Donatore del Sangue. La prova di abilità, valida anche come Seconda edizione del Trofeo Luigi Gabrieli, proseguirà nella giornata di domenica 25 giugno.

Nel corso di quest'ultima, terminerà il Terzo Raduno dei Maggiolini che sarà preceduto dall'esposizione dei relativi modelli d'epoca di Casa Volkswagen, dalle 20 alle 24 di oggi, presso il Lungomare Diaz in Bari.

mercoledì, giugno 21, 2017

Festa Ferrari a Bari: oltre 100 supercar in esposizione sul lungomare

BARI - Farà tappa a Bari venerdì prossimo, 23 giugno, la sesta edizione della Ferrari Cavalcade, uno “spettacolo in viaggio” di oltre cento Ferrari provenienti da tutto il mondo che, dal 21 al 25 giugno, attraverseranno la Puglia.

Un’occasione per festeggiare Ferrari, che quest’anno compie 70 anni, e per far scoprire ai partecipanti, provenienti da 30 Paesi del mondo, lo scrigno di bellezza, tradizione e cultura del nostro territorio.

Gli appassionati baresi del Cavallino rampante potranno ammirare le Ferrari nel pomeriggio del 23 giugno quando, a partire dalle ore 18.00 circa, percorreranno un itinerario individuato nella città vecchia per poi sostare fino a sera su lungomare Imperatore Augusto, chiuso al traffico per l’occasione nel tratto che va da strada Discesa Porto nuovo a piazzale IV Novembre.

Gran parte dei modelli iscritti all’evento sono Ferrari di recente produzione: dalla GTC4Lusso alla F12tdf, dalla California T alla 488 Spider, ma non mancano anche alcune serie speciali limitate come la F40, la F50 e la Enzo. Presente anche La Ferrari Aperta, vettura simbolo del 70° anniversario di Ferrari.

Per consentire lo svolgersi dell’evento, con apposita ordinanza, la Polizia municipale ha adottato le seguenti misure:

II. Il giorno 23 giugno 2017:
1. dalle ore 14.00 alle ore 24.00 e, comunque, fino al termine delle esigenze, è istituito il “Divieto di sosta - Zona rimozione” sul lungomare Imp. Augusto, ambo i lati, tratto compreso tra strada Discesa Porto Nuovo e Molo Sant’Antonio, comprese le stradine di accesso alla città vecchia;
2. dalle ore 16.00 alle ore 24.00 e, comunque, fino al termine delle esigenze, è istituito il “Divieto di transito” sul lungomare Imp. Augusto, tratto compreso tra strada Discesa Porto Nuovo e piazzale IV Novembre.
3. dalle ore 18.00 alle ore 24.00 e, comunque, fino al termine delle esigenze, in deroga al vigente divieto, si autorizza il transito dei veicoli dei partecipanti alla manifestazione sulle seguenti strade e piazze:
a. strada Discesa Porto Nuovo;
b. piazza S. Pietro;
c. largo mons. Ruffo;
d. via Venezia;
e. via Genovese.

I possessori dei pass ZTL e ZSR-D potranno lasciare gratuitamente le autovetture nelle aree parcheggio di piazzale Cristoforo Colombo e largo Santa Chiara.

martedì, giugno 20, 2017

Veglie, raduno auto d'epoca

LECCE - Si scaldano i motori a Veglie per l’arrivo della Settima Edizione del Raduno e Mostra Scambio Nazionale di Auto, Moto e Cicli d’epoca in programma domenica 25 giugno in Piazza Umberto I a partire dalle ore 8.00.

Una giornata ricca di novità e di emozioni in cui sarà possibile ammirare fantastici mezzi a due e a quattro ruote di epoche diverse. Un viaggio nel tempo e nello spazio attraverso i veicoli che hanno fatto la storia della mobilità e che raccontano molto dello stile di vita e delle abitudini del passato. Una occasione imperdibile per conoscere e ammirare pezzi rari che sapranno incantare grandi e piccini.

La manifestazione, che è organizzata dall’ASD Arneo Veicoli Storici con il patrocinio del Comune di Veglie, prevede, subito dopo l’iscrizione, l’inizio delle attività di intrattenimento rivolte ai bambini a cura della Ludoteca Archimede.

Non solo motori, nel corso della mattina sarà possibile ammirare il Frantoio Ipogeo guidati da Remo Coppola. Dopo aver ammirato le bellezze cittadine, sarà la volta della musica con il Gruppo Baila Sugar Band che farà danzare tutti al ritmo dei grandi successi di Zucchero.
Al termine di un giro di ringraziamento da parte delle autorità, è in programma la benedizione della manifestazione da parte di Don Fernando Paladini.

