Visualizzazione post con etichetta Territorio. Mostra tutti i post
Visualizzazione post con etichetta Territorio. Mostra tutti i post

lunedì, settembre 25, 2017

Ostuni, dal 27 settembre il 'Raduno Meridionale dei Bersaglieri'

OSTUNI (BR). Proseguono gli eventi nella città di Ostuni: da mercoledì 27 settembre a domenica 1 ottobre Ostuni si terrà il tanto atteso Raduno Meridionale dei Bersaglieri.

Per quel che riguarda la manifestazione, rientra negli appuntamenti inseriti nel calendario ostunese, ed anche tra gli eventi dedicati ala celebrazioni della Grande Guerra.

Questo il programma dell'evento:

GIORNO 1 (MERCOLEDI' 27.09.2017)

09:00 h.
MUSEO ARCHEOLOGICO: ARRIVO AUTORITA' CIVILI E MILITARI, ASS. COMBATTENTISTICHE E D'ARMA, RAPPR. SCOLARESCHE

09:30 h.
MUSEO ARCHEOLOGICO: BREVE CONCERTO DELLA BANDA DELLA BRIG. PINEROLO

10:00 h.
CONFERENZA SULLA 1° GUERRA MONDIALE E PRESENTAZIONE MOSTRA CON LA PARTECIPAZIONE DEL GEN. BRIG. MAURO PREZIOSO, SINDACO DI OSTUNI DOTT. GIANFRANCO COPPOLA, PROF. NICOLA NERI, DOCENTE DI STORIA PRESSO L’UNIVERSITA’ DEGLI STUDI “ALDO MORO” DI BARI

11:30 h.
INAUGURAZIONE MOSTRA STORICA "LA GRANDE GUERRA, FEDE E VALORE" EDITA DALLO STATO MAGGIORE DELL’ ESERCITO ITALIANO ED ALLESTITA DAL COMANDO MILITARE ESERCITO "PUGLIA"

GIORNO 2 (GIOVEDI' 28.09.2017)

10:30 h.
CATTEDRALE OSTUNI: ARRIVO AUTORITA' CIVILI E MILITARI, ASS. COMBATTENTISTICHE E D'ARMA, RAPPR. SCOLARESCHE E FAMIGLIE DEI CADUTI IN TEMPO DI PACE

11:00 h.
CATTEDRALE DI OSTUNI: S. MESSA UFFICIATA DA S.E.R. MONS. DOMENICO CALIANDRO ARCIVESCOVO DI BRINDISI-OSTUNI IN SUFFRAGIO DEI CADUTI IN TEMPO DI PACE

12:00 h.
PALAZZO TANZARELLA: BREVE CONCERTO DELLA FANFARA BERSAGLIERI "LA ROSA" ARCHITA FRAGAGNANO

GIORNO 3 (VENERDI' 29.09.2017)

10:00 h.
PALAZZO DI CITTA': ARRIVO AUTORITA' CIVILI E MILITARI, ASS. COMBATTENTISTICHE E D'ARMA, RAPPR. SCOLARESCHE ED INVITATI TUTTI

10:30 h.
CORTEO DA PALAZZO DI CITTA' PER VIA CAVOUR E ARRIVO MONUMENTO AI CADUTI (PIAZZA MATTEOTTI)

11:00 h.
PIAZZA MATTEOTTI (MONUMENTO AI CADUTI): ONORI AL CONFALONE COMUNE DI OSTUNI, AL MEDAGLIERE NAZIONALE DELL'ASSOCIAZIONE NAZIONALE BERSAGLIERI - ALZABANDIERA - ONORI AI CADUTI CON DEP. CORONA - INTERVENTI CELEBRATIVI

12:00 h.
PALAZZO DI CITTA', SALA CONSILIARE: CONSEGNA DEL MEDAGLIERE NAZIONALE DELL'ASS. NAZIONALE BERSAGLIERI AL SINDACO DI OSTUNI

12:30 h.
CONFERENZA STAMPA DI INIZIO RADUNO

18:30 h.
INAUGURAZIONE VIA CADUTI DI NASSIRYA

20:00 h.
TEATRO ROMA: GRAN CONCERTO A CURA DELLA FANFARA 7° REGGIMENTO BERSAGLIERI DI ALTAMURA DIRETTA DAL MARESCIALLO GIOVANNI CARROZZO (si accede per invito)

GIORNO 4 (SABATO 30.09.2017)

09:00 h.
ARRIVO FANFARE, SISTEMAZIONE NEI PUNTI DI OSPITALITA'

10:30 h.
CITTA' DI SAN MICHELE SALENTINO, CAROVIGNO E CEGLIE MESSAPICA: GIRO DELLA FANFARA NEI CENTRI STORICI PER PICCOLI CONCERTI ITINERANTI

10:30 h.
COMUNE DI OSTUNI: GIRO DELLE FANFARE PER LA CITTA' PER PICCOLI CONCERTI ITINERANTI PRESSO ISTITUTI SCOLASTICI, CASE DI RIPOSO PER ANZIANI, ISTITUTI DI ASSISTENZA PER MINORI

13:00 h.
PRANZO CREMISI PRESSO STRUTTURE CONVENZIONATE

17:30 h.
PALAZZO DI CITTA': RITROVO AUTORITA' CIVILI E MILITARI, ASSOCIAZIONI COMBATTENTISTICHE E D’ARMA ED ASSOCIAZIONI BERSAGLIERI, RAPPR. SCOLASTICHE ED INVITATI TUTTI

18:00 h.
CORTEO PER CORSO CAVOUR - VILLA COMUNALE

18:30 h.
PARCO DELLA RIMEMBRANZA: S. MESSA IN SUFFRAGIO DI TUTTI I CADUTI DELLA 1° E 2° GUERRA MONDIALE, DEI CADUTI IN TEMPO DI PACE, IN PARTICOLARE DEI CADUTI DI OSTUNI - BENEDIZIONE DEL LABARO DELLA NUOVA SEZIONE DI OSTUNI DEDICATA AL BERSAGLIERE SANTE VINCENTI E PREGHIERA DEL BERSAGLIERE - (N.B.) IN CASO DI CONDIZIONI METEOROLOGICHE AVVERSE, LA S. MESSA SARA' UFFICIATA PRESSO LA CHIESA MADONNA DEL POZZO SITA IN VIA DEGLI EMIGRANTI

19:30 h.
INAUGURAZIONE SEDE ASSOCIAZIONE BERSAGLIERI SEZ. OSTUNI

20:00 h.
CENA CREMISI

18:00 h.
CITTA' DI OSTUNI: INIZIO NOTTE CREMISI DAL TRAMONTO ALL'ALBA CON FANFARE ITINERANTI - GRUPPI FOLKLORISTICI ED ALLESTIMENTO GAZEBI IN PIAZZA ITALIA CON PRODOTTI TIPICI LOCALI DELLE REGIONI LIMISTROFE : GRAN CONCERTO DI TUTTE LE FANFARE CONVENUTE IN PIAZZA ITALIA DALLE 18:00  E DALLE 22 IN  PIAZZA LIBERTA' E CENTRO STORICO.

