Visualizzazione post con etichetta Scuola. Mostra tutti i post
Visualizzazione post con etichetta Scuola. Mostra tutti i post

Exploit del 'Comi' alla Festa della Scienza 2019


di ANTONELLA LONGO - TRICASE (Le). Soddisfazione e orgoglio per gli studenti del Liceo Scientifico – scienze applicate del Liceo “Girolamo Comi” di Tricase, in Salento, per lo strepitoso risultato ottenuto al concorso del 4 maggio scorso. 

I due massimi riconoscimenti, primo premio e premio speciale AIRC, sono stati entrambi assegnati agli studenti del “Comi”, con giudizio unanime degli esperti e nell’entusiasmo generale del pubblico presente alla manifestazione. Una vera e propria apoteosi!

I lavori presentati al concorso dalle classi terza A e quinta B si sono distinti per la dirompente originalità, suscitando l’ammirazione della commissione esaminatrice composta da nomi illustri e autorevoli del panorama scientifico e accademico internazionale. 

La Festa della Scienza, giunta alla X edizione, si svolge ogni anno nel contesto suggestivo del Castello Caracciolo di Andrano, sotto l’egida dell’Istituto “Pasteur” di Roma, dell’Università “La Sapienza”, della Regione Puglia (con una prestigiosa rappresentanza dell’AIRC, della Provincia e del Comune di Andrano). 
   
La proposta ha l’intento di stimolare la partecipazione diretta degli studenti alla cultura della ricerca scientifica, mettendo in primo piano l’informazione scientifica aggiornata sulle problematiche biomediche e tecnologiche, per trasformare gli studenti da fruitori a divulgatori.       

Tema del concorso di questa edizione “Le barriere biologiche e i confini culturali”. Quest’anno, ospite d’onore eccellentissimo è stata la senatrice a vita Elena Cattaneo, scienziata di fama internazionale nel campo delle cellule staminali, persona dalla sensibilità straordinaria impegnata anche nell’ambito dei diritti umani. 
  
Entrambi i lavori prodotti dagli studenti del “Comi” sono stati apprezzati per una serie di requisiti: l’originalità della forma espressiva, il livello di approfondimento dei contenuti scientifici, l’attinenza al tema del concorso e la qualità tecnica dei prodotti audiovisivi. 

La classe quinta B si è cimentata nella trattazione dell’immunoterapia oncologica in versione rap riscuotendo consensi con “tifo da stadio”. La classe terza A ha trattato lo stesso tema in uno spettacolo teatrale del tutto singolare, dove personaggi della storia, della letteratura, della filosofia e della scienza vissuti in epoche anche molto diverse, si incontrano e dialogano di una delle ricerche mediche più avanzate e promettenti come l’immunoterapia oncologica, superando barriere temporali, linguistiche, geografiche. 
  
Un’esperienza formativa indiscutibile, energizzante e di buon auspicio per i nostri giovani, che sembrano spesso distanti dal sacrificio e dall’impegno. Entrambi i lavori saranno portati dall’ente organizzatore a “La notte dei ricercatori” nel prossimo settembre. 
   
Il video rap sarà proiettato in una manifestazione che si terrà prossimamente nell’Azienda farmaceutica “Novartis” di Locarno in Svizzera. In una società dove il sopravvento di negazionismo, post-verità, pseudoscienza, rischia di minacciare fortemente il progresso culturale dei popoli, la scuola e la formazione scientifica dei ragazzi diventa prioritaria e irrinunciabile. Ad maiora semper.

Bari, liceo Salvemini: a scuola c'è De Andrè


di ELISABETTA D'ADDARIO - Imperdibile appuntamento questa mattina a Bari, presso il Liceo Scientifico "Salvemini", dove studenti ed insegnanti hanno preso parte ad una proficua, quanto profonda ed illuminante conversazione con Paolo Finzi, all'evento dal titolo "Fabrizio De Andrè: tra scrittura, poesia ed impegno sociale", dedicato al celebre ed inimitabile cantautore genovese. L’incontro con Finzi al "Salvemini" rappresenta,  da una parte, una sorta di conclusione dell’approfondimento che questa scuola ha dedicato al '68 durante il mese di marzo e rientra, dall’altra,  nella sperimentazione e convinzione, insita in questo Istituto, di come oggi fare didattica non significhi più studiare in maniera acritica le diverse discipline e avere come unico mediatore didattico il libro e la lezione frontale. La didattica e le problematiche storico-sociali e letterarie di questo liceo, grazie ai continui stimoli  della dirigente scolastica alla didattica dei docenti e al contributo di tutti i lavoratori di questa scuola, sono state affrontate con l’ausilio della rappresentazione teatrale, di approfondimenti trasversali ed ora anche attraverso una conferenza, seguita da uno spettacolo musicale, su di un cantautore-poeta che ha segnato gli ultimi decenni del nostro panorama storico, sociale e letterario del Novecento.

De André si serviva della musica per raccontare l'uomo, la sua vita, le sue fragilità. Ha saputo portare al centro dell’attenzione chi da sempre era considerato e collocato ai margini della società. Non si può prescindere dalla forza dei suoi testi e dalla curiosità che trasmetteva in modo silenzioso, portando l'ascoltatore, quasi senza accorgersene, a leggere L’antologia di Spoon River, i Vangeli Apocrifi o ad ascoltare Georges Brassens, Leonard Cohen e Bob Dylan.

credit: Roby il Pettirosso

Oggi la sensibilità, le parole e le canzoni di De Andrè restano un potente antidoto, un patrimonio di valori e riflessioni che di fronte al cinismo, alla volgarità delle nuove forme di emarginazione e sfruttamento, ai vecchi e nuovi razzismi, alle difficoltà e alla disperazione di chi vive, per scelta o per costrizione, ai margini della società possono contribuire alla creazione di una coscienza più critica e accettante rispetto a tutte le diversità e agli ultimi.

Paolo Finzi è stato amico di Fabrizio De André dal 1974. Attualmente ricopre l'incarico di direttore e redattore della rivista anarchica mensile "A", fin dalla sua fondazione nel 1971. Dopo la morte di Faber ha curato il dossier “Signora libertà, signorina anarchia” (2000).
Nel 2001 ha prodotto il cd “Ed avevamo gli occhi troppo belli”, con la partecipazione di Dori Ghezzi e don Andrea Gallo e nel 2004 il cd “Mille papaveri rossi”, raccolta di una quarantina di cover realizzata da Marco Pandin, storico collaboratore di "A".
Nel 2006, dedicato a Fabrizio e al suo impegno specifico in favore dei Rom e dei Sinti, ha prodotto il dvd “A forza di essere vento. Lo sterminio nazista degli Zingari”.
Finzi ha inoltre partecipato a numerose iniziative pubbliche in memoria di De Andrè ed è ancora oggi ampiamente disponibile a farlo. Si occupa anche di storia ed ha pubblicato due libri sugli anarchici Errico Malatesta e Alfonso Failla. Nel 2018 ha pubblicato il libro dal titolo "Che non ci sono poteri buoni - il pensiero (anche) anarchico di Fabrizio de André".