La manifestazione si concluderà con la consegna degli attestati e degli omaggi ai partecipanti.

Media Partner Idea Radio.
Per maggiori informazioni è possibile contattare il numero 392 9965705. 

venerdì, giugno 02, 2017

Dieselgate, autorità tedesche impongono richiamo di 24mila modelli di Audi A7 e A8

BERLINO - Una nota delle autorità tedesche informa che è stato ordinato al gruppo Volkswagen il richiamo di 24'000 auto di Audi, modelli A7 e A8 in Germania. Ciò avverrà in stretto coordinamento con le Autorità competenti. La misura riguarda i modelli messi in vendita tra il 2009 e il 2013. Lo scandalo partito da VW sta dunque continuando e tocca nuovamente Audi, marchio acquistato tempo fa. I veicoli interessati sono comunque "tecnicamente sicuri e adatti alla circolazione su strada senza alcuna limitazione".

Il gruppo Volkswagen comprende: Audi, Lamborghini, Ducati, Bentley, Bugatti, Porshe, SEAT, Skoda, Scania e Man. I loro proprietari, evidenzia Giovanni D’Agata presidente dello “Sportello dei Diritti", saranno informati per iscritto e verrà chiesto loro di fissare un appuntamento con il proprio service partner Volkswagen e potranno prendere appuntamento nei Centri di Assistenza. Il produttore bavarese del gruppo Volkswagen è accusato di aver manipolato le risultanze dei test sulle emissioni di gas di scarico.

lunedì, maggio 22, 2017

Fiat richiama in Brasile oltre 70mila veicoli

SAN PAOLO - Il gruppo italo americano Fiat Chrysler Automobiles ha annunciato un richiamo per i modelli Fiat Bravo, Doblò, Doblò Van, Fiorino, Gran Siena, Idea, Linea, New Palio, Palio Fuoco, Palio Weekend, Siena, Strada e Uno, in Brasile. Sono esattamente oltre 70.000 le unità dei 13 modelli ad essere richiamati. Il richiamo riguarda i modelli realizzati negli anni che vanno dal 2016 al 2017. Questi modelli devono fare ritorno in concessionaria allo scopo di procedere a un’ispezione e, se necessario, alla sostituzione dell'alternatore.

Secondo il produttore automobilistico italo americano, il problema alternatore può provocare un funzionamento irregolare del motore e, in casi estremi, la chiusura improvvisa della vettura, che compromette le condizioni di guida del veicolo e aumenta il rischio di collisione, con conseguenti danni causati da conducente, passeggeri e terzi. La riparazione viene eseguita in loco. Maggiori informazioni possono essere ottenute tramite il Customer Service Center di Fiat, chiamando il numero 0800 707 1000, o dal sito www.fiat.com.br.

Per Fiat Chrysler dunque prosegue una lunga stagione negativa che ne ha penalizzato l'immagine di costruttore votato alla qualità globale. Infatti, diversi problemi tecnici hanno costretto la casa italo-statunitense a richiamare migliaia di veicoli. Nell’attività a tutela dei consumatori e dei proprietari o possessori di veicoli a motore, lo “Sportello dei Diritti” ancora una volta anticipa in Italia l’avvio di procedure di tal tipo da parte delle multinazionali automobilistiche anche a scopo preventivo, poiché non sempre tutti coloro che possiedono una vettura tra quelle indicate viene tempestivamente informato.

È necessario, quindi, spiega Giovanni D’Agata presidente dello “Sportello dei Diritti”, prestare la massima attenzione e rivolgersi alle autofficine autorizzate o ai concessionari o ai Concessionari FCA Italia, nel caso in cui la propria autovettura corrisponda al modello in questione. L'intervento, consiste nella sostituzione dell'alternatore.

mercoledì, maggio 17, 2017

Costi troppo elevati, Volvo dice stop ai motori diesel

STOCCOLMA - Stop definitivo con i motori Diesel in casa Volvo, perché le normative sul contenimento delle emissioni hanno finito per renderli anti economici. Ed è così che l’amministratore delegato dalla casa automobilistica svedese, controllata dai cinesi di Geely, Hakan Samuelsson, ha annunciato in una intervista al Frankfurter Allgemeine Zeitung che il marchio non svilupperà più nuovi propulsori Diesel e che interromperà la produzione di quelli attuali dal 2023.