24:00 h.
INNO NAZIONALE A CHIUSURA CONCERTO

GIORNO 5 (DOMENICA 01.10.2017)

09:00 h.
SVEGLIA DELLA CITTA' A CURA DELLE FANFARE

09:30 h.
ZONA MERCATALE (VIA DEGLI EMIGRANTI): ARRIVO RADUNISTI

09:30 h.
PALAZZO DI CITTA': ACCOGLIENZA AUTORITA' CIVILI E MILITARI, ASSOCIAZIONI COMBATTENTISTICHE E , RAPPR. SCOLASTICHE ED INVITATI TUTTI

10:00 h.
ZONA MERCATALE (VIA DEGLI EMIGRANTI): CORTEO PER VIA DEGLI EMIGRANTI, VIA CIRIGNOLA, VIA GIOVANNI XXIII, PIAZZA ITALIA

10:15 h.
CORTEO DA PALAZZO DI CITTA' PER LE VIE: CORSO CAVOUR, PIAZZA MATTEOTTI, CORSO AYROLDI, VIA MARTIRI DI KINDU, PIAZZA CURTATONE, VIA ARMANDO DIAZ, PIAZZA ITALIA

10.45 h.
ONORI AL CONFALONE DEL COMUNE DI OSTUNI, AI CONFALONI DEI COMUNI INTERVENUTI, AL MEDAGLIERE NAZIONALE DELL'ASSOCIAZIONE BERSAGLIERI, ONORI ALLA MASSIMA AUTORITA' DELL'ASSOCIAZIONE NAZIONALE BERSAGLIERI, INTERVENTI CELEBRATIVI

11:00 h.
CORTEO DEI BERSAGLIERI PER LE VIE DELLA CITTA': VIA ARMANDO DIAZ, PIAZZA CURTATONE, CORSO UMBERTO, PIAZZA MATTEOTTI, VIA SEMERARO, CORSO VITTORIO EMANUELE, VIA TOMMASI, VIA F. VITALI, VIALE O. QUARANTA, VIA PISANELLI, CORSO MAZZINI, PIAZZA DELLA LIBERTA', CORSO CAVOUR, PIAZZA MATTEOTTI, CORSO AYROLDI, VIA GIORDANO BRUNO, VIA PEPE, VIA POMES, VIALE POLA

12:30 h.
SALUTO A PASSO DI CORSA ALLE AUTORITA' INTERVENUTE

13:30 h.
PRANZO CREMISI PRESSO HOTEL INCANTO DI OSTUNI - TEL. 0831 301781

18:30 h.
AMMAINABANDIERA

Per ulteriori informazioni consultare il sito https://radunobersaglierisuditalia.it/.

sabato, settembre 23, 2017

Oncologico Bari, di scena "Zero a zero"

BARI - La risata per mettere a tappeto il rischio della solitudine. Una combinazione vincente di umorismo e riflessione renderà più che straordinario il pomeriggio di chi è abituato a prendere schiaffi in faccia dalla vita. Per omaggiare la “Giornata regionale contro le solitudini”, istituita nel 2012 su proposta dell’associazione barese “Giraffah!” e fiore all’occhiello della sola regione Puglia, lunedì a partire dalle 18 la scrittrice, drammaturga e comica pugliese Daniela Baldassarra, spirito solare e con il vizio di ragionare su tematiche impegnate, regalerà ai pazienti dell’Oncologico il monologo brillante dal titolo “Zero a Zero”.

Perché l’ironia non conosce il graffio della solitudine, né il velo della noia. «Abbiamo scelto questo ospedale non di certo perché c’è solitudine; conosciamo il grande lavoro che il personale medico, paramedico e amministrativo già effettua positivamente e giornalmente sulla tematica delle solitudini- spiega Maria Pia Vigilante, Presidente di “Giraffah!”- Ma solo perché c’è il rischio della solitudine, qui come altrove». E allora, come scongiurare questo pericolo? «Con l’ironia- suggerisce la Baldassarra- Certo si cammina sempre sul filo sottile tra irriverenza e blasfemia, ma la risata ha il potere di aggregare le persone. E poi, la comicità si fa ascoltare persino dagli uomini che, invece, di fronte ad altri tipi di discorsi si fingono morti» continua l’artista che proprio nel “Giovanni Paolo II” ha trovato cibo per la sua battaglia di annientamento delle più svariate forme di disagio: un obiettivo contro cui, da anni, anche l’Istituto sta lanciando i propri strali.

Lo spettacolo di lunedì, presentato negli anni passati anche nelle carceri baresi e nelle scuole, segnerà uno scossone nella giornata tipo dei degenti. «La solitudine è diventata un elemento caratterizzante la nostra società; riguarda tante persone che riescono in maniera più o meno efficace a reagire, ricercando nuovi equilibri - spiega il Direttore Generale Antonio Delvino - Quando la solitudine riguarda una persona ammalata di tumore, la sofferenza raggiunge livelli intollerabili- L’Istituto Tumori di Bari si è posto sempre l’obiettivo di combattere la solitudine e ha trovato un formidabile alleato nella associazione “Giraffah!” che ha posto al centro della propria attività il contrasto di tutte le forme di solitudine e che utilizza efficacemente l’arma dell’ironia per portare a riflettere su tale devastante problematica e per stimolare in tutte le persone di buona volontà l’impegno a combattere la solitudine».

Un momento di riflessione dal forte valore simbolico in un ospedale che continua a ribollire di stimoli per i pazienti: «A quanti non avranno la possibilità di raggiungere la sala conferenze, location dello spettacolo, sarà garantita la possibilità di vedere in diretta, in tutte le stanze di degenza, la performance- assicura il dottor Attilio Guarini, Direttore del reparto di Ematologia, nonché gancio tra l’associazione e l’Istituto- Con le sole terapie, la guerra della malattia si può vincere così come si può perdere; ma c’è una battaglia che si vince sempre, ed è quella che fa leva sull’umanità, sul benessere morale dei pazienti».

Ad Ostuni la festa per i Santi Medici

OSTUNI (BR) - Si svolgeranno dal 17 settembre al 26 i festeggiamenti civili e religiosi per celebrare SS. Cosma e Damiano nella città di Ostuni. È iniziata domenica 17 settembre la novena in preparazione della solennità dei santi titolari della parrocchia Santi Medici, Cosma e Damiano. Ogni giorno della novena viene recitato il rosario alle ore 18,30, novena, e a seguire la Santa Messa.

Oltre il programma religioso, questa sera, sabato 23 settembre, si svolgerà un momento di fraternità. Ad aprire tale evento sarà la spettacolare voce di Jenny Farina, accompagnata alla chitarra da Roberto Farina. A seguire ci sarà l'esibizione alla fisarmonica di Angelo Marzio, talento ostunese di appena 9 anni che ogni giorno si allena e dedica gran parte del suo tempo alla musica.