Ragazzo impossibilitato a partecipare alla gita scolastica: la vicinanza dei Garanti


di REDAZIONE - Il Garante regionale per i Diritti dei Minori ed il Garante regionale per i Diritti delle persone con disabilità, stamane, dalla lettura dei giornali, hanno appreso la vicenda dello studente di 11 anni che frequenta la quinta elementare della Scuola Giovanni XXIII a Mesagne e che, per l’indisponibilità di un assistente scolastico, rischierebbe di non partecipare ad una gita scolastica, organizzata dal suo Istituto a Taranto, il prossimo 28 maggio. 
Il ragazzo, a causa di difficoltà motorie, è costretto su una carrozzina e, da quanto appreso, la Cooperativa Sociale che si occupa di fornire l’Assistente di sostegno è impossibilitata a garantire il servizio fuori dai consueti orari scolastici. 
I due Garanti regionali manifestano la loro vicinanza alla madre del minore, che quotidianamente lotta per garantire a suo figlio le stesse possibilità dei suoi compagni e sono fiduciosi nell’operato del Dirigente Scolastico dell’Istituto, il quale ha già assicurato che il minore non resterà a casa e andrà in gita con i suoi compagni. 
Questa non è solo la battaglia di una madre e di suo figlio, è la sfida di quanti si adoperano quotidianamente per garantire l’accessibilità al Diritto ad una vita più semplice e più felice. 
“Siamo certi - dicono i Garanti - che saranno messe in atto tutte le azioni opportune, attraverso un’efficace collaborazione tra Scuola, Ente Locale e Terzo Settore, atte a garantire il massimo livello di inclusione sociale e di partecipazione perché la gita scolastica è per uno studente un’esperienza preziosa e indispensabile.

Il Sistema ITS Puglia arriva a Bari: il 21 marzo doppio appuntamento nel capoluogo

BARI - Dopo le tappe di Barletta, Lecce, Francavilla Fontana, Foggia e Taranto, il Sistema ITS Puglia arriva a Bari con un doppio appuntamento in programma il 21 marzo: al mattino nella sala consiliare della Città Metropolitana di Bari con una sessione destinata alle scuole e nel pomeriggio nella sede di Confindustria Bari-Bat, con un momento rivolto alle aziende.

Programma

EVENTO PER LE SCUOLE

Sala Consiliare Città Metropolitana di Bari
Moderatore: Dott. Cesare Pierpaolo De Palma – Confindustria Education

Ore 9 Apertura Lavori
Saluti ITS Antonio Cuccovillo, Sistema Meccanico/Meccatronico, Sistema Casa

·      Assessorato Regione Puglia
·      USR
·      Città Metropolitana di Bari: Avv. Vito Lacoppola

Ore 10 Promozione della cultura tecnico scientifica
Il ruolo degli ITS nella promozione della cultura tecnico-scientifica.
Prof. Federico Pirro

Ore 10.30 Orientamento professionale: approcci e metodologie
L’importanza per le scuole di un orientamento professionale anche in uscita, al fine di comprendere la realtà de mercato.

Dott. Angelo Silvestri, ANPAL Servizi

Ore 11 Testimonianze di Studenti ed Aziende
Ogni ITS porta la testimonianza o studenti e aziende. Interverranno: ITS CUCCOVILLO, ITS LOGISTICA PUGLIA, IODICE Maria Francesca (Diplomanda), ITS AEROSPAZIO PUGLIA, Giuseppe Cito (Diplomando).

Ore 11.30 Pausa caffè

Ore 11.45 Gruppi di Lavoro/Tavoli tematici: contributi per il potenziamento del canale formativo ITS

Le opportunità e i progetti di crescita del canale formativo nazionale. Saranno trattate le seguenti tematiche:

·      Alterna Scuola-Lavoro, ovvero come può l’ITS supportale l scuole nella realizzazione di tali percorsi
·      Industria 4.0, ovvero l’importanza delle competenze 4.0 e la collaborazione per raggiungere un livello elevato
·      Misure di accompagnamento al lavoro, ovvero attività da avviare già all’interno dei percorsi scolastici

Prof. Antonio Guida, StartNet, Dott. Michele Di Benedetto, Omron Electronics, Dott. Angelo Silvestri, ANPAL Servizi.

Ore 12.45 Report dei gruppi di lavoro

Ore 13 Chiusura lavori

EVENTO PER LE AZIENDE

Confindustria Bari – Bat

Moderatore: Cristina Ferrigni – giornalista Telebari

Ore 15 Apertura Lavori
Saluti ITS Antonio Cuccovillo, Sistema Meccanico/Meccatronico, Sistema Casa 

·      Assessorato Regione Puglia
·      USR
·      Confindustria Bari-Bat:

Ore 15.30 Il canale formativo ITS
Cos’è il Sistema ITS e come opera in Puglia?
Ing. Roberto Vingiani – Fondazione ITS “Antonio Cuccovillo”

Ore 16 Formazione professionalizzante e Imprese: una integrazione indispensabile
L’interazione tra la formazione professionalizzante effettuata dagli ITS e le imprese.

Dott. Stefano Marastoni – ARTI Puglia

Ore 16.30 Pausa caffè
Ore 16.45 Tavola Rotonda: L’esperienza delle Aziende all’interno degli ITS

·      Acquisizione dei fabbisogni formativi
·      Docenze
·      Stage
·      Vantaggi per le aziende (assunzioni, progetti)
·      Interventi da parte del pubblico

ITS CUCCOVILLO: Mermec spa – Aldo Papaleo


ITS LOGISTICA PUGLIA: Ladisa srl - Aldo Catenuto
ITS AEROSPAZIO PUGLIA: Leonardo spa – Maurizio Romanazzo

Ore 17.30 ITS ed Alto Apprendistato
Presentazione alle aziende dell’opportunità dei contratti di apprendistato da sottoscrivere per gli studenti ITS.

Ore 18 Chiusura lavori
Il Sistema delle sei Fondazioni ITS della Regione Puglia, con il sostegno dell’Ufficio Scolastico Regionale, dell’Assessorato regionale all’Istruzione e alla Formazione ed “ARTI” – Agenzia Regionale per la Tecnologia e l’Innovazione della Regione Puglia, ha reso possibile una rete strutturata di attività comuni attraverso un’organizzazione coordinata e unitaria, finalizzata alla conoscenza delle reali opportunità che questo sistema formativo di Alta specializzazione offre ai giovani.

Dal ministero il riconoscimento di "Mensa di eccellenza" al Comune di Bari


BARI - Il Ministero per le Politiche agricole, alimentari e forestali ha riconosciuto al servizio di refezione scolastica del Comune di Bari il sigillo di “mensa di eccellenza” per la qualità e la tracciabilità dei prodotti biologici utilizzati assegnando all’ente una premialità di oltre 600mila euro.
Lo rende noto l’assessora alle Politiche educative e giovanili Paola Romano precisando che il Comune di Bari, in cui il servizio mensa è svolto dalla Ladisa aggiudicataria dell’appalto triennale, è uno dei due Comuni pugliesi, insieme a Valenzano, inserito nell’elenco nazionale delle “Mense biologiche italiane” come risulta dal decreto ministeriale pubblicato il 14 febbraio scorso in Gazzetta ufficiale.