Il motivo? I costi di contenimento delle emissioni di ossidi di azoto (Nox) stanno diventando troppo elevati con l’inasprimento degli standard europei. Tanto da far loro superare perfino i costi di altri propulsori ben meno inquinanti, come i sistemi ibridi. Quindi si punterà sull’ibrido e sulle vetture elettriche, ha aggiunto il manager, su cui Volvo lancerà un modello totalmente elettrico dal 2019.

Taranto, al via 2a edizione 'Castelli e Motori'

BARI - Seconda edizione di "Castelli e motori", tour dei castelli con auto e moto d'epoca nella Valle d'Itria,  uno dei territori più belli del  Distretto Rotary di Puglia e Basilicata, che si svolgerà domenica 21 maggio. La manifestazione, infatti, è organizzata dal progetto distrettuale “Il Rotary per i Castelli”.

Dopo il successo dello scorso anno nella provincia di Brindisi, quest'anno la festosa carovana percorrerà la provincia ionica visitando una delle masserie più belle di Puglia, "Masseria del Duca", uno dei centri storici più famosi con il Palazzo Ducale a Martina Franca, quindi il castello Aragonese di Taranto dove è stratificata la storia della nostra civiltà.

Anche questa sarà sicuramente una giornata interessante e affascinante alla scoperta del territorio, del paesaggio, del patrimonio storico, in amicizia e allegria con bellissime auto storiche e non.

Chi non possiede auto d'epoca partecipa con propria auto in coda. L’evento è organizzato dal Progetto distrettuale “il Rotary per i castelli” insieme alla Commissione Distrettuale Fellowship Auto Storiche, e dai R.C. Riva dei Tessali, Martina Franca , Taranto  e Taranto Magna Grecia.

Ecco il programma della giornata:

ore 08.30 Registrazione presso Masseria del Duca, S.P. 67 - Crispiano www.inmasseria.it
Coordinate: +40° 36′ 52.02″, +17° 23′ 5.19″;
ore 09,00 visita guidata alla Masseria;
ore 10,30 partenza
ore 11,00 Martina Franca, passaggio sotto Porta Santo Stefano e parcheggio in piazza XX settembre, visita guidata al Palazzo Ducale;
ore 13,00 partenza SP 60 – SP49 bosco Pianelle – SS 172;
ore 14,00 Castello Spagnolo, S.P. 46 - Taranto - pausa pranzo
ore 16,00 partenza S.S. 172
ore 16,30 Taranto parcheggio in piazza Castello e visita guidata al Castello Aragonese
ore 17,30 l’arrivederci alla 3° edizione del 2018

lunedì, maggio 15, 2017

'Cuori ruggenti' conquista anche i tedeschi

di PIERO CHIMENTI - Grande successo ha registrato il secondo raduno di auto e moto d'epoca firmato 'Cuori ruggenti'. Tra Via Roma e Piazza IV novembre circa 200 auto sono state ammirate da appassionati e non, tra cui molti tedeschi che, nonostante la giornata molto soleggiata, hanno preferito fare un 'tuffo nella storia dell'auto' nel comune di Montemesola, nel tarantino.

Un raggiante Tony Mantellini, presidente dell'associazione 'Cuori ruggenti', ha commentato il grande risultato ottenuto. Sono occorsi infatti ben tre mesi per realizzare l'evento, che ha potuto contare sulla collaborazione dell'associazione musicale 'Chimienti', oltre al brio ed al colore delle ballerine brasiliane.

venerdì, maggio 05, 2017

Porsche a rischio incendio: richiamo precauzionale per 8346 nuove Macan

STOCCARDA - Deve tornare in officina la nuovissima Suv compatta della Porsche: la casa tedesca ha appena comunicato di avere lanciato un richiamo per circa 8.346 nuove Macan, consegnate prevalentemente ai clienti in Canada. Le verifiche da effettuare sul nuovo SUV compatto di Zuffenhausen riguardano il flangia del filtro della pompa combustibile, poichè i controlli di qualità interni della fabbrica hanno evidenziato che nella fase iniziale di produzione ci possa essere stato qualche isolato caso di danneggiamento al componente durante il montaggio.

Il difetto potrebbe causare la fuoriuscita di una piccola quantità di carburante. Inoltre il rischio di incendio persiste anche quando l'auto viene lasciata incustodita. Le vetture interessate dal richiamo sono i modelli Macan, Macan S, Macan GTS, e Macan Turbo fabbricati fra l' 8 maggio 2014 e il 14 aprile 2017. Tutti i possessori delle Macan da controllare verranno contattati direttamente e il check dell'auto, naturalmente gratuito, durerà pochi minuti..La casa auto ha precisato di non essere a conoscenza di incidenti.