La serata proseguirà con l’esibizione offerta dal gruppo folk “Lu Barcarulu”.

Per chi vorrà ci sarà la possibilità di degustare panzerotti, frittelle e frise e in più ci sarà anche l’estrazione dei biglietti della lotteria, il cui ricavato sarà destinato ai lavori di rifacimento del campanile della parrocchia.

La conclusione sarà martedì 26 settembre, giorno dei Santi Medici, con celebrazioni alle ore 8 e alle 10,30 con l’unzione degli infermi e in serata alle 19,30 la celebrazione eucaristica presieduta da S.E. Mons. Domenico Caliandro che chiuderà i festeggiamenti, ma che darà il via al nuovo anno pastorale.

(Valentina Milone)

venerdì, settembre 22, 2017

Esercito: cambio al comando della Brigata 'Pinerolo'


BARI – Presso la Caserma “Vitrani”, sede del Reparto Comando e Supporti Tattici della Brigata "Pinerolo”, alla presenza del Comandante del  Comando delle Forze Operative Sud, Generale di Corpo d’Armata Luigi Francesco De Leverano, e delle massime autorità civili, militari e religiose di Bari e Provincia, ha avuto luogo la cerimonia di cambio del comando della Brigata “Pinerolo” tra il Generale di Brigata Gianpaolo Mirra, cedente, ed il pari grado Francesco Bruno, subentrante.

Il Generale Mirra ha lasciato il comando della prestigiosa Unità dopo due anni di intensissima attività addestrativa ed operativa svolta sia in Patria che fuori dal territorio nazionale.

La Brigata, sotto la sua guida, è stata impegnata nel periodo maggio – dicembre 2016 in Afghanistan dove ha guidato il “Train Advise Assist Command West” (TAAC-W), il Comando NATO con base a Herat. Per l’impegno profuso in tale periodo, per gli eccellenti risultati ottenuti nel consolidare e implementare il nuovo concetto operativo, non più incentrato sulla funzione da combattimento, ma basato essenzialmente sul supporto e sull’addestramento delle Forze Armate afghane e per i successi raccolti nel campo della cooperazione civile militare il Comando Supremo delle Forze Alleate in Europa, che ha la sua sede a Shape in Belgio, ha attribuito alla Brigata “Pinerolo” l’importante onorificenza  “Allied  Command Operations Campaign Pennat”.

L’onorificenza, per la prima volta conferita a una Brigata Italiana, è stata consegnata dal Generale di Corpo d’Armata Luciano Portolano Capo di Stato Maggiore del comando NATO di Napoli (JFC).

Contestualmente la Brigata "Pinerolo” ha inviato proprie unità in altri teatri operati quali Iraq, Somalia, Libano e Lettonia ed ha proseguito l'implementazione del programma di digitalizzazione dell'Esercito che vede la grande Unità  prima Brigata dell'Esercito  ad aderire e sviluppare sul campo il progetto “Forza NEC”, un progetto ambizioso straordinariamente innovativo, che costituisce la  punta di diamante dell’intero programma di modernizzazione della componente terrestre della Difesa.

In Patria ha continuato a partecipare all’operazione “Strade Sicure” operando al fianco delle Forze dell’ordine nella lotta finalizzata alla prevenzione dei delitti di criminalità organizzata e ambientale schierando fino a 1200 militari contemporaneamente.

Nel corso degli ultimi due anni la componente genio della Brigata ha proseguito nelle attività di bonifica di residuati bellici risalenti alla 2^ Guerra Mondiale nell’area di competenza del Basso Adriatico comprendente la Puglia, la Basilicata, il Molise, la Calabria e l'Abruzzo. Il reggimento genio ha inoltre operato nell’emergenza neve in Puglia, Abruzzo e Molise intervento anche in località Rigopiano. Intenso e costante è stato l’addestramento del personale della "Pinerolo" finalizzato a garantire la piena capacità operativa ed il pronto all’impiego nei tempi e nei luoghi in cui l’Autorità di Governo decida di inviare la Grande Unità.

Il Generale Mirra lascia il comando per ricoprire un prestigioso incarico presso gli Organi Centrali in Roma.

22 settembre 1943, le truppe inglesi entrano in Bari

di NICOLA ZUCCARO - Bari, 22 settembre 1943. Dopo 13 giorni dalla sua liberazione (per mano di civili e di militari italiani, comandati dal Generale Nicola Bellomo) un contingente terrestre e di paracadutisti (quest'ultimo presso il porto), composto da soldati inglesi entra nel capoluogo pugliese.

Inizierà, insieme al successivo arrivo degli americani, la lunga permanenza delle forze divenute alleate dal 3 settembre dello stesso anno, a seguito dell'armistizio firmato a Cassibile con gli italiani e che di fatto ruppe l'alleanza militare di essi con la Germania, a partire dall'8 settembre, e documentata dall'invasione della penisola dalle divisioni corazzate tedesche.

Bari, inaugurato il cantiere per la manutenzione straordinaria dello Stadio del Nuoto


BARI - Questa mattina gli assessori ai Lavori pubblici, Giuseppe Galasso, e allo Sport, Pietro Petruzzelli, sono intervenuti alla consegna dei lavori di manutenzione straordinaria dello Stadio del Nuoto. I lavori, dell’importo complessivo di 700mila euro, prevedono lo svellimento di tutto il rivestimento interno della vasca olimpionica esterna (da 50 metri) e nel successivo ripristino del manto impermeabile con rivestimento finale in mattonelle di nuova fornitura. Tra gli interventi previsti, anche la sostituzione delle scarpe in acciaio (elementi di collegamento fra travi principali e secondarie in legno), ormai deteriorate, della copertura in legno lamellare della piscina interna (da 35 metri).

La durata complessiva degli interventi è stimata in 330 giorni consecutivi.

“Questo intervento è stato programmato in modo tale da creare meno disagi possibili ai gestori dello Stadio del Nuoto - ha dichiarato Giuseppe Galasso -. Nel periodo invernale, infatti, porteremo avanti le lavorazioni nella piscina esterna, le più importanti dell’intero intervento, che contiamo di concludere entro la fine del mese di maggio, proprio per consegnarla agli utenti per la prossima stagione estiva. Mentre, durante la prossima estate, procederemo con i lavori nella piscina interna che interessano la copertura e alcune componenti metalliche, che risultano completamente corrose. L’obiettivo è consentire la piena funzionalità della struttura entro il prossimo mese di settembre e, quindi, garantire la fruibilità dello Stadio del Nuoto a 360 gradi”.