Il decreto, emesso dal Mipaf di concerto con il Miur, ripartisce inoltre 10 milioni di euro complessivi del fondo disponibile per l'anno 2018 sulla base del numero dei beneficiari del servizio di refezione: al Comune di Bari andranno così 612.161 euro. I fondi saranno trasferiti alla Regione che provvederà a girarli al Comune di Bari.

Il fondo istituito dal Ministero è destinato a ridurre per la maggior parte i costi a carico dei beneficiari del servizio di refezione e per la restante parte a realizzare iniziative di informazione e di promozione nelle scuole e di accompagnamento al servizio stesso.

Il titolo di “mensa d’eccellenza” viene assegnato alle cucine scolastiche che utilizzano prodotti biologici nella misura di almeno il 90% per frutta, ortaggi, legumi, prodotti trasformati di origine vegetale, pane e prodotti da forno, pasta, riso, farine, cereali e derivati, olio extravergine d’oliva, del 100% per uova, yogurt e succhi di frutta, e del 50% per prodotti lattiero-caseari, carne e pesce da acquacoltura.

“Sin dal nostro insediamento portiamo avanti l’impegno di offrire agli alunni e alle alunne delle scuole baresi menu bilanciati con prodotti locali, biologici e a filiera corta, convinti che le buone abitudini alimentari siano un fattore determinante per la salute e il benessere fin dall’infanzia - commenta soddisfatta Paola Romano -. Con l’ultimo appalto del servizio, che ha trovato nella Ladisa un partner sensibile e attento, siamo riusciti non solo a introdurre nelle mense il 100% di prodotti biologici e certificati, ma anche realizzare l’idea che il tempo della mensa possa rappresentare un’occasione di scambio, di socializzazione e di benessere e insieme un momento educativo utile per comprendere il valore degli alimenti e l’importanza di uno stile di vita sano. In questi anni siamo stati tra le poche città d’Italia che hanno scelto di garantire la gratuità dei pasti per tutti i bambini provenienti da nuclei familiari con meno di 6mila euro di ISEE, offrendo ogni giorno circa 1600 pasti gratuiti. Con i proventi di questo riconoscimento potremo diminuire il costo del servizio mensa per le 1300 famiglie che hanno un ISEE inferiore ai 19 mila euro. Così facendo, mentre rafforziamo la qualità del servizio, grazie alla partecipazione al bando ministeriale diminuiremo ulteriormente il costo a carico dei beneficiari”.

Per i fratelli Sebastiano e Vito Ladisa, titolari dell’omonima azienda di ristorazione barese, “il riconoscimento assegnato al Comune di Bari conferma la bontà delle nostre scelte imprenditoriali ispirate alla qualità e alla sicurezza alimentare coniugate al ridotto impatto ambientale. Grazie al nostro modo di fare ristorazione oltre a Bari, anche Matera - dove svolgiamo il servizio - ha ottenuto il sigillo di mensa di eccellenza; per non parlare di altre città del nord dove il nostro modello ha riscontrato risultati positivi. È un risultato che premia il nostro lavoro ma soprattutto quello svolto ogni giorno da migliaia di nostri dipendenti”.

Scuole: inaugurati i nuovi ambienti di apprendimento della 'Falcone-Borsellino' di Bari

BARI - Questa mattina gli assessori alle Politiche educative e giovanili, Paola Romano, e ai Lavori pubblici, Giuseppe Galasso, sono intervenuti all’inaugurazione dei nuovi ambienti di apprendimento collaborativo della scuola “Falcone-Borsellino”, dove gli alunni possono studiare e imparare con strumenti innovativi e in aule diversificate.

La modalità di apprendimento, infatti, è basata sull’autonomia dello studente e sull’opportunità di renderlo partecipe e responsabile della formazione. I ragazzi possono, in questo modo, frequentare più aule, attrezzate a seconda delle materie, che diventano dei veri e propri laboratori disciplinari, mentre gli spazi di lavoro di ognuno vengono adattati dagli stessi studenti in base alle loro esigenze. Sono stati predisposti dei laboratori di lettere, arte, matematica, musica, lingua straniera e tecnologia, quest’ultimo provvisto di LIM (lavagna interattiva multimediale) e stampante 3D. Tutti gli alunni, inoltre, hanno il proprio armadietto da gestire e personalizzare. Pertanto, tutti gli ambienti sono stati trasformati e migliorati puntando sull’aumento del senso di responsabilità, di cura dei luoghi comuni e del piacere di stare a scuola.

Infine, oltre i libri, i ragazzi utilizzano un tablet personale per seguire le lezioni, comunicare con i docenti, svolgere i loro compiti in classe e rendere lo studio più interattivo.

“Oggi nella scuola Falcone Borsellino - ha commentato Paola Romano - abbiamo inaugurato un modo nuovo di apprendere caratterizzato dallo studio nelle aule laboratoriali. Le classi non hanno più una sola aula in cui studiare, ma una attrezzata per ogni materia da approfondire. Inoltre tutti lavorano su nuovi banchi posti in modo circolare. Un modo innovativo per attrarre l’attenzione dei ragazzi, farli collaborare tra loro, renderli protagonisti in uno spazio tutto loro e, soprattutto, per farli sentire come fossero a casa. Un ringraziamento sentito va ai docenti e alle presidi Tavernise e Gargano per aver messo in discussione il loro modo di insegnare al fine di migliorare la didattica e il modo di stare insieme”.

Nel corso dell’incontro l’assessore Galasso ha annunciato che “a marzo, quando si spegneranno gli impianti di riscaldamento, saranno effettuati degli interventi significativi per risolvere il guasto in palestra. Quindi da settembre gli alunni potranno contare finalmente su una palestra dotata di riscaldamento. Sempre a marzo, inoltre, avvieremo il cantiere per la realizzazione della palestra della scuola Cirielli, attualmente sprovvista, e sarà la terza palestra cantierizzata in questi ultimi mesi”. 

Scuola: 'High School Game' in arrivo anche a Bari e Foggia

BARI - Terminate le sfide "digital" di qualificazione sull'App dedicata tra gli studenti delle scuole iscritte da tutta Italia, dall’1 febbraio sono in fase di svolgimento le Semifinali di zona di High School Game, l’innovativo progetto live e digital di WiContest indirizzato agli studenti, che stimola la curiosità e le capacità riflessive dei ragazzi, sfruttando le nuove tecnologie interattive. 

Dopo Milano, Firenze, Salerno, Roma, Palermo e Potenza, le semifinali faranno tappa a Bari, il 26 febbraio presso l’I.T.T.  "PANETTI - PITAGORA" e a Foggia, il 27 febbraio presso l’UNIVERSITA’ DI FOGGIA dalle ore 9.00 alle 13.00.  

