Visualizzazione post con etichetta Auto e motori. Mostra tutti i post
Visualizzazione post con etichetta Auto e motori. Mostra tutti i post

sabato, giugno 24, 2017

Dopo le Ferrari, gimkane e Maggiolini a Bari

di NICOLA ZUCCARO - Dopo l'antipasto del Ferrari Cavalcade, il menù di fine settimana per i baresi amanti delle 4 ruote prevede altri due appuntamenti gustosi. Il primo, a partire dalle 14 di oggi - sabato 24 giugno - presso il parcheggio antistante il Mercato coperto di Carbonara (Via Vaccarella - Viale Trisorio Liuzzi) per l'inizio del 23mo Criterium automobilistico Donatore del Sangue. La prova di abilità, valida anche come Seconda edizione del Trofeo Luigi Gabrieli, proseguirà nella giornata di domenica 25 giugno.

Nel corso di quest'ultima, terminerà il Terzo Raduno dei Maggiolini che sarà preceduto dall'esposizione dei relativi modelli d'epoca di Casa Volkswagen, dalle 20 alle 24 di oggi, presso il Lungomare Diaz in Bari.

mercoledì, giugno 21, 2017

Festa Ferrari a Bari: oltre 100 supercar in esposizione sul lungomare

BARI - Farà tappa a Bari venerdì prossimo, 23 giugno, la sesta edizione della Ferrari Cavalcade, uno “spettacolo in viaggio” di oltre cento Ferrari provenienti da tutto il mondo che, dal 21 al 25 giugno, attraverseranno la Puglia.

Un’occasione per festeggiare Ferrari, che quest’anno compie 70 anni, e per far scoprire ai partecipanti, provenienti da 30 Paesi del mondo, lo scrigno di bellezza, tradizione e cultura del nostro territorio.

Gli appassionati baresi del Cavallino rampante potranno ammirare le Ferrari nel pomeriggio del 23 giugno quando, a partire dalle ore 18.00 circa, percorreranno un itinerario individuato nella città vecchia per poi sostare fino a sera su lungomare Imperatore Augusto, chiuso al traffico per l’occasione nel tratto che va da strada Discesa Porto nuovo a piazzale IV Novembre.

Gran parte dei modelli iscritti all’evento sono Ferrari di recente produzione: dalla GTC4Lusso alla F12tdf, dalla California T alla 488 Spider, ma non mancano anche alcune serie speciali limitate come la F40, la F50 e la Enzo. Presente anche La Ferrari Aperta, vettura simbolo del 70° anniversario di Ferrari.

Per consentire lo svolgersi dell’evento, con apposita ordinanza, la Polizia municipale ha adottato le seguenti misure:

II. Il giorno 23 giugno 2017:
1. dalle ore 14.00 alle ore 24.00 e, comunque, fino al termine delle esigenze, è istituito il “Divieto di sosta - Zona rimozione” sul lungomare Imp. Augusto, ambo i lati, tratto compreso tra strada Discesa Porto Nuovo e Molo Sant’Antonio, comprese le stradine di accesso alla città vecchia;
2. dalle ore 16.00 alle ore 24.00 e, comunque, fino al termine delle esigenze, è istituito il “Divieto di transito” sul lungomare Imp. Augusto, tratto compreso tra strada Discesa Porto Nuovo e piazzale IV Novembre.
3. dalle ore 18.00 alle ore 24.00 e, comunque, fino al termine delle esigenze, in deroga al vigente divieto, si autorizza il transito dei veicoli dei partecipanti alla manifestazione sulle seguenti strade e piazze:
a. strada Discesa Porto Nuovo;
b. piazza S. Pietro;
c. largo mons. Ruffo;
d. via Venezia;
e. via Genovese.

I possessori dei pass ZTL e ZSR-D potranno lasciare gratuitamente le autovetture nelle aree parcheggio di piazzale Cristoforo Colombo e largo Santa Chiara.

martedì, giugno 20, 2017

Veglie, raduno auto d'epoca

LECCE - Si scaldano i motori a Veglie per l’arrivo della Settima Edizione del Raduno e Mostra Scambio Nazionale di Auto, Moto e Cicli d’epoca in programma domenica 25 giugno in Piazza Umberto I a partire dalle ore 8.00.

Una giornata ricca di novità e di emozioni in cui sarà possibile ammirare fantastici mezzi a due e a quattro ruote di epoche diverse. Un viaggio nel tempo e nello spazio attraverso i veicoli che hanno fatto la storia della mobilità e che raccontano molto dello stile di vita e delle abitudini del passato. Una occasione imperdibile per conoscere e ammirare pezzi rari che sapranno incantare grandi e piccini.

