Visualizzazione post con etichetta Animali. Mostra tutti i post
Visualizzazione post con etichetta Animali. Mostra tutti i post

Possedere un cane fa bene al cuore e allunga la vita


Gli umani si sono coevoluti con i cani, a cominciare dall'addomesticamento del lupo circa 40.000 anni fa. Da allora, questa relazione simbiotica tra un uomo e un cane ha influenzato favorevolmente lo sviluppo bilaterale e ha intrecciato le 2 specie. Non è un caso, perciò, se lo consideriamo il migliore amico dell’uomo. Il cane è un compagno fedele e instancabile, che ci aiuta a rimanere attivi e con la sua presenza sembra addirittura capace di tenere alla larga alcuni problemi di salute, come asma e allergie respiratorie. Ma a ben vedere c’è di più: un amico a quattro zampe infatti potrebbe letteralmente allungarci la vita. È quanto emerge da uno studio europeo pubblicato oggi sulla rivista medica Mayo Clinic Proceedings, che svela quanto è importante il legame tra questi animali e la salute cardiovascolare: un amico a quattro zampe diminuirebbe il rischio di soffrire di infarti o ictus, e più in generale abbatterebbe anche del 33% le probabilità di incorrere in una morte prematura. La scoperta arriva da uno studio dell'italiano dott. Andrea Maugeri, ricercatore presso il Centro di ricerca clinica internazionale presso l'Ospedale universitario di Sant'Anna a Brno, nella Repubblica Ceca, che rafforza ulteriormente il crescente numero di prove che indicano l'effetto benefico dei cani sulla salute cardiovascolare (CVH) e sul benessere generale. I ricercatori dello studio Kardiovize Brno 2030, hanno esaminato 1769 pazienti e hanno utilizzato una nuova metrica per CVH basata su 7 fattori chiave di salute enfatizzati dall'American Heart Association. I proprietari di animali domestici hanno riportato livelli più elevati di attività fisica (PA), una migliore aderenza a una dieta salutare per il cuore, livelli più elevati di colesterolo lipoproteico ad alta densità e livelli più bassi di glucosio nel sangue e diabete. Inoltre, PA e dieta erano ancora più propensi nei proprietari di cani che nei proprietari di altri animali. La proprietà del cane era inoltre correlata con un punteggio CVH complessivo significativamente più elevato rispetto alla proprietà di un animale non canino o all'assenza di animali domestici. Gli esperti sull'argomento hanno a lungo raccomandato la compagnia canina come protezione contro le malattie cardiovascolari (CVD) a causa della tendenza di un cane a migliorare la PA e la salute mentale del suo proprietario. La ricerca indica che portare un cane in casa può migliorare l'esigenza di un regime di esercizio fisico, migliorare la forma fisica e ridurre l'adiposità viscerale dei suoi coinquilini umani. Con la CVD come causa principale di morte in tutto il mondo e l'inattività fisica e il sovrappeso / obesità sono i principali fattori di rischio per CVD e morte prematura e disabilità, un impegno a favore di PA, esercizio fisico e fitness regolari ha il potenziale per migliorare sostanzialmente i risultati. In effetti, la PA ha effetti miglioranti su 5 dei 6 principali fattori di rischio modificabili per infarto del miocardio, inclusi profili lipidici, stress, diabete, ipertensione e obesità addominale, nonché fattori di rischio psicologico e stress psicosociale (PSS). I cani costringono i loro proprietari a fare specificamente più attività all'aperto, il che può anche rafforzare ulteriormente i benefici per la salute. Recentemente, un ampio studio trasversale ha scoperto che 120 minuti / settimana trascorsi in un ambiente naturale all'aperto erano associati a livelli più elevati di salute e benessere. Livelli più elevati