Amici e parenti dei partecipanti potranno seguire la gara e festeggiare in tempo reale gli studenti vincitori che accederanno alla Finale Nazionale di Civitavecchia, prevista per il 19-20 maggio.

High School Game è una grande sfida che coinvolge i ragazzi in attività formative tramite un entusiasmante processo di gamification, sfruttando appunto il linguaggio del web che consente una comunicazione “al passo con i tempi”, rivolta proprio ai giovani: diretta, efficace, grazie all’utilizzo di tablet, smartphone e PC.

I partecipanti metteranno alla prova la propria preparazione scolastica e di cultura generale, oltre che di specifici temi quali educazione stradale, ambientale, Business English e Cyberbullismo, la velocità e la capacità di "fare squadra" facendo esperienza della possibilità di divertirsi imparando.

Il concorso - indirizzato alle classi dei Licei e degli Istituti superiori secondari di secondo grado, statali e paritari - promuove nelle scuole l’uso di sistemi digitali, inglobati in nuovi approcci formativi. Hanno aderito al progetto High School Game 150 000 studenti di 500 scuole e sono state coinvolte 55 province italiane: numeri da record!

Le scuole che otterranno risultati migliori dalle varie competizioni vinceranno un viaggio di 4 giorni a Barcellona, delle borse di studio offerte da molti atenei italiani, corsi di Business English.

Il contest High School Game fa parte della piattaforma crossmediale WiContest, ideata da Planet Multimedia Srl, leader nel settore dell'edutainment e dell'enterteinment che, unendo creatività e strumenti multimediali, realizza i progetti culturali e di intrattenimento.

High School Game gode del patrocinio con l’Agenzia Nazionale per i Giovani e di numerose partnership: Grimaldi Lines come Main Partner e il Salone dello Studente come Official Partner, Anas per il contest tematico sulla sicurezza stradale, SHENKER per il contest tematico su Business English, Connect4Climate per il contest sull’educazione ambientale, gli atenei LUMSA, IULM, LABA, l’Università Vanvitelli, l’Università di Foggia, l’Università Federico II e l’Università della Calabria come Scientifc Partner e orientamento agli studenti.

Prossime tappe:

1 marzo – Ancona, IIS VANVITELLI - STRACCA – ANGELINI
19 marzo – Catania, CENTRO SICILIA (Loc. Misterbianco)

Il regolamento è consultabile su www.wicontest.com

Per informazioni: info@wicontest.com

Scuola, manifestazioni studentesche in 15 città: "Bocciamo il Governo"


TARANTO - Il prossimo 22 febbraio gli studenti scenderanno in corteo in più di 50 città italiane per la manifestazione nazionale contro il nuovo esame di maturità e i tagli alla scuola per 4 miliardi previsti dalla finanziaria. Ad oggi tra le manifestazioni nei capoluoghi di regione spiccano Roma, Milano, Napoli, Torino, Firenze, Venezia, Cagliari, Palermo, Venezia, Perugia, Reggio Calabria e decine di capoluoghi di provincia. 

La manifestazione, lanciata lo scorso gennaio dal Fronte della Gioventù Comunista (FGC) (https://www.facebook.com/fgc.italia/photos/a.404577179595080/2213551728697607/?type=3&theater), è stata rilanciata con un video-appello da Simone Guirino, studente dell’IISS Righi di Taranto (https://www.facebook.com/simone.guirino/videos/2145231892203103/).   

In queste ultime settimane sono diversi gli studenti che in tutta la provincia stanno aderendo alla protesta, tra cui rappresentanti di classe e di istituto delle scuole di Taranto e provincia.

Simone Guirino, studente del FGC di Taranto, dichiara che «siamo pronti a bocciare il governo. Ancora una volta tagli di 4 miliardi sull’istruzione un esame di maturità stravolto. Il governo Lega-Cinque Stelle ci prometteva di rivedere la Buona Scuola ma oggi aderisce il progetto di Renzi. La nuova maturità costringe a cambiare i programmi a pochi mesi dall’esame con ripercussioni gravi sulla didattica. Altro che cambiamento, si continua a colpire la scuola pubblica, mentre l’Italia è agli ultimi posti nel mondo per spesa in istruzione. Respingiamo con i professori il progetto di regionalizzazione della scuola, che dietro l’idea di autonomia scolastica porta soltanto disastri e disgregazione di una scuola statale in ginocchio. In uno scenario politico sempre più buio, dagli studenti arriva un grido coerente, che respinge le politiche scolastiche europee e le scelte folli del governo Lega-Cinque Stelle»

Scuola: a Bari finanziati 41 progetti

BARI - L’assessora alle Politiche educative e giovanili Paola Romano rende noto che è stato pubblicato l’esito dell’avviso rivolto a tutte le scuole statali d’infanzia, primarie e secondarie di I e II grado e agli istituti comprensivi cittadini per il finanziamento di progetti di carattere socio-culturale promossi dalle scuole baresi.

Sono state ammesse a finanziamento 41 proposte che spaziano dall’educazione alla lettura, teatrale e artistica, musicale, alimentare, ambientale all’introduzione di nuove tecnologie e metodologie didattiche, dalla legalità all’inclusione sociale, dalla lotta alla dispersione scolastica all’intercultura, fino al potenziamento delle materie scientifiche.

Attraverso questa iniziativa l’amministrazione comunale intende premiare le attività progettuali capaci di produrre un’effettiva ricaduta culturale, educativa e formativa sugli alunni e le loro famiglie, mirando al raggiungimento di finalità di carattere pubblico.

“Anche quest’anno abbiamo voluto finanziare dei percorsi progettuali ideati dalle scuole baresi di ogni ordine e grado per sostenere la crescita dei nostri studenti - ha commentato Paola Romano -. La commissione ha assegnato i contributi, da 5mila a 2mila euro, valutando la concreta ricaduta, in termini qualitativi e quantitativi, delle iniziative sugli alunni e sulle loro famiglie, l’apertura al territorio e gli elementi di innovazione. Siamo convinti del fatto che il mondo della scuola vada supportato in ogni forma possibile e che questa iniziativa rappresenti un modo per garantire il protagonismo di chi vive la scuola tutti i giorni e conosce le esigenze e i desideri dei bambini e dei ragazzi che la frequentano. La varietà delle proposte finanziate ci restituisce una fotografia della vitalità dell’offerta educativa e formativa dei nostri istituti”.

Salone dello Studente: in 50mila a Bari, è record di presenze

BARI - Si chiude con il record di presenze l’edizione numero 25 del Salone dello studente Campus Orienta organizzato da Class editori alla Fiera del Levante di Bari. 50.000 giovanissimi attirati da un programma inedito. Un successo reso possibile da un programma senza precedenti, allestito grazie alla decisiva collaborazione della Regione Puglia.