“Il cantiere che si apre oggi è molto importante - ha concluso Pietro Petruzzelli - perché consegnerà alla città uno degli impianti sportivi più grandi e complessi completamente rinnovato. Lo Stadio del Nuoto ospita non solo discipline di base legate alle attività di nuoto, pallanuoto e nuoto sincronizza toma anche eventi sportivi di rilievo e di respiro internazionale. La nostra intenzione è quella di riqualificare al meglio le strutture sportive cittadine contemporaneamente alla realizzazione di nuovi impianti diffusi sul territorio”. 

Bari, Decaro alla cerimonia di commemorazione di Maria Maugeri a un anno dalla scomparsa

BARI - Questa mattina, nel giardino di via Papa Pio XII, il sindaco Antonio Decaro ha partecipato alla cerimonia di commemorazione di Maria Maugeri a un anno esatto dalla sua scomparsa.

L’evento,  promosso dalla Consulta per l’Ambiente del Comune di Bari, testimonia l’affetto e la gratitudine dell’amministrazione comunale e dell’intera città a Maria Maugeri, protagonista della nostra storia negli ultimi trent’anni, per il suo impegno in difesa dell’ambiente e a tutela della salute dei cittadini.

“Maria Maugeri è stata una protagonista indiscussa della lotta politica e civile contro l’amianto - ha detto Antonio Decaro - un simbolo di coraggio e di speranza per la nostra città. Se oggi la spiaggia di Torre Quetta e la ex Fibronit non ci fanno più paura è anche grazie a lei, che ha voluto affrontare le ferite ambientali di questa città scegliendo, senza dubbi, di stare sempre dalla parte dei cittadini e della loro salute. L’elenco delle tante cosa realizzate da Maria in quasi trent’anni di impegno è lungo e costellato di piccole e grandi battaglie, e con la bonifica definitiva della Fibronit porteremo a compimento una delle sue battaglie più importanti. Mi ritengo fortunato ad averla conosciuta e ad aver lavorato al suo fianco, al fianco di una donna che ha sempre incoraggiato tutti a credere che anche le idee che sembrano irrealizzabili possono diventare realtà, e che è compito delle istituzioni garantire giustizia e tutelare la salute pubblica”.

Nel corso della cerimonia è stata scoperta una targa dedicata a Maria Maugeri, insignita del premio Eternot della città di Casale Monferrato.

Questo pomeriggio, alle ore 18.00, sulla spiaggia di Torre Quetta, Maria Maugeri sarà ricordata da familiari e amici con un momento di musica e poesia, al quale parteciperanno, tra gli altri, il sindaco Antonio Decaro, il presidente della Regione Puglia Michele Emiliano, il consigliere comunale Fabio Losito e gli attori Dante Marmone e Tiziana Schiavarelli. 

Sicurezza stradale: siglata intesa tra Comune di Bari e Politecnico

BARI - Questa mattina l’assessore ai Lavori pubblici Giuseppe Galasso ha siglato, per conto del Comune di Bari, la convenzione con il Politecnico di Bari e l’Università “Aldo Moro” per il Progetto Pa.S.S.S. - Parco Scientifico della Sicurezza Stradale, che vede coinvolti il Comune di Bari (capofila), il dipartimento di Ingegneria Civile, Ambientale, del Territorio, Edile e di Chimica del Politecnico di Bari e la scuola di Medicina dell’UniBa, in qualità di partner scientifici, l’Associazione Italiana per l’Ingegneria del Traffico e dei Trasporti - AIIT, la fondazione Ciao Vinny e i consorzi di Autoscuole.

Il progetto Pa.S.S.S. è finanziato dal Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti per un importo pari a 3 milioni di euro, con un cofinanziamento del Comune di Bari pari a 2,5 milioni di euro da investire su interventi previsti in alcune zone del quartiere di Carbonara. Il finanziamento ministeriale, invece, servirà alla progettazione e alla ricerca, alla realizzazione delle opere edili e civili, all’acquisto delle attrezzature e ad attività di formazione ed sensibilizzazione del territorio.

Il progetto Pa.S.S.S., pur incentrandosi sulla sicurezza stradale in ambito urbano, racchiude più ambiti d’azione. Di seguito, un elenco delle azioni principali previste:

la sistemazione di alcune aree del Municipio IV vincolate al progetto, con la realizzazione del centro operativo, di un circuito sperimentale (da utilizzare sia per scopi scientifici che per corsi di guida sicuri) con la riqualificazione degli ambienti limitrofi (aree a verde, percorsi ciclabili, aree di sosta per visitatori);
l’acquisto di attrezzature utili a monitorare i flussi di mobilità (non solo veicolare) in ambito urbano, che si andranno ad aggiungere ai già consistenti sistemi di monitoraggio su cui il Comune ha investito negli ultimi anni;
lo sviluppo di progetti di ricerca che stabiliscano un protocollo di azione atto a ridurre l’incidentalità dei cosiddetti “punti neri” grazie alla individuazione delle più corrette contromisure ingegneristiche, con implementazioni pilota nell’ambito cittadino;
la partecipazione di tutti gli stakeholder coinvolti, tra cui la fondazione Ciao Vinny, le associazioni e i gruppi interessati alla diffusione della cultura della sicurezza stradale: sarà infatti costituita la Consulta comunale per la Sicurezza stradale, un organismo che dialogherà costantemente con il centro di governo e monitoraggio del progetto;
l’organizzazione di eventi utili a diffondere la cultura della sicurezza stradale corroborati da un costante dialogo con i media per rendere diffondere gli stati di avanzamento del progetto.

Oltre all’istituzione degli organismi individuati dal centro di governo e monitoraggio e dalla Consulta comunale per la Sicurezza stradale, il progetto prevede l’istituzione di un centro di ricerca che si occuperà della sperimentazione e del trattamento dei dati, in stretta collaborazione con la Polizia municipale, e del laboratorio di progettazione e viabilità sicurezza stradale, braccio operativo del centro di ricerca, che si occuperà di realizzare studi sul campo, rilievi, progettazione di soluzioni innovative, implementazione di casi studio e di progettare i relativi interventi per ridurre i livelli di incidentalità.

Il ruolo del dipartimento del Politecnico, nell’ambito del Pa.S.S.S., sarà quello di promuovere, verificare e attuare programmi scientifici e tecnologici d’avanguardia nell’ambito della sicurezza stradale, studiando le principali criticità in ambito urbano/metropolitano ed individuando le priorità di intervento volte a mitigare l’incidentalità stradale. In particolare, il gruppo di ricerca, coordinato dal prof. Pasquale Colonna, è da tempo coinvolto in tali tematiche e potrà supportare il progetto con il know how acquisito in ambito sia scientifico sia applicativo.

Il dipartimento di Scienze Mediche di Base, Neuroscienze ed Organi di senso dell’Università di Bari ha condotto, invece, numerosi studi sul controllo pressorio, microcircolo e perfusione celebrale e potrà apportare un contributo nell’ambito della ricerca sul comportamento alla guida. In particolare, sarà eseguito e analizzato, secondo canoni statistici, uno studio sia in ambiente standardizzato di laboratorio sia in ambienti esterni, durante la guida, dal centro di Prevenzione Celebrovascolare ed Ipertensione coordinato dal prof. Nazzaro. 