di PA, esercizio fisico e fitness non solo migliorano i risultati della CVD, ma anche frenano l'ansia, l'ostilità, la depressione e il disagio emotivo. Oltre ad aumentare la dose di esercizio all'aperto dei proprietari, i cani riducono i livelli di PSS, aiutano nel trattamento della depressione e agiscono efficacemente come intervento ansiolitico. Esiste una pericolosa relazione reciproca tra CVD e salute mentale in base alla quale la PSS è associata a tassi elevati di CVD, ma CVD rappresenta anche un importante fattore di rischio per lo sviluppo o il peggioramento delle condizioni di salute mentale. Il forte legame emotivo che si sviluppa in genere tra un essere umano e un cane può conferire potenti effetti terapeutici sulla salute mentale e sulla salute del cuore. Uno studio di riferimento dell'Università di Uppsala, in Svezia, ha analizzato la salute di oltre 3,4 milioni di svedesi lungo un periodo di 12 anni. I partecipanti, tutti di età compresa tra i 40 e gli 80 anni e privi di patologie nel periodo precedente a quello monitorato, sono stati seguiti attraverso i registri del sistema sanitario nazionale. Un set di dati che ha permesso ai ricercatori di prendere in considerazione tutte le variabili rilevanti: età, sesso, stato civile, e anche il possesso di un cane, informazione che dal 2001 in Svezia deve essere comunicata e registrata a livello statale. Analizzando quindi l’incidenza di disturbi cardiovascolari e la mortalità nel campione, e sistemando i risultati in base all’età, il sesso e altri fattori, i ricercatori hanno potuto stimare quale effetto ha sulla salute il possesso di un cane. E i risultati sembrano abbastanza chiari: i possessori di cani avrebbero un rischio di morire prematuramente inferiore del 20% rispetto alla popolazione generale. Un effetto protettivo che varia anche in base allo status familiare e alla razza di cane che si possiede. Stando ai dati raccolti, per i single il possesso di un cane diminuisce del 33% il rischio di morte e dell’11% quello di soffrire di malattie cardiovascolari. E l’effetto risulta massimo se il cane in questione appartiene a una razza selezionata originariamente per la caccia. Per ora,si tratta di risultati che arrivano da uno studio epidemiologico, una ricerca che può identificare associazioni statistiche, ma non può chiarire la presenza di un eventuale nesso causale. Non è possibile quindi escludere la possibilità che i risultati osservati dipendano da altre variabili che lo studio non ha preso in considerazione: potrebbe darsi ad esempio che l’impegno richiesto dalla convivenza con un cane faccia sì questa scelta abbia in partenza una salute migliore; o che altre caratteristiche e stili di vita, ad esempio una dieta più sana, siano più comuni tra le persone che convivono con un cane. Diversi indizi però potrebbero aiutare a spiegare una relazione diretta tra cani e salute. Chi convive con un cane tende ad avere livelli più alti di attività fisica, e questo potrebbe spiegare i risultati osservati. Altre possibili spiegazioni riguardano le maggiori interazioni sociali, il benessere psicologico e l’affetto garantiti dalla convivenza con un cane, o persino l’influenza che potrebbe avere l’animale sul microbioma del padrone. Negli ultimi 40.000 anni, l' Homo sapiens e il Canis familiaris si sono evoluti in modo evolutivo per riempire una nicchia negli ambienti reciproci e quella relazione si è tradotta in benefici per la salute contemporanei. Attualmente, evidenzia Giovanni D'Agata, presidente dello “Sportello dei Diritti”, la presenza di un cane in casa fa presagire un cambiamento nello stile di vita in meglio ed è legata a una riduzione dei livelli di PSS.