L’assessore alla Formazione e al Lavoro della Regione Puglia, Sebastiano Leo, ha promesso di non lasciare senza risposta la grande domanda di specializzazione e di occupazione che viene dai giovani interessanti ai profili professionali più innovativi: “Mettiamo a disposizione borse di studio, occasioni di esperienze fattive, forme di alternanza scuola-lavoro il più possibile ricche di contenuto davvero concreto e funzionale. E persino incubatori di start up aziendali per i giovani che, anche quando sono portatori di nuove idee imprenditoriali, per la loro età risultano inevitabilmente poco attrezzati a reggere l’ampia concorrenza che dovranno impattare. I nostri cervelli in fuga, capaci di affermarsi all’estero”, ha dichiarato il dirigente di fronte a tanti dei ragazzi presenti a Campus Orienta, “indubbiamente ci inorgogliscono, ma vorremmo che una parte significativa di queste nuove generazioni decidesse di fermarsi qui, per crescere e per far crescere insieme la nostra realtà regionale e il Paese”.

Scuola, Usb: proclamato sciopero nazionale

ROMA - E' stato proclamato per il 30 novembre dal sindacato Usb Pi-Scuola una giornata di sciopero nazionale di tutto il personale del comparto scuola, a tempo determinato e indeterminato, area docenti, non docenti e dirigenti, in Italia e all'estero. A comunicarlo in una nota il ministero dell'Istruzione dell'università e della ricerca.

Piano Diritto allo Studio 2018: stanziati in Puglia oltre 10 mln

BARI - La Giunta regionale pugliese su iniziativa dell’assessore regionale all’Istruzione, Sebastiano Leo, ha approvato nei giorni scorsi, così come riferito dall’Agenzia regionale) il Piano per il Diritto allo Studio 2018, con un impegno finanziario di 10,8 milioni di euro per la realizzazione di servizi di mensa, trasporti e interventi vari nelle scuole pugliesi d’infanzia, primarie e secondarie di primo e secondo grado.

“Il Piano per il Diritto allo studio 2018- ha detto l’assessore Leo- è stato finanziato interamente con fondi di bilancio regionale. È un provvedimento annuale molto atteso dagli Enti locali destinatari dei contributi. Il nostro stanziamento, infatti, consente di sostenere servizi scolastici essenziali, primi fra tutti la mensa e il trasporto.

“Il riparto dei fondi, curato dalla Sezione regionale Istruzione e Università, è stato predisposto sulla base dei Programmi inviati dai Comuni e tenendo conto della popolazione scolastica, dei servizi funzionanti e degli impegni assunti dagli Enti locali. Investire sulla scuola significa investire sul futuro di una comunità. La Regione Puglia conferma così la sua massima attenzione al mondo della scuola”

Per il servizio mensa la Regione interverrà  con un contributo di 0,40 euro per ogni pasto giornaliero preventivato dal Comune, con la possibilità di un ulteriore incremento, grazie all’integrazione con i fondi ministeriali, per un massimo di 180 giorni di servizio.

Per la quantificazione dei contributi che si assegnano per il Servizio di trasporto si è tenuto conto, invece, dell’indice di complessità del servizio. Vengono concessi contributi unitari da 1.200 a mille euro (a seconda dell’indice di complessità) per ogni scuolabus di proprietà comunale. L’importo globale assegnato per il servizio di trasporto è di oltre 1,9 milioni.  Infine per il criterio per la quantificazione dei contributi regionali per interventi vari, come l’acquisto di sussidi scolastici e speciali sussidi e attrezzature didattiche per disabili, è stato quello di assegnare un importo corrispondente al prodotto di 2 euro per il numero degli alunni delle scuole di ogni ordine e grado o di assegnare la somma richiesta dal Comune se inferiore a quella spettante.

Imparare a riconoscere le situazioni di emergenza e di pericolo e le circostanze che richiedono l’intervento di un adulto o dell’ambulanza, saper assistere una persona in difficoltà, apprendere il funzionamento e l’utilizzo di un defibrillatore e imparare manovre di primo soccorso come il massaggio cardiaco, la disostruzione delle vie aeree e di primo soccorso nel trauma, sono le nozioni fondamentali da trasmettere agli insegnanti e agli studenti delle scuole, al fine di ridurre gli eventi drammatici nelle scuole. È questo l’obiettivo del progetto “Primo soccorso a scuola”, un avviso destinato a tutte le scuole della Puglia per ricevere contributi economici, di entità pari a 1.250 euro per l’acquisto di defibrillatori semiautomatici e per la realizzazione di corsi di formazione per il corretto utilizzo dei defibrillatori e per le pratiche di primo soccorso.  È pari a 100.000 euro l’importo messo a disposizione dall’Assessorato all’Istruzione della Regione Puglia per questa attività che non solo  incrementa le competenze degli studenti, ma fornisce anche gli strumenti per una cittadinanza attiva e consapevole, per rafforzare nelle nostre giovani e nei nostri giovani la capacità e la volontà di partecipare alla costruzione e al miglioramento di una società più attiva, solidale, sicura e altruista.

Bullismo e cyberbullismo, partono nelle scuole baresi i primi sportelli di ascolto

BARI - E' partito dalla mattinata di giovedì 18 ottobre 2018 lo sportello specialistico psicologico per l’ascolto e il supporto delle vittime del bullismo e del cyber bullismo presso la scuola San Giovanni Bosco, nel quartiere Libertà.

L’iniziativa rientra nell’ambito del progetto “So… stare nell’amica strada”, ideato e promosso dall’aps C.L.I.O. - Centro laboratoriale interattivo organizzato e finanziato dall’assessorato al Welfare con il 5x1000 dei cittadini baresi, che ha l’obiettivo di contrastare le povertà e di sostenere il benessere dei minori.

Gli sportelli sono pensati per la presa in carico di situazioni critiche che abbiano visto un minore vittima di bullismo sia all’interno di relazioni di gruppo reali sia in una rete di relazioni virtuali. Realizzano inoltre attività di informazione e divulgazione sul tema, rivolte tanto ai minori quanto agli insegnanti e alle famiglie degli alunni, con l’obiettivo di fare prevenzione e contrastare un fenomeno sempre più diffuso.

Oltre alla scuola primaria San Giovanni Bosco, hanno aderito all’iniziativa anche l’I.C.S. “Clementina Perone - Carlo Levi”, l’I.C. “Umberto I - San Nicola” e la scuola primaria “Principessa di Piemonte”: presso tutte le scuole coinvolte saranno attivati sportelli di ascolto e supporto per le vittime di bullismo secondo un calendario condiviso con gli insegnati individuati quali referenti del progetto.

Parallelamente saranno attivati analoghi sportelli di ascolto a cura del Centro servizi per le famiglie di Libertà in forma itinerante e su richiesta delle scuole del territorio.

“È particolarmente importante, per noi, supportare il mondo della scuola e il sistema famiglie - dichiara l’assessora al Welfare Francesca Bottalico - offrendo loro occasioni di ascolto e sostegno per l’emersione di esperienze ed episodi di bullismo che spesso non emergono esplicitamente ma che segnano il vissuto di bambini e ragazzi che non sempre hanno la forza o la capacità di reagire ai soprusi e alle discriminazioni subiti.