La manifestazione, che è organizzata dall’ASD Arneo Veicoli Storici con il patrocinio del Comune di Veglie, prevede, subito dopo l’iscrizione, l’inizio delle attività di intrattenimento rivolte ai bambini a cura della Ludoteca Archimede.

Non solo motori, nel corso della mattina sarà possibile ammirare il Frantoio Ipogeo guidati da Remo Coppola. Dopo aver ammirato le bellezze cittadine, sarà la volta della musica con il Gruppo Baila Sugar Band che farà danzare tutti al ritmo dei grandi successi di Zucchero.
Al termine di un giro di ringraziamento da parte delle autorità, è in programma la benedizione della manifestazione da parte di Don Fernando Paladini.

La manifestazione si concluderà con la consegna degli attestati e degli omaggi ai partecipanti.

Media Partner Idea Radio.
Per maggiori informazioni è possibile contattare il numero 392 9965705. 

venerdì, giugno 02, 2017

Dieselgate, autorità tedesche impongono richiamo di 24mila modelli di Audi A7 e A8

BERLINO - Una nota delle autorità tedesche informa che è stato ordinato al gruppo Volkswagen il richiamo di 24'000 auto di Audi, modelli A7 e A8 in Germania. Ciò avverrà in stretto coordinamento con le Autorità competenti. La misura riguarda i modelli messi in vendita tra il 2009 e il 2013. Lo scandalo partito da VW sta dunque continuando e tocca nuovamente Audi, marchio acquistato tempo fa. I veicoli interessati sono comunque "tecnicamente sicuri e adatti alla circolazione su strada senza alcuna limitazione".

Il gruppo Volkswagen comprende: Audi, Lamborghini, Ducati, Bentley, Bugatti, Porshe, SEAT, Skoda, Scania e Man. I loro proprietari, evidenzia Giovanni D’Agata presidente dello “Sportello dei Diritti", saranno informati per iscritto e verrà chiesto loro di fissare un appuntamento con il proprio service partner Volkswagen e potranno prendere appuntamento nei Centri di Assistenza. Il produttore bavarese del gruppo Volkswagen è accusato di aver manipolato le risultanze dei test sulle emissioni di gas di scarico.

lunedì, maggio 22, 2017

Fiat richiama in Brasile oltre 70mila veicoli

SAN PAOLO - Il gruppo italo americano Fiat Chrysler Automobiles ha annunciato un richiamo per i modelli Fiat Bravo, Doblò, Doblò Van, Fiorino, Gran Siena, Idea, Linea, New Palio, Palio Fuoco, Palio Weekend, Siena, Strada e Uno, in Brasile. Sono esattamente oltre 70.000 le unità dei 13 modelli ad essere richiamati. Il richiamo riguarda i modelli realizzati negli anni che vanno dal 2016 al 2017. Questi modelli devono fare ritorno in concessionaria allo scopo di procedere a un’ispezione e, se necessario, alla sostituzione dell'alternatore.

Secondo il produttore automobilistico italo americano, il problema alternatore può provocare un funzionamento irregolare del motore e, in casi estremi, la chiusura improvvisa della vettura, che compromette le condizioni di guida del veicolo e aumenta il rischio di collisione, con conseguenti danni causati da conducente, passeggeri e terzi. La riparazione viene eseguita in loco. Maggiori informazioni possono essere ottenute tramite il Customer Service Center di Fiat, chiamando il numero 0800 707 1000, o dal sito www.fiat.com.br.

Per Fiat Chrysler dunque prosegue una lunga stagione negativa che ne ha penalizzato l'immagine di costruttore votato alla qualità globale. Infatti, diversi problemi tecnici hanno costretto la casa italo-statunitense a richiamare migliaia di veicoli. Nell’attività a tutela dei consumatori e dei proprietari o possessori di veicoli a motore, lo “Sportello dei Diritti” ancora una volta anticipa in Italia l’avvio di procedure di tal tipo da parte delle multinazionali automobilistiche anche a scopo preventivo, poiché non sempre tutti coloro che possiedono una vettura tra quelle indicate viene tempestivamente informato.

È necessario, quindi, spiega Giovanni D’Agata presidente dello “Sportello dei Diritti”, prestare la massima attenzione e rivolgersi alle autofficine autorizzate o ai concessionari o ai Concessionari FCA Italia, nel caso in cui la propria autovettura corrisponda al modello in questione. L'intervento, consiste nella sostituzione dell'alternatore.

mercoledì, maggio 17, 2017

Costi troppo elevati, Volvo dice stop ai motori diesel

STOCCOLMA - Stop definitivo con i motori Diesel in casa Volvo, perché le normative sul contenimento delle emissioni hanno finito per renderli anti economici. Ed è così che l’amministratore delegato dalla casa automobilistica svedese, controllata dai cinesi di Geely, Hakan Samuelsson, ha annunciato in una intervista al Frankfurter Allgemeine Zeitung che il marchio non svilupperà più nuovi propulsori Diesel e che interromperà la produzione di quelli attuali dal 2023.