Foto shock di un cervo preoccupano il web

credit: TPI

Le immagini choc catturate da una fotografa dilettante a Pipestone, in Minnesota, che si è imbattuta in un cervo ricoperto da escrescenze nere su tutto il corpo, stanno facendo il giro del mondo sul web. Altro non sarebbero che tumori della pelle. Julie Carrow, di professione infermiera, ogni momento libero che ha, lo dedica alla propria passione, la fotografia. Verso la fine di luglio, il 25 precisamente, è uscita a fare una passeggiata con la sua macchina fotografica. Per puro caso si è imbattuta in un cervo che l'ha subito fortemente impressionata, catturando la sua attenzione. Non sapeva che di lì a poco quelle immagini avrebbero profondamente sconvolto la sua città e, dopo poco, l’intero web. L’animale aveva il corpo completamente ricoperto di grosse escrescenze nere. I tumori gli coprivano gli occhi, la bocca, il collo, passavano per il torace e arrivavano alle zampe. L’animale, come hanno spiegato i funzionari del Minnesota, soffre di fibromatosi, ovvero tumori della pelle. All’origine della malattia c’è un virus, il papilloma, che, però, non sembra essere letale per gli animali. Quello che spiegano dal Dipartimento di risorse naturali del Minnesota è che il caso del cervo è piuttosto delicato. I fibromi sul suo corpo sono tantissimi, soprattutto quelli presenti sulla testa. Questo potrebbe essere dannoso per l’animale: il cervo potrebbe avere problemi di respirazione o difficoltà nell’alimentarsi, oltre a rischiare di perdere la vista. Nel caso specifico del cervo, quindi, la fibromatosi potrebbe essere mortale, perché di fatto espone l’animale, che, più debole degli altri, potrebbe diventare facile preda degli altri animali che vivono nel suo habitat. Tuttavia, i funzionari della fauna selvatica, evidenzia Giovanni D'Agata, presidente dello “Sportello dei Diritti”, hanno assicurato alla donna che proveranno a prendersi più cura degli animali malati, ma “in questo caso non interferiremo con la natura“.

Levrieri dopati: il dramma dalla Gran Bretagna

di REDAZIONE - Il doping non è un fenomeno per soli uomini. È noto, infatti, che anche nelle competizioni che vedono l’esibizione di animali vengano utilizzate sostanze che aumentano le perfomance o inibiscono alcune caratteristiche. Tra gli esseri del mondo animale che subiscono maggiormente queste odiose prassi non vi sono solo i cavalli, ma anche i cani, ed in particolare quelli “da corsa” che sono vittime di allevatori e scommettitori senza scrupoli. L’esempio più lampante sono i levrieri da corsa che in Gran Bretagna sono stati trovati positivi alla cocaina: un numero crescente, come riportato in un articolo pubblicato sull’autorevole quotidiano Independent. Questa droga, infatti, sarebbe in grado di rendere gli animali più reattivi e permetterebbe loro di correre più velocemente. Naturalmente ci sono effetti collaterali devastanti: tremori, attacchi d’ansia e anche infarti. Le autorità si stanno muovendo per limitare il fenomeno, affibbiando multe salate agli allevatori i cui cani vengono trovati positivi alla cocaina, ma per un levriero “dopato” scoperto ce ne sono molti altri che sfuggono ai controlli. Nel 2017 su 400mila corse effettuate in Inghilterra sono stati centinaia i casi di cani morti improvvisamente o colti da malore e successivamente soppressi. Il fenomeno è così grave che le associazioni animaliste britanniche hanno chiesto al governo di nominare un organo indipendente che controlli la salute dei cani da corsa. Un campanello d’allarme che dovrebbe riguardare tutte le competizioni in questione ed in ogni paese, per Giovanni D'Agata, presidente dello “Sportello dei Diritti”, che invita anche le nostre autorità sanitarie ad intensificare i controlli sul nostro territorio nazionale. È bene ricordare che queste prassi nel nostro Paese sono punite penalmente per la molteplice serie di reati in cui possono incappare coloro che maltrattano in questo modo gli animali che hanno in custodia.

Canili Comunali e gestione del randagismo: deregulation a Bari


di REDAZIONE - "Possiamo affermare senza timore alcuno che il Comune di Bari da circa 10 anni (o forse più) ha attivato una gestione del randagismo che pare in totale deroga a quanto disposto dalla Legge Regionale" dichiara Sabino Mangano capogruppo M5S al Comune di Bari.
"Ieri mattina" prosegue Mangano "ho effettuato un accesso agli atti presso la ripartizione Ambiente dove ho potuto constatare che il Comune di Bari, diversamente da quanto dettato dalla Legge Regionale che prevede o autonoma gestione o apposite convenzioni con le Associazioni (iscritte all'albo regionale) interessate alla cura dei cani, ha disposto tramite continue ordinanze sindacali emesse dall'ex sindaco Michele Emiliano, una gestione legata al contribuzione associativa (alla pari di associazioni che operano in settori diversi).