Gli sportelli scolastici, che amplieremo in maniera sostanziale in base anche alle richieste che emergeranno dalle scuole, sono uno degli strumenti di un progetto più ampio che prevede percorsi di sensibilizzazione sulla promozione della cultura della differenza di genere, sulla legalità, sul contrasto alle baby gang e sull’antimafia sociale attraverso cineforum, laboratori teatrali, incontri seminariali ed eventi pubblici. Crediamo che raggiungere i più piccoli nelle scuole, nella loro quotidianità, rappresenti un passaggio utile ad offrire un supporto strutturato non solo alle vittime ma anche agli autori di atti di bullismo, che vanno aiutati per tempo a comprendere le ragioni e gli effetti delle proprie azioni, spesso dettate da fragilità e vissuti negativi. L’alleanza tra istituzioni e associazioni attive sul territorio rientra in quell’idea di comunità educante che supporta la nostra azione di welfare cittadino”.

Questo il calendario delle prime aperture degli sportelli del progetto “So… stare nell’amica strada” nelle scuole coinvolte:

·        18 ottobre scuola primaria “San Giovanni Bosco”
·        29 ottobre I.C.S.“Clementina Perone - Carlo Levi”
·        5 novembre scuola primaria “Principessa di Piemonte”
·        19 novembre I.C.S. “Umberto I - San Nicola”.

A questo programma si aggiunge l’attività analoga a cura del Centro servizi per le famiglie di Libertà, come di seguito indicato:

·        25 ottobre liceo “Bianchi Dottula”
·        15 novembre scuola primaria “Principessa di Piemonte”
·        29 novembre scuola primaria “San Giovanni Bosco”
·        6 dicembre scuola primaria “Principessa di Piemonte”
·        13 dicembre liceo “Bianchi Dottula”
·        10 gennaio scuola primaria “San Giovanni Bosco”
·        31 gennaio scuola primaria “Principessa di Piemonte”
·        14 febbraio liceo “Bianchi Dottula”
·        28 febbraio scuola primaria “Principessa di Piemonte”
·        7 marzo scuola primaria “San Giovanni Bosco”
·        21 marzo scuola primaria “Principessa di Piemonte”
·        4 aprile liceo “Bianchi Dottula”.

Leo a Lecce per evento 'La scuola promuove la Puglia'

LECCE - Si è tenuta per la prima volta, in un luogo di pregio come il Teatro Apollo di Lecce, alla presenza di studenti, docenti e dirigenti scolastici, l’iniziativa "La Scuola promuove la Puglia", il primo evento inaugurale del nuovo anno scolastico, voluto dalla Direzione Generale dell'Ufficio Scolastico Regionale e dall’Assessorato all’Istruzione della Regione Puglia.

Una grande kermesse, un evento imponente, con cui la scuola pugliese ha voluto farsi gli auguri di buon lavoro per l’anno scolastico appena iniziato, celebrando le tante iniziative e progettualità realizzate lo scorso anno e quelle già messe in cantiere.

Protagoniste sono state le scuole, che hanno risposto a una call per portare oggi in scena rappresentazioni artistiche, musicali ed espressive che hanno caratterizzato le attività didattiche e formative dello scorso anno scolastico: uno spettacolo piacevole, che ha visto protagonisti i ragazzi con le loro espressioni artistiche, dai balli della tradizione pugliese ai ritmi prodotti con oggetti ottenuti con il riciclo e il riuso.

“Stiamo cercando di dare il massimo possibile perché riteniamo che la scuola sia il solo luogo che possa rappresentare un ascensore sociale per il nostro Paese. – ha affermato il Presidente della Regione Puglia Michele Emiliano, in collegamento con il Teatro Apollo  – Essa, infatti, è il solo luogo in cui ciascuno possa sperimentare se stesso, scoprire le proprie inclinazioni. Qui si apprende l’esercizio dello spirito critico e si sviluppa la propria intelligenza emotiva. La scuola è un caleidoscopio in cui operano gli insegnanti, eroi del quotidiano, che hanno il compito arduo di costruire percorsi di crescita per ogni allievo: a loro va tutta la nostra riconoscenza.”

“Vedere tanti ragazzi e ragazze che ci illuminano con il proprio talento ed entusiasmo è una festa per noi tutti, che crediamo nell’istruzione come strumento di promozione sociale e come mezzo irrinunciabile di mobilità sociale. – ha affermato l’assessore con delega all’Istruzione della Regione Puglia, promotore dell’iniziativa, di concerto con l’USR Puglia - La sinergia tra l’Assessorato all’Istruzione e l’Ufficio Scolastico Regionale è stata in questi anni determinante per raggiungere obiettivi sempre più ambiziosi. La Scuola è un’istituzione fondamentale per la crescita e lo sviluppo di ciascuno, chiamata spesso a sopperire ai limiti di una società liquida: noi abbiamo assunto l’impegno di continuare a creare tutte le condizioni per il rafforzamento delle competenze dei ragazzi ed era importante celebrare gli sforzi fatti fin qua e augurarci di saper mettere in circolo energie sempre nuove.”

“Da soli non c’è storia: la scuola è una comunità che apprende in cui ciascuno è importante. Con l’Assessorato all’Istruzione c’è un’autentica comunione, una condivisione di progetti e intenti. – ha dichiarato Anna Cammalleri, direttore dell’USR Puglia, che ha fortemente voluto questo evento. - Il palcoscenico calcato dai ragazzi delle scuole pugliesi andate in scena quest’oggi è una metafora del loro futuro, di quello che verrà. E la Scuola è una grande palestra in cui allenare la propria creatività, la propria passione, le proprie capacità.”

Presente all’iniziativa anche il Sottosegretario al Miur Salvatore Giuliano, che ha affermato: “In questi mesi di Governo ho avuto modo di partecipare a cerimonie di inaugurazione dell’anno scolastico anche in altre regioni d’Italia, ma farlo qui in Puglia ha tutto un altro significato. Lecce è la città in cui sono diventato docente a tempo indeterminato e qui in Puglia mi sono fermato e ho vissuto il mio impegno da dirigente scolastico. Ieri è stata la Giornata mondiale dell’insegnante: a loro auguro buon lavoro. La Scuola è una grande comunità: dirigenti scolastici, personale docente e non docente, allievi e famiglie concorrono a un’impresa straordinaria. Ai ragazzi l’augurio di crescere da cittadini liberi e appassionati.”

Bari, martedì 2 ottobre IISS 'Giulio Cesare' al via il progetto 'Moro vive'

BARI - Primo appuntamento martedì 2 ottobre, nell’IISS “Giulio Cesare” di Bari, per il progetto “Moro vive”, l’iniziativa del Consiglio Regionale che vuole avvicinare i giovani delle scuole superiori pugliesi al pensiero, al ruolo e alla figura del grande statista di Maglie.

Martedì, alle 10, nella sede centrale dell’istituto, in viale Einaudi 66, la manifestazione sarà avviata dall’intervento introduttivo del dirigente scolastico del “Giulio Cesare" Giovanna Piacente, seguito dai saluti del presidente del Consiglio regionale Mario Loizzo e della dirigente dell’Ufficio regionale scolastico Anna Cammalleri. Come negli appuntamenti successivi, l’on. Gero Grassi, già componente della Commissione parlamentare d'inchiesta sul Caso Moro, svilupperà la relazione e risponderà alle domande degli studenti

Il progetto rientra tra i quattro dedicati dall’Assemblea legislativa pugliese ad Aldo Moro, a cura della Sezione consiliare biblioteca e comunicazione Istituzionale.