Nell’attività a tutela dei consumatori e dei proprietari o possessori di veicoli a motore, lo “Sportello dei Diritti”, ancora una volta, grazie al servizio che svolge monitorando tutti i richiami tecnici per l'eliminazione di difetti di produzione o di progettazione riguardanti la sicurezza che interessano i veicoli circolanti, anticipa in Italia l’avvio di procedure di tal tipo da parte delle multinazionali automobilistiche anche a scopo preventivo, poiché non sempre tutti coloro che possiedono una vettura tra quelle indicate vengono tempestivamente informati.

È necessario, quindi, spiega Giovanni D’Agata presidente dello “Sportello dei Diritti”, prestare la massima attenzione e rivolgersi alle autofficine autorizzate o ai Concessionari Porsche Italia, nel caso in cui la propria autovettura corrisponda al modello in questione. Gli uomini della rinomata casa automobilistica tedesca dovranno apportare i dovuti correttivi e risolvere un problema non certo grave, che durerà mezz'ora, ma destinato comunque a suscitare non poca preoccupazione per la difettosità segnalata che è ancora più rischiosa se si pensa alla potenza di accelerazione che hanno questi modelli.

venerdì, aprile 28, 2017

Il fenomeno delle gomme auto non conformi sempre più diffuso

BARI - Un argomento molto importante soprattutto in vista dei mesi estivi è la sicurezza stradale. Sono tanti, infatti, gli italiani che programmano per il periodo più caldo dell'anno le proprie vacanze, scegliendo di muoversi con la propria automobile. In questo senso, però, prima di partire è importante assicurarsi il massimo grado di sicurezza, ma i numeri dicono l'esatto contrario. Gli automobilisti italiani si dimostrano infatti molto sbadati: il 20% dei veicoli in circolazione deve fronteggiare criticità dovute agli pneumatici, un automobilista su due dimentica anche di gonfiare i propri pneumatici, sottovalutando l'importanza di un prodotto che è di fatto l'unico punto di contatto tra l'abitacolo e l'asfalto. Ad un controllo costante deve essere anche accompagnata una revisione periodica degli pneumatici. Acquistare pneumatici per tutte le stagioni, infatti, significa garantirsi ottime prestazioni in tutte le situazioni, a questo non implica la trascuratezza nei controlli.

In considerazione dei tanti campanelli d'allarme proveniente dalle strade nazionali, la Polizia Stradale e Assogomma hanno rinnovato anche per il 2017 l'iniziativa “Vacanze sicure”. L'edizione numero 14 della campagna coinvolgerà le regioni più frequentate durante i mesi più caldi: Puglia, Sicilia, Calabria, Sardegna, Emilia Romagna e Trentino Alto Adige. A partire dallo scorso 20 aprile e fino al 5 giugno saranno effettuati più di 10mila controlli, incentrati sullo stato di deterioramento degli pneumatici e sulla segnalazione dei battistrada maggiormente danneggiati. Anche in virtù di questa iniziativa, e anche al fine di preservare la sicurezza degli abitacoli, che gli italiani potranno approfittare del periodo primaverile per acquistare un nuovo treno di gomme e mettersi in regola. 

Pneumatici lisci, danneggiati, non omologati o non corrispondenti ai dati riportati sulla carta di circolazione, infatti, non solo provocano seri problemi alla sicurezza dei passeggeri e del guidatore, ma potrebbero far incorrere il proprietario del veicolo in sanzioni pecuniarie molto salate. All'innegabile vantaggio economico si aggiungono quindi quelli legati alla stabilità della vettura e alla maggiore tenuta di strada. Argomenti molto importanti in vista della stagione calda e degli spostamenti che coinvolgeranno milioni di italiani. 

martedì, aprile 25, 2017

Usa, Bmw richiama l'ammiraglia M760Li xDrive

STATI UNITI - La BMW dell'America del Nord ha comunicato ufficialmente il richiamo di circa 97 vetture vendute negli USA per un problema riguardante le linee radiatore dell'olio del motore. Secondo un bollettino dell'Highway Traffic Safety, agenzia governativa statunitense facente parte del Dipartimento dei Trasporti., alcune di queste vetture possono risentire di un difetto delle linee del radiatore dell'olio del motore che possono allentare causando una perdita d'olio nel vano motore. L'olio motore che fuoriesce può finire sui dischi freno anteriore, allungando la distanza necessaria per arrestare il veicolo e aumentando il rischio di un incidente.