Giornate europee del patrimonio: domani 'Bari: Necóle e nuovi approdi'

BARI - Nell’ambito delle Giornate europee del patrimonio, domani, sabato 23 settembre, alle ore 9.30, presso il Palazzo Sagges, a Bari vecchia, la Soprintendenza Archivistica e Bibliografica di Puglia e Basilicata, in collaborazione con il Comune di Bari e le associazioni culturali Il Borgo delle Arti, Mondo Antico e Tempi Moderni Onlus e Le Muse, promuove una manifestazione culturale dal titolo “Bari: Necóle e nuovi approdi”.

Nel corso dell’incontro sarà proiettato il trailer della web-serie Necóle.

Programma

Saluti istituzionali
Maria Carolina Nardella - Soprintendente Archivistico Bibliografico della Puglia e della Basilicata
Maria G. D’Arcangelo - Funzionario Archivistico SAB-PUB

Giotto e San Nicola
Giuseppe Cascella - presidente Commissione Culture Comune di Bari

Le due Bari P.P. Pasolini
Pino Cacace - presidente Il Borgo delle Arti

Necóle trailer web-serie
Ivan Cacace – regista

Suggestioni sulla città
Prof. Nicola Cutino - presidente Mondo Antico Tempi Moderni Onlus

Tra versi e canzoni popolari
Ciro Neglia, Nicla Castrovilli, Pino Cacace, Cosimo Ventrella e Marco Cannarella

giovedì, settembre 21, 2017

Bari, auditorium 'Nino Rota': riapertura con qualche perplessità

di NICOLA ZUCCARO - Una vittoria della squadra Stato che attraverso alcuni dei suoi organismi (in particolare Asl e Vigili del Fuoco) ha consentito con un lavoro sinergico di accorciare i lunghi tempi imposti dalla burocrazia. E' la chiosa con la quale il Sindaco di Bari e della Città metropolitana, Antonio Decaro, ha salutato la riapertura - dopo 26 anni - dell'Auditorium "Nino Rota" . Alla vigilia di questo evento, che segna anche l'inizio della restituzione al capoluogo pugliese di altri contenitori culturali, puntuali sono stati i chiarimenti dell'Avv.Marida Dentamaro.

La presidentessa del Conservatorio 'Piccinni', e dalla quale dipende la struttura sotto il profilo didattico-artistico, sarà utilizzata anche per finalità istituzionali, in base ad una convenzione precedentemente stabilita con l'Agenzia del Demanio.

La struttura composta da 2 sale (una grande contenente 719 posti e una piccola con altrettanti 136) sarà ufficialmente riaperta alle 19.30 di domani, venerdì 22 settembre 2017, con una cerimonia strettamente riservata agli esponenti istituzionali e che per i criteri d'invito poco chiari ha suscitato qualche perplessità nella stampa locale, nel corso della conferenza stampa di presentazione dell'evento, tenutasi nella mattinata odierna presso la Sala Giunta di Palazzo di Città.

Bari, domani i festeggiamenti per San Pio da Pietralcina

BARI - Si svolgeranno domani, venerdì 22 settembre, nella parrocchia Immacolata dei frati Cappuccini di Bari, i festeggiamenti religiosi in onore di San Pio da Pietralcina.

Per consentire il regolare svolgimento della manifestazione, con apposita ordinanza di Polizia sono state disposte le seguenti limitazioni al traffico:

Il 22 settembre 2017:
·        dalle ore 15.00 alle ore 22.00 e, comunque, fino al termine delle esigenze, è istituito il “DIVIETO DI SOSTA - ZONA RIMOZIONE” in via Abbrescia, tratto compreso tra largo Adua e via Imbriani;
·        dalle ore 17.00 alle ore 22.00 e, comunque, fino al termine delle esigenze, è istituito il “DIVIETO DI TRANSITO” in via Abbrescia, tratto compreso tra largo Adua e via Imbriani.

Settimana Europea della Mobilità Sostenibile: anche a Lecce tutti al lavoro in bicicletta

LECCE - Al lavoro in bicicletta: sarà questa la nuova sperimentazione in cui si cimenterà la città di Lecce nell'ambito della Settimana Europea della Mobilità Sostenibile.

Domani, venerdì 22 settembre, il "Bike to work" coinvolgerà dipendenti di aziende, liberi professionisti e dipendenti comunali che decideranno singolarmente o in gruppo di raggiungere il proprio posto di lavoro pedalando.

Due i punti informativi, coordinati dalle associazioni "Avvocati in Bicicletta" e "FIAB Cicloamici Lecce", per ottenere informazioni sulla mobilità casa-lavoro e per promuovere l'uso della bicicletta come mezzo di trasporto per raggiungere il posto di lavoro.

L'Associazione "Avvocati in Bicicletta" allestirà il proprio banchetto informativo presso il tribunale di Via Brenta dalle ore 8,30 alle ore 11,00. In occasione dell'iniziativa, l'Associazione avvierà una raccolta firme per l'istituzione di una zona a traffico limitato dalle ore 8.00 alle 14.00 in Via Brenta e offrirà un ticket-colazione a tutti coloro (avvocati, magistrati, dipendenti del Ministero della giustizia, periti) che si recheranno presso gli uffici giudiziari in bicicletta.

Attivo dalle ore 8,00 in Piazza Sant'Oronzo il punto informativo coordinato dall'Associazione "FIAB Cicloamici Lecce" che incoraggerà i dipendenti comunali ad utilizzare una forma più sostenibile di pendolarismo nel tragitto casa-lavoro, fornendo loro tutte le informazioni utili. L'Associazione distribuirà inoltre dei gadget e un ticket-colazione a tutti i dipendenti comunali che si recheranno a Palazzo Carafa in bici.

Sul blog biketoworklecce.wordpress.com è possibile creare delle squadre di alunni o di colleghi di lavoro e competere sul numero di chilometri percorsi per raggiungere la scuola o il lavoro durante la settimana della mobilità.

mercoledì, settembre 20, 2017

'Non solo al sisma la responsabilità dei crolli', al via a Bari il 4° Convegno Nazionale – SI&A 2017

BARI - Si svolgerà lunedì 4 dicembre, a Bari, presso il The Nicolaus Hotel (Sheraton), il 4° Convegno Nazionale – SI&A 2017 della Scuola Ingegneria & Architettura.

Il titolo: “Non solo al sisma la responsabilità dei crolli”, è emblematico del tema. A crollare sono sempre edifici particolarmente vulnerabili, incapaci di resistere all’azione del sisma, e spesso persino alle normali azioni gravitazionali.