Il motivo? I costi di contenimento delle emissioni di ossidi di azoto (Nox) stanno diventando troppo elevati con l’inasprimento degli standard europei. Tanto da far loro superare perfino i costi di altri propulsori ben meno inquinanti, come i sistemi ibridi. Quindi si punterà sull’ibrido e sulle vetture elettriche, ha aggiunto il manager, su cui Volvo lancerà un modello totalmente elettrico dal 2019.

Taranto, al via 2a edizione 'Castelli e Motori'

BARI - Seconda edizione di "Castelli e motori", tour dei castelli con auto e moto d'epoca nella Valle d'Itria,  uno dei territori più belli del  Distretto Rotary di Puglia e Basilicata, che si svolgerà domenica 21 maggio. La manifestazione, infatti, è organizzata dal progetto distrettuale “Il Rotary per i Castelli”.

Dopo il successo dello scorso anno nella provincia di Brindisi, quest'anno la festosa carovana percorrerà la provincia ionica visitando una delle masserie più belle di Puglia, "Masseria del Duca", uno dei centri storici più famosi con il Palazzo Ducale a Martina Franca, quindi il castello Aragonese di Taranto dove è stratificata la storia della nostra civiltà.

Anche questa sarà sicuramente una giornata interessante e affascinante alla scoperta del territorio, del paesaggio, del patrimonio storico, in amicizia e allegria con bellissime auto storiche e non.

Chi non possiede auto d'epoca partecipa con propria auto in coda. L’evento è organizzato dal Progetto distrettuale “il Rotary per i castelli” insieme alla Commissione Distrettuale Fellowship Auto Storiche, e dai R.C. Riva dei Tessali, Martina Franca , Taranto  e Taranto Magna Grecia.

Ecco il programma della giornata:

ore 08.30 Registrazione presso Masseria del Duca, S.P. 67 - Crispiano www.inmasseria.it
Coordinate: +40° 36′ 52.02″, +17° 23′ 5.19″;
ore 09,00 visita guidata alla Masseria;
ore 10,30 partenza
ore 11,00 Martina Franca, passaggio sotto Porta Santo Stefano e parcheggio in piazza XX settembre, visita guidata al Palazzo Ducale;
ore 13,00 partenza SP 60 – SP49 bosco Pianelle – SS 172;
ore 14,00 Castello Spagnolo, S.P. 46 - Taranto - pausa pranzo
ore 16,00 partenza S.S. 172
ore 16,30 Taranto parcheggio in piazza Castello e visita guidata al Castello Aragonese
ore 17,30 l’arrivederci alla 3° edizione del 2018

lunedì, maggio 15, 2017

'Cuori ruggenti' conquista anche i tedeschi

di PIERO CHIMENTI - Grande successo ha registrato il secondo raduno di auto e moto d'epoca firmato 'Cuori ruggenti'. Tra Via Roma e Piazza IV novembre circa 200 auto sono state ammirate da appassionati e non, tra cui molti tedeschi che, nonostante la giornata molto soleggiata, hanno preferito fare un 'tuffo nella storia dell'auto' nel comune di Montemesola, nel tarantino.

Un raggiante Tony Mantellini, presidente dell'associazione 'Cuori ruggenti', ha commentato il grande risultato ottenuto. Sono occorsi infatti ben tre mesi per realizzare l'evento, che ha potuto contare sulla collaborazione dell'associazione musicale 'Chimienti', oltre al brio ed al colore delle ballerine brasiliane.

venerdì, maggio 05, 2017

Porsche a rischio incendio: richiamo precauzionale per 8346 nuove Macan

STOCCARDA - Deve tornare in officina la nuovissima Suv compatta della Porsche: la casa tedesca ha appena comunicato di avere lanciato un richiamo per circa 8.346 nuove Macan, consegnate prevalentemente ai clienti in Canada. Le verifiche da effettuare sul nuovo SUV compatto di Zuffenhausen riguardano il flangia del filtro della pompa combustibile, poichè i controlli di qualità interni della fabbrica hanno evidenziato che nella fase iniziale di produzione ci possa essere stato qualche isolato caso di danneggiamento al componente durante il montaggio.