L’ente e la casa di produzione automobilistica hanno già ricevuto alcune lamentele, segnalazioni critiche sui difetti. Il richiamo comprende i modelli anno 2017-2018 della M760Li xDrive. BMW posta avvisi di richiamo ai proprietari che dovrebbe cominciare entro il 1° giugno. Se il modello corrisponde a quegli oggetto del richiamo, i proprietari possono avviare le loro auto da un concessionario BMW, che installerà il nuovo radiatore dell'olio motore, gratuitamente.

La M760Li xDrive, è la nuova ammiraglia bavarese, una limousine da 610 cavalli capace di scattare da 0 a 100 km/h in 3”7 e di raggiungere i 305 km/h. Prestazioni migliori della M6 Coupé, attuale benchmark sportivo della casa tedesca. Il merito è del poderoso motore twin turbo V12 di 6.6 litri, che oltre alla cavalleria da supercar sviluppa una coppia di ben 800 Nm a 1550 giri-minuto, rendendo scattante una berlinona lunga 5,24 metri e pesante 2,2 tonnellate. Un ritorno, quello del 12 cilindri, a 30 anni dal debutto della 750i col 5.0 da 300 cv, il primo V12 tedesco di serie dalla fine della Seconda Guerra Mondiale. Non è la prima volta che Bmw avvia azioni di richiamo per difetti di fabbricazione.

Negli ultimi anni, ad esempio, sono stati richiamati circa 750mila esemplari di Serie 1, Serie 3, X1 e Z4 per un difetto all’impianto elettrico. In questo caso, erano coinvolti gli esemplari prodotti tra il mese di marzo e il mese di luglio del 2011, ma solo quelli venduti in Usa, Canada, Giappone e Sud Africa e non in Europa. Nel 2013, nel mese di maggio, la casa bavarese ha richiamato 220mila esemplari di Bmw Serie 3 prodotti tra il mese di dicembre del 2001 e il mese di marzo del 2002, per la sostituzione degli airbag difettosi. Tuttavia, il maxi richiamo di Bmw risale al mese di marzo del 2012, quando è stata avviata la relativa azione che ha coinvolto ben 1,3 milioni di esemplari delle precedenti Serie 5 e Serie 6. Tutti gli esemplari di questi due modelli, prodotti tra il 2003 e il 2010, avevano i cavi della batteria montati in modo errato. Ciò poteva causare il cortocircuito dell’impianto elettrico dell’auto e, in alcuni casi, addirittura l’incendio.

Nell’attività a tutela dei consumatori e dei proprietari o possessori di veicoli a motore, lo “Sportello dei Diritti” ancora una volta anticipa in Italia l’avvio di procedure di tal tipo da parte delle multinazionali automobilistiche anche a scopo preventivo, poiché non sempre tutti coloro che possiedono una vettura tra quelle indicate viene tempestivamente informato. È necessario, quindi, spiega Giovanni D’Agata presidente dello “Sportello dei Diritti”, prestare la massima attenzione e rivolgersi alle autofficine autorizzate o ai concessionari della BMW nel caso in cui la propria autovettura corrisponda al modello in questione.Al singolo proprietario, infatti, non costa nulla tale tipo di verifica e nel caso in cui la propria autovettura sia oggetto del richiamo, l’intervento previsto è a totale carico della casa automobilistica che dovrebbe fornire anche un’autovettura sostitutiva per il periodo necessario alla manutenzione straordinaria.

giovedì, aprile 20, 2017

Meeting Guzzi dal 21 al 23 aprile a Bari

di NICOLA ZUCCARO - Non è un raduno ma un evento. E' stato presentato, con questa puntualizzazione, il Meeting nazionale 'Moto Guzzi World Club' che avrà come location Bari e l'intera cinta metropolitana. A partire da domani, venerdì 21 aprile, fino a domenica 23 aprile, più di 500 'Guzzisti' provenienti dal Nord Italia, dalla dirimpettaia Grecia e persino da Abu Dhabi, visiteranno il capoluogo pugliese e il suo hinterland.

Nell'apprezzare le bellezze turistiche e nel degustare quelle enogastronomiche, i centauri potranno far apprezzare ai cittadini dei Comuni che visiteranno il marchio della gloriosa casa motociclistica. Uno di questi momenti corrisponderà - come da agenda - a domenica 23 aprile, quando le moto sfileranno in parata, con partenza da Largo 2 Giugno alle 9.30, nel concomitante inizio di Vivicittà. Il primo atto, invece, avrà luogo il 21 aprile alle ore 12 con l'arrivo in Piazza Prefettura dei Guzzisti per le iscrizioni e per l'accoglienza.