Questo ha comportato una gestione disorganizzata, con falle funzionali per esempio la questione del centro di costo del fitto che le associazioni che operano presso le strutture comunali si vedono scalare dagli importi consuntivi annuali senza che nessuna stipula contrattuale sia mai avvenuta tra le parti ma che avviene solo a seguito di una valutazione della Rip. Patrimonio dietro domanda della Rip. Ambiente. Il tutto "legittimato" dalle perenni ordinanze sindacali... Giova ricordare che questa "falla" ha causato anche un contenzioso perso dall'amministrazione nel momento in cui il soggetto gestore ha richiesto il totale delle spese annue ma si è visto rimborsare non il saldo effettivo ma il saldo esautorato da spese che coincidono con gli importi di affitto..

Quindi un potenziale danno erariale causato dalla inefficienza di chi ha immaginato di poter gestire, in barba a tutte le norme, la questione del randagismo e dei canili senza adempiere ai dispositivi legislativi regionali."

"Ho quindi" conclude Mangano "iscritto il tema in Commissione Trasparenza dove ho richiesto di convocare gli Assessori coinvolti (Introna per il Patrimonio e Petruzzelli per l'Ambiente) ed il Dirigente della Ripartizione Ambiente Dott.Campanaro per far luce su anni di lassismo burocratico che impatta inevitabilmente sulla gestione amministrative ma soprattutto sulla salute dei cani che, ricordo, non dovrebbero vivere uno stato di detenzione pari ad un ergastolo presso i canili, ma, tali strutture ed associazioni, dovrebbero attivarsi concretamente per spingerne l'adozione."

Sorpresa nelle acque baresi, avvistata la cubomedusa


BARI - Uno spettacolo di rara bellezza ha incantato scienziati e bagnanti baresi nel mese di agosto sulle spiagge di Molfetta e Giovinazzo. Pare, infatti, che nelle acque antistanti i due comuni del barese sia stata avvistata la curiosissima cubomedusa.
Come riportato dalla dottoressa Angela Santucci, biologa marina dell'Istituto di Scienze Marine del Cnr, l'esemplare appartiene alla specie Carybdea marsupialis e gli avvistamenti, oltre che dagli esperti, sono stati fatti anche da bagnanti del luogo, decisamente stupiti nel veder nuotare un animale sicuramente difficile da incontrare nuotando nell'Adriatico.

(photo credit: NucleoSub Molfetta)


Foggia: salva il cane finito sui binari, giovane travolta dal treno


FOGGIA - Drammatico incidente a Foggia, dove una ragazza di 28 anni è morta travolta da un convoglio sui binari della linea Termoli-San Severo. Secondo la ricostruzione degli agenti, la vittima - Dalila Iafelice, originaria di San Severo, ma residente a Foggia - stava rincorrendo il suo cane, che le era sfuggito finendo sui binari.

L'episodio è avvenuto lo scorso 9 agosto, nel tratto compreso fra Chieuti e Ripalta, e la tragedia si sarebbe consumata in pochissimi secondi, rendendo impossibile l'interveto del macchinista per evitare il fatale impatto.

Centinaia i struggenti commenti di addio che hanno invaso la bacheca Facebook di Dalila, molto nota in paese. Fra i più commoventi c'è quello della sorella Antonella, che scrive: "Ti sei portata con te il mio cuore, vita mia".

Cane dimenticato in barca nel porto di Brindisi, intervenuti vigili del fuoco


BRINDISI - È terminata con un lieto fine la sventurata vicenda di un cagnolino, che questa mattina - nonostante le alte temperature - è stato dimenticato in una barca a vela, ormeggiata nel porto di Brindisi. L'animale è fortunatamente riuscito ad attirare l'attenzione dei passanti, che hanno così potuto avvertire vigili urbani e vigili del fuoco.

Grazie all'intervento delle forze dell'ordine, il quadrupede è stato liberato e dissetato e, dopo una visita veterinaria, è stato restituito ai suoi padroni. I proprietari, una coppia di turisti francesi, si erano allontanati per recarsi in aeroporto, venendo poi trattenuti da un ritardo di qualche ora.