Il difetto potrebbe causare la fuoriuscita di una piccola quantità di carburante. Inoltre il rischio di incendio persiste anche quando l'auto viene lasciata incustodita. Le vetture interessate dal richiamo sono i modelli Macan, Macan S, Macan GTS, e Macan Turbo fabbricati fra l' 8 maggio 2014 e il 14 aprile 2017. Tutti i possessori delle Macan da controllare verranno contattati direttamente e il check dell'auto, naturalmente gratuito, durerà pochi minuti..La casa auto ha precisato di non essere a conoscenza di incidenti.

Nell’attività a tutela dei consumatori e dei proprietari o possessori di veicoli a motore, lo “Sportello dei Diritti”, ancora una volta, grazie al servizio che svolge monitorando tutti i richiami tecnici per l'eliminazione di difetti di produzione o di progettazione riguardanti la sicurezza che interessano i veicoli circolanti, anticipa in Italia l’avvio di procedure di tal tipo da parte delle multinazionali automobilistiche anche a scopo preventivo, poiché non sempre tutti coloro che possiedono una vettura tra quelle indicate vengono tempestivamente informati.

È necessario, quindi, spiega Giovanni D’Agata presidente dello “Sportello dei Diritti”, prestare la massima attenzione e rivolgersi alle autofficine autorizzate o ai Concessionari Porsche Italia, nel caso in cui la propria autovettura corrisponda al modello in questione. Gli uomini della rinomata casa automobilistica tedesca dovranno apportare i dovuti correttivi e risolvere un problema non certo grave, che durerà mezz'ora, ma destinato comunque a suscitare non poca preoccupazione per la difettosità segnalata che è ancora più rischiosa se si pensa alla potenza di accelerazione che hanno questi modelli.

venerdì, aprile 28, 2017

Il fenomeno delle gomme auto non conformi sempre più diffuso

BARI - Un argomento molto importante soprattutto in vista dei mesi estivi è la sicurezza stradale. Sono tanti, infatti, gli italiani che programmano per il periodo più caldo dell'anno le proprie vacanze, scegliendo di muoversi con la propria automobile. In questo senso, però, prima di partire è importante assicurarsi il massimo grado di sicurezza, ma i numeri dicono l'esatto contrario. Gli automobilisti italiani si dimostrano infatti molto sbadati: il 20% dei veicoli in circolazione deve fronteggiare criticità dovute agli pneumatici, un automobilista su due dimentica anche di gonfiare i propri pneumatici, sottovalutando l'importanza di un prodotto che è di fatto l'unico punto di contatto tra l'abitacolo e l'asfalto. Ad un controllo costante deve essere anche accompagnata una revisione periodica degli pneumatici. Acquistare pneumatici per tutte le stagioni, infatti, significa garantirsi ottime prestazioni in tutte le situazioni, a questo non implica la trascuratezza nei controlli.

In considerazione dei tanti campanelli d'allarme proveniente dalle strade nazionali, la Polizia Stradale e Assogomma hanno rinnovato anche per il 2017 l'iniziativa “Vacanze sicure”. L'edizione numero 14 della campagna coinvolgerà le regioni più frequentate durante i mesi più caldi: Puglia, Sicilia, Calabria, Sardegna, Emilia Romagna e Trentino Alto Adige. A partire dallo scorso 20 aprile e fino al 5 giugno saranno effettuati più di 10mila controlli, incentrati sullo stato di deterioramento degli pneumatici e sulla segnalazione dei battistrada maggiormente danneggiati. Anche in virtù di questa iniziativa, e anche al fine di preservare la sicurezza degli abitacoli, che gli italiani potranno approfittare del periodo primaverile per acquistare un nuovo treno di gomme e mettersi in regola. 

Pneumatici lisci, danneggiati, non omologati o non corrispondenti ai dati riportati sulla carta di circolazione, infatti, non solo provocano seri problemi alla sicurezza dei passeggeri e del guidatore, ma potrebbero far incorrere il proprietario del veicolo in sanzioni pecuniarie molto salate. All'innegabile vantaggio economico si aggiungono quindi quelli legati alla stabilità della vettura e alla maggiore tenuta di strada. Argomenti molto importanti in vista della stagione calda e degli spostamenti che coinvolgeranno milioni di italiani. 

martedì, aprile 25, 2017

Usa, Bmw richiama l'ammiraglia M760Li xDrive

STATI UNITI - La BMW dell'America del Nord ha comunicato ufficialmente il richiamo di circa 97 vetture vendute negli USA per un problema riguardante le linee radiatore dell'olio del motore. Secondo un bollettino dell'Highway Traffic Safety, agenzia governativa statunitense facente parte del Dipartimento dei Trasporti., alcune di queste vetture possono risentire di un difetto delle linee del radiatore dell'olio del motore che possono allentare causando una perdita d'olio nel vano motore. L'olio motore che fuoriesce può finire sui dischi freno anteriore, allungando la distanza necessaria per arrestare il veicolo e aumentando il rischio di un incidente.