(a sx) Prof.Vitone e (a dx) Ing.Lorusso
Si deve mettere in campo una strategia di indagini che, pur estese all’intero patrimonio edilizio del nostro Paese, sono tuttavia sostenibili se mirate alla ricerca di quelle situazioni così gravi, e talvolta insanabili, che preludono ai crolli. A tal fine sono indispensabili una adeguata formazione professionale e una specifica normativa tecnica.

Aggiornamenti sull’evento saranno diffusi nel corso di queste settimane attraverso i canali informativi di SI&A, quali il sito internet www.siea.eu e i profili social della stessa Scuola (Facebook, Linkedin e Instagram)

Bari, Municipio V intitola una strada e un giardino di Palese a Vito Vasile e Stefano Fumarulo

BARI - Questa mattina il consiglio municipale del Municipio V ha deliberato l’intitolazione di una strada e di un giardino del territorio di Palese, ancora privi di denominazione, rispettivamente a Vito Vasile, imprenditore deceduto un anno fa, e a Stefano Fumarulo, giovane dirigente della Regione Puglia prematuramente scomparso lo scorso 12 aprile.

La strada si trova a ridosso dell’hotel “Parco dei Principi” ed è individuabile fra la strada provinciale 156 Bitonto-Palese aeroporto e via Ermanno Pirè, mentre il giardino è uno spazio pubblico che si estende dalla stessa struttura ricettiva al parco naturale di Lama Balice.

“Abbiamo voluto rendere omaggio a due cittadini che hanno contribuito, in modo differenti, alla crescita del nostro territorio - ha dichiarato il presidente Giovanni Moretti -. Vito Vasile è stato un grande imprenditore, un uomo lungimirante estremamente legato alla sua terra. Negli anni è stato tra i protagonisti dello sviluppo di Palese e Santo Spirito, dando vita alla più grande realtà imprenditoriale della zona e creando possibilità concrete per tanti residenti che con lui sono cresciuti sotto il profilo professionale e umano. Per quanto riguarda Stefano Fumarulo, io, come tanti altri residenti, ho avuto il piacere e l’onore di conoscerlo prima come responsabile dell’Agenzia per la lotta non repressiva alla criminalità organizzata del Comune di Bari e poi nelle vesti di dirigente regionale della sezione Sicurezza del cittadino, Politiche per le migrazioni e Antimafia sociale. Un giovane amministratore capace e impegnato da sempre nel campo della sicurezza dei cittadini e della tutela del bene comune, la cui scomparsa ha lasciato un vuoto incolmabile. Ringrazio Antonio Vasile che ci ha aiutato a individuare le due aree e che, assieme alla sua famiglia, si occuperà della manutenzione del giardino”.

Trani, la cena delle beffe con Toti e Tata

TRANI - Giovedì 21 settembre si rinnova l’appuntamento con la cena delle beffe, presso il ristorante Le Lampare al Fortino di Trani. Ospiti della serata la coppia Emilio Solfrizzi e Antonio Stornaiolo alias “Toti e Tata” che porteranno in scena lo spettacolo live “Il cotto e il crudo”.

Emilio Solfrizzi, barese, e Antonio Stornaiolo, napoletano, avviano il loro sodalizio artistico a Bari nel lontano 1985, dando vita al duo comico Toti e Tata, che in realtà è un trio, comprendendo anche l’autore dei testi Gennaro Nunziante, regista dei film di Checco Zalone.
Passano con successo dal teatro cabarettistico alla televisione e alla radio assurgendo in brevissimo tempo a beniamini irresistibili di un folto pubblico di telespettatori.

Grazie all’eccezionale successo, propongono ed esportano un modello di comicità “made in Puglia” , più vicina alla satira che al vernacolo e all’intrattenimento fine a se stesso. Con le affilate armi dell’ironia e della leggerezza, attraverso pensieri laterali, dialoghi serrati, poesie demenziali, fraseggi comici, esilaranti calembour, lo spettacolo propone  la reunion in scena di una coppia storica della comicità pugliese.

Dopo gli iniziali convenevoli e cerimonie, tra Emilio ed Antonio, scoppia un conflitto senza precedenti che nel giro di un quarto d’ora li porta inesorabilmente “al chi sono io ed al chi sei tu”. Niente e nessuno potrà fermare la “resa dei conti” tra i due, mentre parleranno di crisi economica, di politica, di energie alternative, di ricordi d’infanzia, di poesia e di metalinguistica.
A beneficiarne sarà il Pubblico che, tra una lite e l’altra, riderà a crepapelle.

Inizio cena ore 20,30
Inizio spettacolo ore 22,00
Prenotazioni  0883.480308

martedì, settembre 19, 2017

Torna a Bari 'Distinguished Gentleman's Ride', la festa che unisce la passione per le moto alla solidarietà

BARI - È stata presentata questa mattina, a Palazzo di Città, alla presenza dell’assessore allo Sport Pietro Petruzzelli e della presidente del Municipio I Micaela Paparella, l’edizione 2017 del Distinguished Gentleman’s Ride, l’evento motociclistico di beneficenza organizzato dal Moto club Bari 1976 e da Motorecyclos in collaborazione con la Fondazione November.

La manifestazione si svolgerà a Bari domenica 24 settembre con l’obiettivo di promuovere la raccolta fondi per la ricerca sul cancro alla prostata e sulla salute mentale degli uomini.

All’incontro con la stampa hanno partecipato Franco Di Terlizzi (noto come Franky RockerS) e Michele Loiacono del Moto club Bari.

Il Distinguished Gentleman’s Ride è un movimento fondato a Sidney, in Australia, da Mark Hawwa che si ispirò a una foto che ritraeva Don Draper, protagonista di “Mad Men”, a cavallo di una moto classica con addosso il suo abito migliore. Così, domenica mattina gentiluomini e gentildonne “cavalcheranno” motociclette, classiche e d’epoca, di svariati modelli - Cafe’ Racer, Bobber, Classic, Tracker, Scrambler, Old School Chopper, Modern Classic, Sidecar, Classic Scooter, Brat Styled - per combattere lo stereotipo, spesso negativo, legato a motociclisti poco eleganti e, allo stesso tempo, connettere tra loro le comunità motociclistiche esclusive.

L’anno scorso l’iniziativa, a livello mondiale, ha visto la partecipazione di oltre 56.000 “distinti signori” in più di 500 città. Per quest’edizione si prevedono oltre 70.000 partecipanti, con l’obiettivo di raccogliere 5 milioni di dollari.

“Da tre anni - ha detto l’assessore Petruzzelli - l’amministrazione collabora con gli amici del Moto Club per la realizzazione di questa simpatica ma anche utilissima iniziativa: si tratta anzitutto di una raccolta fondi per la solidarietà e la ricerca scientifica. Però, a questo aspetto, si unisce perfettamente il momento ludico e spettacolare, l’amore per le due ruote, la condivisione e la convivialità tra chi si sente unito dalla stessa passione. Un modo anche per sfatare il pregiudizio che vede i centauri, uomini e donne, avere un approccio alla vita per così dire ‘spartano’, poco elegante”.