Castellaneta: schiuse prime uova delle tartarughine pugliesi (VIDEO)


TARANTO - Si sono finalmente schiuse le prime 16 uova custodite nel nido di tartarughe sorto sul litorale di Policoro, nei pressi del Lido "La Barchetta". I primi sedici esemplari di tartarughine Caretta Caretta, accompagnate dagli operatori WWF dell'Oasi di Policoro, sono nate durante la scorsa notte ed hanno subito raggiunto il mare. Ora, i volontari del WWF, di Greenrope e le Guardie Ecozoofile di Anpana continuano a sorvegliare e a proteggere il nido, con l'aiuto del Comune di Castellaneta, primo in Italia ad aver persino emesso un'ordinanza restrittiva a tutela di questa specie faunistica.

  

Attimi di paura in Sudafrica: studentessa attaccata da ghepardo (VIDEO)


È stato pubblicato e diffuso solo ora il video di un attacco avvenuto il 24 marzo nel parco di Emdoneni, in Sudafrica. Le immagini ritraggono gli attimi di terrore vissuti da una giovane studentessa cinese, Peggy Lio, in safari nel parco sudafricano.

Come si può vedere, l'animale si è avventato sulla donna e, nonostante l'immediato intervento del personale, non sembrava intenzionato a mollare la presa.

Svolta storica per l'Asia: Taiwan vieta carne di cani e gatti


Svolta storica per Taiwan, primo paese asiatico che ha bandito il consumo di carne di cani e gatti, modificando l'Animal protection Act. Nonostante la macellazione di questi animali fosse già vietata dal 1998, durante questi anni ha continuato ad operare un mercato clandestino dedito alla lavorazione e alla vendita di questi tagli.

Secondo la riforma legislativa, coloro che consumeranno carne di cane e di gatto saranno puniti con una multa che potrà superare i 7.600 euro. Previsti invece da 1 a 5 anni di carcere, con annessa multa fino a 61 mila euro, per coloro che macelleranno o perpetreranno atti di crudeltà nei confronti di questi animali.

Anche se Taiwan ha assunto questa importantissima decisione, nel resto dell'Asia il consumo di carne di cani e gatti continua a registrare numeri elevati. In Corea del Sud vengono uccisi due milioni di cani all'anno e nemmeno i cinesi sembrano voler rinunciare alle tradizioni. Durante il Dog Meat Festival di Yulin vengono annualmente uccisi 10 mila cani.

Brindisi: 45 enne picchia senza motivo il proprio cane


di PIERO CHIMENTI - Un brutto episodio ha provocato sdegno tra i passanti di Piazza de Summa. Un uomo di 45 anni ha picchiato il proprio cane, un meticcio, senza motivo. La violenza è stata tale da provocare la frattura di una zampina. L'episodio non è sfuggito ai presenti che hanno avvertito i vigili urbani che hanno inflitto una multa di 5 mila euro.

I vigili inoltre hanno segnalato l'episodio in procura. Attualmente il cagnolino è stato affidato alle cure ed all'affetto di una volontaria. La sua ferita non è grave, guarirà in poco tempo.

Sorpresa nel leccese, uova di tartaruga deposte sulla spiaggia delle Cesine


LECCE - Grande sorpresa nella riserva naturale del Wwf che ospita la spiaggia delle Cesine, nel Comune di Vernole. Ieri, infatti, un esemplare femmina di tartaruga Caretta Caretta ha deciso di deporre le uova nella sabbia. Il sito è sotto stretta sorveglianza da parte dello staff del Wwf, per evitare che interventi maldestri o violente mareggiate distruggano il nido.

"Dopo mesi di attenzione, di molteplici sopralluoghi per individuare interventi che salvaguardassero integrità, pulizia e che conservassero le pregiatissime caratteristiche di elevato valore naturalistico delle Cesine - è scritto in una nota - sono stati riconosciuti gli sforzi che il Wwf insieme al Comune di Vernole, al Corpo Forestale dello Stato e tanti amici delle Cesine hanno profuso in questi mesi". Infine, si legge: "non ci resta che attendere il momento in cui dai granelli di sabbia delle Cesine compariranno numerose e piccole tartarughine che partiranno per il loro lungo e avventuroso viaggio".   