L’ente e la casa di produzione automobilistica hanno già ricevuto alcune lamentele, segnalazioni critiche sui difetti. Il richiamo comprende i modelli anno 2017-2018 della M760Li xDrive. BMW posta avvisi di richiamo ai proprietari che dovrebbe cominciare entro il 1° giugno. Se il modello corrisponde a quegli oggetto del richiamo, i proprietari possono avviare le loro auto da un concessionario BMW, che installerà il nuovo radiatore dell'olio motore, gratuitamente.

La M760Li xDrive, è la nuova ammiraglia bavarese, una limousine da 610 cavalli capace di scattare da 0 a 100 km/h in 3”7 e di raggiungere i 305 km/h. Prestazioni migliori della M6 Coupé, attuale benchmark sportivo della casa tedesca. Il merito è del poderoso motore twin turbo V12 di 6.6 litri, che oltre alla cavalleria da supercar sviluppa una coppia di ben 800 Nm a 1550 giri-minuto, rendendo scattante una berlinona lunga 5,24 metri e pesante 2,2 tonnellate. Un ritorno, quello del 12 cilindri, a 30 anni dal debutto della 750i col 5.0 da 300 cv, il primo V12 tedesco di serie dalla fine della Seconda Guerra Mondiale. Non è la prima volta che Bmw avvia azioni di richiamo per difetti di fabbricazione.

Negli ultimi anni, ad esempio, sono stati richiamati circa 750mila esemplari di Serie 1, Serie 3, X1 e Z4 per un difetto all’impianto elettrico. In questo caso, erano coinvolti gli esemplari prodotti tra il mese di marzo e il mese di luglio del 2011, ma solo quelli venduti in Usa, Canada, Giappone e Sud Africa e non in Europa. Nel 2013, nel mese di maggio, la casa bavarese ha richiamato 220mila esemplari di Bmw Serie 3 prodotti tra il mese di dicembre del 2001 e il mese di marzo del 2002, per la sostituzione degli airbag difettosi. Tuttavia, il maxi richiamo di Bmw risale al mese di marzo del 2012, quando è stata avviata la relativa azione che ha coinvolto ben 1,3 milioni di esemplari delle precedenti Serie 5 e Serie 6. Tutti gli esemplari di questi due modelli, prodotti tra il 2003 e il 2010, avevano i cavi della batteria montati in modo errato. Ciò poteva causare il cortocircuito dell’impianto elettrico dell’auto e, in alcuni casi, addirittura l’incendio.

Nell’attività a tutela dei consumatori e dei proprietari o possessori di veicoli a motore, lo “Sportello dei Diritti” ancora una volta anticipa in Italia l’avvio di procedure di tal tipo da parte delle multinazionali automobilistiche anche a scopo preventivo, poiché non sempre tutti coloro che possiedono una vettura tra quelle indicate viene tempestivamente informato. È necessario, quindi, spiega Giovanni D’Agata presidente dello “Sportello dei Diritti”, prestare la massima attenzione e rivolgersi alle autofficine autorizzate o ai concessionari della BMW nel caso in cui la propria autovettura corrisponda al modello in questione.Al singolo proprietario, infatti, non costa nulla tale tipo di verifica e nel caso in cui la propria autovettura sia oggetto del richiamo, l’intervento previsto è a totale carico della casa automobilistica che dovrebbe fornire anche un’autovettura sostitutiva per il periodo necessario alla manutenzione straordinaria.

giovedì, aprile 20, 2017

Meeting Guzzi dal 21 al 23 aprile a Bari

di NICOLA ZUCCARO - Non è un raduno ma un evento. E' stato presentato, con questa puntualizzazione, il Meeting nazionale 'Moto Guzzi World Club' che avrà come location Bari e l'intera cinta metropolitana. A partire da domani, venerdì 21 aprile, fino a domenica 23 aprile, più di 500 'Guzzisti' provenienti dal Nord Italia, dalla dirimpettaia Grecia e persino da Abu Dhabi, visiteranno il capoluogo pugliese e il suo hinterland.

Nell'apprezzare le bellezze turistiche e nel degustare quelle enogastronomiche, i centauri potranno far apprezzare ai cittadini dei Comuni che visiteranno il marchio della gloriosa casa motociclistica. Uno di questi momenti corrisponderà - come da agenda - a domenica 23 aprile, quando le moto sfileranno in parata, con partenza da Largo 2 Giugno alle 9.30, nel concomitante inizio di Vivicittà. Il primo atto, invece, avrà luogo il 21 aprile alle ore 12 con l'arrivo in Piazza Prefettura dei Guzzisti per le iscrizioni e per l'accoglienza.

mercoledì, marzo 22, 2017

Dieselgate, inchiesta anche per FCA

PARIGI - Dopo le accuse dell'agenzia per la protezione ambientale americana sulla violazione delle norme sulle emissioni anche i magistrati francesi hanno aperto un'inchiesta nei confronti di Fiat Chrysler Automobiles (FCA) in merito a supposte violazioni delle norme sulle emissioni inquinanti delle automobili diesel.