“Questo evento - ha spiegato Franco Di Terlizzi - rappresenta una pagina di storia del movimento motociclistico nel nostro territorio. L’aver unito divertimento e solidarietà ha reso la partecipazione ‘contagiosa’ a livello globale, con cifre che nel corso delle varie edizioni sono lievitate in modo esponenziale: si è passati dai 246 mila dollari raccolti in tutto il pianeta nel 2013 agli oltre quattro milioni dell’anno scorso, con un aumento dei partecipanti che, dagli 11mila di quattro anni fa, saranno quasi certamente 70 mila quest’anno. Insieme sfileranno sulle strade di oltre 600 città. Noi abbiamo ricevuto adesioni da tutta la Puglia, ma anche da Basilicata, Campania e Calabria. L’abbigliamento dei motociclisti dovrà essere elegante, ma sono consentite varianti di ogni tipo su gilè, panciotti, cravatte. Voglio anche sottolineare che tutto questo non si sarebbe potuto realizzare senza la sensibilità dimostrata dall’amministrazione cittadina”.

Michele Loiacono ha ricordato che “il Moto Club ha sempre aderito con entusiasmo al DGR, condividendone in pieno i nobili propositi: la solidarietà anzitutto, ma anche il rispetto delle regole della strada”, mentre Micaela Paparella ha sottolineato “il carattere davvero internazionale espresso dall’iniziativa, che rende il Municipio teatro felice di un evento talmente affascinante da assomigliare molto ad un set cinematografico”.

L’appuntamento è domenica alle ore 09.30, in piazza Prefettura: la partenza del corteo è prevista alle 10,45, poi la parata per le vie centrali di Bari con arrivo alle 11,30 in largo Adua per i festeggiamenti con i partecipanti.

All’arrivo, spazio all’intrattenimento assicurato da una band musicale che eseguirà pezzi rockabilly, charleston e swing, dall’esposizione di modelli di motociclette e dalla presenza di un barbiere a disposizione dei partecipanti.

Giovedì 21 settembre, alle ore 21, si terrà anche un ‘briefing’ introduttivo, una festa serale presso il KGB Bari, in via Cognetti 40, nel corso della quale si potranno eseguire donazioni online. Vi sarà anche un medico specialista in urologia, che sarà a disposizione di chi volesse informazioni e chiarimenti medici.

Per partecipare al raduno ed eseguire la donazione (minimo 2 euro), occorre registrarsi gratuitamente al sito https://www.gentlemansride.com/.

Bari, al via i lavori di sistemazione dell'area di parcheggio tra via Pitagora e via Peucetia a Japigia

BARI - Inizieranno domani i lavori per la posa dello stabilizzato inerte, meglio noto come breccione, che sarà sistemato sull’area di parcheggio tra via Pitagora e via Peucetia, a Japigia, in adiacenza alle case ex Iacp oggi ARCA Puglia.

“Nei prossimi dieci giorni eseguiremo l’intervento annunciato su quell’area - precisa l’assessore ai Lavori pubblici Giuseppe Galasso - che, oltre ad eliminare i fastidiosissimi disagi legati alla formazione di pozzanghere quando piove, vedrà anche la realizzazione di un ingresso e un’uscita nuovi così da facilitare i movimenti delle autovetture all’interno del parcheggio, diversamente da quanto accade oggi. Entro fine anno, invece, utilizzando altre economie rivenienti dall’appalto per la manutenzione straordinaria per il Municipio I, contiamo di completare l’opera realizzando anche delle strisce di asfalto in corrispondenza dei tratti in cui le auto potranno circolare, mentre lasceremo il breccione sulle aree di sosta, sul modello del park&ride di corso Vittorio Veneto lato terra. Si tratta di un piccolo intervento, necessario però per garantire migliori condizioni complessive di fruizione di quest’area, molto utilizzata sia dai clienti del mercato di via Pitagora sia dagli stessi residenti”. 

Genitori tarantini scrivono a Mattarella, "Folle circo ipocrisia ormai lontano da Taranto"

TARANTO - Riceviamo e pubblichiamo la nuova lettera dei 'Genitori tarantini' indirizzata al Presidente della Repubblica Mattarella.

Il folle circo dell’ipocrisia è ormai lontano da Taranto, il presidente è tornato a Roma per dormire tranquillamente nel letto del suo palazzo e la Rai ha spento nuovamente i riflettori su Taranto, tirando, immaginiamo, un gran sospiro di sollievo.
E’ davvero duro accettare che il Capo della Repubblica democratica italiana arrivi a Taranto non con la tranquillità di camminare sul suolo che lui stesso rappresenta, ma scortato e protetto come il presidente di uno Stato estero. Mai visto un numero così incredibile di poliziotti, carabinieri, finanzieri, vigili urbani, agenti della Digos e dei Servizi segreti tutti insieme (compresi quelli armati che osservavano dai lastrici solari dei palazzi intorno alla scuola Falcone e quelli in borghese che passeggiavano tra i cittadini costretti dietro le transenne, registrando volti e comportamenti nel proprio cervello).
Sarà stato emozionante per i giovani studenti provenienti da tutt’Italia; un po’ meno per i loro accompagnatori che, vogliamo sperare, qualche domanda se la saranno fatta.
Guardando verso l’Ilva, il gran protettorato dello Stato, i nostri ospiti porteranno negli occhi e nei cuori l’immagine di un cielo così terso sotto lo splendente sole che tutte le immagini viste prima e che vedranno in futuro verranno considerate montaggi fotografici. Arriva il Presidente e Ilva ed Eni gli regalano un giorno di fermo della produzione, come nel medioevo i contadini onoravano i regnanti con ceste di prodotti della terra. A mente fredda, è stato proprio questo il più grande schiaffo, la più grande offesa che si potesse fare alla comunità tarantina. Da oggi, proprio come l’altro ieri, i bambini di Taranto torneranno nelle scuole sotto l’infernale cappa che ben conoscono e che i loro coetanei delle altre regioni non potranno raccontare. Ieri si poteva respirare, da oggi si torna alla “normalità” fatta di problemi all’apparato cardiovascolare e a quello respiratorio, fatta di wind days, fatta di “il lavoro debilita anche chi non ce l’ha”, “il lavoro nobilita, ma qui uccide pure”, “qui, anche il disoccupato ha lo stesso dovere di morire che ha un lavoratore”.
“Lasciate che i bambini, ben selezionati, vengano a me.” Poi, il discorso, ben limato dagli scribacchini del Quirinale, soppesato, parola per parola, per dargli l’effetto voluto: il papà che parla ai figli di istruzione e cultura. “A scuola si disegna il futuro. E’ questa l’essenza del mondo della scuola.” E ancora: “Cari ragazzi, si dice sovente, con una frase che è divenuta uno slogan, che il futuro vi appartiene, ma il futuro comincia in ogni momento. Lo costruite da oggi, giorno per giorno, con impegno, anche con fatica.” Un discorso preciso, diretto, fino ad una certa frase, posta a mo’ di domanda retorica che qui riportiamo integralmente: “Chi tra di voi assisterebbe alla distruzione di ciò con cui gioca, del tavolo dove mangia, del letto dove dorme senza provare un senso di ribellione, di sconforto, di delusione, di dispiacere? Quella distruzione rappresenterebbe una ferita, una violenza alla vostra vita di tutti i giorni.”
Sì, Presidente, ha ragione. Provi adesso a pensare quali sentimenti possono muovere chi assiste alla distruzione di un territorio straordinariamente bello, alla distruzione di vite, comprese quelle di bambini così piccoli da non sapere che esiste un tavolo dove mangiare, bambini così piccoli da non arrivare a conoscere neppure la sala giochi di un asilo nido, di bambini cui viene negato quel diritto alla vita e all’istruzione che lei ha voluto ricordare nel suo illuminato discorso. Provi a pensare a quanto dolore alberga in chi resta a piangere i propri morti, alle lacrime che accompagnano la malattia fino all’unica fine possibile.
Lei è venuto a Taranto e poi è tornato a Roma, scortato fino all’aeroporto di Grottaglie come un importante ospite straniero, così lontano dai tempi in cui il Presidente Pertini camminava tra la gente, seppure in situazioni molto più difficili di queste, come una figura istituzionale dovrebbe fare in uno stato democratico.
Della sua visita ci resterà soltanto il ricordo di aver visto per una volta il cielo limpido sull’Ilva, il suo protettorato, e di aver respirato finalmente aria pulita. O almeno questa è stata l’impressione.
E ci resterà per sempre la sensazione che, attraverso i tagli della censura, l’unica canzone che parla di una Taranto libera si sia trasformata, come nei tempi bui dell’Italia, in una canzonetta di regime, svuotandola del valore simbolico che aveva assunto per noi tarantini, con buona pace per la sua stessa affermazione: “A scuola si prepara il domani della nostra civiltà, della nostra democrazia.”
E’ venuto per onorare una scuola spesso vittima di atti di vandalismo in un città vandalizzata con il consenso dello Stato.
Dorma pure tranquillo nel suo letto, Presidente. A noi tarantini, questa tranquillità non è concessa. Dovremmo, come dice lei, provare un senso di ribellione, ma anche questo, a ben vedere, non ci è concesso.