Scuola: ritorno in classe costa 526 euro a studente


Ammonta a circa 526 euro la spesa che quest'anno si ritroveranno ad affrontare le famiglie italiane per il ritorno a scuola degli studenti. La cifra è da intendersi per ogni singolo alunno, almeno stando alle stime dell'Osservatorio nazionale di Federconsumatori, che registra un aumento pari allo 0,8% rispetto allo scorso anno.
Gli incrementi riguardano soprattutto astucci e diari dei più noti personaggi dei cartoni animati. Un lieve calo, invece, per le spese riguardanti libri e dizionari, per i quali i genitori dovranno spendere intorno ai 456 euro, una somma in calo dell'1,1% rispetto al 2017.

Omaggio agli insegnanti elementari, missionari e benefattori della società

di VITTORIO POLITO - La professione di insegnante elementare pare sia il mestiere più bello del mondo, dal momento che si è a contatto con le future figure professionali di ogni genere. È stimolante perché obbliga al continuo aggiornamento culturale e, poi, stare con i bambini che pendono dalle sue labbra è la cosa più gradevole, dal momento che ripongono nelle maestre/i la massima fiducia. In sostanza si fidano più della mamma.

Francesco Babudri (1879-1963), scrittore, storico, filologo e letterato, ha commentato alcune poesie in dialetto di Peppino Franco (1891-1982), tra le quali quella de “’U maièstre elemendàre…” (1948), in omaggio alla loro nobile e faticosa missione a favore della scietà.

Nella citata poesia l’autore ha saputo mettere a punto la grande missione di un ‘maestro elementare’, fatto di moltissime difficoltà tra sacrifici, pazienza, umanità, affettività, al punto che tutti ricordano, con gratitudine, il primo maestro o maestra. “Questa verità - scrive Babudri – Peppino Franco l’ha armonizzata nei suoi versi, che restano fra i più belli del suo tanto prezioso repertorio poetico. E questa verità l’ha detta, con quel suo tono impregnato di artistica bonomia”.

Luigi Settembrini (1813-1876) nelle sue “Ricordanze” scrive che “Il maestro è una persona sacra, che ci dà la sapienza, che è più preziosa di ogni ricchezza; il padre ci dà la vita del corpo, il maestro ci dà la vita dell’anima. E non si può certo smentire poiché il maestro/a sa armarsi di abnegazione, amore, poesia, tra le tante cose brutte della vita.

Non possiamo che essere riconoscenti e grati a questi professionisti dell’educazione definiti dallo stesso Babudri “grandi missionari e benefattori della società”.


‘U MAIÈSTRE ELEMENDÀRE…
di Peppino Franco

Nu screttòre, n’avvocate,
nu prefessore, nu scenziate,
honne sciùte ma’ a ppenzà
a cci te le fasce acchià
che lla bbèdda posizzione,
che lla sciènze e lla struzziòne?
Sissignòre, pùre lòre
s’honne puèste a ccòre a ccòre,
tande ‘u ricche ca ‘u poverìjdde
a stenasse de cervìjdde,
ad accìtese a steià,
notte, dì e ssembe… mà…
ci iè u prime ca t’ambàre?:
iè ‘u Maièstre Elemendàre?
Ci non asistève cùdde,
na petèvene fa nùdde.
Nu gginnàsie. ‘u maggistrale,
nu licè, cce ccòse vale
mbacce all’òbbre ca prepàre
nu Maièstre Elemendàre?
Cudde fasce chiàne, chiàne
la sterràte e ‘u prime piane.
L’alde piane e ttutte ‘u rrèste,
se fernèsce allèste allèste,
ca s’appògge cape e vvènde
sope a cchìdde fondamènde.
Ngi honna dà tutte la dèstre
a nu pòvere Maièstre.
Cùdd’è ‘u màrtere de tutte;
le ‘uagnùne, bbuène e bbrùtte,
te le pìgghie a iùne a iùne,
e acchemmènze le lezziùne
dòlge dòlge!... che la pale…
ngi và mmìzze le vocàle;
te l’accàrre nnànde nnànde…
cla paciènze de nu sande…
dalla prime alla seconde,
terze, quarte e ffinghe e mbònde
sembe apprìjsse a ddà ‘na mane
come e mmègghie de n’attàne.
La grammàteche nd’au teme,
pe’ le cunde a nnu probblème,
non te lasse mà de pète…
ci le sbaglie?... lla fa arrète!
Le pelìzze nette nette
fingh’acquànne sò corrètte.
Percè acquànne sì approvàte,
e lla quìnde ngi a lassàte,
iùne pòte scì addò vvòle,
pote fà tutte le scòle,
e tranguìlle se ne và
pure all’Università.
Ca po’ acquànne è ddivendàte
ppijzze gruèsse e lauriàte,
pènze sèmbe a quànde vale
ci ngi ha ddìtte le vocale.
Se và scorde ndùtte ndùtte
prefessure bbuène e bbrùtte,
a ‘u Maièstre, cce a da fa…
na nze pòte mà scherdà!
Ci a nu fìgghie, è pure asàtte,
ca ‘na mamme nge dà ‘u llàtte,
e nu attàne cu predìte,
de vilè nu fìgghie struìte,
na ngi stà ci penze mìche
ca ci fasce la fatìche,
e ngi apprèzze cu sedòre,
fiàte, tijmbe e ttùtte ‘u core
fingh’acquànne iùne ambàre,
iè ‘u Maièstre Elemendàre.
Ci ama ièsse cchiù singère
cùdde dà la vita vere!
E iè ppùre scaregnàte,
ca da tutte è trascuràte!
Na ng’è state mà ‘na legge,
nu Governe ca protegge
nu Maièstre, ca addò ‘u mitte,
mette sòtte… e se stà cìtte…
pàrle, dètte, scrìve e llèsce…
e ppo’ strènge la cherrèsce!

^^^^^^^^^^^^^^^^^^
Da “Citte citte… fra nu e nu…”, di Peppino Franco, Grafischena, Fasano 1976, pag. 174.

Bari e la scomparsa del Prof. Tauro, ricordata solo da Decaro

di NICOLA ZUCCARO - Se ne è andato in punta di piedi, com'era nel suo stile quando transitava lungo i corridoi dell'Istituto Magistrale di Stato "Bianchi Dottula" di Bari, dove insegnò Filosofia con rigore e puntigliosità. E' il ricordo che lascia il Professore Mario Tauro, scomparso nei giorni scorsi per le conseguenze di un tragico incidente stradale avvenuto nel centro cittadino.

A ricordarne le sue qualità civiche il sindaco Antonio Decaro, in un messaggio di cordoglio indirizzato alla famiglia, subito dopo le esequie svoltesi nella Chiesa di San Ferdinando a Bari, nel pomeriggio di mercoledì 27 giugno 2018.  Nessun necrologio è stato affisso a ridosso dell'Istituto scolastico di Corso Mazzini.