Gallipoli: tartaruga marina trovata morta in spiaggia

credit: Ansa
LECCE - Rinvenuta nelle acque del Lido Zen, a Gallipoli, la carcassa di una tartaruga marina di specie protetta. Secondo i primi accertamenti condotti dagli esperti veterinari, l'esemplare sarebbe morto dopo essere inavvertitamente stata catturata all'amo di qualche pescatore.
Grazie alla segnalazione della gente che faceva il bagno, la carcassa è stata recuperata e probabilmente verrà trasferita in un Centro specializzato per ulteriori studi.

Sciame d'api spaventa il centro di Barletta


Le api hanno assediato il centro di Barletta, dove via Musti si è trasformata in un vero alveare scoperto. A pochi metri dalla scuola elementare della zona, uno sciame di api ha deciso di costruire il proprio nido su un muro, destando allarme fra passanti e residenti.

Immediato l'intervento degli uomini della polizia municipale che hanno provato a risolvere l'inaspettata colonizzazione. L'area è stata transennata e gli abitanti sono stati invitati a tenere le finestre chiuse, mentre l'apicoltore Luciano Musciagna è intervenuto per risolvere il problema.

(credit: La Repubblica - Bari)

Dall’Oriente, pulcini colorati per festeggiare la Pasqua

BARI - Allarme dall'Oriente, dove una nuova e pericolosa moda impazza in vista della Pasqua. Come mostrato in un video diffuso in Italia, riscuote sempre più successo la pratica di colorazione dei pulcini, tinti e venduti come simbolo pasquale. In una scheda di WikiHow, si legge che spesso i piccoli vengono colorati iniettando la tintura nell'uovo durante il periodo di incubazione.

Recentemente, però, a seguito dell'aumento della crescente richiesta di pulcini colorati, i processi di colorazione hanno subito notevoli cambiamenti, a danno dei piccoli. I cuccioli, infatti, vengono letteralmente immersi in una bacinella di tintura e - come fatto notare - non si tratterebbe di colorante alimentare, altrimenti l'uomo nel video non avrebbe bisogno di indossare guanti protettivi.


Cavallo fugge in strada: un morto e tre feriti


FOGGIA - Un morto e tre feriti: questo il bilancio dell'incidente stradale avvenuto tra Foggia e Manfredonia sulla statale 89. Un cavallo avrebbe improvvisamente attraversato la carreggiata, restando uccido a seguito dell'investimento da parte di due automobili.

A restare senza vita è stato Nicola Minervini, 63enne di Manfredonia che era alla guida di una Ford Fiesta. Ferite, invece, tre persone che viaggiavano a bordo dell'altra vettura che ha impattato con l'animale, una Lancia Libra. Intervenuto sul luogo carabinieri e sanitari del 118, che hanno dato il via alle indagini per comprendere da dove sia fuggito il cavallo.

Muore il cane, proprietario risarcito per danni morali


TREVISO - Il malfunzionamento di un faretto domestico acquistato in un centro commerciale del trevigiano ha provocato l'incendio in un'abitazione. Nel rogo, però, è stato trovato morto anche il cane del proprietario della casa. L'uomo e la sua compagna sono riusciti miracolosamente a salvarsi dalle fiamme, ma per l'animale non c'è stato nulla da fare. In compenso, però, il Tribunale di Treviso ha condannato la catena di distribuzione venditrice del faretto mal funzionante a risarcire il proprietario del cane di ben 120 mila euro, per danni morali ed esistenziali.

Polemica su Fb: Cruciani posta foto coniglio morto


"Un buongiorno a tutti gli animalisti che ci seguono!", questa la frase postata da Giuseppe Cruciani, giornalista di Radio 24. Pubblicando la foto di un coniglio morto, ha salutato tutti gli spettatori animalisti di "La Zanzara", suscitando non poche polemiche.

"La vita di quel coniglio vale mille volte più della tua. Ma mille volte di più" commentano gli utenti. Eppure, tra battibecchi e qualche risata, l'immagine ha quasi raggiunto un migliaio di condivisioni.

Maxi sequestro cuccioli di cane: 27 chiusi nel bagagliaio

credit: Ansa
TRIESTE - Maxi sequestro concluso dalla Guardia di Finanza quello che ha portato alla messa in salvo di 29 cuccioli di cane provenienti dall'Ungheria. Gli animali viaggiavano stipati in 27 nel bagagliaio di un'auto, mentre altri due erano chiusi in due piccoli trasportini.