L'ipotesi su cui lavora la procura è che sia stata compiuta una frode ai danni dei consumatori montando software truccati sulle vetture prodotte dalla casa automobilistica. FCA era entrata in precedenza nel mirino delle autorità statunitensi, evidenzia Giovanni D’Agata presidente dello “Sportello dei Diritti”, per alcuni dei suoi veicoli sui quali sarebbe stato montato il software che consente emissioni diesel più alte degli standard.

La multa massima che l'Agenzia per la Protezione Ambientale potrebbe comminare e' di 44.359 dollari per ogni auto che viola le norme, per un totale nel caso di FCA di 4,6 miliardi di dollari.Intanto nel Regno Unito, il governo sta testando le emissioni della casa automobilistica Jeep Grand Cherokee.

lunedì, marzo 06, 2017

Psa acquista Opel per 1,3 mld VIDEO

Il gruppo automobilistico Peugeot Citroen ha annunciato ufficialmente l'acquisto della tedesca Opel per 1,3 miliardi di euro. Il gruppo diventa quindi il secondo costruttore auto in Europa dietro Volkswagen. Dall'unione fra Psa e Opel nascera' un colosso da 4,3 milioni di veicoli, di cui 3 milioni in Europa, con 2 miliardi di utile grazie - come ha sottolineato il numero uno di Psa Carlos tavares - alla "progressiva convergenza delle piattaforme e dei motori". Un "campione europeo" dell'auto con una radice franco-tedesca.

"L'accordo - ha dichiarato la numero uno di General Motors, Mary Barra - è una vittoria per tutti gli azionisti, un "successo di lungo termine. Insieme saremo più forti" ha continuato. Barra ha resto omaggio alle "auto e le tecnologie straordinarie" di Opel/Vauxhall, "i risultati finanziari sono molto migliorati negli ultimi anni. Ed è chiaro che si tornerà agli utili".

Oltre all'acquisto di Opel e del marchio britannico Vauxhall - che spera far tornare in attivo entro il 2020 - Peugeot-Citroen-Ds, riprenderà insieme alla banca BNP Paribas la filiale finanziaria di GM Europe per 900 milioni di euro.

La divisione europea di Gm è in deficit cronico, con la perdita di 257 milioni di dollari lo scorso anno. In 16 anni, il conto ammonta a 15 milioni di dollari. Psa punta ad un ritorno agli utili di Opel/Vauxhall nei prossimi tre anni, con un "margine operativo del 2% entro il 2020 e del 6% entro il 2026". 

venerdì, marzo 03, 2017

Rischio incendio: Mercedes richiama in tutto il mondo 1 mln di auto

La casa automobilistica tedesca Daimler ha avviato un richiamo volontario in tutto il mondo per un difetto che potrebbe provocare principi di incendio. Sono coinvolte 1 milione di auto prodotte tra il 2015 e il 2017: Mercedes classe A, B, C ed E-class ed alcuni tipi di SUV. Secondo gli esperti ci sarebbero potenziali rischi di surriscaldamento e incendio al momento dell'accensione del motore. Secondo un portavoce della società l’intervento previsto nelle officine della casa tedesca sarebbe della durata di un'ora.

Daimler ha comunque tenuto a precisare che finora non sono giunte notizie di incidenti imputabili alla presenza di questi difetti. Pur non essendoci stati incidenti, segnala Giovanni D'Agata presidente dello Sportello dei Diritti”, è consigliabile che i proprietari di queste auto prestino la massima attenzione e che si rivolgano subito alle autofficine autorizzate o ai Concessionari Daimler Italia nel caso in cui la propria autovettura corrisponda ai lotti in questione.

Al singolo proprietario, infatti, non costa nulla tale tipo di verifica e nel caso in cui la propria autovettura sia oggetto del richiamo, l’intervento previsto è a totale carico della casa automobilistica che dovrebbe fornire anche un’autovettura sostitutiva per il periodo necessario alla manutenzione straordinaria.

sabato, febbraio 18, 2017

Brand finance, Ferrari è il simbolo più forte al mondo

La Ferrari si conferma il marchio di auto più forte al mondo. A sostenerlo il rapporto 2017 di Brand Finance sull'auto pubblicato in questi giorni. La società leader nella consulenza strategica e nella valutazione dei marchi assegna invece il primato di brand con il maggior valore al mondo a Toyota.