Terlizzi, il viceministro all'Interno Bubbico incontra gli ambulanti

TERLIZZI - Sicurezza nei mercati, contraffazione, lotta all’abusivismo commerciale, racket ed estorsioni, sicurezze sulle strade e nelle città, antiterrorismo: un fitto calendario di argomentazioni quello che il Viceministro all’Interno Filippo Bubbico si appresta ad affrontare nell’incontro con il Comitato CasAmbulanti che si terrà venerdì 29 settembre 2017, alle ore 15,30, presso il comune di Terlizzi.

Un incontro singolare nel suo genere in quanto per la prima volta un Viceministro all’Interno incontra la categoria degli ambulanti per parlare di tematiche così delicate e quanto mai attuali.
Ad organizzare l’incontro la FAI Antiracket Puglia e UNIMPRESA – Unione Nazionale di Imprese.

L’incontro con il Viceministro è maturato dopo quello tenutosi nei giorni scorsi presso la sede dell’Associazione Antiracket Antimafia, a Molfetta, nel corso della quale una nutrita delegazione di CasAmbulanti Italia, guidata dal presidente nazionale Donato Gala, dai presidenti delle Delegazioni di Bisceglie, Vincenzo Todisco e di Francavilla Fontana, Salvatore Martina, ha incontrato il Presidente dell’Antiracket, Renato De Scisciolo e di UNIBAT, Savino Montaruli.

Dall’incontro, ritenuto da De Scisciolo e Montaruli estremamente interessante, è nata immediatamente la disponibilità del Viceministro ad incontrare, a Terlizzi, i soci CasAmbulanti per la trattazione dei temi all’ordine del giorno.

L’incontro è aperto a tutti gli operatori, agli organi di informazione, agli imprenditori e alla cittadinanza tutta.

lunedì, settembre 18, 2017

Le Pro Loco alla Fiera del Levante, La Spina (Unpli): "Siamo l’associazione più presente sul territorio nazionale"


di FRANCESCO BRESCIA - Una giornata dedicata al servizio civile visto come opportunità, di crescita personale e professionale, dedicata alle volontarie e ai volontari del servizio civile delle Pro Loco quella che si è tenuta sabato 16 settembre all’81^ Fiera del Levante di Bari. Il presidente delle Pro Loco pugliesi Rocco Lauciello ha inteso organizzare una giornata di formazione, informazione e scambio insieme ai 119 volontari di Puglia impegnati nelle 43 sedi regionali, ai presidenti Pro Loco, ai capi delegazione delle aree territoriali, alle istituzioni regionali e, soprattutto, alla presenza del presidente nazionale dell’Unpli Nino La Spina.

Sono intervenuti anche la responsabile Scn Unpli Bernardina Tavella, la segretaria del consiglio regionale della Puglia Mimma Gattulli, il dirigente Unpli Puglia Angelo Lazzari, nonché ex presidente Unpli Puglia, il responsabile dei progetti Scn Unpli Puglia Vito Antonio Galasso.
“E’ importante che, col nostro operato quotidiano e costante, facciamo ben capire alle istituzioni quanto possono contare sulle Pro Loco, sulla loro professionalità, sulla loro conoscenza del territorio e sul loro entusiasmo”, ha spiegato Lauciello nel corso della conferenza, “Recuperare tradizioni, promuovere i diversi territori di Puglia, cooperare per crescere. Occorre continuare su questa strada per raggiungere buoni risultati”.

Motivante e appassionato l’intervento di Bernardina Tavella ai volontari Scn: “Rappresentate non soltanto le vostre comunità, la Pro Loco in cui lavorate: voi rappresentate lo Stato e siete chiamati a difenderlo e tutelarlo”.

“Non ci piacciono le cose semplici, noi affrontiamo sempre sfide difficili e la maggior parte delle volte le vinciamo”, ha sottolineato il presidente Unpli Nino La Spina, “Abbiamo numerosi progetti in cantiere, come il Rupi (registro unico del patrimonio immateriale), ma soltanto uniti, puntando tutti allo stesso obiettivo, potremo creare qualcosa di incredibile, di qualitativamente valido, come sappiamo fare noi. Siamo l’associazione più presente e più operativa d’Italia con circa 6300 Pro Loco in tutta Italia e migliaia di eventi organizzati ogni anno con un indotto turistico-economico importantissimo. Le istituzioni ascoltino le nostre voci”.

Ufficio Stampa Unpli Puglia - 3404948467