I cuccioli sono stati ritrovati in stato di maltrattamento, senza cibo e molto impauriti. Inoltre, erano tutti sprovvisti della regolare documentazione, assenti i passaporti individuali e le certificazioni sanitarie. Già scattata la denuncia alla Procura per i due automobilisti, uno dei quali già con precedenti per traffico internazionale di animali da compagnia.

Seppellisce vivo il suo cane, rischia 2 anni di carcere


PARIGI - Ha provato a seppellire il suo cane ancora vivo, ma l'animale è stato salvato ed ora il responsabile rischia due anni di reclusione e una sanzione pecuniaria da 30 mila euro per violenza e crudeltà nei confronti di un animale. Il cane in questione è una femmina di dogue de Bordeux di 10 anni, affetta da artrite e trovata in grave stato di disidratazione.
"Solo la sua testa era visibile, ma era difficile individuarla a causa del terriccio che la ricopriva", spiega Pedro Dinis dalla sua pagina. L'animale è stato infatti ritrovato nella discarica di Carrieres-sur-Seine, a ovest di Parigi. È già virale la petizione online, che ha raccolto subito 135 mila firme per comminare la massima pena al proprietario.

Speciale 83ma Campionaria

Gdp Tv

150° Unità d'Italia AGRICOLTURA AGROALIMENTARE AMBIENTE Animali Annunci Approfondimento Arredamento Arte Attualità Auto e motori Avviso Pubblico Aziende Bari Bari 2014 Bari 2019 Bat Bifest 2011 Bifest 2014 Bifest 2015 Bifest 2016 Bifest 2017 Bifest 2018 Bifest 2019 Brasile2014 Brindisi Calcio Casinò Chiesa cinema Columbus Day COMMENTO Comunicati Stampa Concerti Concorsi Corsi CROCIERE CRONACA CRONACA LOCALE CULTURA DOVE SEI? Cultura e Spettacoli Design Diari da Kinshasa Dimmi come scrivi Discoteche Donna del Giorno Economia Elezioni 2011 Enogastronomia Esoterismo Estate Esteri Eventi Expo 2015 F1 Festival del cinema di Roma 2010 Festival del cinema di Roma 2011 Festival del cinema di Roma 2012 Festival del cinema di Roma 2013 Festival del cinema di Roma 2014 Festival del cinema di Roma 2015 Festival del cinema di Roma 2016 Festival di Venezia '13 Festival di Venezia '14 Festival di Venezia '15 Festival di Venezia '16 Fiera del Levante Filastrocca film Flash Foggia Food Experience Foto Frodi Fumetti Gallery Gastronomia Gdp Junior Ghost Hunters Puglia Giochi Giubileo Gossip Grafico Hot IL MIO AVVOCATO Il Principe Azzurro Immobiliare Inchiesta Intervista Intrattenimento Islam isola dei famosi 5 L'Angolo della Poesia LA CURIOSITA' LA RECENSIONE Latitudeslife LAVORO Lecce Lettera al direttore Libri Link LIVE Lotterie Matera METEO milano Miss Italia MODA Mostre Motociclismo musica Necrologi NOTIZIE DAL MONDO novità musicali Oroscopo Paranormale Perle di storia pugliese photogallery PLAY: MUSICAEDINTORNI Politica Politica locale Potenza PRIMO PIANO Protezione civile Psicologia Pubblica Amministrazione Puglia Punto e a Capo Regionali 2015 Reportage ricerca Ricette Rio 2016 Roma Russia 2018 Salute e benessere Sanità Sanremo 2015 Sanremo 2016 Sanremo 2017 Sanremo 2018 Sanremo 2019 Scheda Scienza e tecnologie Scuola Sentenze europee Sessualità Silent Key Spazio Spazio Emergenti Speciale Speciale 21 dicembre Speciale amministrative 2012 Speciale Amministrative 2014 Speciale Euro 2012 Speciale Fiera Speciale Politiche '13 Spetteguless Sport Storia Taranto Teatro Tennis Territorio TICKER Top Tra scienza e fede Trasporti Turismo Tv UE Università e formazione Us version Vacanze Viabilità Viaggi Video Videogiochi Vignetta Vino diVino Voli Web Zootecnia