Il brand Ferrari, spiega Giovanni D’Agata presidente dello “Sportello dei Diritti”, ha migliorato la sua posizione di tre punti raggiungendo un punteggio di 91,9 e riconquistando la AAA+ di rating. Al secondo posto nella top ten dei marchi più forti al mondo si trova Porsche, con rating AAA e punteggio 86, seguita da Volkswagen (84,9). Da quando Sergio Marchionne ha assunto il comando di Ferrari - rileva il report - il tetto della produzione è stato portato dalle 7000 vetture dell'era Montezemolo a 9000 e ad aprile è stato aperto un nuovo Ferrari Land a PortAventura in Spagna.

Questo maggiore sfruttamento commerciale del brand ne ha accresciuto il valore del 40% a 6,15 miliardi di dollari. 'Il fatto che Ferrari abbia aumentato il fatturato senza compromettere la forza del brand suggerisce che ha trovato la perfetta formula per sfruttare in modo sostenibile il brand equity e massimizzare il valore per gli azionisti''.

Passando a Toyota, che si conferma il brand che vale di più al mondo, ha incrementato il suo valore del 7% a 46,3 miliardi di dollari. Secondo in classifica è il marchio Bmw (37,1 mld) e terzo Mercedes (35,5 mld). A Volkswagen, che pure ha recentemente superato Toyota come primo produttore mondiale di auto, tocca invece solo il quarto posto, con un valore di 25 miliardi di dollari.

domenica, febbraio 05, 2017

Maserati, maxi-richiamo in Usa

STATI UNITI - Maserati ha annunciato che sta richiamando circa 50.000 veicoli di lusso negli Stati Uniti dopo aver scoperto possibili difetti che potrebbero portare a incendi e perdite di carburante. Oggetto del richiamo problematiche connesse alla regolazione dei sedili anteriori, quindi, che riguarderebbe ben 39.381 veicoli prodotti dal 2014 fino al 2017 dei modelli Quattroporte, Ghibli e Levante che potrebbero portare a cortocircuiti e perfino eventuali incendi.

Si tratta di vetture i cui prezzi base di vendita al dettaglio variano tra i 71.600 e 145.500 dollari. Un altro richiamo di ben veicoli 10.879 dei modelli Quattroporte e Ghibli 2014 e 2015 è stato diramato per eventuali perdite di carburante. Si tratta del terzo richiamo dall'anno scorso in USA per la casa automobilistica, che com’è noto appartiene al gruppo FCA (Fiat Chrysler Automobiles) ed è uno dei marchi di prestigio della multinazionale.

È bene specificare, spiega Giovanni D’Agata presidente dello “Sportello dei Diritti”, che si tratta di procedure di richiamo volontario e che ad oggi non risultano esserne effettuate in Italia in merito ai modelli indicati. Per tali ragioni, è opportuno che FCA ed il marchio Maserati chiariscano se analoghe problematiche riguardino anche gli stessi modelli commercializzati in Italia e nell’area UE.

martedì, gennaio 17, 2017

Auto, Fca vola con Alfa Romeo, +14,4%

(ANSA)
ROMA - Nel 2016 sono state vendute in Europa 15.131.719 auto, il 6,5% in più del 2015. A dicembre le immatricolazioni nella Ue e nei Paesi Efta (Islanda, Liechtenstein, Norvegia e Svizzera) sono state 1.193.286, in crescita del 3,2% sullo stesso mese dell'anno precedente. Lo riportano i dati dell'Acea, l'associazione dei costruttori europei.

Vola in Europa nel 2016 Fca e chiude con 977.594 immatricolazioni, il 14,4% in più del 2015, un incremento molto maggiore di quello del mercato (+6,5%). In crescita tutti i brand, in particolare Alfa Romeo con +16,4%. La quota del gruppo sale dal 6,2 al 6,7%.

Positivo il trend anche nel mese di dicembre: Fca ha venduto 72.280 auto, con una crescita del 13,4% a fronte di un incremento del mercato del 3,2%.

Ma è il Gruppo Vw a mantenere, nonostante il 'Dieselgate', la leadership in Europa. Il gruppo tedesco nel 2016 ha venuto nei paesi Ue più Efta 3.641.012 auto, con un incremento del 3,3% sul 2015 e una quota del 24,1% a fronte del 24,8% dell'anno precedente. Seguono il Gruppo Renault (1.522.629, +12,1% quota 10,1%) e il Gruppo Psa (1.472.927, -0,5% quota 9,7%).

venerdì, dicembre 23, 2016

Revisione auto, quale è inclusa nel tagliando e quando farla

Revisione auto, quale è inclusa nel tagliando e quando farla Per la propria sicurezza e per garantire una lunga vita alla propria macchina è importante non dimenticare la revisione auto e quando è necessario farla, onde evitare spiacevoli episodi con la legge. Già perché una mancata revisione, comporta una sanzione, essa inoltre non va confusa con il tagliando, anche se nel senso comune sono associate quasi fossero la stessa cosa.