Si riporta quì di seguito, il testo commemorativo.

"Bari piange la scomparsa di Mario Tauro, docente, uomo di cultura e amante della città, impegnato nel sociale, ricoprì il ruolo di consigliere comunale negli anni '70. Il professor Tauro, eletto come indipendente di sinistra nelle liste del Partito Comunista, fu uno dei principali animatori, come vice presidente di Italia Nostra, delle battaglie a difesa delle bellezze architettoniche e paesaggistiche della città. Uomo libero da condizionamenti ideologici e innamorato della sua città seppe promuovere la cultura del bello e della tutela in anni in cui la speculazione edilizia tentava di deturpare il patrimonio delle ville e dei giardini storici di realizzazione ottocentesca. La sua è la storia di chi ha dedicato tutta la vita a insegnare alle giovani generazioni l'importanza del  patrimonio culturale. Se oggi Bari è una città migliore dal punto di vista della sostenibilità ambientale lo dobbiamo anche grazie alla straordinaria esperienza e impegno di Mario Tauro. Ai familiari giungano i sentimenti di cordoglio miei personali e dell'intera città”.

Maturità: al via terza prova, poi i colloqui

ROMA - E' partita oggi nelle scuole italiane la terza prova di maturità, predisposta da ciascuna commissione d'esame. Nelle scuole sede di seggio, in caso di ballottaggi, la terza prova slitterà al 27 giugno. Poi sarà la volta dei colloqui orali.

Gli studenti con la terza prova dovranno affrontare il temuto e odiato "quizzone" dimostrando di aver acquisito le nozioni base di materie scelte dalla commissione (fino a un massimo di cinque, di solito escludendo quelle già trattate nelle prime due prove) e studiate nel corso dell'ultimo anno.

A discrezione dei commissari anche la tipologia delle domande: trattazione sintetica, quesiti a risposta singola, quesiti a risposta multipla, problemi a soluzione rapida, analisi di casi pratici e professionali o sviluppo di un progetto (negli istituti professionali e tecnici). Solitamente la terza prova non supera le 3 ore:

Maturità: seconda prova con Aristotele al Classico e le macchine per la produzione industriale allo Scientifico

La versione di Greco proposta al liceo Classico per la seconda prova scritta è di Aristotele. Il brano è tratto dall' Etica Nicomachea, una raccolta di appunti del filosofo greco, la sua opera più importante, nonchè il vero primo trattato sull'etica.

Al liceo Scientifico, invece, la traccia del primo problema della seconda prova riguarda il funzionamento di una macchina adoperata nella produzione industriale di mattonelle per pavimenti secondo quanto rende noto Skuola.net.

Il secondo problema è più tradizionale, si tratta dello "studio di una funzione". Si conferma la differenziazione tra una traccia (primo problema) basata su esempi pratici di vita reale, e una traccia (secondo problema) più "classica" dedicato allo studio di una funzione.

LICEI - Greco per il Liceo classico; Matematica per lo Scientifico, anche per l'opzione Scienze applicate; Lingua e cultura straniera 1 per il Liceo linguistico; Scienze umane per il Liceo delle Scienze umane, anche per l'opzione Economico sociale; Discipline artistiche e progettuali caratterizzanti l'indirizzo di studi per il Liceo artistico; Teoria, analisi e composizione sara' la materia della seconda prova al Liceo musicale; Tecniche della danza al Liceo coreutico.

ISTITUTI TECNICI - Economia aziendale per l'indirizzo Amministrazione, Finanza e Marketing; Lingua inglese nell'opzione Relazioni internazionali per il marketing e nell'indirizzo Turismo; Estimo per l'indirizzo Costruzioni, Ambiente e Territorio; Meccanica, macchine ed energia per l'indirizzo Meccanica, Meccatronica ed Energia; Sistemi e reti per l'indirizzo Informatica e telecomunicazioni; Progettazione multimediale per l'indirizzo Grafica e comunicazione; Economia, Estimo, Marketing e legislazione per l'indirizzo Agrario.

Speciale

Gdp Tv

150° Unità d'Italia AGRICOLTURA AGROALIMENTARE AMBIENTE Animali Annunci Approfondimento Arredamento Arte Attualità Auto e motori Avviso Pubblico Aziende Bari Bari 2014 Bari 2019 Bat Bifest 2011 Bifest 2014 Bifest 2015 Bifest 2016 Bifest 2017 Bifest 2018 Bifest 2019 Brasile2014 Bricolage Brindisi Calcio Casinò Chiesa cinema Columbus Day COMMENTO Comunicati Stampa Concerti Concorsi Corsi CROCIERE CRONACA CRONACA LOCALE CULTURA DOVE SEI? Cultura e Spettacoli Design Diari da Kinshasa Dimmi come scrivi Discoteche Donna del Giorno Economia Elezioni 2011 Enogastronomia Esoterismo Estate Esteri Eventi Expo 2015 F1 Festival del cinema di Roma 2010 Festival del cinema di Roma 2011 Festival del cinema di Roma 2012 Festival del cinema di Roma 2013 Festival del cinema di Roma 2014 Festival del cinema di Roma 2015 Festival del cinema di Roma 2016 Festival di Venezia '13 Festival di Venezia '14 Festival di Venezia '15 Festival di Venezia '16 Fiera del Levante Filastrocca film Flash Foggia Food Experience Foto Frodi Fumetti Gallery Gastronomia Gdp Junior Ghost Hunters Puglia Giochi Giubileo Gossip Grafico Hot IL MIO AVVOCATO Il Principe Azzurro Inchiesta Intervista Intrattenimento Islam isola dei famosi 5 L'Angolo della Poesia LA CURIOSITA' LA RECENSIONE Latitudeslife LAVORO Lecce Lettera al direttore Libri Link LIVE Lotterie Matera METEO milano Miss Italia MODA Mostre Motociclismo musica Necrologi NOTIZIE DAL MONDO novità musicali Oroscopo Paranormale Perle di storia pugliese photogallery PLAY: MUSICAEDINTORNI Politica Politica locale Potenza PRIMO PIANO Protezione civile Psicologia Pubblica Amministrazione Puglia Punto e a Capo Regionali 2015 Reportage ricerca Ricette Rio 2016 Roma Russia 2018 Salute e benessere Sanità Sanremo 2015 Sanremo 2016 Sanremo 2017 Sanremo 2018 Sanremo 2019 Scheda Scienza e tecnologie Scuola Sentenze europee Sessualità Silent Key Spazio Spazio Emergenti Speciale Speciale 21 dicembre Speciale amministrative 2012 Speciale Amministrative 2014 Speciale Euro 2012 Speciale Fiera Speciale Politiche '13 Spetteguless Sport Storia Taranto Tennis Territorio TICKER Top Tra scienza e fede Trasporti Turismo Tv UE Università e formazione Us version Vacanze Viabilità Viaggi Video Videogiochi Vignetta Vino diVino Voli Web Zootecnia