Mai dimenticare la revisione auto

Revisione e tagliando sono due cose ben diverse, anche se entrambi indicano un controllo meticoloso dell’auto al fine di assicurarsene il massimo delle prestazioni e il minimo in termini di rischi per la salute della persona e dell’ambiente. Mentre la revisione è obbligatoria e va fatta dopo due anni dall’immatricolazione e successivamente ogni quattro, il tagliando è a discrezione della casa produttrice. La revisione è richiesta dalla Motorizzazione civile con cui si certifica la funzionalità del veicolo e la sua idoneità a circolare in sicurezza, oltre che il mantenimento del rumore e delle emissioni inquinanti entro i limiti di legge. Essa infatti è obbligatoria. Il tagliando al contrario è richiesto dalla casa produttrice del veicolo e le scadenze tra un controllo e l’altro sono discrezionali, non stabilite in modo perentorio; per il tagliando bisognerà recarsi presso un meccanico stabilito dall’azienda madre o che comunque sia in grado di procedere con mezzi all’avanguardia. Esso serve a monitorare lo stato di salute dei vari componenti della vettura, in particolare le cinghie di trasmissione, il sistema elettronico, freni e sospensioni, i livelli dell’olio e del liquido di raffreddamento, le luci. Revisione e tagliando possono essere fatte in concomitanza, ma la revisione dura per tutta la vita del veicolo. In ogni caso, pur consapevoli dell’importanza preponderante della revisione auto laddove quando farla è tassativamente stabilito dalla legge, occupandosi di componenti differenti del veicolo anche il tagliando non va sottovalutato. Esso infatti dura per il periodo di garanzia del veicolo, ma sarebbe bene accompagnare alla revisione il tagliando anche dopo la scadenza della garanzia con check-up periodici, al fine di controllare che elementi non passabili di revisione siano ancora conformi agli standard di qualità del costruttore.

Scopri di più su che cosa è incluso nel tagliando auto.

giovedì, giugno 23, 2016

Maserati richiama 26 mila auto negli Stati Uniti

STATI UNITI - Fiat Chrysler Automobiles NV sta espandendo il suo richiamo ad oltre 1 milione di veicoli con comandi che possono confondere i conducenti incluse alcune Maserati. La casa automobilistica, che possiede il famoso marchio italiano, richiamerà negli Stati Uniti oltre 13.000 Maserati Quattroporte e la berlina Ghibli su cui è montato il cambio automatico a otto marce prodotto dalla ZF. Le vetture sono state prodotte a partire dal 1 giugno 2013 al 28 Febbraio 2014. Il problema all'origine della campagna è legato alla leva stessa del cambio, che indipendentemente dalla modalità selezionata (P, R, N, D), torna in una posizione centrale una volta selezionato il rapporto, non rendendo immediatamente chiaro agli automobilisti se la vettura sia effettivamente stazionaria o meno. Nessun incidente letale.

Secondo le risultanze dell'indagine, a Washington sono pervenute diverse segnalazioni di ripartenze o arresto involontarie , con diversi incidenti, senza conseguenze letali. Nell’attività a tutela dei consumatori e dei proprietari o possessori di veicoli a motore, lo “Sportello dei Diritti” ancora una volta anticipa in Italia l’avvio di procedure di tal tipo da parte delle multinazionali automobilistiche anche a scopo preventivo, poiché non sempre tutti coloro che possiedono una vettura tra quelle indicate viene tempestivamente informato. È necessario, quindi, spiega Giovanni D’Agata presidente dello “Sportello dei Diritti”, prestare la massima attenzione e rivolgersi alle autofficine autorizzate o ai concessionari o ai Concessionari FCA Italia, nel caso in cui la propria autovettura corrisponda al modello in questione.

L'intervento, consiste in un sistema di introduzione di ulteriori segnalazioni visive e acustiche quando il cambio non è in posizione "Park". Le modifiche studiate dal Costruttore prevedono, inoltre, un aggiornamento software che inibirà il movimento del veicolo in certe circostanze, come con una portiera aperta, ad esempio, anche quando il cambio non è in P. Sui modellli successivi delle tre auto coinvolte nel richiamo, la leva del cambio è stata già sostituita con una dal funzionamento più tradizionale, che prevede scatti fisici tra le posizioni, in luogo del comando elettronico.